TUTTI PARLAVANO IN EBRAICO.

 

di Stanley H. Frodsham  –   Sono nato in Austria da genitori giudei e conosco l’ebraico fin dalla mia infanzia. Mi trovo in America da sei anni un mio ricco zio che abita a Seattle Washington, mi scrisse di andare a lavorare nella sua azienda e io andai.  Un piovoso martedì dell’inverno scorso mi trovai a passare davanti all’edificio di una missione alla settima strada di quella città. Vidi sopra la porta un’iscrizione: “Benvenuto!” Ed entrai per ripararmi dalla pioggia senza sapere che cosa facessero lì dentro. Erano tutti in ginocchio e pregavano. Dopo un poco sentii un uomo (il fratello Junk, un predicatore) che recitava il capitolo 53 di Isaia in lingua ebraica. Una donna stava cantando in ebraico un inno  che gli ebrei usano cantare il primo giorno del loro anno. Una bambina di 12 anni, inginocchiata, recitava il salmo 6. Una donna di colore cominciò a recitare in ebraico una parte del capitolo 33 di Geremia. Una donna scandinava parlò in ebraico e, rivolgendosi a me, mi disse che ero perduto e mi esortò a cercare il Signore. Tutto questo avvenne durante le riunioni di preghiera e mi accorsi che le lacrime gli scorrevano sulle guance. Dopo la preghiera cominciarono a cantare il cantico “l’antica sorgente” che mi toccò il cuore.

Sentendo tutto quel parlare in ebraico cominciai a domandarmi dove mi trovavo. Vedevo che non ero in una sinagoga e che i presenti non erano ebrei. Poi il fratello Junk predicò.  Dopo la predicazione, quella donna scandinava parlò in ebraico e mi disse di leggere Luca 15, Romani 5:8 e Romani 3:26. La bambina di 12 anni parlò in ebraico e mi chiese ripetutamente dove avrei passato l’eternità. Ciò mi mise in grande inquietudine circa la sorte dell’anima mia. Fu fatto l’appello ai peccatori e il fratello Junk venne fino a me e, prendendomi per la mano, mi fece pressione perché andassi avanti e accettassi la salvezza.

Chiesi al fratello Junk se era ebreo, al che egli rispose: ” Sono tedesco“. Gli chiesi se aveva studiato l’ebraico, ed egli replicò: “No!” “Come mai, allora lo sapete parlare?” “Ho parlato in ebraico?” “Sì”, gli risposi “e in un ebraico tale che al mio paese sono le persone che nascono e crescono fra gli ebrei sanno parlare“.

Il fratello Junk mi disse che era Dio che parlava e che mi diceva ciò che voleva, senza che chi parlava conoscesse quel che stava dicendo. Gli chiesi chi erano le altre persone che avevano parlato in ebraico ed espressi il desiderio di parlare con loro. Il fratello Junk chiamò quella donna e le disse di sedersi al mio fianco. Immediatamente lo Spirito del Signore fu sopra loro e allora cominciarono tutti a parlare in ebraico, esortandomi a dare il cuore al Signore e ad accettare la salvezza.

Questa improvvisa esplosione mi fece trasalire. Essi tutti mi esortarono ad inginocchiarmi e a pregare, parlando tutti in ebraico non conoscendo una sola parola di ciò che dicevano.

Tutti caddero in ginocchio, e allora anch’io mi inginocchiai e cominciai a pregare nella stessa lingua che loro parlavano chiedendo con lacrime misericordia a Dio. Questo durò circa un’ora. Gridavo così forte che mi potevano sentire da una grande distanza. Mi convertii a Dio ed oggi sono un cristiano felice.

 

tratto da “With Sign following”   Gospel Pub House  –  acquistabile presso:    http://www.amazon.it/With-Signs-Following-Stanley-Frodsham/dp/088243635X

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • CONSIGLIO EMPIO
    In Devotional
    di Elisabeth Elliot   – “Beato l’uomo che non cammina nel consiglio degli empi” (Salmo 1:1).  – In un recente convegno una giovane donna mi disse che suo marito aveva chiesto il divorzio, ma acconsentì a una consulenza cristiana prima di renderlo definitivo. Un membro della squadra nel centro di consulenza gli disse che egli stesso era divorziato e felicemente risposato. Questo era tutto ciò che quel marito voleva sentirsi dire. L’uomo a cui si era rivolto per avere aiuto, era l’esempio che egli sperava di trovare. Naturalmente andò avanti e divorziò dalla moglie. Il ventitreesimo capitolo di Geremia [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • DOVE SONO I VERI PROFETI?
    di A. W. TOZER  –  Il dono del discernimento profetico è una necessità assoluta del nostro tempo. Un profeta è una persona che conosce l’epoca in cui vive e ciò che Dio sta cercando di dire ai suoi contemporanei.  Ciò che Dio ha da dire alla sua Chiesa, in qualsiasi epoca, dipende dalla condizione morale e spirituale in cui la Chiesa versa nonché dalle necessità spirituali del momento. I capi religiosi che continuano a esporre le Scritture meccanica- mente senza considerare la situazione religiosa attuale non sono migliori di quegli scribi e dottori della legge dei tempi di Gesù che recitavano scrupolosamente i precetti della Legge ignorando completamente ciò che accadeva intorno a loro nel campo spirituale. Essi somministravano la stessa dieta a tutti, apparentemente senza rendersi […]
  • IL MATRIMONIO (Consigli ai giovani.)
    Prefazione Capitolo 1 – Prima del Matrimonio Capitolo 2 – Il Fidanzamento Capitolo 3 – Il Marito nel Matrimonio Capitolo 4 – Doveri di un Marito Capitolo 5  – Problema Sessuale Capitolo 6 – Debolezza Femminile Capitolo 7 – La Prole e la Santità del Matrimonio  Prefazione Questo volumetto si propone uno scopo modestissimo: sospingere i giovani allo studio delle Scritture affinché soltanto esse siano guida e consiglio nel problema del matrimonio. Prevedo che questo studio darà ai giovani una visione più larga e soprattutto più impegnativa del matrimonio, ma questa eventualità non deve essere motivo di rammarico per nessuno. Soltanto il ” matrimonio cristiano ” contiene in se stesso il germe di una felicità che trascende i sensi ed il […]
  • CHI, E COSA E’ DIO
    di BILLY GRAHAM  –  Nella Bibbia Dio si rivela in mille maniere e se noi la leggiamo con eguale attenzione e regolarità del nostro giornale quotidiano, saremo informati di Dio  come  del  nostro giocatore di calcio favorito! Come un diamante ha molteplici facce, così gli aspetti della rivelazione di Dio circa Se stesso, sono innumerevoli e riempirebbero degli interi volumi. Ne illustrerò quattro che sembrano i più significativi e che dovremo sempre ricordare. Primo: La Bibbia dichiara che Dio è Spirito. Gesù parlando alla donna del pozzo di Sichar dà questa penetrante definizione: “Iddio è Spirito” (Giov. 4:24). A che pensate quando dite le parole spirito? Quali immagini questa parola suscita in voi? Pensate ad una nube di vapore fluttuante nel cielo? Lo Spirito è uno […]
  • Vita Cristiana giorno per giorno.
    di H. W. Smith- “O voi tutti che siete assetati, venite alle acque, e voi che non avete denaro venite, comprate, mangiate! Venite. comprate senza denaro, senza pagare, vino e latte! Perché spendete denaro per ciò che non è pane, e il frutto delle vostre fatiche per ciò che non sazia? Ascoltatemi attentamente e mangerete ciò che è buono, e l’anima vostra godrà di cibi succulenti! (Isaia 55:1?2) Nell’ambito della nostra esistenza fisica sappiamo che il nostro corpo ha bisogno di cibo quotidiano. Lo stesso vale per ciò che concerne la nostra vita spirituale. La nostra anima ha bisogno di essere nutrita ogni giorno. “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” è un’espressione che include anche le necessità spirituali. Se la nostra anima non viene nutrita […]
  • I DONI DELLO SPIRITO
    La Chiesa di Dio deve essere edificata dallo Spirito Santo, il quale opera attraverso la strumentalità umana, distribuendo i Suoi doni come vuole e quando vuole. Questa volontà dello Spirito non deve essere interpretata come una manifestazione capricciosa e disordinata, ma come un’azione sottoposta ad una legge superiore che sfugge, in gran parte, alla nostra ragione. […]
  • SETTE PASSI PER TROVARE DIO
    di William Booth  –  Lo scritto How to find God di William Booth, fondatore dell’Esercito della Salvezza, presenta la visione di un uomo che per tutta la vita ha amato Dio profondamente. Booth ha amato, oltre Dio, anche gli altri, continuando ad adoperarsi affinché quanti, vivendo nelle tenebre, nella difficoltà e nel peccato, e che avevano bisogno di conoscere Dio, potessero incontrarLo personalmente. Anche oggi per chiunque è possibile nutrire il santo desiderio di cercare Dio, di entrare e gustare la gioia e la pace che Egli dona gratuitamente ad ogni cuore che si apre nella Sua presenza, ricercando una personale relazione con il nostro Padre che è nel cielo. I sette passi qui di seguito sono per quanti hanno un serio desiderio di ricevere grazia, perdono e misericordia da […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti