IL RISVEGLIO

 INTRODUZIONE:

 Ogni risveglio rappresenta l’affermazione di tutti gli elementi della vita spirituale:

a) RIGENERAZIONE;
b) SANTIFICAZIONE;
c) VITA CARISMATICA;
d) AMORE;
e)  SERVIZIO;
f)  FEDE;
g) SPERANZA;
h) ESPERIENZE SPIRITUALI.

Ogni risveglio segue una parabola ascensionale e purtroppo discensionale. Sembra paradossale, ma la parabola ascensionale, si manifesta sotto la spinta delle prime insidie che generalmente hanno lo stesso carattere per tutte, e quella discensionale viene favorita da elementi che sembrerebbero favorevoli;

1)  Elementi di prova:

a)   Derisione e scherno (Nehemia 4:3; Atti 2:13);

b)   Persecuzione (Atti 5:40);

c)    Dispute ed eresie (Atti 15:1; l Giovanni 2:19).

2)  Elemento di rovina:

a)   Il successo che umanizza (Apocalisse 3:17);

         Nota: Tutto trasferito dallo spirituale al carnale.

b)   L’indifferenza che disperde il calore (Apocalisse 3:15);

    Nota: Attuazione di Proverbi 24:30-31.

c)    L’orgoglio che esclude il Signore (Apocalisse 3:20).

Nota: La Chiesa esiste come “istituzione”, anzi si impone anche nella società profana e religiosa:

I- Ha riconoscimenti e plausi;

II- È organizzata;

III- Ha il suo potere, il suo patrimonio;

IV- È perfezionata culturalmente;

V- Ha disciplinato la liturgia.

MA NON HA PIÙ IL SIGNORE!!

 

3)  Trasformazione:

a)   Rimane un nome (Apocalisse 3:1);

b)   Le opere sono incompiute (Apocalisse 3:2);

c)    Prive della sostanza (Apocalisse 2:4; l Corinzi 13:1-3);

d)   Affogate dalle sollecitudini (l Corinzi 7:30-31):

I- Dove sono più i culti affollati?

II Dove sono le veglie in preghiera?

III- Dove la ricerca delle benedizioni?

IV- Dove le assistenze e le comunioni?

V- Dove il servizio e le testimonianze?

VI- Dove la vita devozionale?

 

RISVEGLIO DEL RISVEGLIO

 INTRODUZIONE:

Da movimenti di risveglio caduti in letargo sono nati altri movimenti di risveglio. Anche se il fenomeno non coinvolge tutto il movimento, rimane ugualmente come un punto di riferimento che ci dimostra che è sempre possibile “dissociarsi” da una crisi generale.

a)   Per coloro che “odono” ed “ascoltano” il messaggio (II Cronache 15:1-2, 9);

Nota: Il messaggio è raccolto oltre i confini perché è per tutti.

b)   E riconoscono di trovarsi nell’ombra della morte (Efesi 5:14; Salmo 13:3);

Nota: Purtroppo non sono molti colore che riconoscono il rapporto sonno/morte.

c)    E si lasciano totalmente svegliare (Isaia 52:1).

Nota: Il “risvegliati, risvegliati” (anche Isaia 51.9, 17) non è soltanto per raggiungere l’anima e lo spirito, ma anche per scuotere la debolezza della carne (Matteo 26:41), non soltanto nel Getsemani, ma anche nel deserto di Beer-Sceba ed anche un profeta come Elia può tornare ad addormentarsi dopo il primo trillo (l Re 19:6).

È una esperienza che conosciamo anche a livello umano:

I- Svegli, nel dormiveglia;

II- Sveglie a ripetizione;

III- Perché non entriamo nel cosciente a metà.

Esperienza religiosa di dormiveglia.

I- Emozioni passeggere,

II- Campagne che hanno effetti di una settimana;

III- Perfino guarigioni e battesimi che si dissolvono.

d) Cioè si lascia penetrare e risvegliare dalla Parola, applicata dallo Spirito   

    (Ebrei 4:12; Giovanni 16:8);

Nota: Non sono i grandi mezzi, le campagne spettacolari, i metodi  psicologici che suscitano il risveglio, ma è la Parola, come spada dello Spirito che:

I- raggiunge i confini;

    II- arriva nella parte più intima della vita organica e sensitiva;

    III- e giunge nelle sfere della psiche: pensiero, sentimenti.

Non è solo udire, ma ascoltare come è ricordato  sette volte nell’Apocalisse.

Non è solo udire, ma levarsi, come è raccomandato dal Cantico dei cantici (cap.5 versi 2, 3). Non è solo volersi alzare, ma alzarsi subito (Ebrei 4:7).

e) Quindi risveglio ed alimento divino sono collegati

     (l Re 19:8; Giovanni 7:37,38).

Nota: La testimonianza di Elia, ci dice che bisogna mangiare   “copiosamente” quello che viene inviato da Dio (Salmo 81:10; Isaia 55:1) e questo deve rendere il fedele “vigoroso e traboccante”: una sorgente di fiumi. Il Risveglio è manifestazione pluriforme della grazia: santità, potenza, amore e servizio….

 

RISVEGLIATI E RIVESTITI.

 

a)   Colui che ha dormito si è spogliato (Apocalisse 3:17);

b) Prima di tutto si deve rivestire di forza (Atti 1:8; Efesi 6:10);

Nota: abbiamo qui due diverse articolazioni:

1- Potenza per essere testimoni: parola, franchezza, autorità, segni;
2- Potenza per combattere: verità, giustizia, fede parola.

In ambedue i  casi, non è l’armatura di Saul, non è la forza del mondo, della carne, ma il rivestimento della vera vita spirituale.

c) Ma deve anche indossare le più splendenti vesti (Colossesi 3:12; Galati 3:27; Efesi 4:24)

Nota: L’Apocalisse ci dichiara che la Sposa è vestita di lino “fino, risplendente e puro” (Apocalisse 19:8) e questo è il risultato della vita di un popolo fedele a Dio.

d)   In forma poetica: Cantico dei cantici 3:6 “…d’ogni aroma”. Beatitudini e frutto dello Spirito:

BEATITUDINI

FRUTTO DELLO SPIRITO

Semplici

Amore

Puri di cuore Fedeltà
Affamati Dolcezza
Misericordiosi Longanimità
Mansueti Benignità
Pacifici Bontà
Cordoglio Allegrezza
Perseguitati Pace
Oltraggiati Temperanza
I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

BALSAMO DI GALAAD

 di LILIAN B. YEOMANS Tanto tempo fa, su una collina solitaria, tre croci, le vedo ancor! Tanto tempo fa il Salvatore disse, mentre chinava il Suo capo morente: «Tutto è compiuto». Balsamo di Galaad, guarisci le mie ferite, rendimi  interamente sano e forte, Tu sei la Medicina che io prendo, e subito la mia salute irrompe: «Tutto è compiuto».  Geremia 8:22: «Non c’è balsamo in Galaad? Non c’è laggiù nessun medico?» Che …
Leggi Tutto

CASA O TENDA

Sappiamo infatti che se questa tenda che è la nostra dimora terrena viene disfatta, abbiamo da Dio un edificio, una casa non fatta da mano d’uomo, eterna, nei cieli. Perciò in questa tenda gemiamo, desiderando intensamente di essere rivestiti della nostra abitazione celeste, se pure saremo trovati vestiti e non nudi. Poiché noi che siamo in questa tenda, gemiamo, oppressi; e perciò desideriamo non già di essere spogliati, …
Leggi Tutto

Io opero con giustizia e difendo chi è oppresso

L’Eterno opera con giustizia e difende la causa degli oppressi. (Salmo 103:6) Non è bello sapere che Dio opera con giustizia per difendere coloro che sono oppressi? Sono stupito dal numero di passi biblici che parlano del cuore di Dio per i deboli di questo mondo, poveri, maltrattati, bambini, vedove, orfani, ecc. Egli è sempre stato il protettore di coloro che hanno difficoltà proteggere sé stessi. Egli è un …
Leggi Tutto

Il vero risveglio

di Charles H. Spurgeon – Messaggio di Charles H. Spurgeon ai suoi predicatori Come possiamo attenderci di ricevere una benedizione se siamo pigri nel richiederla? Come possiamo aspettarci una nuova Pentecoste se non c’incontriamo mai in un medesimo luogo per cercare il Signore? Fratelli, non vedremo mai un grande cambiamento, un marcato progresso spirituale nelle nostre chiese finché la riunione di preghiera non occuperà un posto primario nella …
Leggi Tutto

UNA SANA FAMIGLIA

di Philip Nunn  –  Studio sulla seconda lettera di Giovanni.  –  La seconda lettera di Giovanni è l’unica lettera apostolica indirizzata a una donna, “alla signora elette e ai suoi figli” (v.1). Alcuni commentatori suggeriscono che Giovanni stia usando un linguaggio simbolico dove “la signora eletta” si riferisce alla chiesa locale, e che quando alla fine scrive “ i figli della sorella eletta ti salutano” (v.13), si riferisce …
Leggi Tutto

Sermone  predicato Domenica 31 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea La religiosità ha a che fare con le cose visibili, esteriori. La spiritualità è soprattutto qualcosa che riguarda il cuore.Uno dei più grandi pericoli che deve affrontare il cristiano nel suo cammino di fede verso la ricerca di una vita santa è diventare troppo religioso e poco spirituale. La religiosità può essere spesso scambiata per spiritualità… come distinguere l’una …
Leggi Tutto

Predicazione Domenica 22 Settembre 2013

Pastore AGOSTINO MASDEA “Egli ha dato…”  –  Giovanni 1:12 …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: La mia Parola non tornerà a me a vuoto.

Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, in modo da dare il seme al seminatore e pane da mangiare, 11 così sarà la mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non ritornerà a me a vuoto, senza avere compiuto ciò che desidero e realizzato pienamente ciò per cui l’ho mandata. (Isaia 55:10-11) …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti