Uganda: il padre di un martire racconta il proprio cammino di fede

UGANDA  –   William Masolo, padre di Francis Namokubalu (un credente ex-musulmano ucciso a causa della sua fede), ci testimonia del risultato della campagna di lettere organizzata da Porte Aperte, che ha permesso alla sua famiglia di rimanere salda e unita nonostante la perdita del figlio. William ha inoltre condiviso con noi il suo personale cammino di fede.

La storia della conversione di William risale agli inizi degli anni 90, mentre era ancora conosciuto come Mohamed. Dopo aver studiato diligentemente il Corano, aveva continuato negli studi presso una prestigiosa università Islamica. Era uno studente modello con un futuro brillante davanti a sé, ma, ad un certo punto, ha iniziato a sentirsi irrequieto nel suo intimo. Gli studi obbligatori sulla comparazione della Bibbia con il Corano furono la causa di una profonda crisi spirituale. Solo continuando a leggere la Bibbia trovò pace, amore e una visione radicalmente diversa delle cose. Un giorno, mentre era solo nella sua camera, cadde sulle sua ginocchia e gridò a Gesù. La pace di Dio inondò il suo cuore.
Dopo poco tempo però iniziò la persecuzione. Offesi dalla sua conversione, alcuni parenti volevano fargliela pagare per questo disonore. A peggiorare le cose ci fu anche il fatto che Mohamed volle cambiare nome a significare la propria nuova identità, adesso era William.
Altri Musulmani furono offesi dalle sue evangelizzazioni. All’inizio cercarono di spargere calunnie sul suo conto. Quando videro che questa via non portava i frutti sperati, iniziarono a minacciare lui e la sua famiglia. Ma William continuò deciso a predicare il Vangelo e molti Musulmani seguirono Gesù.
Tutti i suoi figli, tranne uno, confessarono Cristo. Il figlio maggiore di William, Francis, divenne anch’egli un’evangelista. Il giovane condusse molti altri Musulmani a Cristo e li discepolò. A un tratto però le minacce diventarono più pressanti. Francis venne falsamente accusato di furto. Il ragazzo fu brutalmente ucciso mentre partecipava ad un finto incontro di riconciliazione.
“Quale grande dolore ho provato quando hanno ucciso mio figlio! Per la prima volta dalla mia conversione ero arrabbiato con Dio. Ero così arrabbiato che mi pentii di essermi convertito e abbandonai tutto!”
Durante i mesi successivi William affrontò un dolore indicibile, ma Dio si dimostrò fedele. Mandò colui che era stato il suo primo pastore ad incoraggiarlo. Porte Aperte inoltre, essendo venuta a conoscenza della situazione, rimase in contatto con lui. Abbiamo avviato una campagna di lettere per la moglie e i figli di Francis… La risposta è stata sorprendente: la famiglia ha ricevuto più di 10.000 lettere.
William ha così commentato questo supporto vitale che ha ricevuto: “Vi sono infinitamente grato per avermi mostrato che Dio mi conosce e conosce il caso di mio figlio. Siete arrivati giusto in tempo. Avevo iniziato a cercare un posto sicuro nel quale portare la mia famiglia. Stavo per abbandonare il mio ministero evangelistico, ma adesso ho ripreso coraggio! Dio, che ha mandato voi per incoraggiarmi, mi garantirà anche la giustizia per mio figlio. Mio figlio non è morto invano!”
Porte Aperte ha recentemente parlato con William e ha scoperto che adesso, tre anni dopo quell’evento drammatico, la sua famiglia si è ripresa. Egli continua ad evangelizzare. La vedova di suo figlio sta riprendendo a vivere e i suoi tre figli stanno frequentando una scuola locale.

 

Fonte: PORTE APERTE  –  http://www.porteaperteitalia.org/persecuzione/notizie/2013/2736385/2747973/

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

E mi sarete testimoni. (Atti 1:8)

di Agostino Masdea  –   Viviamo in una nazione che si definisce cristiana. Le persone si sentono cristiani per il semplice fatto che vivono in questa nazione, o forse perché  frequentano una chiesa, o hanno una solida tradizione familiare religiosa. Ma tutto questo non è sufficiente per essere “veramente” un cristiano. Si può conoscere persino la Scrittura, la teologia, la dottrina eppure non essere cristiani, o almeno non esserlo in …
Leggi Tutto

IL RISVEGLIO COMINCIA NELLA FAMIGLIA

di ROY HESSION  –     Il luogo più difficile, il più impegnativo, ma anche il più necessario, se si vuole un risveglio, è costituito dalla famiglia. Migliaia di anni fa, nel più meraviglioso giardino che il mondo abbia mai avuto, vivevano un uomo e una donna. Creati a somiglianza del loro Creatore, essi vivevano per manifestare la bellezza della creazione e per glorificare Dio in ogni momento della giornata …
Leggi Tutto

Amare Dio con tutto il cuore.

di Agostino Masdea   –  Marco 12:28-34   –  Fin dal giorno che siamo nati di nuovo, continuiamo ad essere  meravigliati ed affascinati dall’amore di Dio. Come Suoi figli sappiamo che Egli ci invita alla Sua presenza perché ci ama e perché vuole essere amato da noi. Il Suo desiderio per ogn’uno di noi è che possiamo “crescere nella grazia e nella conoscenza del Suo Figliuolo Gesù Cristo” …
Leggi Tutto

EVITARE I PARAGONI

Poiché noi non abbiamo il coraggio di classificarci o confrontarci con certuni che si raccomandano da sé; i quali però, misurandosi secondo la loro propria misura e paragonandosi tra di loro stessi, mancano d’intelligenza. 2 Corinti 10:12 La pubblicità è spesso orientata a far si che le persone si sforzino di guardare il meglio, essere i migliori, i migliori in assoluto. Se indossi “questa” particolare marca di vestito, …
Leggi Tutto

CORO ALFA OMEGA

Registrazione di un canto durante una riunione di culto. CORO ALFA OMEGA  Vieni e  “LODALO”  insieme a noi, tutte le domeniche sera, ore 18 …
Leggi Tutto

Ehi Dio! Ci sei?

di Frank Foglio  –  Bellissima testimonianza di una famiglia italiana emigrata in America   –  Era 1925 la mia famiglia; la famiglia Foglio, italiani emigrati in America del nord in Pennsylvania, ci trasferimmo dalla nostra abitazione in una grande fattoria, con novantacinque acri con una grande casa colonica. Un giorno, papà fece una proposta a un uomo di colore, un certo Slim Hopper. Che se avrebbe arato la nostra terra …
Leggi Tutto

Calvario

di John Charles Ryle  –  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non sappiamo altro che questo. Ho intitolato questo sermone “Calvario” perché voglio parlarvi delle sofferenze e della crocifissione di Cristo. Temo infatti che ci sia molta ignoranza, nel seno del popolo di Dio, sul soggetto delle sofferenze di Gesù …
Leggi Tutto

LA SPOSA SI PREPARA (Ruth 3:1-6)

di Agostino Masdea  –   Abbiamo visto nella meditazione precedente come Ruth comincia a esperimentare la grazia e la provvidenza Divina, e anche se costretta dalle circostanze ad un umile lavoro, inizia a scoprire che quell’Iddio che ha scelto di adorare e servire al posto dei suoi falsi dei moabiti, è un Dio fedele e misericordioso. Abbiamo anche paragonato la sua figura alla figura della chiesa di Gesù Cristo, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti