IL VELO

Alcuni ambienti cristiani sono stati turbati dalla parola molesta di teologi invadenti che si sono introdotti per rivoluzionare, purtroppo negativamente, la vita del popolo di Dio nel seno delle chiese. Fra i molti insegnamenti moderni, recati e proclamati da costoro, uno ci ha meravigliato in maniera particolare, e la reazione della meraviglia deriva dal fatto che le conclusioni di questi audaci dottori giungono a coronamento di una ginnastica esegetica alla quale non siamo abituati. Ci riferiamo come anticipato nel titolo di questo articolo, al velo che le donne cristiane devono portare nelle riunioni di culto e che invece questi moderni dottori vogliono abolito dal mezzo delle chiese: l’insegnamento che porgono si bilancia tra il “possano” eliminarlo e il “devono” eliminarlo.

Gli argomenti, come già detto, sono cavillosi e, soprattutto, di una arditezza fuori del comune. È difficile accettare una polemica che ci condurrebbe sul trapezio e quindi preferiamo semplicemente ribadire l’argomento sempre esposto a fondamento di una pratica cristiana seguita fedelmente attraverso venti secoli di ubbidienza a Dio. Dalle catacombe ai movimenti di risveglio del nostro secolo, le donne cristiane sono sempre comparse nelle riunioni di culto con il capo coperto e perciò regaliamo a questi evoluti teologi le loro ultime teorie.

È utile ricordare, come premessa, del breve esame esegetico, che il “velo” sul capo della donna è presentato dalla Scrittura come una logica antitesi al capo “scoperto” dell’uomo: come l’uomo onora e riverisce Dio nello scoprirsi il capo davanti alla Sua presenza nelle riunioni di culto, così la donna l’onora e lo riverisce nel “velarsi” il proprio capo. Se togliamo il velo alla donna dobbiamo coprire il capo dell’uomo, perché l’antitesi consiste appunto nel differenziare la posizione dell’una e dell’altro di fronte a Dio. Più semplicemente possiamo ripetere: se la donna “può togliere” o “deve” togliere il velo dal suo capo, l’uomo per conseguenza logica “può” coprire o “deve” coprire il suo; la conseguenza è logica perché, ripetiamo, la Scrittura e precisa e categorica nello stabilizzare l’antitesi fra l’uomo e la donna.

Ma quanto detto rappresenta soltanto una frettolosa premessa perché ci sembra che ragioni più profonde ed argomenti più serrati ci fanno raggiungere la conclusione che si armonizza con quanto è stato sempre insegnato nella chiesa cristiana.

La prima di queste ragioni è costituita dalla constatazione che l’insegnamento relativo alla velatura della donna contenuta nell’epistola ai Corinzi non sembra essere un insegnamento di carattere locale e di valore contingente. Non c’è una parola che faccia apparire che Paolo avesse intenzione di esprimere un messaggio che fosse esclusivo ai Corinzi, che valesse soltanto per un’epoca, anzi ogni sillaba fa risuonare la gravità di un insegnamento universale e duraturo.

La seconda ragioni è rappresentata dal fatto che gli argomenti presentati dall’apostolo a sostegno della propria tesi, sono in maniera inequivocabile, argomenti spirituali il cui valore trascende qualsiasi eventuale evoluzione o rivoluzione. Gli argomenti di Paolo si trovano così al di sopra di quelli che possono essere le leggi di adattamento da rientrare direttamente in quelle norme di vita cristiana che non possono subire alterazioni o modifiche.

Anche un esame frettoloso, ma esegeticamente onesto, del passo in questione, fa sbalzare fuori dalle pagine della Scrittura l’affermazione che il “velo” della donna non rappresenta un’inutile elemento esteriore che può quindi esistere o non esistere in rapporto ai tempi e alle mentalità; ma un “simbolo” cristiano che come tutti i simboli, oltre ad aiutare a raggiungere la realtà che esprime la impersonifica fino a un certo punto, in sé stesso.

Sono molteplici gli elementi materiali del cristianesimo che pur rivestendo un ruolo spirituale ed assolvendolo nel linguaggio dei simboli, appaiono anche a noi come segni esteriori…; basta ricordare quelli più comuni dell’olio, del pane, del vino, dell’acqua che, come sappiamo, sono legati alla vita sacramentale della Chiesa attraverso la celebrazione della Santa Cena o attraverso la pratica del battesimo e dell’unzione. Noi non penseremo mai ad eliminare le sacre specie benché, purtroppo, alcune correnti eretiche del cristianesimo, le abbiano già eliminate, e perciò non accettiamo una conversazione intorno all’eliminazione del velo della donna che senza ombra di sacrilegio o di profanazione può essere assomigliato a tutti gli altri elementi materiali della vita cristiana.

Ascoltiamo Paolo mentre severamente ricorda che “Cristo è il capo dell’uomo, ma l’uomo è il capo della donna…” o mentre afferma che “la donna a motivo degli angeli deve portare ‘sul’ capo un segno di subordinazione” o mentre sostiene che l’uomo non si deve velare “perché egli è l’immagine e la gloria di Dio, mentre la donna è la gloria dell’uomo…”.

Perché osiamo affrontare e combattere questi argomenti spirituali? Forse perché l’evoluzione sociale ha offerto alla donna moderna un nuovo ruolo nella società?

Il ruolo della donna come d’altronde quello dell’uomo è e rimane quello stabilito da Dio mediante leggi immutabili che vogliono ancora oggi un principio di gerarchia, di subordinazione di ordine che è perfetta armonia e perfetto equilibrio.

Noi possiamo anche arzigogolare e cavillare sul significato nell’epistola ai Corinzi, ma le parole di Paolo rimangono lì, gravi, severe ad ammonirci da parte di Dio che la donna deve comparire, nelle radunanze di chiesa, con un velo artificiale posto sul suo capo come deve essere conservato intero il velo naturale donatole dalla natura come un segno di gloria e di distinzione voluto da Dio.

Naturalmente, non serve a nulla conservare l’elemento figurativo quando non esiste più la realtà sostanziale e quindi prima del velo le donna cristiana deve custodire la propria femminilità che deve essere per lei sottomissione, ubbidienza, dolcezza, grazia, pudore, santità. Quando la donna cristiana è veramente la gloria dell’uomo, l’aiuto convenevole dell’uomo o preparato per l’uomo, la dolce e sottomessa collaboratrice dell’uomo, non può, non deve rifiutare o ripudiare quei segni esteriori voluti da Dio per esprimere l’accettazione e l’esercizio della personalità muliebre nell’ambito della vita dello Spirito.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Perseverare nella Parola di Dio

di Roberto Bracco  –  “Se perseverate nella mia Parola…” (Giovanni 8:31)  –  Questo passo dell’Evangelo di Giovanni ci fa comprendere tre cose di grande importanza : – Per essere veramente discepoli di Gesù bisogna perseverare nella sua parola. – Mediante la perseveranza nella sua parola si giunge alla conoscenza della verità. – La conoscenza della verità produce la conquista della libertà. La prima cosa ci dice chiaramente che …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESÙ

di ROBERTO BRACCO  –  Alcuni episodi ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè: “Come pervenire alla vita eterna”. Bisogna premettere che “vita eterna” non è sinonimo d’immortalità: tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono a Dio hanno la …
Leggi Tutto

Amare il prossimo.

di Agostino Masdea  –  “E chi è il mio prossimo?” (Luca 10:27-29)  i) – Prossimo: dall’ebraico”rea” colui che è vicino, col quale stai trattando. Dal greco ” plesion”  –  avvicinarsi. a) Prima di Gesù, anche nel v. T., ” prossimo ” e un termine riservato ai “connazionali” ai “parenti” agli amici e ai compagni. Al massimo il termine si estende allo straniero che dimora in terra di Israele; …
Leggi Tutto

Che devo fare?

di Roberto Bracco  –  La tua chiesa langue a causa dell’indifferenza spirituale e della mondanità? La vanità, la carne e il peccato hanno preso il posto della consacrazione, dello spirito e della santità? La potenza celeste non si muove e non opera come operava anni addietro, gli ammalati non vengono più guariti e i tormentati liberati? Insomma ti accorgi che la tua chiesa si trova sulla strada dello …
Leggi Tutto

TORNERA'!

di S. Carruthers  – (Leggendo le statistiche citate nell’articolo tenere presente che è stato scritto negli anni 70) Gesù, che non ha mai mentito, poiché è la verità per essenza, prima di lasciare questa terra, disse ai suoi discepoli: Ritornerò! E noi possiamo essere altrettanto sicuri della realtà del suo ritorno, come possiamo essere certi della realtà della sua prima venuta! Effettivamente, nella Sacra Scrittura ci sono assai …
Leggi Tutto

This is my King!

Sebbene in rete ci sono infinite versioni di questo video, ci sentiamo di riproporlo perché è un messaggio straordinario che ogni volta che lo si ascolta suscita emozioni meravigliose e si rimane toccati dalla grandezza del nostro Re! “This is my King”… Questo è il mio Re. IL pastore nero S.M. Lockridge parla per sei minuti, in questo famoso sermone, di ciò che Gesù, il nostro Re è …
Leggi Tutto

LA TUA PAROLA MI RISTORA

– Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomini, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere la nostra vita più bella, di quanto tutti i libri di letteratura messi assieme possano contenere”. Il poeta Samuel Coleridge notò: “Nella Bibbia vi sono più cose che mi riguardano, di quanto io non abbia mai trovato in altri libri.” “Signor …
Leggi Tutto

...MA DAVIDE SI FORTIFICO' NELL'ETERNO.

1 Samuele 30: 6  –  È una cosa che si comprende all’istante, fortificarsi o farsi coraggio, è un’arte delle più importanti e maggiormente utili. Ma, perché?Perché un uomo scoraggiato è un essere indebolito e vinto. Egli è anche, ed è bene dirlo, un uomo pressocché inutile. Quanta gente è fallita nella vita, non per­ché mancava di capacità, ma perché non ha avuto coraggio sufficiente. Questa, per esempio, è …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti