Messico: Rilasciati altri 15 credenti: rimangono in carcere ancora due.

18-04-2013 ?La?Corte Suprema di Giustizia del Messico ha ordinato l?immediato rilascio di altri 15 imputati del caso di Acteal. Ci? significa che in carcere rimangono ancora solo 2 credenti ingiustamente accusati della strage di Acteal. Dopo anni di battaglie legali, rese possibili dal vostro sostegno, la giustizia messicana sta progressivamente riconoscendo l?innocenza dell?intero gruppo di cristiani evangelici. ?La Prima Camera della Corte Suprema di Giustizia del Messico ha ordinato?l?immediato rilascio di altri 15 imputati del caso di Acteal!? Il caso ha definitivamente subito un?accelerazione negli ultimi tempi e finalmente si sta facendo giustizia per questo gruppo di fratelli che ha patito ingiustamente la prigione per anni. Ritenuti colpevoli di omicidio, aggressione aggravata e possesso di armi da fuoco senza regolare licenza, alcuni cristiani evangelici della zona erano finiti in carcere sulla base di prove false e raffazzonate alla meno peggio.?Odiati per la loro fede ritenuta un?offesa alle tradizioni locali, questi cristiani subirono l?onta di essere accusati ingiustamente dell?orrenda strage avvenuta nel lontano 22 dicembre 1997 ad Acteal, comune di Chenalho (Chiapas), nella quale 45 indios Tzotzil, di cui 35 erano donne e bambini, furono uccisi per ragioni oscure. Alla base della strage vi era molto probabilmente una rappresaglia dei guerriglieri zapatisti che, prima di quel fatidico giorno, avevano gi? ucciso uno a uno almeno 18 contadini Tzotzil.

Innocenti sbattuti in carcere senza appello e bersaglio dell?odio dell?intera comunit? della zona, questi credenti si sono visti negare i diritti pi? elementari. Porte Aperte sin dall?inizio ? stata al loro fianco, ravvisando la mastodontica violazione di ogni minima libert? oltre che l?evidente falsit? delle accuse. Sono passati?ben 15 anni di lotte legali?per riaprire questi casi, e non riusciamo a trasmettervi la gioia che proviamo nel vedere che finalmente la giustizia sta progressivamente riconoscendo tutta questa orribile macchinazione contro la comunit? cristiana della zona. In questi giorni dunque, come si accennava sopra, altri 15 cristiani sono stati rilasciati e ci? significa che?in carcere ne rimangono solo 2, per i quali continueremo a combattere a suon di appelli, investigazioni, campagne di sensibilizzazione e preghiere.

Uno degli ambiti in cui questa missione ? impegnata ? proprio il?patrocinio legale?e il caso di Acteal sta passando alla storia per come con perseveranza non si siano abbandonati coloro che soffrono per Cristo, persino quando non sembra esserci pi? nulla da fare. Ma tutto questo, e non possiamo mai smettere di ribadirlo, ? stato possibile?grazie a voi. Avete pregato e donato, avete continuamente scritto cartoline e lettere che hanno portato?incoraggiamento?a questi fratelli ingiustamente incarcerati a causa della loro fede in Ges?. Tutti noi insieme, per una volont? superiore alla nostra, li abbiamo aiutati a resistere nella tempesta. E li abbiamo accompagnati fuori da questa terribile tragedia ridonando loro la libert?.

Oggi ? un giorno di festa per la Chiesa in Chiapas e nel resto del mondo.?

Continuiamo a lavorare insieme per i 2 credenti che ancora rimangono in carcere (Ebrei 13:3).

 

Fonte: Porte Aperte Italia:?http://www.porteaperteitalia.org/

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

MEFIBOSHET: Riscoprire il valore del patto!

Studio biblico Scuola Domenicale Adulti –  Domenica 12 Ottobre  –  Testo biblico: 2 Samuele 4:4 – 9:1-13 Introduzione: Un patto si differenzia sostanzialmente da un contratto. Il contratto è l’accordo bilaterale tra due parti e si base sull’interesse, il patto invece è unilaterale e si basa sulla promessa. Il contratto dura per un tempo delimitato e stabilito, il patto dura per sempre. Il nostro rapporto con Dio non è stabilito …
Leggi Tutto

QUESTIONE DI SOVRANITA'

di  A. W. TOZER  –  Se Dio governa il Suo universo secondo le Sue leggi sovrane, come può l’uomo avere il libero arbitrio? E se non può esercitare il libero arbitrio, come può essere considerato responsabile per la sua condotta? Non è forse un semplice burattino, le cui azioni sono stabilite da un Dio “dietro le scene” che muove i fili come Gli piace? Il tentativo di rispondere …
Leggi Tutto

UNITA'... A CHE PREZZO?

di Keith Green –  Di questi tempi si fa un gran parlare tra i Cristiani riguardo all’esigenza di unità. Ovunque cristiani si riuniscono puoi sentire qualcuno che afferma “Se solo tutti i credenti potessero unirsi e andare d’accordo, allora il mondo si sveglierebbe e ci darebbe retta! allora sì il Diavolo fuggirebbe spaventato! Allora si avrebbe un vero risveglio!!” L’intero movimento ecumenico si basa su questo assunto. Devo ammettere …
Leggi Tutto

LA FEDELTÀ

di Parker Baker   –   “Egli era un uomo fedele e timorato di Dio più di tanti altri”.  Nehemia 7:2   –   Nehemia aveva costruito il muro e voleva che un altro prendesse il comando delle faccende civili. Egli nominò un uomo per quel compito e il motivo per cui venne scelto Anania fu: “Era un uomo fedele e timorato di Dio più di tanti altri”. Molte persone non sono …
Leggi Tutto

L'AMORE DI CRISTO CHE SOPRAVANZA OGNI CONOSCENZA

di Dwight L. MOODY – “E conoscere l’ amore di Cristo che sopravanza ogni conoscenza?. (Efesi 3:19). Se potessi soltanto fare intendere agli uomini il vero senso delle parole dell’apostolo Giovanni “Dio è amore” prenderei questo solo testo e andrei su e giù per il mondo proclamando questa gloriosa verità. Convincere un uomo che voi l?amate, significa esservi cattivato il suo cuore. Se noi riuscissimo a convincere gli …
Leggi Tutto

Siamo Troppo Attaccati alle cose Terrene

di David Wilkerson. Hai notato che si parla davvero poco oggi del cielo o del lasciarci dietro questo mondo? Piuttosto, siamo bombardati di messaggi su come usare la nostra fede per acquisire più cose possibili. “Il prossimo risveglio”, disse un noto dottore, “sarà un risveglio finanziario. Dio riverserà benedizioni finanziarie su tutti i credenti” …
Leggi Tutto

GIUSTO IN TEMPO!

di OSWALD J. SMITH  –  Al principio del mio ministerio, ebbi una esperienza che mi fece rendere conto, in una maniera come non mi era mai accaduto prima, della serietà della mia chiamata. Accadde all’improvviso e posso ancora ricordare la chiamata telefonica che mi fece alzare dalla mia indifferenza e correre al capezzale di uno dei miei parrocchiani. – Potreste venire a vedere una donna inferma? – E’’ …
Leggi Tutto

QUANDO GESU' PENETRA IN UNA PRIGIONE

Era l’inverno di guerra 1939-40. Ecco che cosa poté fare la grazia di Dio, fra le più crudeli scene dell’odio umano. Un ingegnere finlandese, ben conosciuto, narra i fatti seguenti: Avevamo riconquistata una città che i nemici ci avevano presa. In quell’occasione ebbi da custodire un buon numero di prigionieri russi: sette di essi dovevano esser fucilati la mattina seguente. Non dimenticherò mai la domenica che precedette quell’esecuzione …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti