La conversione di Phil Thatcher

Gangster-Squad-black-and-white-5A 18 anni ero entrato e uscito tre volte dal riformatorio e a 30 anni avevo passato più tempo in prigione di quanto ne avessi passato fuori. Tutto cominciò quando ero ragazzo. Sono cresciuto in campagna; mio padre era agricoltore e faceva anche il pastore evangelico. Io lo rispettavo e gli credevo. Mi diceva il che il mio vero Padre era in cielo e che mi stava sempre vicino in qualsiasi situazione della mia vita. Un giorno mia madre mi chiamò e mi disse che mio padre stava molto male e dopo pochi giorni egli morì. Io restai male al punto di considerare che se Dio si prende così a quelli che lo amano, io non volevo saperne di Lui. Dovemmo lasciare la fattoria e trasferirci in città a Sacramento. In una stanza dormivamo io, mia madre e quattro sorelle. Incominciò così la mia vita di criminale. Un giorno

aspettavo fuori ad una banca in una macchina: io e un amico eravamo pronti per assaltarla quando fummo circondati da due poliziotti che ci arrestarono ma io avevo due pistole e con una mano, nonostante le manette che avevo, riuscii a tirarla fuori e a puntarla in faccia al poliziotto. Stavo per sparare ma in quel momento mi venne una visione di mia madre che pregava per me e non riuscii a sparare. Diedi l’arma al poliziotto che mi ringraziò per non aver sparato. Con la testimonianza dell’agente, feci 2 anni e mezzo di carcere nel penitenziario di San Quintino. Passati i 2 anni e mezzo uscii dal carcere e cercai lavoro ma il gioco d’azzardo e la cattiva compagnia mi portò di nuovo a delinquere. E dopo rapine, assalti e furti venni arrestato e trasferito nel carcere di Fonson dove ebbi 25 anni di detenzioni più lavori forzati. Mia madre non si arrese mai e mi diceva che Dio aveva un piano per la mia vita e mi spediva sempre lettere con passi e citazione bibliche. Io puntualmente li stracciavo e li buttavo via nel cestino. C’era nel carcere un detenuto soprannominato “padrino”: era malvagio, aveva tre ergastoli e aveva già ucciso due detenuti. Un giorno ero tanto arrabbiato che feci a botte con lui il quale mi disse: “Phil guardati sempre la schiena perché un giorno ti ucciderò.” Nel carcere c’era una cappella con un pastore di nome Dallap che svolgeva servizi di culto. Un giorno un credente nel mettere a posto la cappella notò una bibbia tutta sgualcita con pagine a penzoloni e domandò al pastore: “Dallap che faccio di questa Bibbia vecchia, la butto?” Il pastore disse “No, vai tra le celle e mettila sul letto di qualche detenuto”. E preghiamo il Signore ti guidi nella cella giusta. Così la sera trovai questa Bibbia nel mio letto. Pensai sicuramente deve essere stata mia madre a mandarmela e da quella sera incominciai a leggere la Bibbia. Quello che mi colpì leggendola era che Gesù non era la persona che parlava solo ai religiosi ma sopratutto ai ladri, prostitute, assassini e delinquenti e mi chiesi: “Allora può parlare anche a me?” Una sera mi misi a pregare e all’improvviso vidi una croce illuminata nella mia cella e sentii una voce dentro di me che mi diceva di chiedere perdono per i miei peccati e così feci mentre le lacrime bagnavano il cuscino sentii una forza nuova, come se un’altra vita stesse entrando in me e vidi tutti i peccati di una vita passarmi davanti. Piansi tutta la notte a causa dei miei peccati, ma la mattina sentii che Gesù mi aveva perdonato e liberato. Frequentai la cappella e come prima cosa andai a chiedere scusa a “padrino” che stranamente si impietosi e mi dette la mano. Poi mi chiamarono per esaminare il mio caso e darmi una condanna definitiva. Dissi a me stesso che insieme al Signore avremmo affrontato il caso e così, davanti a due giudici, dichiarai che ero diventato cristiano e che la mia vita era cambiata indipendentemente dalla condanna che potevano darmi. Il vecchio Phil non c’era più. Così fra sconti e buone condotte, dopo dieci anni mi diedero la possibilità di uscire dal carcere ma dovevo trovarmi un lavoro entro 24 ore. Cercai per tutto il giorno senza risultato; poi andai in un cantiere navale a chiedere un lavoro ma sembrava tutto chiuso per me. Parlai con il direttore che mi disse “Vedremo, le facciamo sapere”. Mentre uscivo dal cantiere una voce dentro di me mi indicava di andare in una baracca e spinto da quella voce entrai: c’era un vecchio quasi ubriaco con una bottiglia in mano che beveva. Gli chiesi scusa per il disturbo e me ne stavo andando quando il vecchio mi disse “Un goccio figliolo?” Io gli dissi no, che stavo cercando lavoro e gli spiegai la mia storia e se non trovavo lavoro per mezzogiorno di domani dovevo rientrare in carcere. Il vecchio senza dire una parola alzò il telefono e chiamò il direttore per farmi avere un posto di lavoro. Il vecchio era il proprietario del cantiere navale.

Phil Thatcher passo gli ultimi anni evangelizzando nei penitenziari della California dove portò molte anime al Signore perché un padre e una madre avevano pregato per lui. Se nessuno ha mai pregato per te il Signore Gesù ti sta invitando adesso ad andare a Lui.

Tratto da: http://storiedifedevissute.blogspot.it/

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

DALL'ISLAM A CRISTO -

TESTIMONIANZA   –  Mi chiamo RUBEN DAZAR, (il nome è inventato) e sono nato in una città a nord dell’Iran, sotto un nome diverso sono cresciuto in una famiglia musulmana molto fervente. Mio nonno materno era un Ayetoalah, cioè un insegnante dell’islam, ed essendo suo nipote ero ben conosciuto e molto rispettato nella comunità. Nel corso degli anni ho scritto alcuni libri sull’IsIam. Mia madre è stata allevata …
Leggi Tutto

RIVOLUZIONE D’EQUILIBRIO

di GEORGE VERWER  –  L’equilibrio spirituale è qualcosa che deve essere reale per ognuno di noi. Se uno ne comprende solo superficialmente i principi, allora egli ben presto troverà che essi non saranno in grado di sostenere il confronto col mondo secolare. È una mia profonda convinzione che il discepolato non è solo per operai a tempo pieno. Il discepolato è per ogni credente. Il discepolato non è …
Leggi Tutto

17 Aprile 2011 - ZAC POONEN

Ospite il pastore ZAC POONEN della Christian Fellowship Church, Bangalore, India. Potete ascoltare la sua predicazione (Paul Schafer interprete) …
Leggi Tutto

"Umiltà: il Cuore di un Servo"

AGOSTINO MASDEA: “Umiltà: il Cuore di un Servo” – Sermone sul testo di Filippesi 2:1-11  ” 1 Se dunque vi è qualche consolazione in Cristo, qualche conforto d’amore, qualche comunione di Spirito, qualche tenerezza e compassione, 2 rendete perfetta la mia gioia, avendo uno stesso modo di pensare, uno stesso amore, un solo accordo e una sola mente 3 non facendo nulla per rivalità o vanagloria, ma con umiltà, ciascuno di voi stimando …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io sono il Signore tuo Dio, che guarisce tutte le tue malattie

“Se tu ascolti attentamente la voce dell’Eterno, il tuo DIO, e fai ciò che è giusto ai suoi occhi e porgi orecchio ai suoi comandamenti e osservi tutte le sue leggi io non ti manderò addosso alcuna delle malattie che ho mandato addosso agli Egiziani perché io sono l’ Eterno che ti guarisco”. Esodo 15:26 Questa promessa Dio la pronuncia presso le acque di Mara, dove gli Israeliti …
Leggi Tutto

La Maddalena ai piedi di Gesù - Testimonianza di Rossana Montesi

Rossana Montesi,  dal cinema a Cristo. E’ stata membro della nostra comunità in Via Anacapri dalla conversione alla morte (2005). Una testimonianza toccante e straordinaria, di come Cristo si rivela e salva chiunque lo cerchi. E’ stata una fiaccola accesa dell’Evangelo portando la luce negli ambienti intellettuali e di spettacolo della capitale. Leggete la sua testimonianza. (A.M.) Ventenne viene scelta dal regista Ferdinando Maria Poggioli nel ruolo di …
Leggi Tutto

10.000 REASONS for BLESS THE LORD

Canto conosciuto in italiano per lo più con il titolo “Benedici il Signor”, ma la traduzione forse più corretta in italiano potrebbe essere “10.000 Ragioni per Benedire il Signore”. Ed  se guardiamo alla nostra vita ed a quello che Dio fa e ha fatto per noi, quante ragioni avremmo per ringraziare, lodare e adorare DIO? Non una, ma dieci, cent0, mille, diecimila e più ragioni. Ogni giorno benedire il Signore …
Leggi Tutto

Dai nostri culti: Salvezza senza ravvedimento

Pastore Agostino Masdea  –  Domenica 23  Marzo 2014  –  (Marco 1:14-20))                                   Questo sermone confuta la dottrina della “grazia estrema” o “ipergrace”, e ribadisce che senza ravvedimento non c’è salvezza. William Booth, fondatore dell’Esercito della salvezza aveva previsto che nel XX secolo ci sarebbe stato: -Una religione senza lo Spirito Santo. -Cristiani …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti