QUANDO GESU’ PENETRA IN UNA PRIGIONE

Era l’inverno di guerra 1939-40. Ecco che cosa poté fare la grazia di Dio, fra le più crudeli scene dell’odio umano. Un ingegnere finlandese, ben conosciuto, narra i fatti seguenti:

Avevamo riconquistata una città che i nemici ci avevano presa. In quell’occasione ebbi da custodire un buon numero di prigionieri russi: sette di essi dovevano esser fucilati la mattina seguente. Non dimenticherò mai la domenica che precedette quell’esecuzione. I sette condannati erano nelle cantine del municipio. I miei uomini, armati di fucile, li sorvegliavano. L’atmosfera era satura d’odio, perché i miei soldati, inebriati dal successo, si beffavano dei prigionieri. Questi bestemmiavano e colpivano i muri coi pugni insanguinati; altri gemevano, pensando alle mogli ed ai figlioli nella Russia lontana. L’indomani, all’alba, dovevano morire.

Ad un tratto, uno dei condannati si mise a cantare. Tutti pensarono che fosse impazzito. Avevo notato che quell’uomo, chiamato Koskino, non bestemmiava come gli altri e, benché apparisse disperato, era rimasto seduto su di una panca, senza manifestare rabbia. Cantò dapprima timidamente, poi a poco a poco la sua voce prese forza. Tutti i prigionieri si volsero verso di lui per ascoltare il suo canto:

Sicura in man di Cristo, Sicura nel Suo cuor

L’anima mia riposa, All’ombra del Suo amor.

 Sode una voce d’angeli, Qual inno di vittoria

Dai campi della gloria,  Al fiammeggiante mar.

 Sicura in man di Cristo

Ripeté diverse volte queste strofe. Quand’ebbe finito, ci furono alcuni minuti di silenzio. Poi un uomo, il più furibondo, esclamò: Koskino, dove hai preso quel canto? Vuoi provare di renderci religiosi. Koskino guardò i compagni con occhi pieni di lacrime e rispose: “Compagni, ascoltatemi un momento. Mi chiedete dove ho imparato quest’inno. Ebbene, l’ho sentito cantare…Mia madre cantava degl’inni di Gesù, mia madre pregava Gesù”.

Si fermò come se avesse bisogno di nuove forze. Poi, alzandosi, da vero soldato qual era, fissò gli altri negli occhi e continuò: “E da vile nascondere ci che si crede. L’Iddio di mia madre è ora il mio Dio. Ieri sera ero sveglio e all’improvviso vidi la faccia di mia madre davanti a me. Sentii che dovevo trovare il suo Salvatore, il mio Salvatore, per rifugiarmi in Lui. E allora pregai come il brigante in croce: supplicai Cristo di perdonarmi, di purificare la mia anima peccatrice, di prepararmi per presentarmi a Lui, poiché Lo dovevo incontrare così presto! Fu una notte strana: in certi momenti mi sembrava che intorno a me tutto fosse luce. Versetti della Bibbia e dell’innario della mia cara madre mi tornavano in mente e mi portavano dei messaggi del Salvatore. Lo accettai, resi grazie e da allora questa strofa risuona senza tregua in me. E la risposta di Dio alla mia preghiera. Non posso più tener la cosa celata, poiché fra poche ore sarò col Signore, io, peccatore salvato per grazia!.

Il viso di Koskino era raggiante. I suoi compagni tacevano, mentre egli rimaneva in piedi, come se fosse radicato al suolo. Anche i miei soldati finlandesi ascoltavano in silenzio. Ad un tratto uno dei russi disse:

“Koskino, hai ragione, hai ragione… Oh se soltanto sapessi che vi è ancora misericordia per me! Ma le mie mani han versato il sangue, la mia lingua ha bestemmiato Dio, i miei piedi han calpestato tutto ci che è sacro. So che c’è un inferno ed  l’unico posto dove io possa andare!”

Stramazzò a terra, gemendo, in preda alla disperazione e diceva: “Koskino, prega per me! Domani dovrà morire e la mia anima andrà in man del diavolo”.

Allora quei soldati si gettarono in ginocchio, l’uno accanto all’altro, pregando l’uno per l’altro. Non fu una preghiera lunga, ma giunse in cielo.

E noi, finlandesi, ascoltavamo, mentre tutto il nostro odio si scioglieva alla luce celeste. Eravamo quasi in estasi davanti a quella scena. Quegli uomini cercavano la riconciliazione con Dio, mentre una porta, conducente all’invisibile, era già aperta.

Alle quattro del mattino, tutti i compagni di Koskino avevano seguito il suo esempio e pregavano. Il mutamente d’atmosfera era indescrivibile: gli uni erano in terra, gli altri sulla panca; chi piangeva dolcemente, chi parlava di cose spirituali… Nessuno aveva la Bibbia, ma lo Spirito di Dio parlava.

Pensarono pure alle loro famiglie e impiegarono l’ora che seguì a scrivere lettere che contenevano confessioni e portavano tracce di lagrime. La notte era quasi finita: il giorno stava per spuntare e nessuno aveva chiuso occhio, neppure per un istante.

Uno dei russi disse: “Koskino, cantaci ancora l’inno!”

Questa volta cantarono tutti insieme. I soldati finlandesi unirono le loro voci e le cantine dei quel vetusto municipio risuonarono d’inni, celebranti il Sangue dell’Agnello. Scoccarono le sei. Oh come avrei voluto ottenere la grazia per quei prigionieri! Ma sapevo che era impossibile.

Uscirono per l’esecuzione, tra due file di soldati finlandesi. Uno dei prigionieri domandò il permesso di cantare ancora una volta l’inno di Koskino, il che fu loro concesso. Domandarono anche la grazia di morire col viso scoperto e la mano alzata verso il cielo. Cantarono con una potenza straordinaria:

Sicura in man di Cristo…

Quand’ebbero finita ultima strofa, il tenente comandò di sparare. Eravamo tutti inginocchiati in preghiera.

Non posso dire ci che accadde nel cuore degli altri, ma questo posso dichiarare: da quell’ora, io, ufficiale finlandese, sono un uomo cambiato, per avere incontrato il Cristo in uno dei Suoi umili discepoli. Fu questi a farmi capire che anch’io potevo appartenere al Salvatore.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

GRANDI INNI: "Trought it all" di Andrae Crouch

  IN MEMORIA DI ANDRAE CROUCH   –  Giovedì scorso si è fermato il cuore del leggendario cantante evangelico, 72 anni di cui 50 trascorsi nel mondo della musica cristiana. Era stato trasportato in ospedale lo scorso 3 gennaioper le complicazioni a uno stato di salute già compromesso da diabete e cancro. Riproponiamo una delle sue tante canzoni con la storia della sua vita.       Andrae Crouch è …
Leggi Tutto

GRANDI INNI: "BLESSED ASSURANCE" (GARANZIA BENEDETTA )

Fanny Crosby, compositrice di inni, era rimasta cieca quando aveva sei settimane di vita, per delle cure mediche sbagliate. Fanny Crosby nel corso della sua lunga vita (morì all’età di 95 anni) scrisse più di ottomila testi di canzoni gospel. Spesso i temi per i testi venivano suggeriti a Fanny Crosby da ministri che la andavano a trovare e che desideravano avere una nuova canzone su un soggetto …
Leggi Tutto

IL RE RITORNA

di Agostino Masdea   –  «Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora quelli che sono in Giudea, fuggano sui monti; e quelli che sono in città, se ne allontanino; e quelli che sono nella campagna non entrino nella città. Perché quelli sono giorni di vendetta, affinché si adempia tutto quello che è stato scritto…. Vi saranno segni nel sole, nella luna …
Leggi Tutto

RISVEGLIO O APOSTASIA?

di Agostino Masdea   –  Carissimi, avendo un gran desiderio di scrivervi della nostra comune salvezza, mi sono trovato costretto a farlo per esortarvi a combattere strenuamente per la fede, che è stata trasmessa ai santi una volta per sempre. (Giuda 3)  –   Stiamo vivendo un tempo estremamente difficile. La decadenza morale della società è in escalation continua. Siamo continuamente turbati dall’indecente spettacolo che questo mondo quotidianamente ci offre. Il …
Leggi Tutto

NON UNIRTI AGLI INFEDELI

di John R. Rice  –  Secondo me non c’è nulla di più importante al mondo per un Cristiano del matrimonio con una persona della medesima fede. Il matrimonio è stato creato da Dio. Esso è un’istituzione santa, stabilita da Dio per il nostro beneficio. L’unione tra uomo e donna è tanto intima o preziosa nella sua continuità che in ammonio tra una persona credente e non credente non …
Leggi Tutto

IL MIO AMICO E PADRE PERFETTO

di Nicky Cruz  –  Ancora oggi sono un piccolo bimbo sofferente dentro di me, e Dio è ancora mio Padre. Ovunque vada, mi assicuro che cammini affianco a me, che mi tenga la mano e mi conduca. Quando inciampo e cado, Egli si protende verso me e mi rialza. Scuote la polvere dalle mie vesti, bacia le ferite e poi prosegue con me lungo il cammino. Quando faccio …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Niente sarà impossibile per chi ha una fede anche piccola

E Gesù disse loro: «… io vi dico in verità che, se avete fede quanto un granel di senape, direte a questo monte: “Spostati da qui a là”, ed esso si sposterà; e niente vi sarà impossibile. (Matt. 17:20) In questa promessa, Gesù ci dice che, anche se la nostra fede è piccola come un granello di senape, siamo in grado di dire ad una montagna di spostarsi e …
Leggi Tutto

AMOR PROPRIO

L’amor proprio è un incentivo efficace dell’azione e si possono enumerare intere moltitudini di uomini che hanno compiuto imprese eroiche o durature sotto lo stimolo di questo sentimento umano. Anche nel mondo religioso l’amor proprio ha il suo posto onorevole e riesce ad ispirare e promuovere le opere più gigantesche e le imprese più impegnative. Molti programmi missionari, molte attività assistenziali e moltissime opere comunitarie sono il risultato …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti