Egitto: Conferenza cristiana con più di 10.000 giovani

3 ott. 2013 – Il 27 e 28 settembre scorso in Egitto una conferenza cristiana ha riunito più di 10.000 giovani egiziani in una struttura a 110 km dal Cairo. Lo scopo di questo incontro dal titolo “One Thing” (Una cosa) era confermare la propria devozione a Cristo e impegnarsi a servire Dio e ad amare il prossimo. Se non considerassimo in quale contesto e atmosfera di insicurezza e timore ha avuto luogo questo meeting di giovani cristiani, perderebbero di valore gli impegni presi da queste migliaia di ragazzi. Chiese, orfanatrofi, cliniche, scuole e librerie cristiane sono stati il bersaglio dei radicali islamici, a cui si aggiungono case private, negozi, hotel e proprietà in generale di cristiani, distrutti, incendiati o saccheggiati nei giorni più caldi delle rivolte delle scorse settimane.

La testimonianza di amore e, soprattutto, perdono apertamente manifestata dai cristiani egiziani dopo gli attacchi subiti è stata recepita e ammirata da milioni di musulmani egiziani. “Seguendo gli insegnamenti del Maestro Gesù, i cristiani hanno spiazzato tutti scegliendo di non reagire agli attacchi e di non vendicarsi”, ci conferma un nostro collaboratore. “In fondo ricordano bene che l’essenza della vita di chiesa è la comunione dei credenti nel cammino per Cristo, anche se questo può significare doversi riunire in un locale con i muri anneriti dal fuoco” (Foto: alcuni credenti hanno scritto “Dio è amore” e “Dio è gioia” nei muri anneriti della loro chiesa).

Riguardo alla visita di controllo dei danni subiti dopo l’attacco, un membro di una delle chiese colpite ci racconta: “L’odore acre delle sedie e degli strumenti musicali bruciati, i ventilatori pencolanti e semidistrutti, la cenere delle Bibbie e degli innari saturavano l’atmosfera”. In quella situazione un nostro collaboratore ha ricordato ai presenti il verso di Isaia 61:3, che recita: “…per mettere, per dare agli afflitti di Sion un diadema invece di cenere, olio di gioia invece di dolore, il mantello di lode invece di uno spirito abbattuto, affinché siano chiamati querce di giustizia, la piantagione del SIGNORE per mostrare la sua gloria”. Su questo versetto si è focalizzato il messaggio dato nella stessa chiesa il giorno seguente, quando tutti i membri della comunità (tranne quelli che erano fuggiti dal villaggio) si sono riuniti per svolgere regolarmente, per quanto possibile, il loro culto in quell’edificio sconquassato dall’attacco.

Attraverso le chiese locali e alcune organizzazioni partner, Porte Aperte ha reso possibile un intervento di soccorso e sostegno concreto alle famiglie vittime di aggressioni che tuttora continua. Oltre agli aiuti materiali ci si è focalizzati anche sul supporto emotivo e psicologico alle vittime.

(fonte Porte Aperte)

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

LA DISCIPLINA NELLA CHIESA. (Ebrei 12:1-14)

di Agostino Masdea   –  Leggi più severe sono invocate da tutti nella società di oggi.  Le regole sono necessarie in una nazione, in una comunità, in un qualsiasi circolo di persone. Dove mancano le leggi e le regole regna il caos e l’anarchia. Il problema è che ogni categoria invoca “severità” per tutte le altre categorie meno che per se stessa. Morale della favola: ognuno tira l’acqua al suo mulino …
Leggi Tutto

 Una promessa per oggi: “Io so tutto della tua vita e conosco tutte le tue vie”.

Salmo 139: 1-3  Tu mi hai investigato, o Eterno, e mi conosci.  Tu sai quando mi siedo e quando mi alzo, tu intendi il mio pensiero da lontano.  Tu esamini accuratamente il mio cammino e il mio riposo e conosci a fondo tutte le mie vie.   –    Ti sei mai trovato in una stanza piena di persone e sentirti completamente solo? A volte possiamo essere circondati da tante persone nella nostra vita quotidiana, …
Leggi Tutto

UNA SANA FAMIGLIA

di Philip Nunn  –  Studio sulla seconda lettera di Giovanni.  –  La seconda lettera di Giovanni è l’unica lettera apostolica indirizzata a una donna, “alla signora elette e ai suoi figli” (v.1). Alcuni commentatori suggeriscono che Giovanni stia usando un linguaggio simbolico dove “la signora eletta” si riferisce alla chiesa locale, e che quando alla fine scrive “ i figli della sorella eletta ti salutano” (v.13), si riferisce …
Leggi Tutto

PECCATORI NELLE MANI DI UN DIO ADIRATO

di Jonathan Edwards . –  Jonathan Edwards nacque nel 1703 e morì nel 1758. Questo sermone fu predicato nel pomeriggio dell’ 8 luglio 1741 ad Enfield, nel Connecticut. I fuochi del risveglio erano iniziati in tutta l’area della nuova Inghilterra mediante il ministero di George Whitefield, ma Enfield, la comunità più malvagia di tutte, non era stata raggiunta. Un servizio speciale era stato convocato da un gruppo di ministri …
Leggi Tutto

ADAMO DOVE SEI? (Genesi 3:10)

Ma l’uomo era nascosto!     Nel luogo degli incontri abituali non si udiva la voce dei coniugi amici di Dio e forse il silenzio era reso ancora più cupo dal peccato consumato, ormai entrato come un’ombra triste nella natura. E’ il dramma! …
Leggi Tutto

Dai nostri culti

Pastore  Agostino Masdea  –  Domenica 4 Agosto 2014  –  (Isaia 40:25-31))   Dio è più grande dei nostri problemi, più grande delle nostre paure e dei nostri dubbi, più grande delle circostanze… chi confida in Lui rinnova ogni giorno le sue forze …
Leggi Tutto

POTENZA DALL’ALTO

Ed ecco, io mando su di voi la promessa del Padre mio; ma voi rimanete nella città di Gerusalemme, finché siate rivestiti di potenza dall’alto.    LUCA 24: 49 –  Ma voi riceverete potenza quando lo Spirito Santo verrà su di voi, e mi sarete testimoni in Gerusalemme e in tutta la Giudea, in Samaria e fino all’estremità della terra”.    ATTI 1: 8  –    Nel momento in cui siamo stati salvati abbiamo ricevuto …
Leggi Tutto

17 Aprile 2011 - ZAC POONEN

Ospite il pastore ZAC POONEN della Christian Fellowship Church, Bangalore, India. Potete ascoltare la sua predicazione (Paul Schafer interprete) …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti