Messico: Rilasciati altri 15 credenti: rimangono in carcere ancora due.

18-04-2013 ?La?Corte Suprema di Giustizia del Messico ha ordinato l?immediato rilascio di altri 15 imputati del caso di Acteal. Ci? significa che in carcere rimangono ancora solo 2 credenti ingiustamente accusati della strage di Acteal. Dopo anni di battaglie legali, rese possibili dal vostro sostegno, la giustizia messicana sta progressivamente riconoscendo l?innocenza dell?intero gruppo di cristiani evangelici. ?La Prima Camera della Corte Suprema di Giustizia del Messico ha ordinato?l?immediato rilascio di altri 15 imputati del caso di Acteal!? Il caso ha definitivamente subito un?accelerazione negli ultimi tempi e finalmente si sta facendo giustizia per questo gruppo di fratelli che ha patito ingiustamente la prigione per anni. Ritenuti colpevoli di omicidio, aggressione aggravata e possesso di armi da fuoco senza regolare licenza, alcuni cristiani evangelici della zona erano finiti in carcere sulla base di prove false e raffazzonate alla meno peggio.?Odiati per la loro fede ritenuta un?offesa alle tradizioni locali, questi cristiani subirono l?onta di essere accusati ingiustamente dell?orrenda strage avvenuta nel lontano 22 dicembre 1997 ad Acteal, comune di Chenalho (Chiapas), nella quale 45 indios Tzotzil, di cui 35 erano donne e bambini, furono uccisi per ragioni oscure. Alla base della strage vi era molto probabilmente una rappresaglia dei guerriglieri zapatisti che, prima di quel fatidico giorno, avevano gi? ucciso uno a uno almeno 18 contadini Tzotzil.

Innocenti sbattuti in carcere senza appello e bersaglio dell?odio dell?intera comunit? della zona, questi credenti si sono visti negare i diritti pi? elementari. Porte Aperte sin dall?inizio ? stata al loro fianco, ravvisando la mastodontica violazione di ogni minima libert? oltre che l?evidente falsit? delle accuse. Sono passati?ben 15 anni di lotte legali?per riaprire questi casi, e non riusciamo a trasmettervi la gioia che proviamo nel vedere che finalmente la giustizia sta progressivamente riconoscendo tutta questa orribile macchinazione contro la comunit? cristiana della zona. In questi giorni dunque, come si accennava sopra, altri 15 cristiani sono stati rilasciati e ci? significa che?in carcere ne rimangono solo 2, per i quali continueremo a combattere a suon di appelli, investigazioni, campagne di sensibilizzazione e preghiere.

Uno degli ambiti in cui questa missione ? impegnata ? proprio il?patrocinio legale?e il caso di Acteal sta passando alla storia per come con perseveranza non si siano abbandonati coloro che soffrono per Cristo, persino quando non sembra esserci pi? nulla da fare. Ma tutto questo, e non possiamo mai smettere di ribadirlo, ? stato possibile?grazie a voi. Avete pregato e donato, avete continuamente scritto cartoline e lettere che hanno portato?incoraggiamento?a questi fratelli ingiustamente incarcerati a causa della loro fede in Ges?. Tutti noi insieme, per una volont? superiore alla nostra, li abbiamo aiutati a resistere nella tempesta. E li abbiamo accompagnati fuori da questa terribile tragedia ridonando loro la libert?.

Oggi ? un giorno di festa per la Chiesa in Chiapas e nel resto del mondo.?

Continuiamo a lavorare insieme per i 2 credenti che ancora rimangono in carcere (Ebrei 13:3).

 

Fonte: Porte Aperte Italia:?http://www.porteaperteitalia.org/

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

VIVERE IL CRISTIANESIMO.

di ROBERTO BRACCO  –  Che cos’è il cristianesimo?  Questa domanda rappresenta una premessa indispensabile al soggetto che ci accingiamo a trattare. Il cristianesimo è la dottrina di Cristo nella sua attuazione pratica! La dottrina di Cristo, non bisogna dimenticare, non ha soltanto un aspetto morale ed un contenuto legale, ma anche, anzi soprattutto, un aspetto ideale; cioè la dottrina di Cristo non si esaurisce nell’insegnare a vivere puramente …
Leggi Tutto

Il viaggio spirituale dell'attore Steve McQueen

Si dice fosse in grado di recitare anche con la nuca, non necessitava di dialoghi o fronzoli, perché la sua sola presenza incombeva in modo straordinario ad ogni fotogramma. Anche se recitava insieme agli attori più belli dello show business, Steve riusciva a metterli in ombra semplicemente venendo inquadrato dalla telecamera. I suoi penetranti occhi azzurri erano incastonati in una viso rude ma affascinante che raramente faceva trasparire forti …
Leggi Tutto

UN UOMO SPIRITUALE: SIMEONE

di Roberto Bracco –  Luca 2:25-35  –   La figura di Simeone, il vegliardo in attesa della consolazione d’Israele, è una delle più luminose della Bibbia e può essere presa in simbolo della vera spiritualità. Purtroppo nel seno della cristianità il termine spiritualità non possiede sempre il significato che gli viene attribuito dalla Scrittura e perciò è utile considerare l’esempio di un uomo che può illuminarci intorno a questo …
Leggi Tutto

SERVIZIO RAI TG1 SULLA NOSTRA CHIESA

Servizio del TG1 trasmesso Sabato 1 Novembre nella rubrica TG1 DIALOGO  dopo il  TG delle 8.   …
Leggi Tutto

LA VITA  DI  ADONIRAM  JUDSON

di T.W. ENGSTROM  –  In tutti gli annali delle Missioni, la storia di Adoniram e Anna Judson, missionari-pionieri dell’India, sta come mirabile testimonianza del modo in cui Dio può operare attraverso vite che si dedicano completamente al Suo servizio. La loro fortezza, la fede in Dio e lo spirito di perseveranza saranno di stimolo e di ispirazione a coloro che hanno seguito e seguiranno le loro orme, come …
Leggi Tutto

DALL'ISLAM A CRISTO -

TESTIMONIANZA   –  Mi chiamo RUBEN DAZAR, (il nome è inventato) e sono nato in una città a nord dell’Iran, sotto un nome diverso sono cresciuto in una famiglia musulmana molto fervente. Mio nonno materno era un Ayetoalah, cioè un insegnante dell’islam, ed essendo suo nipote ero ben conosciuto e molto rispettato nella comunità. Nel corso degli anni ho scritto alcuni libri sull’IsIam. Mia madre è stata allevata …
Leggi Tutto

LE COMPASSIONI DI DIO

di Agostino Masdea   –  E Gesù, sbarcato, vide una grande folla e ne ebbe compassione, perché erano come pecore senza pastore, e prese a insegnare loro molte cose. (Marco 6:34) La visione che si prospettò davanti al Signore quando discese dalla barca in questo passo dell’evangelo di Marco è simile a quella che si presenta davanti ai nostri occhi ogni giorno: folle immense di uomini che vanno e …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti