La storia di una vedova musulmana che ha incontrato Gesù.

di Erich Bridges  –   Una squadra di soccorso cristiana ha sentito parlare di una vedova siriana bisognosa,  che viveva nei pressi di un villaggio libanese, vicino al confine con la Siria. Così decisero di portarle del cibo. Ma a quanto pare, Gesù era stato lì prima di loro.

A causa dalla guerra civile in Siria, la vedova musulmana, con i suoi tre figli, si erano rifugiati in Libano – insieme ad altri 100.000 siriani. Stava osservando il tradizionale periodo di 40 giorni di solitudine e di lutto per piangere il marito morto, e non aveva ricevuto nessun aiuto dalla locale società  islamica. Quando i cristiani bussarono alla sua porta, la vedova si presentò completamente vestita di nero, con un velo scuro sul volto. Ha spiegato il suo periodo di auto-isolamento. Così gli dissero che avrebbero lasciato il cibo fuori dalla porta, ma lei inaspettatamente li ha invitati ad entrare. Si sedettero con lei e con i suoi figli sul pavimento di quella provvisoria abitazione.

“Chi siete?” Chiese la donna con una certa ansia.
“Tu non ci conosci, ma abbiamo un grande amore nei nostri cuori verso di voi”, rispose il responsabile della squadra, spiegando perché aiutavano i rifugiati siriani. “Questo è l’amore che viene da Dio, che ha operato nella nostra vita.”

Con loro grande stupore, lei rispose togliendosi il velo – cosa insolita per la sua conservatrice cultura musulmana. Poi le parole vennero fuori come un fiume.

“Voglio dirvi cosa mi è successo ieri», disse, con la voce scossa per l’emozione. “Mentre stavo dormendo durante la notte, qualcuno ha bussato alla mia porta. Ero così spaventata,  ma ho aperto la finestra per vedere chi fosse. Non c’era nessuno. Dopo un po’,  ho sentito di nuovo bussare. Il cuore mi batteva così forte, così sono andata a sedermi accanto alla porta, e lì mi sono addormentata.

“Mentre dormivo, qualcuno ha messo la mano sulla mia spalla. Mi ha detto: ‘”Tu non mi conosci. Io so che stai passando per una grande sofferenza. Anch’io ho sofferto molto. Ma io non ti lascerò sola. Domani manderò qualcuno che ti parlerà di me. Ascoltalo.”

Quando finì la storia, si mise a piangere. Si voltò verso il responsabile della squadra e disse: “Mi parli di questa persona che ho visto nel mio sogno.”

Con gli occhi pieni di lacrime, egli gli parlò di Gesù Cristo, il Messia, l’amico delle vedove, degli orfani e degli emarginati. “Questo libro che sto per darvi vi spiegherà l’amore di Dio”, gli promise, dandole una Bibbia con un ulteriore aiuto per consentire a lei ed ai suoi bambini di sopravvivere per il periodo di lutto.

La vedova in seguito tornò in Siria. Nessuno sa con certezza che cosa ne è stato di lei. Ma Dio lo sa!

 

Fonte http://blog.godreports.com/

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

TUTTI PARLAVANO IN EBRAICO.

  di Stanley H. Frodsham  –   Sono nato in Austria da genitori giudei e conosco l’ebraico fin dalla mia infanzia. Mi trovo in America da sei anni un mio ricco zio che abita a Seattle Washington, mi scrisse di andare a lavorare nella sua azienda e io andai.  Un piovoso martedì dell’inverno scorso mi trovai a passare davanti all’edificio di una missione alla settima strada di quella città …
Leggi Tutto

CHI E' COSTUI?

di ROBERTO BRACCO – Coloro che avevano risposto all’appello del Maestro divino, che lo avevano seguito, che erano entrati nelle file dei suoi discepoli, avevano avuta la possibilità più degli altri di vedere le opere, di udire le parole di Cristo. La potenza soprannaturale del Redentore era stata messa in azione davanti a loro attraverso molteplici circostanze ed essi avevano veduto miracoli, guarigioni, liberazioni. Erano passati di meraviglia …
Leggi Tutto

L’ornamento di un vero Cristiano

di Dale Crowley  –  Cristiani, lasciate che Cristo si serva di voi in modo tale da rispecchiare in voi la sua natura divina affinché tutti possano rendersi conto che la vostra vita è stata rinnovata, che la vostra vecchia natura peccaminosa è stata trasformata e che siete rivestiti della vostra nuova natura divina. I Cristiani che hanno veramente offerto la loro vita a Cristo risorto, vivono una vita nuova …
Leggi Tutto

Le stanze del Re

ROBERTO BRACCO:  “LE STANZE DEL RE” – Cantico dei Cantici 1 – ” Il Cantico dei Cantici che è di Salomone. 2 Mi baci con i baci della sua bocca! Poiché il tuo amore è migliore del vino. 3 Per la fragranza dei tuoi gradevoli olii profumati il tuo nome è un olio profumato versato; per questo ti amano le fanciulle. 4 Attirami a te! Noi ti correremo dietro. Il re mi …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: NON ESSERE TRISTE, PERCHÉ LA MIA GIOIA È LA TUA FORZA.

Poi Neemia disse loro: «Andate, mangiate cibi grassi e bevete bevande dolci, e mandate delle porzioni a quelli che non hanno preparato nulla per loro; perché questo giorno è consacrato al nostro Signore; non siate tristi; perché la gioia del SIGNORE è la vostra forza». Neemia 8:10 In questo brano della Scrittura, Israele era riunito per ascoltare la Parola di Dio. Sembra fosse un momento molto intenso e tutte …
Leggi Tutto

PICCOLI CRISTIANI E CRISTIANI

di Roberto Bracco.   –   Qualche volta riferendoci ad alcuni ser­vitori di Dio del passato o del presente, diciamo: «Essi sono, o sono stati gran­di cristiani». Questa frase contiene un errore: non ci sono «grandi cristiani», perché chi è veramente cristiano, senza l’aggiunta di aggettivi, ha raggiun­to il massimo della grandezza consentita ad un uomo finito. Non ci sono «grandi cristiani», ma solo «cristiani» e «piccoli cristiani ». I …
Leggi Tutto

NON AMATE IL MONDO

“Ora avviene il giudizio di questo mondo; ora sarà cacciato fuori il principe di questo mondo; e io, quando sarò innalzato dalla terra, trarrò tutti a me” (Giovanni 12:31-32). Il nostro Signore Gesù pronuncia queste parole ad un punto chiave del Suo ministero. Egli è entrato a Gerusalemme festeggiato da folle entusiaste; ma quasi subito ha parlato in termini velati del deporre la Sua vita, e a questo …
Leggi Tutto

ARMONIA SPIRITUALE

di Agostino Masdea   –  “Rendete perfetta la mia gioia, avendo uno stesso modo di pensare, uno stesso amore, un solo accordo…” (Filippesi 2.2)  –   Questa richiesta di Paolo ai credenti di Filippi ci parla di armonia.  Che parola straordinaria… armonia! Ci parla di bellezza, di equilibrio, di gradevolezza.  E’ una parola legata alla musica: E’ una consonanza di voci o strumenti musicali che produca una sensazione piacevole, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti