COME UN BRUTALE KILLER DI NOME “SCISSORS” DA LA SUA VITA A CRISTO

di Mark Ellis  –  Campo di rieducazione del Vietnam.

Ha trascorso più di 10 anni nelle prigioni comuniste in Vietnam a causa della sua fede cristiana perché  il governo ha provato a  “rieducarlo”. Ma attraverso la sua coraggiosa testimonianza in quel carcere, molti, tra cui anche degli assassini, hanno dato la loro vita a Cristo e hanno visto le loro vite trasformate.

“Il comunismo è una religione”, dice il pastore Paul Ai, fondatore della Vision Outreach International. “Ed è in competizione con le altre religioni.”

Le condizioni erano orribili in quel campo di lavoro forzato comunista durante le varie pene detentive che il Pastore  Ai ha subito tra il 1975 e il 1999. “Ho dormito su un pavimento che era o di terra o di  cemento” dice. “A volte non ci davano cibo, così andavo nella vicina giungla per trovare foglie da mangiare.”

Ai ed i suoi compagni di prigionia lavoravano 10-12 ore al giorno svolgendo un pesante

Campo di lavoro forzato in Vietnam

Campo di lavoro forzato in Vietnam

lavoro agricolo: la raccolta di patate, anacardi, e le piante della gomma.

Durante il suo primo periodo di cinque anni in carcere non aveva spazzolino da denti, sapone, o altri oggetti personali. “Dopo essere stato rilasciato dalla prigione, ho preparato una borsa con uno spazzolino da denti, sapone, asciugamani e biancheria in vista del prossimo arresto e quando la polizia è venuta ad arrestarmi, ho portato questa borsa con me ovunque andassi, ed è rimasta accanto a me anche quando dormivo la notte “.

Quando fu rimandato in carcere una seconda volta a causa delle sue attività di fondare nuove chiese, aveva con se lo zaino i suoi effetti personali.  Ma non rimase intatto a lungo. “In prigione le guardie tagliarono le cinte, una pratica standard per paura di impiccagione” Ai fa notare.

Il Pastore Ai ricorda un brutale assassino di cui in modo particolare tutti avevano paura.  “C’era un uomo rude nella prigione che hanno chiamavano  ‘Scissors’ (forbici). Era un sarto e portava sempre le forbici con lui come arma. Aveva ucciso molte persone, sia dentro che fuori la prigione.

“Tutti in prigione avevano paura di lui, comprese le guardie”. Il pastore  Ai cominciò a pregare per quest’uomo disperato, che Dio ammorbidire il suo cuore. “Ho cominciato a condividere con lui l’amore di Gesù  e gli ho detto come Gesù poteva dargli  pace e come voleva essere suo amico,” Ai ricorda.

In modo meraviglioso, la Parola di Dio e lo Spirito Santo cominciarono a toccare duro cuore di questo assassino. “Continuando  a dimostrargli  la mia amicizia e a mostrargli la grazia di Dio, egli diede  il suo cuore al Signore,” racconta il Pastore Ai.

Tutti nella prigione erano stupiti! “Come espressione di gratitudine verso me, egli usò una delle sue camicie per rifare le cinte al mio zaino e mi fece anche un cappello per proteggermi dal sole,” Ai dice, sapendo che stava violando le regole del campo.

“Se le guardie ti chiedono dove hai preso queste,” Scissors  gli disse, “basta dirgli che te le ho date io, e stai tranquillo.”

Scissors diventò inverosimilmente il protettore del pastore nel campo. “Il Signore uso Scissors per darmi non solo il mio zaino e il cappello, ma anche la protezione e molte altre cose di cui avevo bisogno in quella prigione.”

“Le autorità pensavano che mettendo Paul Ai in una prigione, la chiesa avrebbe smesso di crescere e si sarebbe estinta”, scrive Johnny Thinh, un amico e co-operaio del pastore di Ai. “Ma si sbagliavano, perché Gesù stesso è ancora il capo della chiesa, e anche le porte dell’ inferno non potranno prevalere contro di essa”.

Fonte: http://blog.godreports.com/

 

 

I commenti sono chiusi.