Una Promessa per te: “TI PRESERVERÒ DA OGNI CADUTA FINO A QUANDO SARAI FELICEMENTE NELLA MIA PRESENZA.”

“Or a colui che può salvaguardarvi da ogni caduta e farvi comparire davanti alla sua gloria irreprensibili e con grande gioia, all’unico Dio sapiente, il nostro Salvatore, sia gloria, grandezza, dominio e potestà, da ora e per tutte le età. Amen.  (Giuda 24-25)

Un giorno, ognuno che ha invocato il nome del Signore starà davanti alla Sua presenza. La promessa di oggi ci incoraggia che in quel giorno glorioso non avremo nulla da temere. Gesù Cristo, nostro Salvatore, nostro Signore e nostro Fratello, ci presenterà al Padre purificati e irreprensibili. La Bibbia dice che Gesù “ci porterà con gioia nella sua gloriosa presenza senza un minimo difetto.”

Mi piace l’idea che quando Gesù ci presenta al Padre, lo farà con gioia esultante! La versione amplificata della Bibbia descrive la scena come … trionfante gioia ed esultanza. Sarà assolutamente entusiasta il cuore di Gesù nel presentarci irreprensibili davanti a Padre Suo nel giorno in cui lo vedremo faccia a faccia!

Non abbiamo nulla da temere per il nostro futuro. Gesù ha promesso che sarà fedele nell’impedirci di cadere e, un giorno, ci presenterà completamente irreprensibili davanti al Padre suo (e Padre nostro) con gioia indescrivibile e trionfante! Alleluia!!!

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Comunione con Lui
    In Devotional
    di C.H. Spurgeon  –  Se diciamo di avere comunione con lui e camminiamo nelle tenebre, noi mentiamo e non mettiamo in pratica la verità” 1 Giovanni 1:6   –  Quando siamo stati uniti a Cristo per fede, siamo stati portati in una così grande comunione con Lui, da essere resi uno con Lui, e i Suoi interessi e i nostri sono diventati una stessa cosa. Abbiamo comunione con Cristo nel Suo amore. Ciò che Lui ama, anche noi lo amiamo. Egli ama il Suo santo popolo – e così anche noi. Egli ama i peccatori – e così anche noi. Egli ama la povera razza umana morente, e anela a vedere i deserti della Terra trasformati in [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • RIGUARDANDO A GESU’
    di  AGOSTINO MASDEA  –  “…deposto ogni fascio, e il peccato che è atto a darci impaccio, corriamo con perseveranza il palio propostoci,  riguardando a Gesù, capo, e compitor della fede; (Ebrei 12:1-2) (Diodati)   –   La lettera agli Ebrei ci mostra la gloria di Cristo attraverso la storia del popolo di Dio, l’Antico Testamento, cioè il tempo di preparazione per la salvezza. Ci rivela come nessun altro libro del N.T il Suo ministerio sacerdotale, e ci illustra come Cristo è l’adempimento di tutte le scritture…  La storia della salvezza trova il suo compimento e la sua completa realizzazione in Lui. Ecco perché “riguardando a Gesù!” è il motto non solo della  lettera agli Ebrei, ma di tutte le lettere di Paolo, e di […]
  • TUTTI PARLAVANO IN EBRAICO.
      di Stanley H. Frodsham  –   Sono nato in Austria da genitori giudei e conosco l’ebraico fin dalla mia infanzia. Mi trovo in America da sei anni un mio ricco zio che abita a Seattle Washington, mi scrisse di andare a lavorare nella sua azienda e io andai.  Un piovoso martedì dell’inverno scorso mi trovai a passare davanti all’edificio di una missione alla settima strada di quella città. Vidi sopra la porta un’iscrizione: “Benvenuto!” Ed entrai per ripararmi dalla pioggia senza sapere che cosa facessero lì dentro. Erano tutti in ginocchio e pregavano. Dopo un poco sentii un uomo (il fratello Junk, un predicatore) che recitava il capitolo 53 di Isaia in lingua ebraica. Una donna stava cantando in ebraico un inno  che gli ebrei usano cantare il […]
  • Cristo nostra Roccia
    di  Theodore Epp –  Leggere Numeri 20:1-13, 22-29  –   La roccia menzionata in Esodo 17 profetizza di Cristo, che molti anni dopo sarebbe andato a morire sulla croce. La roccia di Numeri 20, invece, profetizza l’ascesa di Cristo, il quale, adesso intercede per noi credenti presso il Padre.  La significante differenza tra le due rocce, quella in Esodo 17 e Numeri 20, è anche specificata da due diverse parole usate in questi due passaggi, parole fondamentali che si riferiscono a due diverse azioni da compiere nei confronti della roccia. Sebbene entrambe le rocce parlassero di Cristo, Dio stava tentando di far comprendere, al Suo popolo ed a noi oggi, due cose diverse in merito alla Persona di Cristo Gesù. In Esodo 17 la roccia venne “percossa”, così come Cristo venne […]
  • Promessa del giorno: La mia armatura vi aiuterà a stare ritti e saldi contro le insidie del nemico.  
    Rivestitevi dell’intera armatura di Dio per poter rimanere ritti e saldi contro le insidie del diavolo. Efesi 6:11  –   In Efesi 6, l’apostolo Paolo esorta la chiesa di Efeso ad indossare la completa armatura di Dio, per essere in grado di resistere contro gli attacchi del nemico. È interessante notare che l’armatura non è nostra, ma appartiene a Dio. È la sua armatura. Egli ci ha dato l’elmo della salvezza per proteggere la nostra mente e potervi dare la sua pace. Egli ci ha dato la Sua corazza della giustizia per proteggere il nostro cuore. Egli ci ha dato la sua cintura della verità per poter conoscere la verità e la verità renderci liberi. Egli ha preparato i nostri piedi con i calzari della pace in modo da poter proclamare la buona notizia dell’Evangelo […]
  • MEFIBOSHET: Riscoprire il valore del patto!
    Studio biblico Scuola Domenicale Adulti –  Domenica 12 Ottobre  –  Testo biblico: 2 Samuele 4:4 – 9:1-13 Introduzione: Un patto si differenzia sostanzialmente da un contratto. Il contratto è l’accordo bilaterale tra due parti e si base sull’interesse, il patto invece è unilaterale e si basa sulla promessa. Il contratto dura per un tempo delimitato e stabilito, il patto dura per sempre. Il nostro rapporto con Dio non è stabilito da un contratto, ma da un patto. Il marito è legato alla moglie da un patto…e viceversa.  Davide era legato a Jonathan da un patto… Tra questi due episodi vi sono circa una ventina di anni:  Mefibosceth ha ora un figlio (9:12) –  Cosa spinge DAVIDE dopo tanto tempo a pensare di “usare bontà”  a “qualcuno della casa di Saul”? “Usare bontà” o “fare […]
  • GRANDI INNI: ROCK OF AGES (ROCCA ETERNA)
    Questo famoso inno è stato composto da Augustus Montague Toplady (1740 – 1778). Fin da ragazzo l’autore dimostrò delle qualità straordinarie. Suo padre morì quando egli era ancora bambino e fu allevato da sua madre che lo adorava e lo viziava. Egli non piaceva ai suoi compagni e nemmeno ai suoi parenti, in parte per la sua straordinaria intelligenza, e in parte perché era malaticcio e nevrotico. Fu oggetto di molte controversie nei suoi brevi 38 anni di vita, ma egli non permise che queste lo limitassero. Fin da giovanissimo mostrò un profondo interesse nell’approfondire un rapporto personale con Dio. A 12 anni già predicava e a 14 cominciò a scrivere inni. Fu ordinato […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti