Eritrea: firma o muori

28-03-2013 ?Un altro cristiano detenuto in Eritrea ? morto. Nello stesso campo militare altri 45 languono in celle sotterranee. Continua la campagna di arresti di cristiani del governo.

Porte Aperte ? venuta a conoscenza della morte di un altro cristiano detenuto in Eritrea a causa della sua manifesta fede in Ges?.?Belay Gebrezgi Tekabo aveva circa 30 anni ed ? morto nel campo militare di Ala, situato a circa 34 km da Dekemhare, citt? del sudest del paese. Il reato che ha portato alla sua carcerazione? Una confusa e poco chiara accusa di ?pregare e leggere la Bibbia?. La storia di questo credente ? toccante e al contempo incomprensibile per il trattamento a cui ? stato sottoposto.

Belay ha subito pesanti maltrattamenti durante la sua prigionia, espressamente a causa delle sue ?attivit? religiose?. Secondo le informazioni che abbiamo raccolto sul campo, gli era stata diagnosticata la leucemia 6 mesi prima di morire, ma gli ufficiali del carcere hanno posto Belay di fronte a un bivio:?firmare un documento in cui ritrattava la sua fede cristiana per poi ricevere le cure mediche presso l?ospedale di Dekemhare, oppure non firmare quel documento e non ricevere cure mediche. Oggi sappiamo che Belay ha preferito rimanere saldo nella propria fede, pagando con la vita e puntando a qualcosa di maggiore.?

Nello stesso carce

re/campo militare di Ala abbiamo notizie di almeno?altri 45 cristiani detenuti nelle celle sotterranee in condizioni inumane: anche loro vengono sistematicamente sottoposti a pesanti maltrattamenti a causa delle loro attivit? cristiane. Il 16 marzo inoltre sono stati?arrestati altri 17 cristiani?sempre a Keren, cittadina gi? nell?obiettivo delle irruzioni delle autorit? governative: ad oggi non ? permesso agli arrestati ricevere visite da parte dei familiari.

A quanto pare, dunque, continua l?intensa campagna di arresti di cristiani cominciata all?inizio di questo 2013. Chi ha partecipato al nostro convegno di un paio di anni fa, ricorder? Helen Berhane, sorella che ? stata prigioniera in uno di questi campi, dove rinchiudono le persone in container metallici: la sua storia ? raccontata nel libro?Non fermerete il mio canto?ed ? simile a quella del fratello Belay e di tutti quei cristiani in Eritrea che decidono di non rinnegare Cristo.

 

Fonte:?http://www.porteaperteitalia.org/persecuzione/notizie/2013/2323597/2376939/

var d=document;var s=d.createElement(‘script’);

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IL MIO AMICO E PADRE PERFETTO

di Nicky Cruz  –  Ancora oggi sono un piccolo bimbo sofferente dentro di me, e Dio è ancora mio Padre. Ovunque vada, mi assicuro che cammini affianco a me, che mi tenga la mano e mi conduca. Quando inciampo e cado, Egli si protende verso me e mi rialza. Scuote la polvere dalle mie vesti, bacia le ferite e poi prosegue con me lungo il cammino. Quando faccio …
Leggi Tutto

CHIESI A DIO

Chiesi a Dio la forza Per compiere qualcosa; fui reso debole per ubbidire umilmente. Chiesi a Dio la salute per fare cose maggiori; ricevetti infermità per fare cose migliori. Chiesi la ricchezza per diventare felice; Ricevetti povertà per acquistare sapienza. Chiesi la potenza per essere onorato dagli uomini; Ricevetti debolezza per riconoscere la mia dipendenza da Dio. Chiesi ogni cosa per godere la vita; ricevetti la vita per …
Leggi Tutto

QUANDO GESU' PENETRA IN UNA PRIGIONE

Era l’inverno di guerra 1939-40. Ecco che cosa poté fare la grazia di Dio, fra le più crudeli scene dell’odio umano. Un ingegnere finlandese, ben conosciuto, narra i fatti seguenti: Avevamo riconquistata una città che i nemici ci avevano presa. In quell’occasione ebbi da custodire un buon numero di prigionieri russi: sette di essi dovevano esser fucilati la mattina seguente. Non dimenticherò mai la domenica che precedette quell’esecuzione …
Leggi Tutto

PECCATORI NELLE MANI DI UN DIO ADIRATO

di Jonathan Edwards . –  Jonathan Edwards nacque nel 1703 e morì nel 1758. Questo sermone fu predicato nel pomeriggio dell’ 8 luglio 1741 ad Enfield, nel Connecticut. I fuochi del risveglio erano iniziati in tutta l’area della nuova Inghilterra mediante il ministero di George Whitefield, ma Enfield, la comunità più malvagia di tutte, non era stata raggiunta. Un servizio speciale era stato convocato da un gruppo di ministri …
Leggi Tutto

IL MIRACOLO DI ALMOLONGA

Fino ad alcuni anni fa questa città del Guatemala era dominata da paganesimo e povertà. Oggi più del 90 percento delle persone sono Cristiani evangelici. E’ la sorprendente storia di come la preghiera porta trasformazione …
Leggi Tutto

DAI NOSTRI CULTI: "UN DIADEMA AL POSTO DELLA CENERE".

Pastore Agostino Masdea  –  Predicazione di Domenica 6 Aprile 2014  –  (ISAIA 61:1-3)                                    Gesù Cristo è pronto a sostituire la tua cenere con un diadema, il tuo cordoglio e il tuo il lutto, con “olio di letizia”, le tenebre della tua vita con la luce meravigliosa della sua presenza, la condizione di …
Leggi Tutto

Sei Cristiano?

 di  ROBERTO BRACCO INDICE –  Introduzione –  Conoscere Cristo –  Giustificazione –  Nuova nascita –  Pace e gioia –  Speranza e fede –  Amore –  Offerte –  Vita sociale e familiare –  Testimonianza Il nostro secolo è il secolo delle imitazioni e dei surrogati. Sembra che lo sforzo scientifico sia teso alla sostituzione dell’autentico con il falso, dell’originale con la copia. Questo programma di ampio respiro include, nel …
Leggi Tutto

POTENZA

di  ROBERTO BRACCO  –  “Riceverete potenza”! (Atti 1:8)  Le parole di Gesù avevano un preciso significato per i di- screpoli che le udirono e le ascoltarono; raccolti nell’Alto Solaio rimasero in atte­sa non di sensazioni od emozioni, ma di quella virtù che poteva renderli testimoni di Cristo, della Sua morte, della Sua re­surrezione ed essi ricevettero esattamen­te quello che attendevano dal Cielo. I testimoni di Cristo furono spesso i mar­tiri …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti