COME LEW WALLACE INCONTRO’ CRISTO SCRIVENDO BEN HUR.

Lew_Wallace_-_Brady-Handy

Lew Wallace, l’autore del best-seller “Ben Hur”, da cui fu tratto il famoso film di Charles Heston fu un avvocato prima, poi senatore e infine generale nell’esercito americano.  Ma la sua fama la ottenne scrivendo il romanzo “BEN HUR”, che aveva cominciato a scrivere per screditare il cristianesimo. Ma…

Avevo appena terminato di leggere «Ben Hur» ; il libro giaceva ancora aperto sul tavolo, quando l’autore, Lew Wallace, entrò nella stanza. «Questo libro mi è stato di grande benedizione», gli dissi, «ed ho intenzione di rileggerlo più volte».  L’autore parve lieto del mio entusiasmo; ed io m’arrischiai a chiedergli che cosa lo avesse spinto a scrivere quella storia. Dopo un istante di riflessione, egli mi rispose: «Ve lo dirò con piacere». Mettendosi confortevolmente a sedere, egli mi raccontò quanto segue:

«Ero conosciuto come un ateo inveterato, avendo rinnegato interamente il Cristianesimo. A quel tempo, Robert G. Ingersol era uno dei miei più intimi amici. Sempre a quel tempo rassegnai le dimissioni da governatore del Territorio dell’Arizona e mi trasferii ad oriente degli Stati in compagnia di Ingersoll. Mentre il treno si avvicinava a St. Louis il nostro ragionamento cadde sul Cristianesimo. «Non è strano,» esclamò Ingersoll, «che delle persone apparentemente intelligenti continuino a credere alle dottrine folli che vengono insegnate nelle Chiese Cristiane? Quand’e che si comprenderà che gl’insegnamenti del la Bibbia non sono che follia?».

Continuammo ha parlare su questo argomento per un certo tempo poi tutto d’un tratto, Ingersoll mi dissi bruscamente: «Wallace, tu che sei un dotto e un pensatore, perché non cerchi dei documenti e non scrivi un libro che provi la falsità delle dottrine di Gesù Cristo, l’errore di credere che un simile personaggio sia mai esistito e che possa essere l’autore del Nuovo Testamento. Uno studio del genere ti assicurerebbe una gloria mondiale. Sarebbe un capolavoro e l’unico mezzo per porre fine i questa chimera ed a tutto ciò che concerne il sedicente Cristo e Salvatore de mondo».

Questa proposta fece una profonda impressione sul mio spirito e ci mettemmo a parlare sulla portata di un tale libro. Nel separarci, assicura al mio amico che mi sarei subito messo all’opera e che avrei pubblicato un studio che sarebbe stato il mio capolavoro e il coronamento dei miei sforzi.

Arrivai ad Indianapolis dove mi ero sistemato e parlai del mio nuovo progetto con mia moglie. Ella era membro della Chiesa Metodista e, naturalmente, il mio progetto la rattristò molto ma ero risoluto a realizzarlo e cominciai perciò a raccogliere tutti i documenti che trovai nelle biblioteche di America e d’Europa. Raccolsi tutti gli scritti che potevano far luce sull’epoca in cui, secondo le tradizioni, Gesù era vissuto. Passai molti anni in queste ricerche e quando pensai di avere in mano tutto il materiale necessario, cominciai a scrivere l’opera progettata.

Ero arrivato al IV° capitolo quando mi prese il convincimento che Gesù Cristo era una persona vivente tanto quanto Socrate, Platone, Giulio Cesare e gli altri grandi uomini dell’antico. Questo convincimento divenne certezza: dovetti riconoscere che Gesù Cristo era realmente vissuto sulla terra; i fatti storici inerenti a quel periodo non facevano che corroborare questa verità.

Mi sentii improvvisamente in una posizione errata: Avevo cominciato a scrivere un libro allo scopo unico di provare che Gesù Cristo non era mai esistito, mentre invece, alla luce dei fatti, ero obbligato a riconoscere che Egli era effettivamente vissuto sulla terra. In seguito, un altro interrogativo cominciò a torturarmi: «Se Gesù Cristo era veramente esistito (e non vi erano dubbi al riguardo) era Egli il Figlio di Dio e il Salvatore del Mondo?» Una luce cominciò a rischiarare la mia anima.

Una notte, non dimenticherò mai quel momento, caddi in ginocchio e, per la prima volta nella mia vita, chiesi a Dio di rivelarsi al mio cuore, di perdonare i miei peccati e di aiutarmi a divenire uno dei suoi fedeli servitori. Verso il mattino la certezza profonda della fede aveva invaso il mio cuore. Entrai nella camera dove dormiva mia moglie e la destai annunciandole che avevo accettato Gesù come Salvatore e Signore. Alla notizia il suo volto si illuminò di gioia: «O Lew», mi disse, «dal giorno che mi hai manifestate le tue intenzioni di scrivere quel libro, non ho cessato dal pregare che Iddio ti avesse illuminato nella verità.

C’inginocchiammo ai piedi del letto in quell’ora mattutina ed insieme ringraziammo Iddio per la Sua misericordia e per il cammino glorioso sul quale mi aveva guidato. Non credo che possa esistere gioia più intensa di quella che provammo quel mattino quando, dopo molti anni di matrimonio, fummo veramente uniti nella comunione di Cristo.

In seguito chiesi a mia moglie che cosa avrei dovuto fare di tutti quei documenti che avevo raccolto a prezzo di tanti sforzi e sacrifici.

«Oh,» mi rispose, «riscrivi i primi quattro capitoli e prosegui il libro, al fine di provare, alla luce delle ricerche e delle tue esperienze personali, che Gesù Cristo è veramente quel che Egli ha dichiarato di essere: il Figlio di Dio e il Salvatore del mondo».

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • meditazione del giorno: FEDE E VISIONE
    In Devotional
    di L.B. Cowman   –   “Elia era un uomo sottoposto alle stesse nostre passioni, eppure pregò intensamente.” Giacomo 5:17  –   Grazie a Dio Elia era un uomo “come noi“!  Seduto sotto un albero,  si lamentò con Dio ed espresse la sua incredulità – proprio come spesso facciamo anche noi. Eppure non faceva così quando egli era veramente in contatto con Dio. “Elia era un uomo come noi“, ma “egli pregò intensamente“. Il significato letterale nell’originale greco è straordinario: dice  che egli “pregava nella preghiera.” In altre parole, “ha perseverato, ha continuato a [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • BEATI I MORTI…
    di Roberto Bracco   –   E udii una voce dal cielo che diceva: «Scrivi: beati i morti che da ora innanzi muoiono nel Signore. Sì, dice lo Spirito, essi si riposano dalle loro fatiche perché le loro opere li seguono».  (Apocalisse 14: 13) Questa parola ci vieta di “essere contristati” come coloro che vivono senza una speranza nel cuore. La tradizione umana e la liturgia ecclesiastica hanno dedicato il mese di novembre alla memoria o al culto dei morti. Non sappiamo se la scelta è stata ispirata dal fatto che il mese di novembre sembra essere il più triste fra i mesi dell’anno, ma sappiamo comunque, che l’ unione dell’elemento naturale a quello liturgico genera un sentimento di mestizia che pervade l’intera società umana. […]
  • SANSONE: FORZA E DEBOLEZZA
    di H. CARTER  –  La storia di Sansone, l’uomo forte consacrato a Dio, contiene un insegnamento utile a tutti. È il racconto di un israelita così forte che poteva portare sulle spalle le porte della città di Gaza, ed anche così debole che fu vinto dalle astuzie di una donna.  Leggendo la sua storia, ci si meraviglia ad un tempo sia della sua forza che della sua debolezza. Quando lo Spirito dell’Eterno era su di lui, egli poteva sconfiggere i filistei con i loro eserciti, abbattere le porte della città e demolire interamente il tempio di Dagon. Dalle esperienze di Sansone possiamo apprendere alcune lezioni d’ordine spirituale che ci aiuteranno a riportare la vittoria ed a vincere le battaglie contro il mondo, la carne e Satana. La nascita di Sansone fu soprannaturale. La madre era […]
  • IL RISVEGLIO NASCE NELLA NOSTRA CASA
    Quando una chiesa entra in crisi, generalmente si attribuisce la colpa a questo o a quella persona ( quasi mai a noi stessi…) ed in percentuale logicamente maggiore al Pastore ed ai suoi più stretti collaboratori ; vale a dire a quelli che hanno delle responsabilità e fanno qualcosa per sostenere e portare a- vanti l’Opera del Signore. Chi non fa nulla non sbaglia mail Oppure si cercano le cause nell’intemperanza di alcuni membri ed il rimedio nell’ambito della comunità medesima: esortandosi (nel migliore dei casi) a vicenda ed impegnandosi ad un più assiduo esercizio della preghiera e ad una maggiore coerenza spirituale. Difficilmente si va più lontano o, — per usare un’espressione corrente, — più a monte di questo. Ma è proprio vero che i motivi della crisi sono da […]
  • MEDITAZIONE DEL GIORNO: SEMI DI PERDONO
     by Nicky Cruz –   Vorrei che voi poteste sperimentare il miracolo che la nostra famiglia ha ricevuto. Vorrei che sentiste la differenza tra come viviamo adesso e come vivevamo durante i giorni della mia gioventù. Oggi io amo i miei fratelli e le mie sorelle con passione; non c’è nulla che preferirei fare se non stare insieme alla mia famiglia per ridere, parlare e piangere con loro. […]
  • NON SIAMO PROTESTANTI
    Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma. […]
  • CHI, E COSA E’ DIO
    di BILLY GRAHAM  –  Nella Bibbia Dio si rivela in mille maniere e se noi la leggiamo con eguale attenzione e regolarità del nostro giornale quotidiano, saremo informati di Dio  come  del  nostro giocatore di calcio favorito! Come un diamante ha molteplici facce, così gli aspetti della rivelazione di Dio circa Se stesso, sono innumerevoli e riempirebbero degli interi volumi. Ne illustrerò quattro che sembrano i più significativi e che dovremo sempre ricordare. Primo: La Bibbia dichiara che Dio è Spirito. Gesù parlando alla donna del pozzo di Sichar dà questa penetrante definizione: “Iddio è Spirito” (Giov. 4:24). A che pensate quando dite le parole spirito? Quali immagini questa parola suscita in voi? Pensate ad una nube di vapore fluttuante nel cielo? Lo Spirito è uno […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti