IL RISVEGLIO

 INTRODUZIONE:

 Ogni risveglio rappresenta l’affermazione di tutti gli elementi della vita spirituale:

a) RIGENERAZIONE;
b) SANTIFICAZIONE;
c) VITA CARISMATICA;
d) AMORE;
e)  SERVIZIO;
f)  FEDE;
g) SPERANZA;
h) ESPERIENZE SPIRITUALI.

Ogni risveglio segue una parabola ascensionale e purtroppo discensionale. Sembra paradossale, ma la parabola ascensionale, si manifesta sotto la spinta delle prime insidie che generalmente hanno lo stesso carattere per tutte, e quella discensionale viene favorita da elementi che sembrerebbero favorevoli;

1)  Elementi di prova:

a)   Derisione e scherno (Nehemia 4:3; Atti 2:13);

b)   Persecuzione (Atti 5:40);

c)    Dispute ed eresie (Atti 15:1; l Giovanni 2:19).

2)  Elemento di rovina:

a)   Il successo che umanizza (Apocalisse 3:17);

         Nota: Tutto trasferito dallo spirituale al carnale.

b)   L’indifferenza che disperde il calore (Apocalisse 3:15);

    Nota: Attuazione di Proverbi 24:30-31.

c)    L’orgoglio che esclude il Signore (Apocalisse 3:20).

Nota: La Chiesa esiste come “istituzione”, anzi si impone anche nella società profana e religiosa:

I- Ha riconoscimenti e plausi;

II- È organizzata;

III- Ha il suo potere, il suo patrimonio;

IV- È perfezionata culturalmente;

V- Ha disciplinato la liturgia.

MA NON HA PIÙ IL SIGNORE!!

 

3)  Trasformazione:

a)   Rimane un nome (Apocalisse 3:1);

b)   Le opere sono incompiute (Apocalisse 3:2);

c)    Prive della sostanza (Apocalisse 2:4; l Corinzi 13:1-3);

d)   Affogate dalle sollecitudini (l Corinzi 7:30-31):

I- Dove sono più i culti affollati?

II Dove sono le veglie in preghiera?

III- Dove la ricerca delle benedizioni?

IV- Dove le assistenze e le comunioni?

V- Dove il servizio e le testimonianze?

VI- Dove la vita devozionale?

 

RISVEGLIO DEL RISVEGLIO

 INTRODUZIONE:

Da movimenti di risveglio caduti in letargo sono nati altri movimenti di risveglio. Anche se il fenomeno non coinvolge tutto il movimento, rimane ugualmente come un punto di riferimento che ci dimostra che è sempre possibile “dissociarsi” da una crisi generale.

a)   Per coloro che “odono” ed “ascoltano” il messaggio (II Cronache 15:1-2, 9);

Nota: Il messaggio è raccolto oltre i confini perché è per tutti.

b)   E riconoscono di trovarsi nell’ombra della morte (Efesi 5:14; Salmo 13:3);

Nota: Purtroppo non sono molti colore che riconoscono il rapporto sonno/morte.

c)    E si lasciano totalmente svegliare (Isaia 52:1).

Nota: Il “risvegliati, risvegliati” (anche Isaia 51.9, 17) non è soltanto per raggiungere l’anima e lo spirito, ma anche per scuotere la debolezza della carne (Matteo 26:41), non soltanto nel Getsemani, ma anche nel deserto di Beer-Sceba ed anche un profeta come Elia può tornare ad addormentarsi dopo il primo trillo (l Re 19:6).

È una esperienza che conosciamo anche a livello umano:

I- Svegli, nel dormiveglia;

II- Sveglie a ripetizione;

III- Perché non entriamo nel cosciente a metà.

Esperienza religiosa di dormiveglia.

I- Emozioni passeggere,

II- Campagne che hanno effetti di una settimana;

III- Perfino guarigioni e battesimi che si dissolvono.

d) Cioè si lascia penetrare e risvegliare dalla Parola, applicata dallo Spirito   

    (Ebrei 4:12; Giovanni 16:8);

Nota: Non sono i grandi mezzi, le campagne spettacolari, i metodi  psicologici che suscitano il risveglio, ma è la Parola, come spada dello Spirito che:

I- raggiunge i confini;

    II- arriva nella parte più intima della vita organica e sensitiva;

    III- e giunge nelle sfere della psiche: pensiero, sentimenti.

Non è solo udire, ma ascoltare come è ricordato  sette volte nell’Apocalisse.

Non è solo udire, ma levarsi, come è raccomandato dal Cantico dei cantici (cap.5 versi 2, 3). Non è solo volersi alzare, ma alzarsi subito (Ebrei 4:7).

e) Quindi risveglio ed alimento divino sono collegati

     (l Re 19:8; Giovanni 7:37,38).

Nota: La testimonianza di Elia, ci dice che bisogna mangiare   “copiosamente” quello che viene inviato da Dio (Salmo 81:10; Isaia 55:1) e questo deve rendere il fedele “vigoroso e traboccante”: una sorgente di fiumi. Il Risveglio è manifestazione pluriforme della grazia: santità, potenza, amore e servizio….

 

RISVEGLIATI E RIVESTITI.

 

a)   Colui che ha dormito si è spogliato (Apocalisse 3:17);

b) Prima di tutto si deve rivestire di forza (Atti 1:8; Efesi 6:10);

Nota: abbiamo qui due diverse articolazioni:

1- Potenza per essere testimoni: parola, franchezza, autorità, segni;
2- Potenza per combattere: verità, giustizia, fede parola.

In ambedue i  casi, non è l’armatura di Saul, non è la forza del mondo, della carne, ma il rivestimento della vera vita spirituale.

c) Ma deve anche indossare le più splendenti vesti (Colossesi 3:12; Galati 3:27; Efesi 4:24)

Nota: L’Apocalisse ci dichiara che la Sposa è vestita di lino “fino, risplendente e puro” (Apocalisse 19:8) e questo è il risultato della vita di un popolo fedele a Dio.

d)   In forma poetica: Cantico dei cantici 3:6 “…d’ogni aroma”. Beatitudini e frutto dello Spirito:

BEATITUDINI

FRUTTO DELLO SPIRITO

Semplici

Amore

Puri di cuore Fedeltà
Affamati Dolcezza
Misericordiosi Longanimità
Mansueti Benignità
Pacifici Bontà
Cordoglio Allegrezza
Perseguitati Pace
Oltraggiati Temperanza
I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

FRANCHEZZA

di Roberto Bracco  –  Nell’esercizio del ministero e del servizio, cristiano la “franchezza” rappresenta una caratteristica positiva, anzi un elemento indispensabile, ma dobbiamo saperla individuare per essere certi di non sostituirla con quei surrogati perniciosi che vengono abbondantemente offerti dalla natura umana. “Franchezza” vuol dire esercizio della libertà e quando ci riferiamo alla “franchezza” espressa nella vita e nel servizio cristiano parliamo della completa liberazione dalla timidezza, dalla …
Leggi Tutto

NON SIATE SCHIAVI DELLE ABITUDINI

di OSWALD CHAMBERS  –  «Perché se queste cose si trovano e abbondano in voi, non vi renderanno né oziosi né sterili». 2 Pietro 1:8   –   Quando noi ci accorgiamo di aver preso delle buone abitudini e ci rendiamo conto di diventare migliori, dobbiamo pensare che si tratta solo di una tappa, che, se noi ci fermiamo a questo punto, acquistiamo una mentalità farisaica. Le virtù vanno praticate e …
Leggi Tutto

Amare Dio con tutto il cuore.

di Agostino Masdea   –  Marco 12:28-34   –  Fin dal giorno che siamo nati di nuovo, continuiamo ad essere  meravigliati ed affascinati dall’amore di Dio. Come Suoi figli sappiamo che Egli ci invita alla Sua presenza perché ci ama e perché vuole essere amato da noi. Il Suo desiderio per ogn’uno di noi è che possiamo “crescere nella grazia e nella conoscenza del Suo Figliuolo Gesù Cristo” …
Leggi Tutto

Puoi godere piena libertà, perché Cristo ti ha reso libero.

State dunque saldi nella libertà con la quale Cristo ci ha liberati, e non siate di nuovo ridotti sotto il giogo della schiavitù. (Galati 5:1)  –  Questa promessa ci esorta a rimanere saldi nella libertà con cui Cristo ci ha liberati! Questo non è un’opzione, è un comando. Un’altra versione della Bibbia dice che a causa dell’amore della libertà che Cristo ci ha liberati. Dio ama ciò, quando …
Leggi Tutto

GIUSTO IN TEMPO!

di OSWALD J. SMITH  –  Al principio del mio ministerio, ebbi una esperienza che mi fece rendere conto, in una maniera come non mi era mai accaduto prima, della serietà della mia chiamata. Accadde all’improvviso e posso ancora ricordare la chiamata telefonica che mi fece alzare dalla mia indifferenza e correre al capezzale di uno dei miei parrocchiani. – Potreste venire a vedere una donna inferma? – E’’ …
Leggi Tutto

DITECI DELLE COSE PIACEVOLI (Isaia 30: 10)

di ROBERTO BRACCO   –   Il compito del servitore di Dio è stato sempre quello di predicare cose spiacevoli alla natura umana. Egli, attraverso tutte le età, è stato sospinto a colpire duramente e con parole di fuoco tutti i vizi, le passioni, le turpitudini degli uomini. Per questo unico motivo il ministero dei santi ha provocato sempre le più violente reazioni e le parole da essi pronunciate sono …
Leggi Tutto

Il vaglio di satana

Sermone predicato nella Chiesa Evangelica di Via Anacapri, 26  – Roma –  Trascritto in forma integrale. “…Il Signore disse ancora: Simone, Simone, ecco satana ha chiesto di vagliarvi come si vaglia il grano. Ma io ho pregato per te, acciocché la tua fede non venga meno. E tu, quando un giorno sarai convertito, conferma i tuoi fratelli”. Ma egli disse: “Signore, io sono presto ad andare teco in …
Leggi Tutto

...MA DAVIDE SI FORTIFICO' NELL'ETERNO.

1 Samuele 30: 6  –  È una cosa che si comprende all’istante, fortificarsi o farsi coraggio, è un’arte delle più importanti e maggiormente utili. Ma, perché?Perché un uomo scoraggiato è un essere indebolito e vinto. Egli è anche, ed è bene dirlo, un uomo pressocché inutile. Quanta gente è fallita nella vita, non per­ché mancava di capacità, ma perché non ha avuto coraggio sufficiente. Questa, per esempio, è …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti