IL PECCATO CONTRO LO SPIRITO SANTO

STUDIO BIBLICO di ROBERTO BRACCO  (Inedito) – 
Introduzione: Molti nel riferirsi al peccato contro lo Spirito Santo, lo definiscono “bestemmia contro lo Spirito Santo”. Noi pensiamo che la definizione sia approssimativa in quanto precisa soltanto uno degli aspetti del “peccato”.  Forse chiariamo meglio nel dire che il peccato imperdonabile (o a morte) e che sempre è contro lo Spirito Santo, non corrisponda necessariamente alla “bestemmia” le cui caratteristiche sono precisate dalla Scrittura.

Bisogna subito aggiungere che la “bestemmia” secondo il concetto biblico ha una propria articolazione che non deve essere ignorata per poter comprendere bene l’argomento. Può essere:

  1. – Ingiuria verso la divinità (Lev. 24:16)
  2. – Espressioni di menzogna (Apoc. 16:9-11)
  3. – Usurpazioni di prerogative divine (Matteo 26:65; Apo. 17:3 Marco 2:17)
  4. – Biasimo verso una testimonianza per coinvolgere Dio stesso. (Tito 2:5)
  5. – La propagazione di eresie (1 Tim. 1:20; 2 Tim. 2:17)
  6. – La tipica bestemmia contro lo Spirito Santo che è cosciente opposizione e la deliberata ingiuria contro l’azione divina (Marco 3:29)

NOTA: Solo di quest’ultima è detto che “non sarà perdonata né in questo secolo, né nel futuro” (Matteo 12:32) (Verso questo interpretato o alla luce di Marco 3:29 o a quella di Rom. 2:14-16 che nel parlare di “coscienza” dichiara implicitamente la condanna del peccato deliberato e cosciente).

Quindi, per concludere, la bestemmia contro lo Spirito Santo non è l’ingiuria verbale ad una Persona della Trinità, quale manifestazione blasfema derivante dall’ignoranza triviale, ma è opposizione sacrilega all’azione divina, opposizione espressa al solo fine di salvare ed esaltare la propria posizione in lotta all’opera e al messaggio di amore e di verità che risuona dall’azione dello Spirito (Matteo 12:24, 27).

Noi ovviamente, poniamo la bestemmia contro lo Spirito Santo nella categoria del peccato imperdonabile,

  1. Che cos’è il peccato?

Nota: Compiendo analisi filologiche è stato detto che il peccato è: “mancare il bersaglio” “fallire lo scopo” “cadere”; benché anche queste definizioni siano illuminanti, preferiamo quelle fornite direttamente dalla Scrittura.

  1. La trasgressione della legge (1 Giov. 3:4; Giac. 2:10-11)
  2. La resa alla concupiscenza (Giac. 1:15)
  3. Omissioni delle opere di Dio (Giac. 4:17)
  4. Azioni contro coscienza o contro fede (Rom. 14:23; Rom. 14:14)
  5. II peccato imperdonabile

Nota: Premesso che sempre il peccato produce la morte (Rom. 6:23; Giac. 1:15; 1 Giov. 5:^6; 1 Giov. 1:6) rimane da stabilire quando questo stato può essere considerato definitivo, cosa questa che ha suscitato infiammate polemiche nel corso dei secoli e che sono emerse almeno in quattro distinte correnti:

  • Peccati veniali, peccati mortali (anche quest’ultimi estinguibili a mezzo dei sacramenti).
  • Peccati che offendono clamorosamente la morale (fornicazione, adulterio, omicidio…)
  • Peccati che offendono l’esperienza spirituale (abiura, idolatria)
  • Peccati che determinano, una condizione d’indurimento.

Noi propendiamo per quest’ultima tesi pur accettando il principio che la chiesa, nell’esercizio del ministero disciplinare, possa sanzionare entro i limiti della Scrittura, qualsiasi forma di peccato.

Se non formalmente, sostanzialmente il peccato è sempre uguale: uno stato patologico della vita spirituale, quindi la differenza fra quello da cui si può guarire o risuscitare e quello che produce definitivamente la morte è determinata esclusivamente dall’attitudine dell’uomo di fronte all’azione di Dio che è l’azione dello Spirito Santo, esecutivo di Dio, ultimo agente nell’economia della grazia (Matteo 21:36-37) fornisce un’illustrazione esemplificativa.

  1. – Anche il peccato di coloro che rifiutano il messaggio della grazia. Giov. 16:8; 3:18.

Nota: Coloro che si oppongono all’azione dello Spirito muoiono non per i loro peccati, ma “nei” loro peccati.

a – Il peccato conseguente ad un calcolo cosciente, deliberato, spinto fino alle estreme conseguenze (Matteo 12:31-32) (Ebrei 12:7)

Nota: Il parallelo ripropone la bestemmia contro lo Spirito Santo e stabilisce un’analogia col peccato che eclissa il pentimento. Sovente si è ricordato un altro parallelo, ma di contrapposizione, quello di Saul e Davide… due stati che illustrano la differenza fra “peccato” e “peccato”.

b – Opposizione costante all’azione di Dio espressa dallo Spirito a mezzo della Parola (Apo. 2:7; Ebrei 6:7)

Nota: Questo verso, applicato con poca luce e con eccessiva severità in molti ambienti, parla di. “spesse volte” e ci ricorda quindi passi analoghi della Scrittura. (Gen. 6:3; Prov. 29:1; Apo. 3:2)

c – Il peccato volontario (Ebrei 10:26)

Nota: Questo forse è il verso che più degli altri è stato usato nel corso delle polemiche relative al peccato. Prescindendo dai motivi di luogo e di tempo che hanno ispirato l’epistola, rimane da stabilire quali devono essere le caratteristiche del peccato perché questo venga considerato “volontario”.

Certamente non basta il concorso fisico del soggetto perché se così fosse, non esisterebbe peccato da escluderai da questa categoria e quindi noi concludiamo che per peccato volontario debba intendersi quanto già detto alla lettera a.

d – Può essere il peccato di sacrilegio consumato per esaltare la propria personalità (Atti 8:22; (notare “se forse”) (Dan. 5:23

3. – Perché diciamo che il peccato imperdonabile è quello contro lo Spirito Santo.

Nota: Abbiamo già anticipato che si ravvi.sa un motivo anche dispensazionale nel rapporto peccato-azione dello Spirito, ma dobbiamo aggiungere che l’uomo giunge alla morte proprio lottando contro lo Spirito.

  1. Che giudica e convince (I Cor. 14:24 Giov. 16:8)
  2. Che converte (Atti 2:37, 4-1) – Nota: Il sermone pentecostale è stato anche il sermone dello Spirito Santo.
  3. Che rigenera (Giov. 3:5)
  4. Che santifica (Porri. 15:16)
  5. Che rende partecipi del Regno (Rom. 14:17)
  6. Che parla, guida, ammonisce (Giov. 16:13; Apo. 2:5)
  7. Ma che può essere “contristato”, “spento”, “contrastato”. (Efe. 4:30; 1 Tess. 5:19; Atti 7:15)
  8. Al quale si può “mentire” o che si può bestemmiare (Atti 5:3; Mat. 12:31)

CONCLUSIONE – Ogni peccato è offesa allo Spirito ed ogni peccato produce la morte, ma quando parliamo del peccato imperdonabile, ci riferiamo a quello che è conseguente ad una attitudine o che conduce ad una attitudine di definitiva resistenza all’azione dello Spirito, è il peccato quindi che, come già detto, eclissa il pentimento ed impedisce di accedere per fede al sangue che purifica da “ogni peccato”.

Peccato imperdonabile dunque non perché oscura l’amore di Dio, ma perché non sa accettare l’amore di Dio che per lo Spirito “manifesta” “esprime” “indirizza” un messaggio di misericordia e d’amore.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Una promessa per oggi: Io sono il Signore tuo Dio, che guarisce tutte le tue malattie

“Se tu ascolti attentamente la voce dell’Eterno, il tuo DIO, e fai ciò che è giusto ai suoi occhi e porgi orecchio ai suoi comandamenti e osservi tutte le sue leggi io non ti manderò addosso alcuna delle malattie che ho mandato addosso agli Egiziani perché io sono l’ Eterno che ti guarisco”. Esodo 15:26 Questa promessa Dio la pronuncia presso le acque di Mara, dove gli Israeliti …
Leggi Tutto

TROVARE GRAZIA

di Agostino Masdea  –  Libro di RUTH –  CAPITOLO 2   –   Introduzione. – Abbiamo visto nel cap. precedente che Ruth, nel paragone con Orpa, si differenzia, emerge e si impone alla nostra attenzione per il suo carattere. Qualcuno ha affermato che nessuna persona, se non è motivata da Dio, può fare ciò che fece Ruth. I. – RUTH, FIGURA DELLA CHIESA 1. – Il passaggio dalla terra …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: I MIEI ANGELI SONO ACCAMPATI INTORNO A COLORO CHE MI TEMONO.

Ci sono molti riferimenti nella Bibbia che parlano di angeli e del loro rapporto con il popolo di Dio. Nel Salmo 91:11 leggiamo che Dio comanda ai suoi angeli di prendersi cura di noi. In Ebrei 1:14 angeli sono chiamati “spiriti servitori” per ministrare coloro che sono “eredi della salvezza”. Nella promessa di oggi dal Salmo 34: 7, leggiamo che “l’Angelo del Signore si accampa intorno a coloro che lo temono …
Leggi Tutto

mp3

Amen, Vieni Signor Gesù [mp3player width=500 height=20 config=fmp_jw_widget_config.xml file=http://www.chiesadiroma.it/wp-content/uploads/2014/10/AMEN-VIENI-SIGNOR-GESU.mp3]  …
Leggi Tutto

STRANO

Strano che un biglietto da 10 euro sembri tanto grande quando diamo un’offerta, ma tanto piccolo quando siamo alla cassa del supermercato. Strano quanto possano essere lunghe due ore quando siamo seduti in chiesa e quanto siano brevi quando siamo ad una festa. Strano che siamo contenti se in una partita di calcio si va ai supplementari, ma ci infastidiamo se il culto la domenica dura più del …
Leggi Tutto

Ostacolo o benedizione?

Si racconta di un re che pose una pesante pietra in mezzo alla strada maestra e si nascose per osservare chi l’avrebbe rimossa.  Persone di varie classi sociali passarono e raggirarono l’ostacolo, continuando il loro cammino, alcuni biasimando il re per non tener sgombra la strada maestra, ma tutti schivando il lavoro di rimuovere la pietra dalla strada. Finalmente un povero contadino, incamminato verso la città con il …
Leggi Tutto

L’AMORE PERFETTO CACCIA VIA LA PAURA.

di FILIPPO WILES  –  «Perché avete paura, o gente di poca fede?» In un mare burrascoso ove le onde infuriate dal vento coprivano la barca, sembra una domanda ingiusta ed illogica. Che altro potevano fare quegli uomini terrorizzati se non gridare? Eppure Colui che domanda non provoca inutilmente perché Egli è amore. Come i discepoli, così tutte le persone, compresi i credenti, talvolta sono schiavi della paura. C’è …
Leggi Tutto

Meditazione del giorno: FEDE VERA

di George Muller    –   “La fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di cose che non si vedono; …Per fede intendiamo che l’universo è stato formato per mezzo della parola di Dio, sì che le cose che si vedono non vennero all’esistenza da cose apparenti.” ( Ebrei 11:1;3). PRIMO: CHE COS’È LA FEDE? Nel modo più semplice in cui sono capace di esprimermi, io rispondo: …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti