1900: Esperienze pentecostali nella scuola biblica di TOPEKA

Nell’autunno del 1900 fu inaugurata una Scuola Biblica a Topeka, Kansas. Quaranta studenti si riunirono col solo scopo di studiare la Parola di Dio e nessun libro di testo era usato all’infuori della Bibbia. Tra i vari soggetti biblici che erano oggetto di studio e meditazione, c’era quello del Battesimo nello Spirito Santo. Gli studenti ebbero il tempo necessario per una esauriente ricerca nelle Scritture e, quando furono interrogati sull’evidenza biblica del battesimo dello Spirito, risposero: Parlare in altre lingue come lo Spirito da d’esprimersi.

Una stanza di questa Scuola Biblica era dedicata al Signore come “Torre di preghiera”. Gli studenti frequentavano questa stanza per tre ore di orazione e spesso tutta la notte era spesa nella torre di preghiera. Giorno e notte intercessioni incessanti salivano a Dio. Il ministero dell’evangelismo non era certo trascurato e riunioni di culto si tenevano ogni sera nella città di Topeka. Lasciamo che una delle studentesse A. N. Ozman La Berge, che fu la prima a ricevere il battesimo dello Spirito Santo nell’Istituto, ci narri quanto avvenne.

Bethel Bible College – “Avevo studiato la Parola di Dio giè da parecchi anni ed avevo frequentato la Scuola Biblica di T. C. Horton a St. Paul, New York ed anche quella del dott. A. B. Simpson a Nuova York, quando nell’ottobre del 1900, entrai in questo Istituto a Topeka che era conosciuto come il Collegio Bethel. Durante il giorno studiavamo la Bibbia ed alla sera eravamo molto occupati nell’opera di evangelizzazione della città, pur tuttavia molto tempo era speso in preghiera ogni giorno a qualsiasi ora.

Come alcuni altri, io credevo di aver ricevuto il battesimo nello Spirito Santo quando mi ero consacrata al Signore, ma quando realizzai che lo Spirito doveva essere sparso su me con maggiore pienezza, il mio cuore cominciò ad ardere di desiderio. Spesso desideravo piè la pienezza dello Spirito Santo che la mia porzione del cibo materiale. Fummo esortati ad onorare il sangue di Gesù e a farlo operare liberamente nei nostri cuori, e questo ci portò una grande pace e vittoria. L’ultima notte dell’anno avemmo un servizio di culto benedetto, pregavamo che la divina benedizione restasse su noi durante il nuovo anno.

Il primo giorno del 1901 la presenza del Signore fu con noi in modo rimarchevole; i nostri cuori furono incoraggiati a cercarLo per benedizioni maggiori. Uno spirito di preghiera era su noi quella sera, erano quasi le 23 del 1 Gennaio quando mi venne l’ispirazione di chiedere l’imposizione delle mani affinché avessi potuto ricevere il dono dello Spirito santo. Come ciò fu fatto, lo Spirito di Dio cadde su di me e cominciai a parlare in lingue ed a glorificare Iddio. Parlai in molte lingue differenti ed era come se fiumi d’acqua viva uscivano dal mio essere.

Il 2 Gennaio alcuni di noi andammo a Topeka per una riunione di culto. Come adoravamo il Signore, io pregai prima in inglese, poi in un’altra lingua. Un boemo che era presente, disse che avevo parlato nella sua lingua ed egli aveva compreso ciò che io avevo detto. Alcuni mesi dopo, mentre tenevamo una riunione di culto nei locali della scuola, parlai in lingue sotto la potenza di Dio ed un altro boemo mi comprese. Da allora molti hanno compreso le lingue che ho parlato. Intanto i cuori degli altri studenti si erano accesi d’ardore nella ricerca dello Spirito Santo e continuarono a dimorare davanti al Signore.

Il 3 Gennaio alcuni studenti andarono alle riunioni di culto e gli altri si riunirono in preghiera nelle Istituto e Iddio rispose alle loro richieste, spandendo il Suo Spirito e, uno dopo l’altro, cominciarono a parlare in lingue e ad alcuni di loro fu anche dato il dono dell’interpretazione.”

  1. Thistlewaite scrive della sua visitazione celeste: “Un solaio era stato preparato per l’adorazione al Signore, noi spendevamo ogni momento libero in preghiera silenziosa o ad alta voce, cantando, oppure solo aspettando le Sua grazie divine. La presenza del Signore era così reale che ognuno esaminava il suo cuore. Per mezzo dello Spirito ricevetti questo messaggio: è “Loda il Signore per il battesimo che ti ha donato”. Una grande gioia inondò l’anima mia e cominciai a dire: “Io Ti lodo”, ed una grande gioia riempì il mio cuore (Salmo 126:2).

Cercai di lodare il Signore nella mia lingua ma non potei, così lasciai che la lode uscisse dalle mie labbra come voleva, nella nuova lingua che mi era stata data. Le cataratte della gloria erano spalancate. Lo Spirito Santo era venuto su me, si, proprio su me, per parlare non di Sé stesso, ma per magnificare Cristo, ed oh, quale Cristo immensamente glorioso mi rivelò. Intorno a me udii una grande letizia mentre altri parlavano in lingue e lodavano Iddio.

Una sorella parlò una lingua soavissima ed immediatamente avemmo l’interpretazione, una meravigliosa lode a Cristo, mettendo in rilievo l’adorazione che dobbiamo a Gesù, ricordandoci le parole del salvatore: “Quando il Consolatore sarà venuto … testimonierà di Me”.

Simultaneamente cominciammo a cantare tutti insieme, ognuno in una nuova lingua, ma tutti in perfetta armonia. Mentre cantavamo inni ben conosciuti come “Osanna al Cristo, gli angeli tributino gloria e onore”, la gloria della Sua presenza era tale nel nostro mezzo che è assolutamente impossibile descriverla. Alcuni videro su noi delle lingue di fuoco quando ricevemmo l’evidenza dello Spirito. Nelle riunioni di culto nessuno poteva resistere ai messaggi pronunciati, alcuni comprendevano le lingue che si parlavano ed erano convinti, mentre per altri si compiva la profezia: “Parlerà a questo popolo per mezzo di gente d’altra lingua e per mezzo di labbra straniere e neppur così ascolteranno, dice il Signore”. (1Cor. 14:21; Isaia 28:11,12).

In un’occasione un rabbino ebreo era presente quando uno degli studenti lesse una porzione della Bibbia. Dopo il culto il rabbino chiese la Bibbia sulla quale era stata letta la porzione, e quando gli fu data nelle mani, disse: No, non voglio questa, ma voglio vedere la Bibbia ebraica, quell’uomo ha letto in ebraico.

In un’altra occasione, durante la predicazione, avemmo un messaggio in lingue. Alla fine della riunione un uomo si alzò e disse: “Sono stato liberato dalla mia incredulità, ho udito nella mia lingua un salmo che avevo imparato sulle ginocchia di mia madre”.
Ben presto la notizia che il giorno della Pentecoste si era ripetuto si sparse ed un articolo apparve nel quotidiano di Topeka, mettendo in ridicolo il parlare in lingue.

Gli altri quotidiani, come seppero la notizia, inviarono i loro cronisti. Degli articoli apparvero sui giornali di Kansas City e St. Luis. Questi annunciarono l’accaduto ed alcuni vennero a vedere ciò che il Signore operava.

  1. La Berge scrive: “Dopo alcune settimane benedette nella scuola, sentimmo su di noi il peso per le altre città. Il Signore ispirò venti tra gli studenti ad andare a Lawrence, Kansas. L’affittammo un vecchio teatro per tenere le riunioni e a due a due andavamo di casa in casa e dove ce lo permettevano pregavamo per i malati. Moltissimi vennero alle riunioni, molti furono salvati, i malati furono guariti ed un buon numero di credenti ricevettero il battesimo come noi, parlando in lingue e glorificando Iddio. Alcuni di noi visitarono Kansas City ed ebbero delle buone riunioni; alcuni furono salvati e guariti e altri ricevettero lo Spirito Santo, parlando in lingue come lo Spirito dava loro d’esprimersi.

Dal principio proclamavamo l’importanza di una vita pura, santa, vittoriosa e ripiena di potenza divina; onoravamo il Padre, il Figliuolo e lo Spirito Santo; credevamo tutti i detti ed i comandamenti del Signor Gesù Cristo e cioè: ravvedimento, remissione dei peccati, una vita santificata, la consacrazione a Dio e vittoria sul peccato per mezzo della potenza del Cristo vivente nell’anima del credente.”

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IL LAVORO NASCOSTO

di DON MALLOUGH –  “Andrea, fratello di Simon Pietro, era uno dei due che avevano udito Giovanni e avevano seguito Gesù”. – Giovanni 1:40  –   È strano come lo scrittore di questo versetto si riferisca ad Andrea: due delle tre volte in cui Giovanni parla di lui, specifica che è il fratello di Pietro. Andrea era in realtà anche lui uno dei dodici apostoli, e quindi sarebbe stato nel …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Un giorno asciugherò ogni tua lacrima e cancellerò ogni tua sofferenza.

E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e non ci sarà più la morte, né cordoglio né grido né fatica, perché le cose di prima son passate» Apocalisse 21:4 La promessa di oggi ci parla di un giorno che viene, quando Dio stesso asciugherà ogni lacrima dai nostri occhi. In quel grande e glorioso giorno, non ci sarà più la morte, non più dolore, non più motivi per …
Leggi Tutto

Avvertimenti utili a quei membri di chiesa che non vivono in Cristo

di CHARLES H. SPURGEON – L’apostolo Paolo ci offre il modello perfetto di un uomo sinceramente consacrato. Pastore vigilante, si preoccupava incessantemente del gregge affidato alle sue cure e non si limitava a predicare l’Evangelo, ne pensava di aver fatto tutto il suo dovere annunziando la salvezza; ma i suoi occhi era?no sempre aperti sulle Chiese che ave?va fondato, seguendo con vivo interesse i loro progressi spirituali o …
Leggi Tutto

La Religione chi il diavolo ti vuole dare

“E Faraone chiamò Mosè e disse: Andate, servite al Signore; solo le vostre greggi e i vostri armenti saranno fatti restare; le vostre famiglie anche andranno con voi” (Esodo 10:24).  Presentazione Capitolo 1 – Il diavolo non ti impedirà di avere una religione Capitolo 2 –   Una religione nel mondo Capitolo 3 – Una religione vicina al mondo Capitolo 4 – Una religione con gli affetti del mondo Capitolo 5 – Una religione con i beni del mondo Capitolo …
Leggi Tutto

SIETE PRONTI PER L’ETERNITÀ?

di Charles H. Spurgeon  – Il cibo è necessario e indispensabile per mantenere in forza l’organismo umano. Supponiamo die voi diciate un giorno: “Non voglio più mangiare perché non voglio essere uno schiavo del materialismo”. Potete mettervi in viaggio verso una località più sana e soleggiata ma vi accorgerete ben presto che il clima e l’esercizio fisico non sono sufficienti a mantenervi in vita se vi rifiutate di …
Leggi Tutto

SAPER VIVERE, SAPER MORIRE

di ROBERTO BRACCO  –  Filippesi 1: 18-23  –  Qualcuno ha detto che non è difficile morire, ma è difficile vivere; molti altri invece hanno affermato che è facile vivere, ma non è facile saper morire coraggiosamente… crediamo che tutti abbiano torto, perché in realtà è difficile saper vivere e non meno difficile saper morire. Tutti vivono e tutti muoiono, ma questo non vuol dire che sappiano vivere e …
Leggi Tutto

Come Dio ci guida.

di  FRANCIS W. DIXON  –  «I passi dell’uomo dabbene con diretti dall’Eterno ed egli gradisce le vie di lui. Se cade, non è però atterrato, perché l’Eterno lo sostiene per la mano». (Salmo 37:23-24).  Per quanto m’è possibile ricordare, il Salmo 37 è stato sempre uno dei miei brani favoriti delle Scritture, e in particolare i versi 23 e 24. La ragione di ciò è che quand’ero bambino …
Leggi Tutto

DOMANDE PER GLI AMICI CATTOLICI, RIGUARDO GESÙ E IL PERDONO.

di Matt Slick  –   I cattolici hanno il confessionale, i sacerdoti, la penitenza, i sacramenti, i santi e Maria, e tutti in un modo o in un altro incidono sul  perdono dei peccati. In confessionale, il Cattolico confessa i suoi peccati a un sacerdote che gli da l’assoluzione e gli  prescrive la penitenza – un mezzo necessario per il perdono (CCC 980) “con la quale i peccati commessi …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti