Una promessa per oggi: Niente sarà impossibile per chi ha una fede anche piccola

E Gesù disse loro: «… io vi dico in verità che, se avete fede quanto un granel di senape, direte a questo monte: “Spostati da qui a là”, ed esso si sposterà; e niente vi sarà impossibile. (Matt. 17:20)

In questa promessa, Gesù ci dice che, anche se la nostra fede è piccola come un granello di senape, siamo in grado di dire ad una montagna di spostarsi e gettarsi nel mare. Dal momento che non ho visto molte montagne gettarsi in mare negli ultimi tempi, spesso mi chiedo che cosa volesse dire Gesù quando disse queste parole ai suoi discepoli.

Naturalmente tutti noi abbiamo figurativamente molte montagne che ci troviamo difronte ogni giorno nella nostra vita. Forse non è una montagna letterale intorno a noi che deve muoversi, ma quelle figurative? Chissà, forse un giorno vedremo letteralmente delle montagne gettarsi negli oceani, ma nel frattempo, quali sono le montagne nella tua vita in cui hai bisogno di un miracolo? Mi piace il fatto che Gesù ci incoraggia dicendoci che non ci serve molta fede alla fine per avere un grande impatto.

Da quello che capisco, un granello di senape è un seme piccolissimo, ma Gesù ci dice che, anche se la nostra fede è piccola, nulla sarà impossibile per noi. Forse è il momento di iniziare a esercitare la tua fede? Comincia a parlare alla montagna della tua vita con infantile semplicità, credendo proprio che deve andare via nel nome di Gesù. Chi sa cosa potrebbe accadere? Quando penso a questa promessa, mi viene in mente l’uomo che andò da Gesù per chiedergli di liberare suo figlio, e Gesù gli chiese: “Ci credi?” Quell’uomo rispose: “Signore, io credo, sovvieni alla mia incredulità!” Gesù non rimproverò l’uomo per questa risposta, ma guarì il figlio immediatamente. Dio capisce la nostra fragilità, ma Egli continua a incoraggiarci ad avere semplicemente fede e vedere cosa accade. Oggi voglio parlare alle montagne della mia vita, e tu?

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

PREGARE PER UN RISVEGLIO SPIRITUALE

di CARTER CONLON – La Parola di Dio ci fornisce numerosi esempi delle cose incredibili che accadono quando il popolo di Dio prega. Per esempio, nel II libro dei Re, il sovrano di Siria circondò le città in sui si trovava il popolo di Dio. Era un esercito così numeroso che il servo di Eliseo guardò oltre il muro della città e chiese, “Cosa faremo? Sono più numerosi …
Leggi Tutto

Giornata di preghiera PER LA NAZIONE

DOMENICA 14 APRILE 2013  –  PAUL SCHAFER: PREGHIERA PER LA NAZIONE …
Leggi Tutto

POTENZA NELLA PREGHIERA

di H. D. Pettit   —    L’Apostolo Giacomo ci meraviglia con la sua dichiarazione, “Voi non avete, perché non domandate” (Giacomo 4:2). Ciò mette in risalto l’importanza della preghiera: soltanto da Dio possiamo ricevere ciò che ci necessita, ciò che aneliamo; dobbiamo sempli­cementechiedere. “Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quel che volete e vi sarà fatto”. (Giov. 15:7). La promessa è illimitata; …
Leggi Tutto

BARRIERE  E SCALE PER IL SUCCESSO DELLA PREGHIERA.

 INTRODUZIONE: Il Dott. George Washington Carver ha affermato: “Non c’è nessuno che debba restare senza guida e direzione nel mezzo delle perplessità di questa vita.” Possiamo affermare chiaramente: ‘Riconoscilo in tutte le Tue vie, e ed Egli appienerà i tuoi sentieri? “Il Dott. Carver’s era abituato al sorgere di ogni giorno, alle quattro di mattina a cercare la guida di Dio per la sua vita. Riguardo alle benedizioni …
Leggi Tutto

LA BIBBIA

Strappata, condannata, bruciata. Odiata, disprezzata, maledetta. Messa in dubbio, guardata con sospetto, criticata. Condannata dagli atei. Schernita dagli empi. Esagerata dai fanatici. Capita ed interpretata male. Oggetto d’infamia e frenesia. Negata nella sua ispirazione divina. EPPURE VIVE Vive – come una lampada per i nostri piedi. Vive – come una luce per i nostri sentieri. Vive – come la porta per il cielo. Vive – come normativa nella …
Leggi Tutto

LA VITA E IL MINISTERO DI DWIGHT L. MOODY

LA VITA E IL MINISTERO DI DWIGHT LYMAN MOODY – 5 febbraio 1837 – 22 dicembre 1899 Moody disse: “sono l’uomo più sopravvalutato d’America”, ai giornalisti nel 1870 dopo aver tenuto con successo le sue riunioni di risveglio a Philadelphia e a New York. Egli chiamava se stesso “solo un portavoce e l’espressione di una profonda e misteriosa onda di sentimenti religiosi che stava attraversando la nazione.” Ed …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti