LA PREGHIERA

 1)            Che cos’è la preghiera?

 a)            Invocazione – Atti 7:59.

 b)            Confessione – Salmo 32:5.

 c)            Ringraziamento – 1 Corinzi 14:16.

 d)            Adorazione – Salmo 95:6.

 e)            Richiesta – Luca 11:1 e seg.

 La preghiera non è soltanto richiesta come credono molti cristiani ma è relazione con Dio nel senso più profondo e più intimo. I figlioli non parlano con i genitori soltanto per chiedere e quindi i credenti non si devono presentare al Padre esclusivamente con la nota dei propri bisogni.

 2)       Quale posizione fisica è richiesta per la preghiera?

 a)       In ginocchio – Luca 22:41; Atti 20:36.

b)        In piedi – I Re 8:22; Marco 11:25.

c)        Prostrati – Matteo 26:39; Numeri 16:22.

d)        Seduti – 2° Samuele. 7:18; Atti 2:4.

e)        A mani alzate – Salmo 28:2; Lamentazioni 2:18; 1 Timoteo 2:8.

 f)        A letto – 2 Re 20:2,3.

 Coloro che vogliono stabilire una regola rigorosamente rigida cadono nella condanna delle Scritture.

 Si può pregare nei più diversi modi, perché quello che ha realmente valore davanti a Dio è l’attitudine interiore del credente, mentre molte volte la manifestazione esteriore è in aperto contrasto con i sentimenti del cuore. Concludo che anche in ciò la norma migliore è data dalla guida dello Spirito.

 3)        Dove sì deve o si può pregare?

 a)        Nel segreto – Matteo 6:6.

b)        Nel luogo ove ci troviamo – Giona 2:2.

e)         In pubblico – Atti 1:13; 4:23.

d)        In casa – 1 Pietro 3:7.

e)         In chiesa – 1 Corinzi 14:14.

f)         Ove lavoriamo – Nehemia 2:4.

g)        Ovunque – Atti 21:5; 1 Timoteo 2:8.

 

4)       Quando si deve pregare?

a)         Sempre – 1 Tessalonicesi 5:17; 1 Timoteo 5:5.  E particolarmente:

b)        Quando siamo in distretta – Giacomo 5:13.

c)         Quando siamo ammalati – Isaia 38:2, 3.

 La preghiera non ha un luogo, come la vita non ha un luogo; se ovunque possiamo e dobbiamo vivere, ovunque possiamo e dobbiamo pregare.

 d)        Quando siamo radunati insieme – I Cor.14:15.

e)        Quando dobbiamo iniziare un’attività cristiana – Atti 13:3.

f)         Quando dobbiamo iniziare una nuova giornata – Salmo 5:4.

g)        Quando ci mettiamo in viaggio – Esdra 8:21.

h)        Quando dobbiamo chiedere a Dio le cose promesseci – Giovanni 15:16.

 La preghiera deve essere veramente il respiro dell’anima, cioè deve essere ininterrotta, ma questo non esclude che possa essere intensificata quando circostanze particolari l’impongono.

 5)       Quali sono le condizioni spirituali richieste dalla preghiera?

 a)       Pregare col cuore – I° Samuele 1:12.

b)        Con fede – Marco 11:24.

c)        Con spirito di perdono – Marco 11:25.

d)        Con perseveranza – Luca 11:5; 18:1-7.

e)        Con forza – Salmo 55:16; Atti 4:24.

i)         In ubbidienza – I° Giovanni 3:22.

g)        Nel nome di Gesù – Giovanni 14:13.

h)        Dimorando in Gesù – Giovanni 15:7.

i)         Chiedendo in armonia alla volontà di Dio – 1 Giovanni 5:14; Matteo 26:39.

l)         Pregando nello Spirito – Rom. 8:26; Giuda 20.

 

Queste condizioni devono essere ricercate mentre si esercita il ministero della preghiera; esse rappresentano la meta perfetta e quindi può darsi che dobbiamo pregare per raggiungere queste condizioni, cioè dobbiamo pregare pur non possedendo « tutte » queste condizioni. Alcune, naturalmente, sono essenziali.

 

 Una vita vittoriosa nella preghiera 

Il libro degli Atti documenta in maniera incontrovertibile l’importanza che veniva data alla preghiera nel periodo apostolico. Lo Spirito Santo, nel guidare Luca, ha voluto sottolineare questa circostanza affinché non sparisse nell’esigenza della cronaca. Non doveva passare inosservato il fatto, ricco d’insegnamento, che potenza, sapienza, decisione sono derivate alla chiesa dei primi giorni dalla pratica fedele della preghiera.

 Nei primi 16 capitoli degli Atti e in ogni capitolo la preghiera viene menzionata regolarmente; è interessante osservare questi 16 capitoli in ordine cronologico:

 Cap. 1, v. 4: Gesù esorta i discepoli ad « aspettare ». La preghiera come aspettativa cristiana.

 v. 14: La prima comunità in preghiera. La preghiera come comunione fraterna.

Cap. 2, v. 1: La comunità unita nel pari consentimento. La preghiera come legame di fede.

 v. 24: Una decisione affidata alla preghiera. La preghiera come soluzione di un problema.

 v. 42: I quattro fondamenti comunitari. La preghiera come potenza cristiana.

Cap. 3, v. 1: Pietro e Giovanni salgono al Tempio. La preghiera come pratica devozionale.

 Cap. 4, v. 24: La comunità si prepara alla persecuzione. La preghiera come arma di lotta.

 Cap. 5, v. 12: La comunità nel Tempio. La preghiera come atto di culto.

 Cap. 6, v. 4:1 ministri in preghiera. La preghiera come alimento per il servizio.

 Cap. 7, v. 59, 60: Stefano prega prima di morire. La preghiera come intercessione.

 Cap. 8, v. 15: Gli apostoli pregano per lo Spirito Santo. La preghiera come mezzo di acquisto delle promesse divine.

 Cap. 9, v. 11: Saulo prega. La preghiera come preparazione per i piani di Dio.

 Cap. 9, v. 40: Pietro prega per Tabita. La preghiera come manifestazione di potenza soprannaturale.

 Cap. 10, v. 2, 4: La vita di Cornelio. La preghiera come mezzo per avvicinarsi a Dio.

 v. 9: Pietro prega in loppe. La preghiera come mezzo per incontrarsi con Dio.

 Cap. 11, v. 5: La visione di Pietro. La preghiera come possibilità di penetrare nelle realtà spirituali.

 Cap. 12, v. 5: La preghiera della chiesa per Pietro. La preghiera come manifestazione di amore.

v12: La chiesa prega. La preghiera come veglia di fede.

 Cap. 13, v. 3: Il commiato dei missionari d’Antiochia. La preghiera come preparazione al servizio.

 Cap. 14, v. 23: L’elezione dei vescovi. La preghiera come mezzo di ordinazione ecclesiastica.

 Cap. 15, v. 40: Paolo e Sua in viaggio. La preghiera come mezzo d’acquisto di grazie divine.

 Cap. 16, v. 16: L’incontro con la fanticella. La preghiera come inizio di attività evangelistica.

 In questo schema cronologico sono citati quei passi nei quali la preghiera è menzionata in maniera esplicita. Questi medesimi capitoli però ci parlano più largamente ancora della preghiera in forma implicita. Lo studio di queste sacre pagine ci fa vedere chiaramente che la chiesa apostolica doveva la prosperità spirituale alla solidità dei fondamenti e primo fra questi, quello della preghiera.

 La preghiera nelle sue più profonde manifestazioni 

L’esercizio della preghiera permette al credente di compiere esperienze spirituali sempre più profonde e le esperienze spirituali sviluppano il ministerio della preghiera. Attraverso il progresso di questo meraviglioso ministerio si possono assumere attitudini sempre più decise e quindi conseguire risultati sempre più evidenti. Questo breve studio elenca alcune di queste attitudini che possono essere definite di sana e virili spiritualità e quindi alcuni dei risultati che possono conseguire.

 1)  Attitudini nella preghiera

 a) Perseveranza assoluta – Luca 18:1.

b) Vegliando in preghiera – Luca 6:12.

c) Combattendo in preghiera – Rom. 15:30

d)  Pregando nella mortificazione e nel digiuno – 1 Corinzi 7:5

e) Lacrimando in preghiera – Ebrei 5:7.

f) Preghiera nell’unità della fede – Atti 1:14.

2) Risultati della preghiera. 

a) I cieli che si aprono – Luca 3:21.

b) Il volto che si trasforma – Luca 9:29.

 c) La voce che si ode – Giovanni 12:28; Apocalisse 1:10.

 d) Le porte che si aprono – Atti 12:12.

 e) Gli spiriti che fuggono – Matteo 17:21.

 f) I ministri che vengono inviati da Dio – Filemone 1:22.

 g) I morti che risorgono – Giovanni 11:41.

 h) I malati che guariscono – Giacomo 5:15.

 i) I retrogradi che ritornano – 1 Giovanni 5:16.

 l) Le porte dell’Evangelo che si aprono – Colossesi 4:2.



I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Abraham-Lincoln

Proclama del Presidente Abramo Lincoln per una giornata di umiliazione nazionale, digiuno e preghiera – 1863Da Sua Eccellenza, Abraham Lincoln, presidente degli Stati Uniti. Considerando che, il Senato degli Stati Uniti, devotamente riconoscendo la Suprema l’autorità e il governo dell’Iddio Onnipotente in tutti gli eventi degli uomini e delle nazioni, con una risoluzione ha chiesto al Presidente di stabilire e dedicare una giornata di preghiera e umiliazione nazionale. Considerando …
Leggi Tutto

RISVEGLIO ARTIFICIALE

” hai nome di vivere, eppure sei morto… (Apocalisse 3:1) Quante volte nel corso dei secoli le severe parole pronunziate dallo Spirito per la Chiesa di Sardi, hanno riacquistato il loro sapore di attualità, proprio applicate a quei movimenti che hanno spento il fuoco di Dio …
Leggi Tutto

Meditazione del giorno: LA GRANDEZZA DEL VANGELO

di CORRIE TEN BOOM   –  Molto spesso, l’infelicità nella vita cristiana è causata dalla mancanza di comprensione della grandezza del Vangelo.   Il Vangelo non è un qualcosa di circoscritto, ma comprende la vita intera, la storia intera e tutto il mondo. Parte a raccontare dalla creazione per arrivare al giudizio finale e comprende tutto ciò che vi è in questo intermezzo. È una visione completa della …
Leggi Tutto

Priorità del risveglio.

di R. J. WELLS  –  Senza dubbio il bisogno più grande ed urgente della nostra nazione e della chiesa, oggi, è quello di avere un possente risveglio spirituale. Malgrado tutti gli sforzi titanici che la Chiesa sta compiendo nel tentativo di risolvere i molti problemi che l’assillano, i suoi progressi sono alquanto limitati. Infatti, quando noi analizziamo la situazione generale, siamo portati a concludere che i migliori sforzi …
Leggi Tutto

Storia di un inno: IT’S WELL WITH MY SOUL

 Horatio Spafford era un avvocato di successo ed un insegnante di giurisprudenza nella Chicago del 1860. Insieme a sua moglie, Anna, erano ben noti in città, sia per la carriera legale di Spafford, ma anche perché i due coniugi erano amici e sostenitori di D.L. Moody, famoso evangelista. La città di Chicago era in forte espansione, le attività industriali erano fiorenti e lo sviluppo sociale era in forte …
Leggi Tutto

Certezze per il futuro: valiamo più di molti passeri!

– di Agostino Masdea  –  “Due passeri non si vendono per un soldo? Eppure non ne cade uno solo in terra senza il volere del Padre vostro.  Quanto a voi, perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati.  Non temete dunque; voi valete più di molti passeri.” (Matteo 10:29-31) Viviamo in un mondo carico di sofferenza e di dolore; cosa si può fare? Possiamo rassegnarci, spaventarci, vivere nell’ansia …
Leggi Tutto

ESSERE COME TRALCI

Ci sono due problemi che fanno particolarmente soffrire la chiesa di Gesù Cristo: l’immaturità e la solitudine in cui vivono alcuni credenti! Benché siamo abituati a guardare queste cose con meno apprensione di azioni decisamente peccaminose e malvagie, pur nondimeno costituiscono un grave ostacolo, sia per lo sviluppo della propria vita spirituale, sia per il progresso della testimonianza dell’Evangelo. Vivere nell’immaturità, significa, secondo il dettato biblico, restare eternamente …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti