COME FAREMO?

di Agostino Masdea – Nella predicazione di domenica scorsa, ricordavo un episodio della vita del profeta Eliseo, quando il re siriano mandò in Samaria “cavalli, carri e numerosi soldati” con il compito di catturare e legare il profeta. Il servo di Eliseo, alzatosi al mattino molto presto, vide tutta quella gente armata accerchiare la citta e comprese il grande pericolo che li minacciava. In preda al panico, tornò da Eliseo e fece questa domanda: “Come faremo?” Fin da giovane, la risposta di Eliseo è stata sempre incoraggiante per me nelle situazioni difficili. “Non temere, perché quelli che sono con noi sono più numerosi di quelli che sono con loro”. E pregò che anche il servo vedesse. E vide: “il monte pieno di cavalli e di carri di fuoco intorno a Eliseo”. Erano gli angeli di Dio! Dio è sempre vicino a noi.

Ricordavo anche che quei soldati siriani sono figura del nemico della nostra anima, che viene contro di noi con lo stesso intento: catturarci e legarci. Le sue corde sono: paura, scoraggiamento, tristezza e sconforto. Da quando nei primi mesi del 2020 è scoppiata questa pandemia, il mondo vive nella paura. I telegiornali e la tv la alimentano quotidianamente con notizie sempre più preoccupanti. Forse dovremmo spegnerla e concentrarci su altro.

Gesù ammaestra i suoi discepoli chiedendo loro di fidarsi di Dio e smettere di preoccuparsi. “E chi di voi può con la sua preoccupazione aggiungere un’ora sola alla durata della sua vita”? Luca 12:25.  Li invita quindi a cercare piuttosto il Regno di Dio. Perciò, facciamoci coraggio! “Dio non ci ha dato uno spirito di paura, ma di forza…”. Dio è Colui che scrive la nostra storia! Anche in questi tempi difficili troviamo forza nella Sua Parola, preghiamo per avere pace e confidiamo nel nostro Dio. Egli è fedele e buono.