IL SEMINATORE

(Sermone radiofonico)

 Vangelo di Luca, 8:13 :   “Quelli sulla roccia sono coloro che, quando ascoltano, ricevono la parola con gioia; costoro però non hanno radice, credono per un certo tempo, ma al momento della prova, si tirano indietro”… Non hanno radice, credono per un tempo, forse mai, nella storia dell’umanità, è stata sparsa tanta semenza spirituale mediante la predicazione della Parola di Dio, eppure mai nel seno della società si è manifestato tanto materialismo, tanta indifferenza per le realtà spirituali, per le cose che riguardano Dio e il Regno di Dio.

Probabilmente questo lavoro accresciuto fino a limiti insperati negli anni che abbiamo lasciato alle spalle, ha avuto una spinta vigorosa dal perfezionamento e dallo sviluppo di tutti i mezzi di comunicazione messi a disposizione dell’uomo: radio, televisione, telefono, stampa. A questi si è aggiunto il contributo di una cultura generalizzata che ha offerto la possibilità di superare le barriere costituite ieri dall’analfabetismo, dall’ignoranza. Comunque oggi a mezzo trasmissioni, trattati, letteratura, campagne evangelistiche tempestivamente reclamizzate, la semenza viene sparsa a larghe manate, e molti, moltissimi sono quelli che la odono, che la ricevono.
Semenza che cade lungo la strada, semenza che cade tra le spine, semenza che qualche volta, grazie a Dio, scende in quei cuori aperti che rappresentano la buona terra. In questo lavoro copioso, abbondante, il fenomeno appare in dimensioni così vaste da non richiedere strumenti speciali per essere individuato ed analizzato. Si vede facilmente l’indifferente che ode la Parola di Dio ma se la fa quasi subito rubare dal diavolo; o l’uomo assorbito dalle sollecitudini, prototipo di folle immense che sembrano interessate alle parole come a mille altre cose, e che proprio perché uniscono questo interesse a troppi altri interessi permettono alle spine di soffocare la semenza del Regno.
Vediamo con gioia, in mezzo a tanta sterilità, il peccatore che si commuove, si umilia, e non soltanto accetta il messaggio divino, ma lo conserva, lo lascia operare e realizza l’abbondante fecondità della salvezza. E naturalmente non possiamo non vedere l’uomo che non ha sollecitudini, non rappresenta una striscia di terra fuori dal campo, ma non è neanche un solco aperto e profondo per accogliere sinceramente e con fede la predicazione della Parola di Dio.

Non possiamo non vedere coloro che l’evangelista Luca definisce “una roccia” e S. Matteo “luoghi pietrosi”. Sopra la roccia. Sopra la roccia c’è una sottile striscia di terra, possiamo dire un sottile tappeto, tanto quanto basta per coprire la nudità della pietra, ed anche per accogliere con compiacenza il seme che cade. Il seme è rimasto quasi in superficie, quindi fra le tante piante, la prima ad uscire fuori è proprio quella che si trova in quel particolare cantuccio del campo, è spuntata senza eccessiva fatica, non ha dovuto lavorare molto per venire alla luce. Ma tutte le piante hanno bisogno degli elementi naturali per aver vita, svilupparsi, giungere a maturazione. Dopo la neve, dopo la pioggia, anche il sole, con i suoi raggi infuocati, deve accarezzare le spighe nel campo per regalare ad ognuna assieme alla vita, alla vita interiore, il loro bel colore d’oro. E il sole viene, viene per tutte le spighe, ma ci sono anche quelle che sono venute fuori da quella sottile striscia di terra che copre le pietre: queste sono venute fuori subito, prima delle altre, la loro nascita non è stata sofferta, ma non hanno radice, cioè sono prive di quel elemento vitale che è indispensabile per equilibrare e quindi armonizzare l’azione del sole con quello offerto dall’umidità della terra. Il sole, datore di vita, diventa per queste pianticelle termine di giudizio, le brucia, le secca. Se vogliamo tradurre in termini reali quanto ci viene proposto in parabola, possiamo dire che l’uomo che non ha una vita spirituale reale, profonda, radicata in Dio, quando viene raggiunto da quei raggi che sono luce e calore, che accecano, che bruciano, e che pure sono salutari per la maturazione della pianta, cioè quando viene investito dalla lotta, dalla prova, non resiste, non può resistere e si secca nella propria fugace esperienza spirituale.

Non hanno radice. Non basta udire, anche con piacere, l’annuncio della verità. Non basta entusiasmarsi nella conoscenza delle promesse del Signore. L’allegrezza che nasce dalla superficialità dei propri sentimenti è destinata a seccarsi assieme alle decisioni e alle promesse espresse. E’ preziosa l’esortazione del profeta: “Aratevi un capo novale, non seminate fra le spine”. La vita del credente deve schiudersi totalmente di fronte al messaggio della verità, dobbiamo essere certi di ricevere la Parola di Dio in un cuore onesto, buono, che si offre intiero ad essa e soltanto ad essa, perché la Parola di Dio possa usarlo come campo di benedizione e di vita.
Ma oggi, che tante e sempre crescenti sono le cose offerte dalla vita, dal mondo, il bisogno di realizzarsi come “una roccia” si fa sempre più imperioso nell’uomo. Egli cerca di non impegnarsi mai a fondo, cerca di non assumere impegni e responsabilità permanenti. Ci sono giovani che giungono addirittura al matrimonio dichiarando reciprocamente di considerarlo soltanto un esperimento, politici che aderiscono ad un partito con le più ampie riserve mentali, lavoratori che assumono responsabilità ma in maniera assolutamente irresponsabile. Gli uomini temono gli impegni, i vincoli, le decisioni e molti vorrebbero conservare questa posizione anche davanti a Dio.
Noi pensiamo che questo comportamento sia profondamente errato anche nelle esperienze umane, perché se l’individuo giunge a sentirsi dispensato dall’assumere autentici impegni, giunge di conseguenza ad evadere anche l’indagine e l’approfondimento delle realtà della vita, ma pensiamo soprattutto che sia catastrofico nella relazione con Dio. Le cose del Regno di Dio sono profondamente serie, e possono trovare un posto in noi soltanto se le accettiamo con profondità di sentimenti, non su un cuore di pietra, non nella sottile superficie di un tappeto terroso, non con l’entusiasmo passeggero di un’ora, ma con un cuore aperto, con un proposito onesto e serio.

Caro amico, questo vale anche per te. Ti ringraziamo per la stima che manifesti verso questa trasmissione nel seguirla, ma questo non basta. Attraverso le onde della radio il Seminatore dei secoli, Gesù Cristo, continua a far giungere il seme della Sua Parola…Dove lo lascerai cadere? Iddio ci aiuti a presentare la nostra vita come un campo pronto per fecondare il seme della vita eterna. Iddio ci benedica!

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IL SERMONE

di ROBERTO BRACCO   –   Come si prepara un sermone? Preparando la propria vita!  Se noi crediamo che il ministro rappresenta soltanto il canale attraverso il quale deve fluire la gloria di Dio, ci dobbiamo preoccupare che questo canale sia completamente libero per far passare lo Spirito di Dio. La lettura, la meditazione, la preghiera unite alla santità della vita sono gli elementi più preziosi per preparare un sermone …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Niente sarà impossibile per chi ha una fede anche piccola

E Gesù disse loro: «… io vi dico in verità che, se avete fede quanto un granel di senape, direte a questo monte: “Spostati da qui a là”, ed esso si sposterà; e niente vi sarà impossibile. (Matt. 17:20) In questa promessa, Gesù ci dice che, anche se la nostra fede è piccola come un granello di senape, siamo in grado di dire ad una montagna di spostarsi e …
Leggi Tutto

Una Promessa per oggi: PERDONO E GUARIGIONE FANNO PARTE DEI MIEI TANTI BENEFICI.

Benedici, anima mia, l’Eterno e non dimenticare alcuno dei suoi benefici. 3 Egli perdona tutte le tue iniquità e guarisce tutte le tue infermità. (Salmo 103:2-3)  –  Quando una persona fa un colloquio di lavoro, una delle cose che chiede è: “Potrebbe dirmi quali benefici ottengo da questo lavoro?” Molti lavori hanno più o meno vantaggi rispetto agli altri. L’assistenza sanitaria, tredicesima e ferie, contributi pensionistici, etc. In questa promessa, David sta …
Leggi Tutto

CAMMINO' CON DIO

di DONALD GEE – La storia di Enoc, descritta per sommi capi in poche righe, ha sempre racchiuso un certo fascino; la storia dell’uomo che camminò con Dio e poi disparve, perché Dio lo prese. Una silente bellezza è contenuta in questo morso di storia, descrittaci con sorprendente brevità nelle prime pagine condensate della Genesi. Penso che l’interesse primo stia nel fatto unico che Enoc non conobbe la …
Leggi Tutto

Essere ripieni  di Spirito Santo

di  Zac Poonen  –   Ho visto un cartone animato, una volta che mostrava i discepoli nell’alto solaio che aspettavano di essere pieni di Spirito Santo (Atti 1:12-14). (Oggi sappiamo che hanno aspettato dieci giorni, ma in quel momento, nessuno di loro sapeva per quanto tempo avrebbero dovuto attendere.) Al nono giorno, uno di loro uscì e se ne andò a casa dicendo che era stanco di aspettare …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: NON ESSERE TRISTE, PERCHÉ LA MIA GIOIA È LA TUA FORZA.

Poi Neemia disse loro: «Andate, mangiate cibi grassi e bevete bevande dolci, e mandate delle porzioni a quelli che non hanno preparato nulla per loro; perché questo giorno è consacrato al nostro Signore; non siate tristi; perché la gioia del SIGNORE è la vostra forza». Neemia 8:10 In questo brano della Scrittura, Israele era riunito per ascoltare la Parola di Dio. Sembra fosse un momento molto intenso e tutte …
Leggi Tutto

GEORGE MULLER: Salmo 23

Sermone predicato da GEORGE MULLER nella Bethesda Chapel, in Great George Street, Bristol, domenica sera 20 giugno 1897. «Il SIGNORE è il mio pastore: nulla mi manca. Egli mi fa riposare in verdeggianti pascoli, mi guida lungo le acque calme. Egli mi ristora l’anima, mi conduce per sentieri di giustizia, per amore del suo nome. Quand’anche camminassi nella valle dell’ombra della morte, io non temerei alcun male, perché …
Leggi Tutto

UN MOTIVO PER RALLEGRARSI

di R. Carmicheal   –   Il Signore ha dei piani meravigliosi per il vostro futuro. Forse voi vi chiedete come io possa affermare una cosa del genere giacché probabilmente non ci siamo mai incontrati. Beh, quest’affermazione la poggio non tanto sulla conoscenza della vostra (o della mia) persona, ma sulla conoscenza del Signore. Non importa in quale situazione vi troviate – che sia meravigliosa o terribile. Il Signore ha …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti