QUANDO GESU’ PENETRA IN UNA PRIGIONE

Era l’inverno di guerra 1939-40. Ecco che cosa poté fare la grazia di Dio, fra le più crudeli scene dell’odio umano. Un ingegnere finlandese, ben conosciuto, narra i fatti seguenti:

Avevamo riconquistata una città che i nemici ci avevano presa. In quell’occasione ebbi da custodire un buon numero di prigionieri russi: sette di essi dovevano esser fucilati la mattina seguente. Non dimenticherò mai la domenica che precedette quell’esecuzione. I sette condannati erano nelle cantine del municipio. I miei uomini, armati di fucile, li sorvegliavano. L’atmosfera era satura d’odio, perché i miei soldati, inebriati dal successo, si beffavano dei prigionieri. Questi bestemmiavano e colpivano i muri coi pugni insanguinati; altri gemevano, pensando alle mogli ed ai figlioli nella Russia lontana. L’indomani, all’alba, dovevano morire.

Ad un tratto, uno dei condannati si mise a cantare. Tutti pensarono che fosse impazzito. Avevo notato che quell’uomo, chiamato Koskino, non bestemmiava come gli altri e, benché apparisse disperato, era rimasto seduto su di una panca, senza manifestare rabbia. Cantò dapprima timidamente, poi a poco a poco la sua voce prese forza. Tutti i prigionieri si volsero verso di lui per ascoltare il suo canto:

Sicura in man di Cristo, Sicura nel Suo cuor

L’anima mia riposa, All’ombra del Suo amor.

 Sode una voce d’angeli, Qual inno di vittoria

Dai campi della gloria,  Al fiammeggiante mar.

 Sicura in man di Cristo

Ripeté diverse volte queste strofe. Quand’ebbe finito, ci furono alcuni minuti di silenzio. Poi un uomo, il più furibondo, esclamò: Koskino, dove hai preso quel canto? Vuoi provare di renderci religiosi. Koskino guardò i compagni con occhi pieni di lacrime e rispose: “Compagni, ascoltatemi un momento. Mi chiedete dove ho imparato quest’inno. Ebbene, l’ho sentito cantare…Mia madre cantava degl’inni di Gesù, mia madre pregava Gesù”.

Si fermò come se avesse bisogno di nuove forze. Poi, alzandosi, da vero soldato qual era, fissò gli altri negli occhi e continuò: “E da vile nascondere ci che si crede. L’Iddio di mia madre è ora il mio Dio. Ieri sera ero sveglio e all’improvviso vidi la faccia di mia madre davanti a me. Sentii che dovevo trovare il suo Salvatore, il mio Salvatore, per rifugiarmi in Lui. E allora pregai come il brigante in croce: supplicai Cristo di perdonarmi, di purificare la mia anima peccatrice, di prepararmi per presentarmi a Lui, poiché Lo dovevo incontrare così presto! Fu una notte strana: in certi momenti mi sembrava che intorno a me tutto fosse luce. Versetti della Bibbia e dell’innario della mia cara madre mi tornavano in mente e mi portavano dei messaggi del Salvatore. Lo accettai, resi grazie e da allora questa strofa risuona senza tregua in me. E la risposta di Dio alla mia preghiera. Non posso più tener la cosa celata, poiché fra poche ore sarò col Signore, io, peccatore salvato per grazia!.

Il viso di Koskino era raggiante. I suoi compagni tacevano, mentre egli rimaneva in piedi, come se fosse radicato al suolo. Anche i miei soldati finlandesi ascoltavano in silenzio. Ad un tratto uno dei russi disse:

“Koskino, hai ragione, hai ragione… Oh se soltanto sapessi che vi è ancora misericordia per me! Ma le mie mani han versato il sangue, la mia lingua ha bestemmiato Dio, i miei piedi han calpestato tutto ci che è sacro. So che c’è un inferno ed  l’unico posto dove io possa andare!”

Stramazzò a terra, gemendo, in preda alla disperazione e diceva: “Koskino, prega per me! Domani dovrà morire e la mia anima andrà in man del diavolo”.

Allora quei soldati si gettarono in ginocchio, l’uno accanto all’altro, pregando l’uno per l’altro. Non fu una preghiera lunga, ma giunse in cielo.

E noi, finlandesi, ascoltavamo, mentre tutto il nostro odio si scioglieva alla luce celeste. Eravamo quasi in estasi davanti a quella scena. Quegli uomini cercavano la riconciliazione con Dio, mentre una porta, conducente all’invisibile, era già aperta.

Alle quattro del mattino, tutti i compagni di Koskino avevano seguito il suo esempio e pregavano. Il mutamente d’atmosfera era indescrivibile: gli uni erano in terra, gli altri sulla panca; chi piangeva dolcemente, chi parlava di cose spirituali… Nessuno aveva la Bibbia, ma lo Spirito di Dio parlava.

Pensarono pure alle loro famiglie e impiegarono l’ora che seguì a scrivere lettere che contenevano confessioni e portavano tracce di lagrime. La notte era quasi finita: il giorno stava per spuntare e nessuno aveva chiuso occhio, neppure per un istante.

Uno dei russi disse: “Koskino, cantaci ancora l’inno!”

Questa volta cantarono tutti insieme. I soldati finlandesi unirono le loro voci e le cantine dei quel vetusto municipio risuonarono d’inni, celebranti il Sangue dell’Agnello. Scoccarono le sei. Oh come avrei voluto ottenere la grazia per quei prigionieri! Ma sapevo che era impossibile.

Uscirono per l’esecuzione, tra due file di soldati finlandesi. Uno dei prigionieri domandò il permesso di cantare ancora una volta l’inno di Koskino, il che fu loro concesso. Domandarono anche la grazia di morire col viso scoperto e la mano alzata verso il cielo. Cantarono con una potenza straordinaria:

Sicura in man di Cristo…

Quand’ebbero finita ultima strofa, il tenente comandò di sparare. Eravamo tutti inginocchiati in preghiera.

Non posso dire ci che accadde nel cuore degli altri, ma questo posso dichiarare: da quell’ora, io, ufficiale finlandese, sono un uomo cambiato, per avere incontrato il Cristo in uno dei Suoi umili discepoli. Fu questi a farmi capire che anch’io potevo appartenere al Salvatore.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

COMPRA IL CAMPO

di Mike Brown  –   Questo messaggio dovrebbe edifi­carvi e fortificarvi nella fede. Fino a quando saremo in questo mondo avremo sempre combattimenti di fede, e fino a quando saremo in questo corpo dovremo scegliere di camminare per fede e non per visione. Sono un uomo abbastanza ottimista, ma negli ultimi cinque anni ho affrontato dure prove e grandi pressioni che andavano al di là delle mie forze, e proprio …
Leggi Tutto

USO E ABUSO DELLA LINGUA. (Quello che esce dalla bocca fa vedere quello che è nel cuore)

di DEREK PRINCE   –    La Bibbia ha molto da dire sull’uso della lingua, sulle labbra, sulla bocca, sulle parole e sul linguaggio. Dio ha creato l’uomo secondo la Sua propria immagine. Ha dato all’uomo la capacità di parlare e farsi comprendere, esprimendosi con parole e con frasi. Quando Dio diede all’uomo questa capacità, gli trasmise anche una parte della Sua autorità e della Sua creatività. E’ …
Leggi Tutto

GLI OCCHI DEL CUORE

di Jim Cymbala  –  (Pastore della Chiesa Brooklyn Tabernacle – New York)  –  E’ più probabile che si trovi un neo credente nelle montagne del Perù che capisca della Bibbia  più di un teologo con un dottorato di ricerca. Infatti, quel Peruviano privo di istruzione non solo potrebbe saperne di più della Bibbia, ma potrebbe anche conoscere il Signore in un modo che lo studente Greco o Ebreo ignorano. Ricorda, …
Leggi Tutto

Storie di grandi inni: “COME, THOU FOUNT OF EVERY BLESSING,”

Forse tutti gli inni sono in una certa misura autobiografici, nel senso che rivelano qualcosa dell’esperienza spirituale dell’autore. In alcuni inni, il filo autobiografico è più forte e più marcato. Come nel caso di questo inno battista scritto da Robert Robinson (1735-1790), che mentre era un apprendista barbiere, fu fortemente influenzato dalla predicazione di George Whitefield. In particolare una frase dell’ultima strofa, “incline a vagare, Signore, mi sento incline ad …
Leggi Tutto

GIOIA TRASCENDENTALE

di Jim Cymbala  –  La felicità ha i suoi alti e bassi in base alle nostre mutevoli circostanze. Nasce un bimbo o un nipote, e siamo tutti contenti. Vinciamo una vacanza gratis e siamo in estasi! Il capo ci dà un bell’aumento proprio quando ne avevamo bisogno e siamo entusiasti. Ma l’euforia è solo temporanea. Inevitabilmente, qualcosa cambia e si porta via la nostra felicità. Il bambino si …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: NON SIATE ANSIOSI, IO MI PRENDERÒ CURA DI VOI

Matteo 6: 25-26  –  Perciò io vi dico: Non siate con ansietà solleciti per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di che vi vestirete. La vita non vale più del cibo e il corpo più del vestito? Osservate gli uccelli del cielo: essi non seminano, non mietono e non raccolgono in granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESÙ

di ROBERTO BRACCO  –  Alcuni episodi ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè: “Come pervenire alla vita eterna”. Bisogna premettere che “vita eterna” non è sinonimo d’immortalità: tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono a Dio hanno la …
Leggi Tutto

AL CENTRO DELLA VOLONTA' DI DIO.

Estratto da un predica di TOMMASO GRAZIOSO.  –   Avevo ricevuto una chiamata per andare a predicare a New York per la mia prima volta da predicatore Non stavo nei miei panni per la tanta gioia e per l’emozione. La mattina presto presi la macchina e mi avviai per andare a predicare. Stavo in macchina e ripetevo i passi biblici con entusiasmo quando, improvvisamente spuntò un uomo quasi …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti