Dossier: Siria, cosa ha causato la guerra civile?

VERONA – Alla vigilia di un potenziale intervento militare straniero in Siria, Porte Aperte, l’organizzazione internazionale evangelica a sostegno della Chiesa perseguitata, ascolta il punto di vista di un leader cristiano siriano sulle cause della devastante guerra civile. La testimonianza di Nadim Nassar si articola in una riassuntiva ricostruzione storica per giungere a una personale e interessante analisi dell’attuale situazione siriana. 

«Il conflitto in Siria è iniziato come una protesta contro la corruzione che ha rovinato ogni aspetto della vita delle persone e ha creato la mancanza di libertà. Così la gente ha chiesto riforme radicali rispetto al modo in cui la Siria è stata governata sino ad ora. La mancanza di risposta a queste richieste è stata seguita da una grave e prolungata azione militare contro chi ha protestato, e questa violenza ha spinto alcuni dell’opposizione a chiedere aiuto ai governi stranieri nella regione. Molti di questi governi sonoguerra-siria (1) pronti a distruggere l’antica alleanza tra la Siria e l’Iran, e la caduta del regime di Assad sarebbe per loro di grande aiuto, per questo motivo hanno offerto aiuti militari e finanziari all’opposizione, ma solo a condizione che la “nuova Siria” tagli i legami con l’Iran e con Hezbollah nel sud del Libano».

«Sono anche stati chiamati – spiega ancora – alcuni leader religiosi estremisti di altri Paesi per una rivolta sunnita contro le minoranze, soprattutto quella alawita. Purtroppo anche i cristiani fanno parte di quella lista di minoranze, perché erroneamente si pensa che siano protetti dagli alawiti. Mentre il conflitto continua, questa nuova ondata di settarismo è in aumento perché sta legittimando l’uso della violenza contro chiunque, anche verso chi non fa parte del regime di Assad. Gli atti di guerra del regime contro il suo stesso popolo stanno avendo un solo risultato, quello di incoraggiare ulteriormente il risentimento nei confronti del regime e degli alawiti e di fomentare un’ingiustizia diffusa contro le minoranze».

«Quello che sta accadendo in Siria adesso – dichiara Nadim Nassar a Porte Aperte – non è dunque solo il risultato di una minoranza che domina la maggioranza della popolazione. I cambiamenti che il popolo sta chiedendo hanno ora poco a che vedere con il fatto che Assad provenga da una minoranza. Il cambiamento che i siriani desiderano con tutto il cuore, invece, è il passaggio dall’oppressione alla libertà, dalla corruzione al rispetto della legge, dalla dittatura alla democrazia. Questi cambiamenti sarebbero di beneficio per tutti i siriani, cristiani compresi». guerra-siria

Fonte: Porte Aperte

Per approfondimenti: 
http://www.porteaperteitalia.org/persecuzione/notizie/2013/2630764/2671685/
http://www.porteaperteitalia.org/persecuzione/country_profile/siria/ – 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

New Age e Cristianesimo

di B. E. Underwood   –   Uno dei più famosi “pseudoevangelisti” del mondo è una donna. Il suo nome è Shirley MacLaine. Il suo “vangelo contraffatto” è quello del movimento New Age (o Nuova Era). Guadagna circa quattro milioni di dollari all’anno propagando la sue fede. L’oggetto dei suoi seminari propagandistici è presentare ai partecipanti una persona che secondo la MacLaine è la più importante del mondo. Questa persona …
Leggi Tutto

IL BUON PASTORE

di GEORGE WHITEFIELD  –  Sermone d’addio (L’ultimo sermone predicato a Londra, mercoledì 30 agosto 1769 prima della sua ultima partenza per l’America) “Le mie pecore ascoltano la mia voce, io le conosco ed esse mi seguono; e io do loro la vita eterna e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:27-28).   – È un detto comune e, io credo, giusto, quello che …
Leggi Tutto

I TRE ALBERI

Nelle chiese perseguitate viene? spesso e volentieri raccontata questa? parabola. Per quelli che soffrono il? carcere ? motivo di consolazione. ?In un bosco c’erano una volta tre giovani alberi, legati fra loro da uno? stretto rapporto di amicizia. Vollero? pregare insieme, affinch? non fosse la? putrefazione a mettere fine alla loro vita,? ma che il loro legno fosse utilizzato dagli? uomini. Il primo albero espresse il desiderio di? …
Leggi Tutto

LA SHEKINAH MANCANTE

“Shekinah”: parola ebraica che descrive la nuvola scintillante che aleggiava sul coperchio dell’arca, simbolo ed espressione della gloria di Dio.  di A. W. TOZER  –  Viviamo in giorni nei quali l’opera del Signore è portata avanti da personalità brillanti secondo i metodi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo. Come è importante perciò considerare il consiglio di uomini di Dio sinceri e umili, che tengono ascosta la loro personalità …
Leggi Tutto

La sostituzione che cambiò il mondo

di ZAC POONEN    –  «Colui che non ha conosciuto peccato, egli lo ha fatto diventare peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia di Dio in lui.» 2° Corinzi 5:21   –  L a Bibbia rivela che, quando Gesù morì sulla croce per noi, Egli ci sostituì occupando il nostro posto. Cristo è diventato peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia per Dio. Questo scambio si chiama giustificazione, …
Leggi Tutto

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   –  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ possibile la pace? Questa domanda preoccupa non solo i cristiani ma anche gli aderenti ad altre religioni nel mondo ed ad altri tipi di fede, nonché coloro che si occupano di politica. Essa non si limita solo alla …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Ti amo come un padre ama i suoi figli

“Come un padre è pietoso verso i suoi figli, così è pietoso l’Eterno verso quelli che lo temono.” (Salmo 103:13)  –  Il punto di questa promessa è che Dio Padre ci ama proprio come un padre amorevole ama e ha compassione per i suoi figli. Sono del continuo meravigliato delle analogie che trovo in tutta la Bibbia dove Dio vuole che noi sappiamo che Lui è veramente un Padre …
Leggi Tutto

CRISTIANI INFUOCATI

di Agostino Masdea  –  Ci sono molte figure nella Parola che rappresentano lo Spirito Santo: l’olio, il vento, la colomba, il fuoco. A Pentecoste, due di questi simboli, il fuoco e il vento si sono manifestati contemporaneamente, e fu quel tipo di battesimo che segnò una nuova era, perché segnò la nascita della chiesa di Gesù Cristo. Ed è stato quel fuoco, quel battesimo, che ha trasformato quei discepoli …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti