Essere pastore in NIGERIA – dossier

Un dossier che ci spiega la difficolt? di essere pastore in Nigeria del nord.? ? ?- ? ?Da quando i Boko Haram hanno iniziato la loro campagna terroristica nel 2009, migliaia di cristiani degli stati del nord della Nigeria sono stati uccisi, un numero elevatissimo di chiese e di case di credenti sono state distrutte. Questi attacchi hanno ferito la societ? a vari livelli. Le chiese non possono pi? operare com?erano solite fare, molte famiglie hanno perso dei cari e moltissime vite sono state irrimediabilmente segnate durante questi 4 anni di violenze. Nel mezzo di questo caos ci sono coloro che sono stati chiamati a prendersi cura del gregge: i pastori. Loro e le loro famiglie sono tra i pi? colpiti.

Colpire i pastori ? sempre stata una specifica strategia di questi terroristi, poich? sanno che ai pastori spetta il difficile compito di guidare le congregazioni attraverso il dolore della persecuzione, aiutando i membri di chiesa a trovare un senso alla sofferenza, il conforto nella perdita e le giuste reazioni (leggasi perdono) di fronte alla violenza. Ma tutto ci? lo fanno spesso dovendo affrontare in primis le proprie perdite e le proprie sofferenze.

Yobe, uno degli stati scenario dell?avanzata non solo dei Boko Haram ma anche dell?islam sociale pi? radicale, ha visto prendere forma un impressionante?esodo di cristiani verso zone pi? sicure, con tutte le difficolt? e gli enormi problemi tipici di queste vaste migrazioni?interne (pessime condizioni igieniche ed economiche, perdita di beni di propriet?, scarse prospettive per il futuro, ecc.).

?Per fare un esempio delle sfide che affrontano i pastori, una chiesa che la nostra missione conosce molto bene era solita avere una media di circa 600 membri, mentre oggi sono appena 50. Molte chiese pi? piccole di fronte agli ostacoli sociali, alla migrazione e alle minacce sono state costrette a chiudere: stimiamo che circa il 30% dei pastori di queste piccole congregazioni si sia spostato in un?altra zona, mentre il rimanente ha trasformato le congregazioni in cellule che si riuniscono in casa o all?aperto in zone sicure.

Molti pastori dunque rimangono nonostante gli immani sacrifici richiesti, magari mandando i figli in un altro stato pi? sicuro; purtroppo, per?, le loro entrate sono sempre pi? esigue e ci? aggiunge la preoccupazione di non riuscire a mantenere se stessi e la propria famiglia lontana. A tal proposito Porte Aperte si ? attivata portando viveri, vestiti e beni di prima necessit? (visto che molti, oltre all?edificio e agli arredi della chiesa, hanno perso casa, vestiti, denaro, tutto), ma anche provvedendo a pagare le rette scolastiche dei figli e rimpiazzando il materiale di studio biblico perduto. L?idea ? sempre quella di non lasciarli soli, anche e soprattutto perch? hanno preso?la difficile decisione di rimanere ad essere luce e sale?per quella parte della Nigeria devastata dal fondamentalismo islamico.

Questo aiuto materiale ? vitale per i pastori di Yobe e delle altre zone in cui siamo impegnati, ma ci? che continuano a chiederci di pi? sono?le preghiere e la presenza, cio? dimostrare loro che siamo fisicamente al loro fianco, che possono chiamarci e noi rispondiamo, che possono sperare in una visita anche solo per dare loro conforto e incoraggiamento. Poterli guardare negli occhi e rassicurarli del fatto che moltissimi fratelli anche dall?Italia pregano per loro non ha davvero prezzo. La Chiesa in Nigeria ? sotto attacco, spetta anche a noi difenderla.

 

FONTE: dal sito PORTE APERTE ITALIA

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

GLI OCCHI DEL CUORE

di Jim Cymbala  –  (Pastore della Chiesa Brooklyn Tabernacle – New York)  –  E’ più probabile che si trovi un neo credente nelle montagne del Perù che capisca della Bibbia  più di un teologo con un dottorato di ricerca. Infatti, quel Peruviano privo di istruzione non solo potrebbe saperne di più della Bibbia, ma potrebbe anche conoscere il Signore in un modo che lo studente Greco o Ebreo ignorano. Ricorda, …
Leggi Tutto

FINO A QUANDO?

 di George O. Wood  – (Sovraintendente Generale delle Asseblees of God – USA)   –  SALM0 13  –  Una giovane credente si trovò ad attraversare un periodo di dure prove tale da far vacillare la sua fede. Una sorella matura la consolò dicendole: “Dio è fedele e non permetterà che siate tentati al di là delle vostre forze” (1 Cor. 10:13). “Vedi”, le disse questa sorella cercando di incoraggiarla, …
Leggi Tutto

TORNERA'!

di S. Carruthers  – (Leggendo le statistiche citate nell’articolo tenere presente che è stato scritto negli anni 70) Gesù, che non ha mai mentito, poiché è la verità per essenza, prima di lasciare questa terra, disse ai suoi discepoli: Ritornerò! E noi possiamo essere altrettanto sicuri della realtà del suo ritorno, come possiamo essere certi della realtà della sua prima venuta! Effettivamente, nella Sacra Scrittura ci sono assai …
Leggi Tutto

Sermone  predicato Domenica 17 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea   Vivere ancora sotto la legge o vivere sotto la la grazia? …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Niente sarà impossibile per chi ha una fede anche piccola

E Gesù disse loro: «… io vi dico in verità che, se avete fede quanto un granel di senape, direte a questo monte: “Spostati da qui a là”, ed esso si sposterà; e niente vi sarà impossibile. (Matt. 17:20) In questa promessa, Gesù ci dice che, anche se la nostra fede è piccola come un granello di senape, siamo in grado di dire ad una montagna di spostarsi e …
Leggi Tutto

PREGARE O REMARE?

di Billy Sunday  –  Billy Sunday era un famoso giocatore di baseball americano. Diede il suo cuore a Cristo e da famoso atleta divenne un famoso predicatore del Vangelo. –  “Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno” (Ebrei 13: 8).  –  Soli in un piccolo battello ed esposti a una grande tempesta ci chiediamo: «Dobbiamo pregare o remare?» Viviamo in un mondo nel quale regna il …
Leggi Tutto

Meditazione del giorno: LA GRANDEZZA DEL VANGELO

di CORRIE TEN BOOM   –  Molto spesso, l’infelicità nella vita cristiana è causata dalla mancanza di comprensione della grandezza del Vangelo.   Il Vangelo non è un qualcosa di circoscritto, ma comprende la vita intera, la storia intera e tutto il mondo. Parte a raccontare dalla creazione per arrivare al giudizio finale e comprende tutto ciò che vi è in questo intermezzo. È una visione completa della …
Leggi Tutto

FUOCO CONSUMANTE

di – Jim Cymbala    –  Gesù non ha mai battezzato nessuno con acqua. Perché? Perché il battesimo che Lui avrebbe ministrato sarebbe stato il battesimo dello Spirito Santo e col fuoco (leggere Luca 3:16). Non confondete queste parole come a voler indicare due battesimi, uno con lo Spirito e uno col fuoco.  Al contrario, Luca stava usando l’immagine del fuoco come simbolo che rappresenta lo Spirito, per …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti