DIREZIONE SBAGLIATA

di Agostino Masdea –  “Alzati, va’ a Ninive, la gran città, e proclama contro di lei che la loro malvagità è salita fino a me”. Giona 1:2
Il libro di Giona non è un libro di favole per bambini, ma una fonte di insegnamenti spirituali per i credenti di ogni generazione. Ci insegna molto sulla sovranità di Dio, sulla fragilità dell’uomo e sulla pazienza, compassione e amore di Dio nei nostri confronti. Ci insegna anche come la grazia e la misericordia di Dio trionfano sul giudizio.

Il punto più difficile che molti hanno difficoltà ad accettare è proprio il primo. La sovranità di Dio.  Perché spesso la volontà dell’uomo va nella direzione opposta rispetto a quella di Dio. Dio potrebbe scegliere di forzare la mano e in alcuni casi lo ha fatto, ma in generale Dio lascia fare l’uomo e non impone per forza la Sua volontà. Naturalmente le conseguenze sono differenti per chi sceglie di fare la volontà di Dio, oppure prendere, come fece Giona, una nave che va nella direzione opposta.

Giona si alzò… ma andò nella direzione sbagliata. Si imbarcò su una nave diretta a Tarsis… molto più lontana da Ninive. Egli voleva solo sottrarsi alla volontà di Dio. Odiava solo il pensiero di andare a predicare a quei miserabili niniviti. Voleva allontanarsi più possibile, in un luogo dove Dio non potesse raggiungerlo, o così almeno pensava.

Una terribile tempesta si abbatte su quella nave. Il Signore che calma le tempeste, è lo stesso Signore che può suscitarle. Giona si fa gettare in mare, e pensa che ormai la sua fine è giunta. Ma la misericordia di Dio trionfa sempre, e Dio lo salva e gli concede un’altra possibilità. Poteva Giona risparmiarsi quella terribile avventura? Certo, se solo avesse scelto di ubbidire a Dio! È estremamente pericoloso allontanarsi dal Signore!  

 151 total views,  1 views today

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: