1900: Esperienze pentecostali nella scuola biblica di TOPEKA

Nell’autunno del 1900 fu inaugurata una Scuola Biblica a Topeka, Kansas. Quaranta studenti si riunirono col solo scopo di studiare la Parola di Dio e nessun libro di testo era usato all’infuori della Bibbia. Tra i vari soggetti biblici che erano oggetto di studio e meditazione, c’era quello del Battesimo nello Spirito Santo. Gli studenti ebbero il tempo necessario per una esauriente ricerca nelle Scritture e, quando furono interrogati sull’evidenza biblica del battesimo dello Spirito, risposero: Parlare in altre lingue come lo Spirito da d’esprimersi.

Una stanza di questa Scuola Biblica era dedicata al Signore come “Torre di preghiera”. Gli studenti frequentavano questa stanza per tre ore di orazione e spesso tutta la notte era spesa nella torre di preghiera. Giorno e notte intercessioni incessanti salivano a Dio. Il ministero dell’evangelismo non era certo trascurato e riunioni di culto si tenevano ogni sera nella città di Topeka. Lasciamo che una delle studentesse A. N. Ozman La Berge, che fu la prima a ricevere il battesimo dello Spirito Santo nell’Istituto, ci narri quanto avvenne.

Bethel Bible College – “Avevo studiato la Parola di Dio giè da parecchi anni ed avevo frequentato la Scuola Biblica di T. C. Horton a St. Paul, New York ed anche quella del dott. A. B. Simpson a Nuova York, quando nell’ottobre del 1900, entrai in questo Istituto a Topeka che era conosciuto come il Collegio Bethel. Durante il giorno studiavamo la Bibbia ed alla sera eravamo molto occupati nell’opera di evangelizzazione della città, pur tuttavia molto tempo era speso in preghiera ogni giorno a qualsiasi ora.

Come alcuni altri, io credevo di aver ricevuto il battesimo nello Spirito Santo quando mi ero consacrata al Signore, ma quando realizzai che lo Spirito doveva essere sparso su me con maggiore pienezza, il mio cuore cominciò ad ardere di desiderio. Spesso desideravo piè la pienezza dello Spirito Santo che la mia porzione del cibo materiale. Fummo esortati ad onorare il sangue di Gesù e a farlo operare liberamente nei nostri cuori, e questo ci portò una grande pace e vittoria. L’ultima notte dell’anno avemmo un servizio di culto benedetto, pregavamo che la divina benedizione restasse su noi durante il nuovo anno.

Il primo giorno del 1901 la presenza del Signore fu con noi in modo rimarchevole; i nostri cuori furono incoraggiati a cercarLo per benedizioni maggiori. Uno spirito di preghiera era su noi quella sera, erano quasi le 23 del 1 Gennaio quando mi venne l’ispirazione di chiedere l’imposizione delle mani affinché avessi potuto ricevere il dono dello Spirito santo. Come ciò fu fatto, lo Spirito di Dio cadde su di me e cominciai a parlare in lingue ed a glorificare Iddio. Parlai in molte lingue differenti ed era come se fiumi d’acqua viva uscivano dal mio essere.

Il 2 Gennaio alcuni di noi andammo a Topeka per una riunione di culto. Come adoravamo il Signore, io pregai prima in inglese, poi in un’altra lingua. Un boemo che era presente, disse che avevo parlato nella sua lingua ed egli aveva compreso ciò che io avevo detto. Alcuni mesi dopo, mentre tenevamo una riunione di culto nei locali della scuola, parlai in lingue sotto la potenza di Dio ed un altro boemo mi comprese. Da allora molti hanno compreso le lingue che ho parlato. Intanto i cuori degli altri studenti si erano accesi d’ardore nella ricerca dello Spirito Santo e continuarono a dimorare davanti al Signore.

Il 3 Gennaio alcuni studenti andarono alle riunioni di culto e gli altri si riunirono in preghiera nelle Istituto e Iddio rispose alle loro richieste, spandendo il Suo Spirito e, uno dopo l’altro, cominciarono a parlare in lingue e ad alcuni di loro fu anche dato il dono dell’interpretazione.”

  1. Thistlewaite scrive della sua visitazione celeste: “Un solaio era stato preparato per l’adorazione al Signore, noi spendevamo ogni momento libero in preghiera silenziosa o ad alta voce, cantando, oppure solo aspettando le Sua grazie divine. La presenza del Signore era così reale che ognuno esaminava il suo cuore. Per mezzo dello Spirito ricevetti questo messaggio: è “Loda il Signore per il battesimo che ti ha donato”. Una grande gioia inondò l’anima mia e cominciai a dire: “Io Ti lodo”, ed una grande gioia riempì il mio cuore (Salmo 126:2).

Cercai di lodare il Signore nella mia lingua ma non potei, così lasciai che la lode uscisse dalle mie labbra come voleva, nella nuova lingua che mi era stata data. Le cataratte della gloria erano spalancate. Lo Spirito Santo era venuto su me, si, proprio su me, per parlare non di Sé stesso, ma per magnificare Cristo, ed oh, quale Cristo immensamente glorioso mi rivelò. Intorno a me udii una grande letizia mentre altri parlavano in lingue e lodavano Iddio.

Una sorella parlò una lingua soavissima ed immediatamente avemmo l’interpretazione, una meravigliosa lode a Cristo, mettendo in rilievo l’adorazione che dobbiamo a Gesù, ricordandoci le parole del salvatore: “Quando il Consolatore sarà venuto … testimonierà di Me”.

Simultaneamente cominciammo a cantare tutti insieme, ognuno in una nuova lingua, ma tutti in perfetta armonia. Mentre cantavamo inni ben conosciuti come “Osanna al Cristo, gli angeli tributino gloria e onore”, la gloria della Sua presenza era tale nel nostro mezzo che è assolutamente impossibile descriverla. Alcuni videro su noi delle lingue di fuoco quando ricevemmo l’evidenza dello Spirito. Nelle riunioni di culto nessuno poteva resistere ai messaggi pronunciati, alcuni comprendevano le lingue che si parlavano ed erano convinti, mentre per altri si compiva la profezia: “Parlerà a questo popolo per mezzo di gente d’altra lingua e per mezzo di labbra straniere e neppur così ascolteranno, dice il Signore”. (1Cor. 14:21; Isaia 28:11,12).

In un’occasione un rabbino ebreo era presente quando uno degli studenti lesse una porzione della Bibbia. Dopo il culto il rabbino chiese la Bibbia sulla quale era stata letta la porzione, e quando gli fu data nelle mani, disse: No, non voglio questa, ma voglio vedere la Bibbia ebraica, quell’uomo ha letto in ebraico.

In un’altra occasione, durante la predicazione, avemmo un messaggio in lingue. Alla fine della riunione un uomo si alzò e disse: “Sono stato liberato dalla mia incredulità, ho udito nella mia lingua un salmo che avevo imparato sulle ginocchia di mia madre”.
Ben presto la notizia che il giorno della Pentecoste si era ripetuto si sparse ed un articolo apparve nel quotidiano di Topeka, mettendo in ridicolo il parlare in lingue.

Gli altri quotidiani, come seppero la notizia, inviarono i loro cronisti. Degli articoli apparvero sui giornali di Kansas City e St. Luis. Questi annunciarono l’accaduto ed alcuni vennero a vedere ciò che il Signore operava.

  1. La Berge scrive: “Dopo alcune settimane benedette nella scuola, sentimmo su di noi il peso per le altre città. Il Signore ispirò venti tra gli studenti ad andare a Lawrence, Kansas. L’affittammo un vecchio teatro per tenere le riunioni e a due a due andavamo di casa in casa e dove ce lo permettevano pregavamo per i malati. Moltissimi vennero alle riunioni, molti furono salvati, i malati furono guariti ed un buon numero di credenti ricevettero il battesimo come noi, parlando in lingue e glorificando Iddio. Alcuni di noi visitarono Kansas City ed ebbero delle buone riunioni; alcuni furono salvati e guariti e altri ricevettero lo Spirito Santo, parlando in lingue come lo Spirito dava loro d’esprimersi.

Dal principio proclamavamo l’importanza di una vita pura, santa, vittoriosa e ripiena di potenza divina; onoravamo il Padre, il Figliuolo e lo Spirito Santo; credevamo tutti i detti ed i comandamenti del Signor Gesù Cristo e cioè: ravvedimento, remissione dei peccati, una vita santificata, la consacrazione a Dio e vittoria sul peccato per mezzo della potenza del Cristo vivente nell’anima del credente.”

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

17 Aprile 2011 - ZAC POONEN

Ospite il pastore ZAC POONEN della Christian Fellowship Church, Bangalore, India. Potete ascoltare la sua predicazione (Paul Schafer interprete) …
Leggi Tutto

INGRATITUDINE

di FILIPPO WILES   –  Purtroppo l’ingratitudine è inerente alla nostra natura. Quando si tratta di bambini ci si può passare oltre, tal­volta, ma ciò non è il caso con gli adulti.  L’ingratitudine è stata causa di mol­te sofferenze e addirittura di conse­guenze fatali ed eterne. La storia del­l’uomo è iniziata con l’ingratitudine e terminerà con la medesima. Sta scrit­to, «…pur avendo conosciuto Iddio non l’hanno glorificato come …
Leggi Tutto

CRESCERE NELLA GRAZIA

 di AGOSTINO MASDEA – L’ultima delle esortazioni che l’apostolo Pietro indirizza ai credenti è anche l’ultimo verso del capitolo tre della sua seconda epistola. Questo capitolo è dedicato agli avvenimenti degli ultimi tempi e al ritorno del Signore. Nell’attesa del suo ritorno, Pietro esorta a stare fermi nella fede e ad  aspettare queste cose facendo in modo da “essere trovati da lui immacolati e irreprensibili, in pace”. Esortando alla …
Leggi Tutto

COS'E' UN VERO RISVEGLIO?

di Reuben A. Torrey (1855 – 1928) noto evangelista, insegnante e scrittore.  –   Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola …
Leggi Tutto

LA DISCIPLINA NELLA CHIESA. (Ebrei 12:1-14)

di Agostino Masdea   –  Leggi più severe sono invocate da tutti nella società di oggi.  Le regole sono necessarie in una nazione, in una comunità, in un qualsiasi circolo di persone. Dove mancano le leggi e le regole regna il caos e l’anarchia. Il problema è che ogni categoria invoca “severità” per tutte le altre categorie meno che per se stessa. Morale della favola: ognuno tira l’acqua al suo mulino …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti