LE SUBDOLE VIOLENZE DELLE VOLGARITA’ TELEVISIVA

Si fa un gran parlare della violenza in televisione e degli effetti che essa ha sui bambini. La condanna di specifici messaggi di violenza esplicita non deve però farci dimenticare che i media producono ben altre forme di violenza, meno appariscenti ma più subdole. Una di queste è la progressiva omologazione dei messaggi e degli spettatori. Giorno dopo giorno i personaggi e gli argomenti che la tv propone esercitano un’influenza non tanto sui comportamenti immediati delle persone, quanto sulla loro visione del mondo.

E’ ormai noto che chi appare in televisione, qualsiasi siano gli aspetti negativi che lo caratterizzano, si propone come un modello o comunque viene “normalizzato”, a meno che la sua partecipazione non sia presentata in modo esplicitamente critico: se invece il tono è salottiero e scherzoso, il risultato può essere disastroso. E cosi, con la scusa della “necessità dell’informazione”, può essere “lanciato” il capo di una setta satanica che, per il solo fatto di trovarsi a dialogare “civilmente” e spiritosamente su un palco di teatro, diventa non soltanto accettabile. ma quasi dotato di un carisma. E cosi vengono presentati prostituti maschi dall’occhio ammiccante e dall’aspetto di bon garcon – quasi una proposta di lavoro per giovani disoccupati -, maghi, fattucchiere e tutto un ampio ventaglio di categorie del degrado, tra cui ovviamente non manca mai una pornostar, naturalmente esperta in temi di sociologia e psicologia del sesso. La legalizzazione di questi personaggi è evidente quando la stessa pornostar diventa un’esperta di etica e rilascia interviste sul fatto che le è difficile proteggere l’educazione morale del figlio dodicenne quando dal teleschermo vengono inviati messaggi violenti. L’ipocrisia dei media è sempre più evidente nel momento in cui si ritiene che sia sufficiente eliminare soltanto dei servizi “violenti”, e non un intero sottofondo di voci ammiccanti, di spettacoli che propongono essenzialmente volgarità, perversioni, nudità, interminabili sfilate di moda, falsi sondaggi… Ci si difende affermando che questa è la realtà e si paventa ogni forma di censura che ci possa privare del cosiddetto diritto all’informazione. Ma questa non è assolutamente informazione, è una forma ipocrita e corriva di legalizzazione degli aspetti più negativi e stupidi della realtà.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

L'AMORE È BENIGNO

di DAVID SKELTON  –  L’ amore è paziente, è benigno. 1 Corinzi 13:4   –   L’amore non è solo passivo che sopporta ogni attacco, ma è anche attivo e fa opere benigne. Matthew Henry, commentando «L’amore è benigno» dice: «Esso è pronto a fare il bene, cerca di essere utile, non coglie solamente l’opportunità quando gli si presenta, ma la cerca». L’amore sarà sempre pronto ad agire. Questo …
Leggi Tutto

Consolati per poter consolare

di Agostino Masdea   –   2 Corinzi 1:3-4    “Benedetto sia Dio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre delle misericordie e il Dio di ogni consolazione, il quale ci consola in ogni nostra afflizione affinché, per mezzo della consolazione con cui noi stessi siamo da Dio consolati, possiamo consolare coloro che si trovano in qualsiasi afflizione.   –    La seconda lettera ai Corinzi …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Niente sarà impossibile per chi ha una fede anche piccola

E Gesù disse loro: «… io vi dico in verità che, se avete fede quanto un granel di senape, direte a questo monte: “Spostati da qui a là”, ed esso si sposterà; e niente vi sarà impossibile. (Matt. 17:20) In questa promessa, Gesù ci dice che, anche se la nostra fede è piccola come un granello di senape, siamo in grado di dire ad una montagna di spostarsi e …
Leggi Tutto

I CONDUTTORI

di Roberto Bracco   –   Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose! Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile …
Leggi Tutto

Il mantello d'Elia

Sermone di David Wilkerson   –  Il capitolo 2 del secondo libro dei Re contiene uno dei racconti più spettacolari di tutto l’Antico Testamento. Questo passo parla del vecchio profeta Elia e del suo servo Eliseo. Quando inizia il racconto, Dio ha appena informato Elia del fatto che il suo ministero sulla terra è finito. Adesso egli deve attraversare il fiume Giordano, per andare in un certo luogo, dove …
Leggi Tutto

UN UOMO SPIRITUALE: SIMEONE

di Roberto Bracco –  Luca 2:25-35  –   La figura di Simeone, il vegliardo in attesa della consolazione d’Israele, è una delle più luminose della Bibbia e può essere presa in simbolo della vera spiritualità. Purtroppo nel seno della cristianità il termine spiritualità non possiede sempre il significato che gli viene attribuito dalla Scrittura e perciò è utile considerare l’esempio di un uomo che può illuminarci intorno a questo …
Leggi Tutto

BIOGRAFIE: GEORGE MULLER

George Müller nacque in Prussia il 27 settembre 1805 e venne allevato nella cittadina di Heimersleben, dove suo padre era un esattore delle tasse. Benché questi provvedesse generosamente per lui, George rubava soldi in continuazione e ne spendeva la maggior parte in donne e birra. Può apparire strano il fatto che decidesse di studiare teologia all’università di Halle, conoscendo un po’ il suo carattere irreligioso, ma a quel tempo …
Leggi Tutto

ESSERE COME TRALCI

Ci sono due problemi che fanno particolarmente soffrire la chiesa di Gesù Cristo: l’immaturità e la solitudine in cui vivono alcuni credenti! Benché siamo abituati a guardare queste cose con meno apprensione di azioni decisamente peccaminose e malvagie, pur nondimeno costituiscono un grave ostacolo, sia per lo sviluppo della propria vita spirituale, sia per il progresso della testimonianza dell’Evangelo. Vivere nell’immaturità, significa, secondo il dettato biblico, restare eternamente …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti