UNA COSA HO CHIESTO…

Devi aggiungere un widget, una riga o un layout precostruito per poter vedere qualcosa qui. :)

di Agostino Masdea  –  Una cosa ho chiesto al Signore, e quella ricerco: abitare nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita, per contemplare la bellezza del Signore, e meditare nel suo tempio”. Salmo 27:4

In questo salmo Davide esprime un desiderio, e lo fa pregando il Signore. La richiesta è: “dimorare nella casa del Signore”. Dal modo in cui si esprime sembrerebbe che questa sia l’unica cosa che egli voglia veramente, più di ogni altra. Nella sua vita avrà pregato innumerevoli volte e per le cose più diverse, ma ora sembra concentrato su una sola richiesta. E il motivo di questa preghiera è duplice: contemplare la bellezza del Signore e ammirare la Sua casa, il tempio.

Se tu dovessi scrivere un salmo, o chiedere una sola cosa al Signore oggi, cosa chiederesti? Certo, la casa di Dio è molto più che un edificio, ma questo non giustifica coloro che con sorprendente facilità trascurano quella che lo scrittore dell’epistola agli Ebrei definisce “comune adunanza”. “…non abbandonando la nostra comune adunanza come alcuni sono soliti fare, ma esortandoci a vicenda; tanto più che vedete avvicinarsi il giorno. Ebrei 10:25 

Anche perché sempre in un salmo di Davide, il 22, scopriamo che Dio dimora in mezzo alle lodi del Suo popolo e in un altro ancora che è una cosa buona e piacevole stare insieme ai fratelli. Non penso sia troppo audace immaginare che ancora oggi, sulla terra, Dio dimori nel cuore dell’individuo così come nella comunità riunita insieme per offrire a Lui un culto di adorazione.

È una cosa stupenda vivere in comunione con Dio! Paolo afferma che il credente diventa “il tempio di Dio” e che lo Spirito Santo dimora in questo tempio… che siamo noi. Signore, una sola cosa desidero con tutto il mio cuore: “Chi ho io in cielo fuori di te? E sulla terra non desidero che te… ed il mio bene è stare unito a Dio”.  Salmo 73:25;28