Egitto: Conferenza cristiana con più di 10.000 giovani

3 ott. 2013 – Il 27 e 28 settembre scorso in Egitto una conferenza cristiana ha riunito più di 10.000 giovani egiziani in una struttura a 110 km dal Cairo. Lo scopo di questo incontro dal titolo “One Thing” (Una cosa) era confermare la propria devozione a Cristo e impegnarsi a servire Dio e ad amare il prossimo. Se non considerassimo in quale contesto e atmosfera di insicurezza e timore ha avuto luogo questo meeting di giovani cristiani, perderebbero di valore gli impegni presi da queste migliaia di ragazzi. Chiese, orfanatrofi, cliniche, scuole e librerie cristiane sono stati il bersaglio dei radicali islamici, a cui si aggiungono case private, negozi, hotel e proprietà in generale di cristiani, distrutti, incendiati o saccheggiati nei giorni più caldi delle rivolte delle scorse settimane.

La testimonianza di amore e, soprattutto, perdono apertamente manifestata dai cristiani egiziani dopo gli attacchi subiti è stata recepita e ammirata da milioni di musulmani egiziani. “Seguendo gli insegnamenti del Maestro Gesù, i cristiani hanno spiazzato tutti scegliendo di non reagire agli attacchi e di non vendicarsi”, ci conferma un nostro collaboratore. “In fondo ricordano bene che l’essenza della vita di chiesa è la comunione dei credenti nel cammino per Cristo, anche se questo può significare doversi riunire in un locale con i muri anneriti dal fuoco” (Foto: alcuni credenti hanno scritto “Dio è amore” e “Dio è gioia” nei muri anneriti della loro chiesa).

Riguardo alla visita di controllo dei danni subiti dopo l’attacco, un membro di una delle chiese colpite ci racconta: “L’odore acre delle sedie e degli strumenti musicali bruciati, i ventilatori pencolanti e semidistrutti, la cenere delle Bibbie e degli innari saturavano l’atmosfera”. In quella situazione un nostro collaboratore ha ricordato ai presenti il verso di Isaia 61:3, che recita: “…per mettere, per dare agli afflitti di Sion un diadema invece di cenere, olio di gioia invece di dolore, il mantello di lode invece di uno spirito abbattuto, affinché siano chiamati querce di giustizia, la piantagione del SIGNORE per mostrare la sua gloria”. Su questo versetto si è focalizzato il messaggio dato nella stessa chiesa il giorno seguente, quando tutti i membri della comunità (tranne quelli che erano fuggiti dal villaggio) si sono riuniti per svolgere regolarmente, per quanto possibile, il loro culto in quell’edificio sconquassato dall’attacco.

Attraverso le chiese locali e alcune organizzazioni partner, Porte Aperte ha reso possibile un intervento di soccorso e sostegno concreto alle famiglie vittime di aggressioni che tuttora continua. Oltre agli aiuti materiali ci si è focalizzati anche sul supporto emotivo e psicologico alle vittime.

(fonte Porte Aperte)

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

SOPPORTATEVI

di  ROBERTO BRACCO   –   Sopportatevi gli uni gli altri e perdonatevi a vicenda, se uno ha di che dolersi di un altro. Come il Signore vi ha perdonati, così fate anche voi.   (Colossesi 3:13)    –      La legge dell’amore c’insegna a sopportarci vicendevolmente. Quest’insegnamento rappresenta anche una rivelazione della personalità umana: della nostra personalità e della personalità degli altri.   Dobbiamo sopportarci, quindi abbiamo …
Leggi Tutto

POTENZA NELLA PREGHIERA

di H. D. Pettit   —    L’Apostolo Giacomo ci meraviglia con la sua dichiarazione, “Voi non avete, perché non domandate” (Giacomo 4:2). Ciò mette in risalto l’importanza della preghiera: soltanto da Dio possiamo ricevere ciò che ci necessita, ciò che aneliamo; dobbiamo sempli­cementechiedere. “Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quel che volete e vi sarà fatto”. (Giov. 15:7). La promessa è illimitata; …
Leggi Tutto

POTENZA

di  ROBERTO BRACCO  –  “Riceverete potenza”! (Atti 1:8)  Le parole di Gesù avevano un preciso significato per i di- screpoli che le udirono e le ascoltarono; raccolti nell’Alto Solaio rimasero in atte­sa non di sensazioni od emozioni, ma di quella virtù che poteva renderli testimoni di Cristo, della Sua morte, della Sua re­surrezione ed essi ricevettero esattamen­te quello che attendevano dal Cielo. I testimoni di Cristo furono spesso i mar­tiri …
Leggi Tutto

This is my King!

Sebbene in rete ci sono infinite versioni di questo video, ci sentiamo di riproporlo perché è un messaggio straordinario che ogni volta che lo si ascolta suscita emozioni meravigliose e si rimane toccati dalla grandezza del nostro Re! “This is my King”… Questo è il mio Re. IL pastore nero S.M. Lockridge parla per sei minuti, in questo famoso sermone, di ciò che Gesù, il nostro Re è …
Leggi Tutto

"DAVANTI AL GOLGOTA"

di ROBERTO BRACCO  –  Torno con la mia mente al Golgota, a quell’immenso cranio di pietra grigia con le sue occhiaie austere e rivivo l’emozione profonda provata davanti a quel monte, fuori di Gerusalemme e separato da questa da una strada brulicante oggi, come forse ieri, di gente frettolosa. Mi sembra che davanti all’immagine anche fisica di quel monte fatale ho potuto rivivere più intensamente il dramma del Golgota; …
Leggi Tutto

Consolati per poter consolare

di Agostino Masdea   –   2 Corinzi 1:3-4    “Benedetto sia Dio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre delle misericordie e il Dio di ogni consolazione, il quale ci consola in ogni nostra afflizione affinché, per mezzo della consolazione con cui noi stessi siamo da Dio consolati, possiamo consolare coloro che si trovano in qualsiasi afflizione.   –    La seconda lettera ai Corinzi …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: I miei occhi scorrono per tutta la terra per dare forza a coloro che mi appartengono.

L’Eterno infatti con i suoi occhi scorre avanti e indietro per tutta la terra per mostrare la sua forza verso quelli che hanno il cuore integro verso di lui. (2 Cronache 16:9)   –   Dio ci guarda sempre. I suoi occhi scorrono avanti e indietro in tutto il mondo per dare forza a coloro che gli appartengono. Egli non ci lascia e mai ci abbandona a noi stessi …
Leggi Tutto

LE RISPOSTE DIO SARANNO PRECISE COSI COME LO SONO LE NOSTRE PREGHIERE

di Charles G. Finney.  –    Voglio ricordare alcune cose che una persona deve fare, se vuole che vengano esaudite le preghiere. Deve pregare per un qualcosa di definito (Marco 11:23-24; 10:51). Deve avere davanti alla propria mente una chiara visione di ciò che vuole. Invece di pregare per qualcosa di definito molte persone pregano per ciò che li passa per la mente in quel momento. Questa non è …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti