TUTTI PARLAVANO IN EBRAICO.

 

di Stanley H. Frodsham  –   Sono nato in Austria da genitori giudei e conosco l’ebraico fin dalla mia infanzia. Mi trovo in America da sei anni un mio ricco zio che abita a Seattle Washington, mi scrisse di andare a lavorare nella sua azienda e io andai.  Un piovoso martedì dell’inverno scorso mi trovai a passare davanti all’edificio di una missione alla settima strada di quella città. Vidi sopra la porta un’iscrizione: “Benvenuto!” Ed entrai per ripararmi dalla pioggia senza sapere che cosa facessero lì dentro. Erano tutti in ginocchio e pregavano. Dopo un poco sentii un uomo (il fratello Junk, un predicatore) che recitava il capitolo 53 di Isaia in lingua ebraica. Una donna stava cantando in ebraico un inno  che gli ebrei usano cantare il primo giorno del loro anno. Una bambina di 12 anni, inginocchiata, recitava il salmo 6. Una donna di colore cominciò a recitare in ebraico una parte del capitolo 33 di Geremia. Una donna scandinava parlò in ebraico e, rivolgendosi a me, mi disse che ero perduto e mi esortò a cercare il Signore. Tutto questo avvenne durante le riunioni di preghiera e mi accorsi che le lacrime gli scorrevano sulle guance. Dopo la preghiera cominciarono a cantare il cantico “l’antica sorgente” che mi toccò il cuore.

Sentendo tutto quel parlare in ebraico cominciai a domandarmi dove mi trovavo. Vedevo che non ero in una sinagoga e che i presenti non erano ebrei. Poi il fratello Junk predicò.  Dopo la predicazione, quella donna scandinava parlò in ebraico e mi disse di leggere Luca 15, Romani 5:8 e Romani 3:26. La bambina di 12 anni parlò in ebraico e mi chiese ripetutamente dove avrei passato l’eternità. Ciò mi mise in grande inquietudine circa la sorte dell’anima mia. Fu fatto l’appello ai peccatori e il fratello Junk venne fino a me e, prendendomi per la mano, mi fece pressione perché andassi avanti e accettassi la salvezza.

Chiesi al fratello Junk se era ebreo, al che egli rispose: ” Sono tedesco“. Gli chiesi se aveva studiato l’ebraico, ed egli replicò: “No!” “Come mai, allora lo sapete parlare?” “Ho parlato in ebraico?” “Sì”, gli risposi “e in un ebraico tale che al mio paese sono le persone che nascono e crescono fra gli ebrei sanno parlare“.

Il fratello Junk mi disse che era Dio che parlava e che mi diceva ciò che voleva, senza che chi parlava conoscesse quel che stava dicendo. Gli chiesi chi erano le altre persone che avevano parlato in ebraico ed espressi il desiderio di parlare con loro. Il fratello Junk chiamò quella donna e le disse di sedersi al mio fianco. Immediatamente lo Spirito del Signore fu sopra loro e allora cominciarono tutti a parlare in ebraico, esortandomi a dare il cuore al Signore e ad accettare la salvezza.

Questa improvvisa esplosione mi fece trasalire. Essi tutti mi esortarono ad inginocchiarmi e a pregare, parlando tutti in ebraico non conoscendo una sola parola di ciò che dicevano.

Tutti caddero in ginocchio, e allora anch’io mi inginocchiai e cominciai a pregare nella stessa lingua che loro parlavano chiedendo con lacrime misericordia a Dio. Questo durò circa un’ora. Gridavo così forte che mi potevano sentire da una grande distanza. Mi convertii a Dio ed oggi sono un cristiano felice.

 

tratto da “With Sign following”   Gospel Pub House  –  acquistabile presso:    http://www.amazon.it/With-Signs-Following-Stanley-Frodsham/dp/088243635X

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

EMOZIONI ARTIFICIALI

Qualche tempo fa un amico che guida la musica nella sua chiesa mi ha detto che il suo pastore chiedeva che le loro riunioni di culto fossero più emozionanti. Il dizionario dice che emozionante significa “che causa grande entusiasmo e fervore.” Certamente, nessuna cosa dovrebbe causare maggiore entusiasmo e fervore del fatto di incontrarsi con la chiesa e raccontare ciò che Dio ha fatto per salvarci dalla sua ira …
Leggi Tutto

Dai nostri culti

Pastore  Agostino Masdea  –  Domenica 4 Agosto 2014  –  (Isaia 40:25-31))   Dio è più grande dei nostri problemi, più grande delle nostre paure e dei nostri dubbi, più grande delle circostanze… chi confida in Lui rinnova ogni giorno le sue forze …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Ogni dono buono che tu ricevi viene direttamente dalle Mie mani.

Ogni cosa buona e ogni dono perfetto vengono dall’alto e discendono dal Padre degli astri luminosi presso il quale non c’è variazione né ombra di mutamento. (Giacomo 1:17) Pensa per un attimo a questa promessa per un momento. Dio sta dicendo che qualsiasi cosa buona riceviamo proviene direttamente da lui. Un’alba bellissima, lo scintillio degli occhi di una persona amata, tutto… Tutte le cose buone arrivano dal nostro caro Padre. La Bibbia dice …
Leggi Tutto

EGLI NON SAPEVA…

di E.K.Rusthoi  –  “Egli (Sansone), non sapeva che Dio s’era ritirato da lui” (Giudici 16,20).  –  “Or Mosè, quando scese dal monte Sinai – scendendo Mosè aveva in mano le due tavole della testimonianza – non sapeva che la pelle del suo viso era diventata tutta raggiante” (Esodo 34,29). Vorrei attirare la vostra attenzione su questi due versetti biblici che sembrano in aperto contrasto. Il primo è un …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io sono il Signore tuo Dio, che guarisce tutte le tue malattie

“Se tu ascolti attentamente la voce dell’Eterno, il tuo DIO, e fai ciò che è giusto ai suoi occhi e porgi orecchio ai suoi comandamenti e osservi tutte le sue leggi io non ti manderò addosso alcuna delle malattie che ho mandato addosso agli Egiziani perché io sono l’ Eterno che ti guarisco”. Esodo 15:26 Questa promessa Dio la pronuncia presso le acque di Mara, dove gli Israeliti …
Leggi Tutto

Perseverare nella Parola di Dio

di Roberto Bracco  –  “Se perseverate nella mia Parola…” (Giovanni 8:31)  –  Questo passo dell’Evangelo di Giovanni ci fa comprendere tre cose di grande importanza : – Per essere veramente discepoli di Gesù bisogna perseverare nella sua parola. – Mediante la perseveranza nella sua parola si giunge alla conoscenza della verità. – La conoscenza della verità produce la conquista della libertà. La prima cosa ci dice chiaramente che …
Leggi Tutto

Avvertimenti utili a quei membri di chiesa che non vivono in Cristo

di CHARLES H. SPURGEON – L’apostolo Paolo ci offre il modello perfetto di un uomo sinceramente consacrato. Pastore vigilante, si preoccupava incessantemente del gregge affidato alle sue cure e non si limitava a predicare l’Evangelo, ne pensava di aver fatto tutto il suo dovere annunziando la salvezza; ma i suoi occhi era?no sempre aperti sulle Chiese che ave?va fondato, seguendo con vivo interesse i loro progressi spirituali o …
Leggi Tutto

STORIA DI UN INNO: ABIDE WITH ME

Henry F. Lyte  ABIDE WITH ME (JESSY DIXON) Henry Francis Lyte  (1793-1847) nacque a Ednam, in Scozia e studiò alla Royal School di Enniskillen e al Trinity College, Dublino, dove conseguì la laurea in teologia.  Nel 1818 accadde qualcosa che nella sua vita ebbe un grande impatto spirituale, e che determinò un radicale cambiamento:  la malattia e la morte di un suo grande amico e fratello, un caro …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti