C’E’ POTENZA NEL SANGUE DI GESU’

di Charles Greeneway  –  Ricordo nel 1945, quando giacevo in una capanna di fango in Africa. Avevo la febbre nera, ed era un tempo in cui si poteva morire di quella malattia. Ho contato 124 tombe di missionari che non avevano raggiunto i quarant’anni. Ho seppellito i miei amici, ho dovuto imbracciare un fucile per poter difendere il loro corpo esanime dagli animali feroci perché al mattino potessimo svolgere il funerale. Ho pianto, ho gridato, posso indicarvi delle tombe di missionari che sono stati sepolti dopo una vita intera dedicata al Signore e senza vedere neanche un frutto del loro lavoro, ma un giorno lo vedranno perché hanno provveduto ad arare fedelmente il loro campo. Non esiste raccolta se qualcuno prima non ara il terreno! Continuiamo ad arare, seminiamo e lasciamo i risultati nelle mani di Dio. Il Signore ci dia degli uomini “apostolici”, con una potenza “apostolica”, con un messaggio “apostolico” e allora saranno come un aratro. Il premio è lo stesso sia per l’aratore che per il mietitore. Spesso, però, vogliamo soltanto raccogliere, ma qualcuno deve arare. Se si guarda al lavoro compiuto e si vede poi un’altra generazione che raccoglie, ci si chiede: “Perché non ho potuto raccogliere invece di arare?” Qualcuno, però, deve arare; i nostri padri hanno arato, sono stati odiati, le loro case bruciate e le loro riunioni interrotte, ma hanno continuato ad arare!

Mi trovavo lì, su quel lettuccio, sapevo che dovevo morire, e perciò chiamai mia moglie. Aveva il nostro bambino fra le braccia, non possedevamo nulla, né automobile, né frigorifero. Sapevamo di missionari che stavano a giornate di cammino lontano da noi, non c’erano dottori e neanche medicine. Quindi dissi a mia moglie: “Sto per morire”, forse avevo ancora soltanto quattro ore di vita. Ne avevo visto morire tanti con questa febbre. Mia moglie sedette sul letto e mi disse: “Charles, abbiamo gettato il pane sulle acque, abbiamo fatto tutto quello che Dio ci ha comandato, aspettiamo che il pane torni”.
Subito dopo quelle parole sentii delle persone che cantavano: “C’è potenza, c’è potenza miracolosa nel sangue prezioso di Gesù!”. In quel momento pensai che erano gli angeli, quando invece mi resi conto che gli angeli non possono cantare quell’inno perché non sono redenti, ma io sono redento, questo è il mio cantico, è la mia redenzione! Guardai attraverso un foro praticato nella parete della capanna e vidi circa quattrocento africani che camminavano su quel piccolo viottolo, accanto alla casa e con i loro tam-tam suonavano e cantavano quel cantico meraviglioso! Chi erano? Era il pane che avevamo gettato sulle acque, erano coloro verso i quali il Signore ci aveva guidato per aiutarli. Parlavamo la loro lingua, mangiavamo quello che loro mangiavano, li abbiamo visti venire alla croce. Oggi, in quel luogo ci sono duecentomila cristiani pentecostali. Vennero e circondarono quella piccola capanna, cominciarono a pregare, una quindicina di loro entrarono si radunarono intorno al mio letto, si chinarono con la faccia fino a terra e cominciarono a pregare. Ora erano loro che rispondevano al mio bisogno!
Pregarono e Dio ascoltò le loro preghiere, le pecore che avevamo mandato fuori ora tornavano indietro e il Signore mi guardò, vide il mio bisogno, stese la Sua mano e versò il suo balsamo su me! Se sei un uomo scelto da Dio l’inferno deve arretrare; Dio verrà ed opererà. Io fui guarito, mi alzai dal letto, uscii fuori e quando mi videro tutti cominciarono a lodare Iddio, a cantare, fecero tanto rumore che richiamarono l’attenzione dei villaggi vicini e per tre giorni interi fu una festa senza interruzioni e la gente fu salvata, guarita e ripiena di Spirito Santo.

Tutto questo perché in un posto sperduto, Dio ci aveva aiutato a rispondere al bisogno di un uomo che non conoscevamo!

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • MEDITAZIONE DEL GIORNO: UNO SPIRITO PIENO DI RINGRAZIAMENTO
    In Devotional
    di H.E. Schmul  –  William Booth esortava i soldati dell’ Esercito della Salvezza a «coltivare un cuore pieno di gratitudine. Non esiste niente di più accettevole al Padre celeste, niente di più piacevole per i tuoi contemporanei o niente che favorisce la propria pace interiore che uno spirito pieno di gratitudine. Queste sagge parole del grande generale dell’Esercito della Salvezza dovrebbero essere scritte sulla porta di ogni casa cristiana. C’è molto di cui essere grati. Ci sono molte ragioni per la gratitudine e per le espressioni di gratitudine. Manifestazioni di lode dovrebbero” udirsi ogni giorno nelle nostre case [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Io benedirò i costruttori di pace e li chiamo miei figli
    Beati coloro che si adoperano per la pace, perché essi saranno chiamati figli di Dio. (Matteo 5:9) Come pensi si senta un padre nel vedere i suoi figli litigare in casa sua? Come padre io stesso so quanto dispiacere ho provato quando ho visto i miei figli non andare d’accordo. Il cuore di un padre è per la pace e l’armonia dei suoi figli. Quando penso a questa promessa, sono incoraggiato che ci sia una benedizione per noi quando amiamo la pace e facciamo tutto il possibile per vivere in pace con tutti coloro che ci circondano. A volte semplicemente non è possibile, ma per quanto dipende da noi, dobbiamo essere un popolo che ama la pace. Nella promessa di oggi, leggiamo che i figli di Dio saranno operatori di pace. Visto che siamo stati fatti uno con Gesù, e uno dei suoi nomi è […]
  • Meditazione del giorno: IL PADRE NOSTRO
    by Carter Conlon |  In Luca 11:2-4 Gesù ci insegnò come pregare. Esaminiamo brevemente alcune delle basi che Egli insegnò. “Padre nostro”— Dobbiamo capire che adesso siamo in relazione con Dio il Padre attraverso Gesù Cristo. Questo ci garantisce il diritto di andare davanti al Suo trono e far conoscere le nostre richieste. “Che sei nei cieli”— Le sue vie sono più alte delle nostre vie; i Suoi pensieri sono più alti dei nostri pensieri. Egli vive in un luogo di assoluta e totale vittoria. Non c’è possibilità di sconfitta in Dio. “Sia santificato il Tuo nome”— Possiamo fidarci del nome e della reputazione di Dio. Egli non ci dirà mai nulla che sia contrario alla verità. […]
  • Avvertimenti utili a quei membri di chiesa che non vivono in Cristo
    di CHARLES H. SPURGEON – L’apostolo Paolo ci offre il modello perfetto di un uomo sinceramente consacrato. Pastore vigilante, si preoccupava incessantemente del gregge affidato alle sue cure e non si limitava a predicare l’Evangelo, ne pensava di aver fatto tutto il suo dovere annunziando la salvezza; ma i suoi occhi era?no sempre aperti sulle Chiese che ave?va fondato, seguendo con vivo interesse i loro progressi spirituali o il loro declino della fede. Quando l’apostolo Paolo doveva allontanarsi in altre località a proclamare l?Evangelo, non cessava mai di […]
  • FAVORITI NELL’AMATO SUO FIGLIO.
    Efesini 1:6  –   i.  –  A volte ci capita di avere l’imbarazzo della scelta. E’ come se trovandoci davanti  ad uno scrigno pieno di perle o pietre preziose dovessimo sceglierne una tra le tante….!  La lettera agli Efesini è come quello scrigno: solo in questi primi sei versi dobbiamo fare uno sforzo per scegliere una delle tante perle che contiene;  scegliamo il verso sei, e in particolare le parole: favoriti nell’amato Suo Figlio. […]
  • GOLGOTA DIMENTICATO
    ?di J. R. GSCHWEND ?- ?Missionario in AFRICA per pi? di 70 anni. Milioni di uomini e donne di tutte le classi sociali e di tutte le nazioni, piangono e piangeranno ancora amaramente, perch? si sono dimenticati del Golgota e del Figliuolo di Dio che offri per la loro salvezza, nei giorni della sua carne, preghiere, supplicazioni con alte grida e con lacrime (Ebrei 5.7). Migliaia di persone piangono perch? non hanno mai pianto e non hanno mai versato lacrime di pentimento ai piedi della Croce. Durante un convegno pasquale, a Johannesburg, lo Spirito Santo convinse centinaia e centinaia di anime del proprio peccato, della propria incredulit?, della giustizia e del giudizio. Donne e uomini, giovani ed anziani erano radunati per rammemorare il Golgota. Era un venerd? […]
  • UN SEGRETO SULLA GRAZIA
    di Max Lucado  –  Ecco un segreto sulla GRAZIA:  dieci piccole parole che spiegano tutto quello che c’è da sapere: “Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?” (Romani 8:28). Da un lato questo concetto può sembrare cosi semplice, in realtà, queste parole contengono un significato veramente profondo. Esaminiamo attentamente le quattro parole di questo versetto. Leggete lentamente la frase: “Dio è per noi”. Fate una pausa, per un minuto, prima di continuare. Leggetela di nuovo, ad alta voce: “Dio e per noi”. Ripetete la frase per quattro volte, questa volta enfatizzando ogni volta una parola diversa. DIO è per noi Dio E’ per noi Dio è PER noi Dio è per NOI DIO È PER NOI I tuoi genitori potrebbero […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti