Heavy Metal satanista, redento da Cristo.

Se c’era un uomo che apparentemente sembrava irrecuperabile, Kirk Martin è la personificazione di quell’uomo. Pieno di violenza e di odio – dopo aver fatto un patto con il diavolo – solo Dio poteva trovare il modo e la strategia per tirarlo fuori  da quell’ abisso infernale.  “Ho sempre pensato che Dio poteva amare alcune persone, ma non me!” dice Martin. Era il quarto figlio adottivo di una cara famiglia luterana.  Frequentava una chiesa a Livonia, Michigan, ma ben presto cominciò ad allontanarsi dai suoi  sani principi.

Quando aveva  sette anni, due ragazzi più grandi, abusarono di lui sessualmente. “Dio non ti ama“, gli dissero subito dopo la violenza,  “Dio ti odierà se lo dici a qualcuno.  È meglio non dirlo  ai  tuoi genitori, perché anch’essi ti odieranno.”  Ha sanguinato per diversi giorni a causa della violenza subita, ma non ha detto nulla ai suoi genitori.

Un paio di anni più tardi, un amico lo iniziò alla marijuana sul bus della scuola. “C’erano già segnali che mostravano che sarei finito nei guai,” Martin ammette. “Ero sempre pronto a mentire, rubare, e picchiare altri ragazzi. ” dice.

La risposta di suo padre fu rapida e violenta.  Lo picchiava duramente e severamente. “Noi ti picchiamo perché ti vogliamo bene“,  gli diceva sua madre.

Si è arruolato come militare, a 17 anni, ma durò solo sei settimane. “Ho imparato presto che avevo un carattere irascibile come mio padre”, confessa. “Litigavo e combattevo con tutti.”  Egli poteva colpire “come un treno merci”, così i suoi scontri erano brevi – spesso un uomo poteva cadere dopo un solo pugno.

Ma un giorno incontrò  un ragazzo forte del sud dalla Georgia, che gli tenne testa.  “Aveva una mascella d’acciaio“, racconta Martin. “Gli dissi che alla prima occasione sarei salito sul poligono di tiro con munizioni vere e gli avrei cacciato una pallottola in testa.”

“Mi dissero  che non potevo più toccare le armi,” e i suoi superiori ordinarono per lui una perizia psichiatrica.

Mentre stava seduto in una stanza psichiatrica dell’ospedale, un medico militare lo visitò. “Che succede, soldato?” Chiese l’uomo. “Odio la gente,” Martin rispose. “Vorrei uccidere le persone.”  ” Questo non va bene, perché dovunque tu vai, troverai  la gente,” consigliò il medico.

Martin tornò a casa nel Michigan per un po’, poi andò  a Virginia Beach, dove senza una casa rimase per un paio di settimane.  Poi andò a  New York  dove  “fui coinvolto in cose molto sporche “, ricorda. “Se mi avessero  preso  sarei andato in prigione per molto tempo.”

Per paura di poter uccidere qualcuno a mani nude, lasciò  New York e tornò nel  Michigan.  “Ho fatto un passo indietro e mi sono un po’ calmato,” dice. Si tagliò  i capelli e andò a lavorare in un negozio di alimentari.

Martin aveva sempre coltivato un talento musicale. A 23 anni, entrò a far parte con alcuni amici in una band “heavy metal”  chiamata “Frigid B”.  Durante questo periodo, sia prima sia dopo essere entrato nella band, Martin rifletté  per un po’ riguardo alla sua anima.

Ho pensato che ci fosse qualcosa di sbagliato in me”, dice. Perché  “morire non mi spaventavaEssere picchiato non significava niente per me. ”  Gridò a Dio un paio di volte, in cerca di un segno.

Nel silenzio, arrivò  ad una conclusione inquietante. “Mi hai ignorato, così ora ti odio“, disse a Dio. “Tu non mi ami, e questo è quello che sono. Sono destinato per le tenebre  e non c’è modo di uscirne fuori. “

“Sono entrato in una condizione di quieta pazzia”, confessa. “Ho cominciato ad assumere sostanze stupefacenti in modo pesante, cocaina, e a spacciare droga ai ragazzi.”

Come chitarrista e principale compositore della band, trasse un certo vantaggio dalle sue performance sul palco. “Ovunque andassi le persone mi offrivano droghe,” dice Martin. “Trovare ragazze pronte a soddisfare i miei  desideri perversi, era diventato molto facile. Praticamente mi saltavano addosso.” Purtroppo, ragazzine anche di  14 anni hanno fatto parte del gruppo.

Martin ammette che ogni poliziotto nella sua contea avrebbe voluto arrestarlo. Ironia della sorte, la band faceva le prove  in uno studio accanto alla stazione di polizia. Anni dopo, ha chiesto ad un ufficiale di polizia perché non lo hanno mai arrestato.

Abbiamo arrestato persone per droga, ma nessuno ti ha mai voluto accusare perché  avevano paura che li avresti uccisi,” l’ufficiale gli disse.

Martin tornò a casa a trovare i suoi genitori prima che il suo gruppo andasse  in tour lungo la costa orientale. “Avevo la testa rasata, tatuaggi su tutto il corpo”, ricorda.

Stiamo andando a girare il mondo e … (omissis, ndt)” annunciò con aria di sfida ai suoi genitori. “Cosa ne pensate?”  I genitori rimasero senza parole.  Quella notte si giravano e rigiravano nel letto, incapaci di prendere sonno. “Diane, cosa diavolo ho fatto a quel ragazzo?” Il padre chiese. “Cosa abbiamo sbagliato con lui?”

Quando il gruppo di Martin arrivò in Florida, il loro autobus si ruppe. Poi due dei membri fondatori del gruppo  se ne andarono. “Avevano capito che ormai eravamo arrivati alla frutta e si erano stufati di me”.  Martin era completamente a terra a causa di tutti questi problemi.  “Ho pensato che era Dio a prendersela con me di nuovo,” dice. Andò in un  campo da baseball deserto e si buttò a terra faccia in giù.

Ti odio Dio“, gridò. ” Imprecò contro il nome di Gesù. ” Odio tutti i cristiani e il cristianesimo “, disse.

Poi, affondando le unghie nel terreno di quel campo, fece il suo patto con il diavolo. “Satana, dammi quello che voglio e io ti porterò tanti giovani quanti ne potrò afferrare.  Manderò le persone all’inferno con la musica.”

Pochi giorni dopo, il suo manager lo chiamò per dirgli  che aveva ottenuto un contratto discografico per il gruppo, qualcosa che Martin aveva desiderato per anni. Il suo patto con il diavolo sembrava dare i primi frutti! Martin  cambiò il nome del gruppo in “Hate Plow” e rapidamente sostituì  i due membri che avevano lasciato il gruppo.

La sua capacità di suonare sembrava accresciuta  come anche i suoi testi erano diventati più tetri.  “Dio è un bugiardo, i tuoi genitori sono bugiardi, tutti sono bugiardi  tranne me”,  cantava.  Martin si sentiva in cima al mondo, completamente realizzato nella sua distorta via .  Ma nel profondo delle sue tenebre  e del suo odio verso Dio e i cristiani, Dio mandò il messaggero più improbabile per attirare la sua attenzione.

Una mattina Martin era seduto a un tavolo, in un angolo di un ristorante McDonald. Era l’unico cliente nel ristorante fin quando un altro uomo entrò e inaspettatamente si sedette al suo stesso tavolo. Era strano, perché la faccia aggressiva di Martin non attraeva  di solito gli estranei.

“Quel tipo era basso di statura, grasso, con una cravatta funky, una maglietta  gialla e una folta barba bianca,” Martin ricorda. Sembrava un po’ come Babbo Natale, ma indossava una kippah. Aveva una cravatta con  “un milione di diversi strani disegni“.

Che c’è, vecchio? Martin chiese, abbastanza sorpreso dall’approccio dello straniero.

Che c’è, vecchio?”, scimmiottò lo strano uomo mescolando il suo caffè.

Ehi, che succede papà“, disse Martin.  “Ehi, che succede papà,” l’uomo ripeté.

Infuriato dall’apparente beffarda  imitazione dell’uomo, Martin balzò in piedi, si chinò e mise  il suo naso vicino al viso dell’uomo. “L’ho maledetto. L’ho apostrofato con ogni volgare parola che mi veniva in mente.”

L’uomo non reagì a quella sfilza di invettive, ma il ghiaccio era rotto. “Guarda, Dio mi ha mandato a dirti che ti ama,” iniziò quell’uomo. “Non è Lui il responsabile degli abusi che hai subito quando eri un ragazzo. Non è stato Lui a volerlo.”   Tuo padre ti ama davvero,” l’uomo continuò, ” ma non capisce. Ha fatto a te ciò che suo padre ha fatto a lui“.  “Dio ti sta aspettando per farti ritornare verso casa,”  concluse l’uomo, e poi improvvisamente si alzò in piedi e lasciò il ristorante.

Martin lo inseguì.  “Era pochi passi davanti a me e girò all’angolo di una siepe e improvvisamente scomparve. Lo avevo perso di  vista  per soli cinque secondi. “

Nonostante lo strano incontro con una persona che Martin ritiene possa essere stato un messaggero angelico, egli ritornò al suo lavoro come al solito. Non disse  a nessuno ciò che era successo.

Un mese dopo, era sdraiato nel suo autobus quando ebbe un potente incontro con Dio. “Dio venne in quel bus, mi toccò  sulla spalla, e mi fece vedere ciò che era diventato. Ho odiato ciò che ho visto.

La sua vita gli scorse davanti nel giro di pochi attimi.  “Mi sentivo come un bambino in un centro commerciale che aveva perso la sua mamma e si era perduto.”  Egli rimase lì a piangere per ore. “Dio, ti prego vieni, ripara la mia vita e cambiami”, gridò come un ragazzo smarrito. Poi cadde in un sonno profondo.

Quando si svegliò alle due del pomeriggio, uscì all’aperto e tutto sembrava diverso. “Le nuvole erano un po’ più leggere, l’erba sembrava più verde, gli uccelli cinguettavano.”

La mattina dopo, fu colpito dal cambiamento nella sua normale routine. Normalmente, si sarebbe drogato, preso la sua chitarra, e iniziato a lavorare sulla sua musica. Inspiegabilmente, non aveva più alcun desiderio per quelle cose.

Anche il desiderio per il contratto discografico – qualcosa su cui aveva lavorato per anni – lo lasciò. “Non volevo avere più niente a che fare con esso“, dice. “Tutto mi disgustava”

Dieci giorni dopo quest’opera di salvezza Dio aveva operato un profondo cambiamento nel suo cuore.

Cominciò ad avere problemi con i calcoli renali. “Decisi di tornare  in  Michigan per un intervento chirurgico. Dissi  ai ragazzi della band che sarei ritornato, ma non l’ho fatto.  Non volevo tornare indietro.

Dopo l’intervento, un vecchio amico andò a fargli visita. Il suo amico condivise alcune recenti sfide che aveva dovuto affrontare.  “Mia moglie mi ha lasciato e stavo per suicidarmi,” l’uomo confidò. “Ma Dio è venuto da me e ha cambiato la mia vita. Ora sono al suo servizio. Credo che Dio mi ha detto di darti questa Bibbia. “

Invitò Martin in chiesa, cosa per la quale egli non aveva  mai avuto alcun interesse in  precedenza. Più tardi, il pastore Bill Tulip  divenne suo consigliere e padre spirituale. “Ha passato molto tempo con me e non ha mai voluto  lasciarmi andare,” dice Martin. “Ci sono voluti tanti  anni. Ho dovuto lavorare con un mucchio di grossi  problemi.”

Se Martin guarda indietro, si rende conto che egli non stava cercando Dio o la salvezza quando nacque di nuovo. “La luce è venuta nelle tenebre e le tenebre non l’hanno compresa”, dice, citando l’apostolo Giovanni.

“Una lampada si accese e io ho ricevuto la vita.” dice. “Non ero più all’oscuro di chi Egli fosse  e perché era lì. Mi resi conto che Dio non era il cattivo.”

Egli ha aperto i miei occhi e mi ha fatto ritornare come un bambino. Ero completamente consapevole di chi Egli è. Tutto è cambiato in un istante. Tutto ad un tratto pensavo in modo diverso,  mi sentivo diverso. Se questo significa “nascere di nuovo”, allora  questo è ciò che mi  è successo.” Egli dichiara.

“Sono innamorato di Dio e Lui è innamorato di me e questo non cambierà mai,” conclude Martin. “Ero un disastro ed Egli mi ha trasformato in un miracolo vivente.”

 

Fonte: http://blog.godreports.com/2012/09/the-heavy-metal-satanist-rescued-by-christ/

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

PREGHIERA DI UN SERVITORE MINORE

 di A. W. TOZER – Questa è la preghiera di un uomo chiamato ad essere testimone alle Nazioni, questo  ci che egli disse al Signore il giorno in cui fu ordinato. Dopo che gli anziani e i ministri ebbero pregato ed imposto le mani su di lui, egli si ritirò per incontrare il suo Signore in un posto segreto e silenzioso, lontano anche dai suoi fratelli, e disse: …
Leggi Tutto

HO FINITO LA CORSA...

di Agostino Masdea   –  Messaggio predicato il 9 Novembre 2000 in occasione del funerale della sorella Anna Bracco, moglie del pastore Roberto Bracco, fondatore della nostra comunità. i) Vogliamo in questo giorno particolare benedire il Signore e siamo qui per dare il nostro ” arrivederci ” alla nostra cara sorella. Vogliamo anche  manifestare il nostro affetto e il nostro sentimento cristiano ai figli, ai parenti tutti. Le nostre …
Leggi Tutto

ARMONIA SPIRITUALE

di Agostino Masdea   –  “Rendete perfetta la mia gioia, avendo uno stesso modo di pensare, uno stesso amore, un solo accordo…” (Filippesi 2.2)  –   Questa richiesta di Paolo ai credenti di Filippi ci parla di armonia.  Che parola straordinaria… armonia! Ci parla di bellezza, di equilibrio, di gradevolezza.  E’ una parola legata alla musica: E’ una consonanza di voci o strumenti musicali che produca una sensazione piacevole, …
Leggi Tutto

Certezze per il futuro: valiamo più di molti passeri!

– di Agostino Masdea  –  “Due passeri non si vendono per un soldo? Eppure non ne cade uno solo in terra senza il volere del Padre vostro.  Quanto a voi, perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati.  Non temete dunque; voi valete più di molti passeri.” (Matteo 10:29-31) Viviamo in un mondo carico di sofferenza e di dolore; cosa si può fare? Possiamo rassegnarci, spaventarci, vivere nell’ansia …
Leggi Tutto

RIGUARDANDO A GESU'

di  AGOSTINO MASDEA  –  “…deposto ogni fascio, e il peccato che è atto a darci impaccio, corriamo con perseveranza il palio propostoci,  riguardando a Gesù, capo, e compitor della fede; (Ebrei 12:1-2) (Diodati)   –   La lettera agli Ebrei ci mostra la gloria di Cristo attraverso la storia del popolo di Dio, l’Antico Testamento, cioè il tempo di preparazione per la salvezza. Ci rivela come nessun altro libro del N.T …
Leggi Tutto

L' Asse del male

di RUDI JOAS  –  George W. Bush, l’ex presidente degli USA, ha suscitato l’attenzione del mondo, parlando in uno dei suoi precedenti discorsi governativi di «asse del male». Che cosa comprendiamo con il concetto «asse del male»? È riferito a persone o nazioni? Credo di no. Tutta l’umanità ha stabilito un’empia alleanza con il male. Tutti più o meno facciamo parte dell’ “asse del male”. Già dalla creazione …
Leggi Tutto

Terry Peretti - Gli ultimi tempi

Domenica 11 Novembre 2012 …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Quando lascerai questo corpo, sarai a casa nella Mia presenza.

ma siamo pieni di fiducia e preferiamo partire dal corpo e abitare con il Signore. (2 Corinzi 5:8) Sono così felice che l’apostolo Paolo abbia fatto questa dichiarazione che ci rivela una promessa molto speciale di Dio. Essere assenti dal nostro corpo significa essere presenti con il Signore! Egli promette di non lasciarci mai e non abbandonarci in questo mondo, e quando sarà il momento per noi di lasciare …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti