Essere pastore in NIGERIA – dossier

Un dossier che ci spiega la difficolt? di essere pastore in Nigeria del nord.? ? ?- ? ?Da quando i Boko Haram hanno iniziato la loro campagna terroristica nel 2009, migliaia di cristiani degli stati del nord della Nigeria sono stati uccisi, un numero elevatissimo di chiese e di case di credenti sono state distrutte. Questi attacchi hanno ferito la societ? a vari livelli. Le chiese non possono pi? operare com?erano solite fare, molte famiglie hanno perso dei cari e moltissime vite sono state irrimediabilmente segnate durante questi 4 anni di violenze. Nel mezzo di questo caos ci sono coloro che sono stati chiamati a prendersi cura del gregge: i pastori. Loro e le loro famiglie sono tra i pi? colpiti.

Colpire i pastori ? sempre stata una specifica strategia di questi terroristi, poich? sanno che ai pastori spetta il difficile compito di guidare le congregazioni attraverso il dolore della persecuzione, aiutando i membri di chiesa a trovare un senso alla sofferenza, il conforto nella perdita e le giuste reazioni (leggasi perdono) di fronte alla violenza. Ma tutto ci? lo fanno spesso dovendo affrontare in primis le proprie perdite e le proprie sofferenze.

Yobe, uno degli stati scenario dell?avanzata non solo dei Boko Haram ma anche dell?islam sociale pi? radicale, ha visto prendere forma un impressionante?esodo di cristiani verso zone pi? sicure, con tutte le difficolt? e gli enormi problemi tipici di queste vaste migrazioni?interne (pessime condizioni igieniche ed economiche, perdita di beni di propriet?, scarse prospettive per il futuro, ecc.).

?Per fare un esempio delle sfide che affrontano i pastori, una chiesa che la nostra missione conosce molto bene era solita avere una media di circa 600 membri, mentre oggi sono appena 50. Molte chiese pi? piccole di fronte agli ostacoli sociali, alla migrazione e alle minacce sono state costrette a chiudere: stimiamo che circa il 30% dei pastori di queste piccole congregazioni si sia spostato in un?altra zona, mentre il rimanente ha trasformato le congregazioni in cellule che si riuniscono in casa o all?aperto in zone sicure.

Molti pastori dunque rimangono nonostante gli immani sacrifici richiesti, magari mandando i figli in un altro stato pi? sicuro; purtroppo, per?, le loro entrate sono sempre pi? esigue e ci? aggiunge la preoccupazione di non riuscire a mantenere se stessi e la propria famiglia lontana. A tal proposito Porte Aperte si ? attivata portando viveri, vestiti e beni di prima necessit? (visto che molti, oltre all?edificio e agli arredi della chiesa, hanno perso casa, vestiti, denaro, tutto), ma anche provvedendo a pagare le rette scolastiche dei figli e rimpiazzando il materiale di studio biblico perduto. L?idea ? sempre quella di non lasciarli soli, anche e soprattutto perch? hanno preso?la difficile decisione di rimanere ad essere luce e sale?per quella parte della Nigeria devastata dal fondamentalismo islamico.

Questo aiuto materiale ? vitale per i pastori di Yobe e delle altre zone in cui siamo impegnati, ma ci? che continuano a chiederci di pi? sono?le preghiere e la presenza, cio? dimostrare loro che siamo fisicamente al loro fianco, che possono chiamarci e noi rispondiamo, che possono sperare in una visita anche solo per dare loro conforto e incoraggiamento. Poterli guardare negli occhi e rassicurarli del fatto che moltissimi fratelli anche dall?Italia pregano per loro non ha davvero prezzo. La Chiesa in Nigeria ? sotto attacco, spetta anche a noi difenderla.

 

FONTE: dal sito PORTE APERTE ITALIA

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

SOTTO IL SOLE

di BILLY SUNDAY  –   ″Che profitto ha l’uomo di tutta la fatica che sostiene sotto il sole?″  (Ecclesiaste 1:3)    –   È lo stesso re Salomone a formulare questa domanda e a darle una risposta. Nel modo d’esprimersi contemporaneo, significa più o meno: ″Che bene ricava un uomo da questa vita, se vive solamente per le cose che può dare il mondo?″ Se c’è mai stato qualcuno in …
Leggi Tutto

C'E' SPERANZA PER LE NAZIONI E PER IL MONDO?

di AGOSTINO MASDEA – Questo è un tempo di straordinario cambiamento. Come non mai prima. La storia dell’umanità è una storia di cambiamenti: demografici, tecnologici, religiosi, sociali, politici, economici. La differenza rispetto al passato è che oggi questi cambiamenti avvengono a velocità supersonica. Dal modo di vestire alle automobili, dalla musica all’arredamento della casa… tutto è in evoluzione, tutto procede speditamente.  Cambia anche il clima.   Tutto sembra   nuovo… …
Leggi Tutto

Una Promessa per te: "TI PRESERVERÒ DA OGNI CADUTA FINO A QUANDO SARAI FELICEMENTE NELLA MIA PRESENZA."

“Or a colui che può salvaguardarvi da ogni caduta e farvi comparire davanti alla sua gloria irreprensibili e con grande gioia, all’unico Dio sapiente, il nostro Salvatore, sia gloria, grandezza, dominio e potestà, da ora e per tutte le età. Amen.  (Giuda 24-25) Un giorno, ognuno che ha invocato il nome del Signore starà davanti alla Sua presenza. La promessa di oggi ci incoraggia che in quel giorno …
Leggi Tutto

RISVEGLIO ARTIFICIALE

 di ROBERTO BRACCO  –  ” hai nome di vivere, eppure sei morto… (Apocalisse 3:1)    –   Quante volte nel corso dei secoli le severe parole pronunziate dallo Spirito per la Chiesa di Sardi, hanno riacquistato il loro sapore di attualità, proprio applicate a quei movimenti che hanno spento il fuoco di Dio.     Hai nome di vivere! Puoi avere un credo fondamentalista, una disciplina rigorosa, un’attività ecclesiastica ed …
Leggi Tutto

Storia di un inno: IT’S WELL WITH MY SOUL

 Horatio Spafford era un avvocato di successo ed un insegnante di giurisprudenza nella Chicago del 1860. Insieme a sua moglie, Anna, erano ben noti in città, sia per la carriera legale di Spafford, ma anche perché i due coniugi erano amici e sostenitori di D.L. Moody, famoso evangelista. La città di Chicago era in forte espansione, le attività industriali erano fiorenti e lo sviluppo sociale era in forte …
Leggi Tutto

LA FATALE RISPOSTA DI DIO

di M. R. DeHaan –   “Ed egli dette loro quel che chiedevano, ma mandò la consunzione nelle loro persone.” Salmo 106:15 I figli d’Israele non erano soddisfatti del cibo di Dio ma desideravano poter stabilire essi stessi la propria dieta. Non erano contenti della manna, al suo posto volevano carne. Dio esaudì la loro preghiera a loro proprio danno. Sarebbe stato molto meglio se Dio non li avesse …
Leggi Tutto

Sermone del pastore Agostino Masdea predicato Domenica 3 Maggio 2015.   “Dio ci ama. L’amore di Dio è il fondamento della vita del credente. Ogni volta che dimentichiamo o dubitiamo del Suo amore è la volta che diventiamo fragili, vulnerabili, instabili, ed esposti al peccato. Quanto Dio ci ama? Scopriamolo nella Parola!” …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: La Mia bontà ha più valore della vita

Poiché la tua benignità vale più della vita, le mie labbra ti loderanno. (Salmo 63:3)  –  In questa promessa, il salmista fa una dichiarazione sulla straordinaria bontà di Dio e di come il suo amore vale più della vita stessa. Lo scrittore continua dicendo che l’unica risposta adeguata ad un amore così meraviglioso è quella di vivere la vita rispondendo all’amore di Dio  presentando a Lui i nostri corpi …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti