GEORGE VERWER: UNA GRANDE IMMAGINE