IL PECCATO CONTRO LO SPIRITO SANTO

STUDIO BIBLICO di ROBERTO BRACCO  (Inedito) – 
Introduzione: Molti nel riferirsi al peccato contro lo Spirito Santo, lo definiscono “bestemmia contro lo Spirito Santo”. Noi pensiamo che la definizione sia approssimativa in quanto precisa soltanto uno degli aspetti del “peccato”.  Forse chiariamo meglio nel dire che il peccato imperdonabile (o a morte) e che sempre è contro lo Spirito Santo, non corrisponda necessariamente alla “bestemmia” le cui caratteristiche sono precisate dalla Scrittura.

Bisogna subito aggiungere che la “bestemmia” secondo il concetto biblico ha una propria articolazione che non deve essere ignorata per poter comprendere bene l’argomento. Può essere:

  1. – Ingiuria verso la divinità (Lev. 24:16)
  2. – Espressioni di menzogna (Apoc. 16:9-11)
  3. – Usurpazioni di prerogative divine (Matteo 26:65; Apo. 17:3 Marco 2:17)
  4. – Biasimo verso una testimonianza per coinvolgere Dio stesso. (Tito 2:5)
  5. – La propagazione di eresie (1 Tim. 1:20; 2 Tim. 2:17)
  6. – La tipica bestemmia contro lo Spirito Santo che è cosciente opposizione e la deliberata ingiuria contro l’azione divina (Marco 3:29)

NOTA: Solo di quest’ultima è detto che “non sarà perdonata né in questo secolo, né nel futuro” (Matteo 12:32) (Verso questo interpretato o alla luce di Marco 3:29 o a quella di Rom. 2:14-16 che nel parlare di “coscienza” dichiara implicitamente la condanna del peccato deliberato e cosciente).

Quindi, per concludere, la bestemmia contro lo Spirito Santo non è l’ingiuria verbale ad una Persona della Trinità, quale manifestazione blasfema derivante dall’ignoranza triviale, ma è opposizione sacrilega all’azione divina, opposizione espressa al solo fine di salvare ed esaltare la propria posizione in lotta all’opera e al messaggio di amore e di verità che risuona dall’azione dello Spirito (Matteo 12:24, 27).

Noi ovviamente, poniamo la bestemmia contro lo Spirito Santo nella categoria del peccato imperdonabile,

  1. Che cos’è il peccato?

Nota: Compiendo analisi filologiche è stato detto che il peccato è: “mancare il bersaglio” “fallire lo scopo” “cadere”; benché anche queste definizioni siano illuminanti, preferiamo quelle fornite direttamente dalla Scrittura.

  1. La trasgressione della legge (1 Giov. 3:4; Giac. 2:10-11)
  2. La resa alla concupiscenza (Giac. 1:15)
  3. Omissioni delle opere di Dio (Giac. 4:17)
  4. Azioni contro coscienza o contro fede (Rom. 14:23; Rom. 14:14)
  5. II peccato imperdonabile

Nota: Premesso che sempre il peccato produce la morte (Rom. 6:23; Giac. 1:15; 1 Giov. 5:^6; 1 Giov. 1:6) rimane da stabilire quando questo stato può essere considerato definitivo, cosa questa che ha suscitato infiammate polemiche nel corso dei secoli e che sono emerse almeno in quattro distinte correnti:

  • Peccati veniali, peccati mortali (anche quest’ultimi estinguibili a mezzo dei sacramenti).
  • Peccati che offendono clamorosamente la morale (fornicazione, adulterio, omicidio…)
  • Peccati che offendono l’esperienza spirituale (abiura, idolatria)
  • Peccati che determinano, una condizione d’indurimento.

Noi propendiamo per quest’ultima tesi pur accettando il principio che la chiesa, nell’esercizio del ministero disciplinare, possa sanzionare entro i limiti della Scrittura, qualsiasi forma di peccato.

Se non formalmente, sostanzialmente il peccato è sempre uguale: uno stato patologico della vita spirituale, quindi la differenza fra quello da cui si può guarire o risuscitare e quello che produce definitivamente la morte è determinata esclusivamente dall’attitudine dell’uomo di fronte all’azione di Dio che è l’azione dello Spirito Santo, esecutivo di Dio, ultimo agente nell’economia della grazia (Matteo 21:36-37) fornisce un’illustrazione esemplificativa.

  1. – Anche il peccato di coloro che rifiutano il messaggio della grazia. Giov. 16:8; 3:18.

Nota: Coloro che si oppongono all’azione dello Spirito muoiono non per i loro peccati, ma “nei” loro peccati.

a – Il peccato conseguente ad un calcolo cosciente, deliberato, spinto fino alle estreme conseguenze (Matteo 12:31-32) (Ebrei 12:7)

Nota: Il parallelo ripropone la bestemmia contro lo Spirito Santo e stabilisce un’analogia col peccato che eclissa il pentimento. Sovente si è ricordato un altro parallelo, ma di contrapposizione, quello di Saul e Davide… due stati che illustrano la differenza fra “peccato” e “peccato”.

b – Opposizione costante all’azione di Dio espressa dallo Spirito a mezzo della Parola (Apo. 2:7; Ebrei 6:7)

Nota: Questo verso, applicato con poca luce e con eccessiva severità in molti ambienti, parla di. “spesse volte” e ci ricorda quindi passi analoghi della Scrittura. (Gen. 6:3; Prov. 29:1; Apo. 3:2)

c – Il peccato volontario (Ebrei 10:26)

Nota: Questo forse è il verso che più degli altri è stato usato nel corso delle polemiche relative al peccato. Prescindendo dai motivi di luogo e di tempo che hanno ispirato l’epistola, rimane da stabilire quali devono essere le caratteristiche del peccato perché questo venga considerato “volontario”.

Certamente non basta il concorso fisico del soggetto perché se così fosse, non esisterebbe peccato da escluderai da questa categoria e quindi noi concludiamo che per peccato volontario debba intendersi quanto già detto alla lettera a.

d – Può essere il peccato di sacrilegio consumato per esaltare la propria personalità (Atti 8:22; (notare “se forse”) (Dan. 5:23

3. – Perché diciamo che il peccato imperdonabile è quello contro lo Spirito Santo.

Nota: Abbiamo già anticipato che si ravvi.sa un motivo anche dispensazionale nel rapporto peccato-azione dello Spirito, ma dobbiamo aggiungere che l’uomo giunge alla morte proprio lottando contro lo Spirito.

  1. Che giudica e convince (I Cor. 14:24 Giov. 16:8)
  2. Che converte (Atti 2:37, 4-1) – Nota: Il sermone pentecostale è stato anche il sermone dello Spirito Santo.
  3. Che rigenera (Giov. 3:5)
  4. Che santifica (Porri. 15:16)
  5. Che rende partecipi del Regno (Rom. 14:17)
  6. Che parla, guida, ammonisce (Giov. 16:13; Apo. 2:5)
  7. Ma che può essere “contristato”, “spento”, “contrastato”. (Efe. 4:30; 1 Tess. 5:19; Atti 7:15)
  8. Al quale si può “mentire” o che si può bestemmiare (Atti 5:3; Mat. 12:31)

CONCLUSIONE – Ogni peccato è offesa allo Spirito ed ogni peccato produce la morte, ma quando parliamo del peccato imperdonabile, ci riferiamo a quello che è conseguente ad una attitudine o che conduce ad una attitudine di definitiva resistenza all’azione dello Spirito, è il peccato quindi che, come già detto, eclissa il pentimento ed impedisce di accedere per fede al sangue che purifica da “ogni peccato”.

Peccato imperdonabile dunque non perché oscura l’amore di Dio, ma perché non sa accettare l’amore di Dio che per lo Spirito “manifesta” “esprime” “indirizza” un messaggio di misericordia e d’amore.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

GRANDI INNI: "Trought it all" di Andrae Crouch

  IN MEMORIA DI ANDRAE CROUCH   –  Giovedì scorso si è fermato il cuore del leggendario cantante evangelico, 72 anni di cui 50 trascorsi nel mondo della musica cristiana. Era stato trasportato in ospedale lo scorso 3 gennaioper le complicazioni a uno stato di salute già compromesso da diabete e cancro. Riproponiamo una delle sue tante canzoni con la storia della sua vita.       Andrae Crouch è …
Leggi Tutto

LA FEDE

di  William Macdonald  –  «Or la fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di realtà che non si vedono». – Non si può essere veri discepoli senza una fede nell’Iddio vivente che sia profonda e assoluta. Chi desidera compiere grandi imprese per il Signore deve prima avere implicita fiducia in Lui. «Tutti i giganti di Dio sono stati degli uomini deboli che hanno fatte grandi cose per …
Leggi Tutto

IL RUOLO DELLA BIBBIA NELLA CHIESA (e nella vita del credente)

La Bibbia non è una collezione di scritti umani, o solo un capolavoro letterario. Non possiamo accogliere nemmeno la teoria che la Bibbia “contiene” la Parola di Dio, ma affermiamo e crediamo che la Bibbia è l’infallibile, ispirata ed efficace Parola di Dio. Abraham Lincoln un giorno disse: “io credo che la Bibbia sia il miglior dono che Dio abbia fatto agli uomini. LA PAROLA NEL MINISTERIO DI CRISTO …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Un giorno asciugherò ogni tua lacrima e cancellerò ogni tua sofferenza.

E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e non ci sarà più la morte, né cordoglio né grido né fatica, perché le cose di prima son passate» Apocalisse 21:4 La promessa di oggi ci parla di un giorno che viene, quando Dio stesso asciugherà ogni lacrima dai nostri occhi. In quel grande e glorioso giorno, non ci sarà più la morte, non più dolore, non più motivi per …
Leggi Tutto

Siamo Troppo Attaccati alle cose Terrene

di David Wilkerson. Hai notato che si parla davvero poco oggi del cielo o del lasciarci dietro questo mondo? Piuttosto, siamo bombardati di messaggi su come usare la nostra fede per acquisire più cose possibili. “Il prossimo risveglio”, disse un noto dottore, “sarà un risveglio finanziario. Dio riverserà benedizioni finanziarie su tutti i credenti” …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Potete riposare sulla Mia promessa di vita eterna.

“…nella speranza della vita eterna, promessa prima di tutte le età da Dio, che non può mentire.” Tito 1:2  –  Paolo scrisse questo messaggio a Tito duemila anni fa e dopo duemila anni è ancora rilevante quanto lo era quando fu scritto … Possiamo sperare nella promessa della vita eterna che Dio ci ha assicurato prima che il mondo avesse inizio, perché Dio non può mentire. Questa verità …
Leggi Tutto

CASA TUA!

di FILIPPO WILES   –   Quanti sermoni il lettore avrà ascol­tato sulla parola che Gesù rivolse a Zaccheo: «Scendi presto, perché oggi debbo albergare in casa tua».  Credo di non sbagliarmi quando di­co che l’interpretazione data a queste parole è, nella maggioranza dei casi, spirituale, cioè una interpretazione fi­gurativa, essendo la casa  paragonata alla nostra vita. Poche sono le volte quando sono prese alla lettera. Ebbene il messaggio che …
Leggi Tutto

I TRE ALBERI

Nelle chiese perseguitate viene? spesso e volentieri raccontata questa? parabola. Per quelli che soffrono il? carcere ? motivo di consolazione. ?In un bosco c’erano una volta tre giovani alberi, legati fra loro da uno? stretto rapporto di amicizia. Vollero? pregare insieme, affinch? non fosse la? putrefazione a mettere fine alla loro vita,? ma che il loro legno fosse utilizzato dagli? uomini. Il primo albero espresse il desiderio di? …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti