Assolta Rimsha Masih, la bambina accusata di Blasfemia in Pakistan

ISLAMABAD –   L’Alta Corte di Islamabad ha assolto e archiviato il caso di Rimsha Masih, la bambina cristiana accusata di blasfemia, arrestata lo scorso agosto per aver bruciato pagine del Corano. Lo ha reso noto il suo avvocato, Akmal Bhatti. – (Per gli articoli precedenti su questo caso vai a questa pagina).  –   Il caso, che aveva suscitato indignazione in tutto il mondo, era scoppiato dopo l’arresto di Rimsha, una ragazza di 14 anni affetta da sindrome di Down, il 16 agosto, in seguito alla denuncia dell’imam Mohammed Khalid Chishti. 

Rimsha era già stata rilasciata l’8 settembre, dopo tre settimane trascorse in un carcere per adulti, in seguito alla svolta dell’arresto dell’imam che l’aveva denunciata. La polizia aveva detto alla magistratura di assolverla e aveva chiesto l’incriminazione dell’imam per falsificazione di prove e blasfemia. L’Alta Corte di Islamabad, che si era riservata il giudizio la scorsa settimana, ha respinto la denuncia perché «nessuno ha visto Rimsha Masih bruciare delle pagine del Corano». In una sentenza di quindici pagine, i giudici hanno poi sottolineato che «le accuse di blasfemia sono questioni molto delicate e che questi casi vanno trattati con attenzione». Le accuse contro la ragazzina, che soffre di un ritardo mentale, erano infatti state falsificate dall’imam della moschea dal suo quartiere. Il religioso, che è poi stato arrestato, aveva infatti messo delle pagine bruciate nella borsa di Rimsha per far credere che avesse commesso l’atto sacrilego con l’intenzione di creare odio contro i cristiani e costringerli ad abbandonare l’area. La bambina era stata arrestata un una baraccopoli lo scorso 16 agosto. 

Paul Bhatti, l’unico ministro cristiano nel governo pakistano, ha confermato la sentenza di assoluzione: «Giustizia è stata fatta e il diritto è stato applicato dal tribunale». «Questa sentenza darà un’immagine positiva del Pakistan alla comunità internazionale mostrando che c’è giustizia per tutti e che il Paese vuole tolleranza». 

Dopo il rilascio, Rimsha e la sua famiglia erano state trasferite in una località segreta per il timore di aggressioni., la bambina cristiana accusata di blasfemia, arrestata lo scorso agosto per aver bruciato pagine del Corano. Lo ha reso noto il suo avvocato, Akmal Bhatti. 

Il caso, che aveva suscitato indignazione in tutto il mondo, era scoppiato dopo l’arresto di Rimsha, una ragazza di 14 anni affetta da sindrome di Down, il 16 agosto, in seguito alla denuncia dell’imam Mohammed Khalid Chishti. 

Rimsha era già stata rilasciata l’8 settembre, dopo tre settimane trascorse in un carcere per adulti, in seguito alla svolta dell’arresto dell’imam che l’aveva denunciata. La polizia aveva detto alla magistratura di assolverla e aveva chiesto l’incriminazione dell’imam per falsificazione di prove e blasfemia. 

L’Alta Corte di Islamabad, che si era riservata il giudizio la scorsa settimana, ha respinto la denuncia perché «nessuno ha visto Rimsha Masih bruciare delle pagine del Corano». In una sentenza di quindici pagine, i giudici hanno poi sottolineato che «le accuse di blasfemia sono questioni molto delicate e che questi casi vanno trattati con attenzione». Le accuse contro la ragazzina, che soffre di un ritardo mentale, erano infatti state falsificate dall’imam della moschea dal suo quartiere. Il religioso, che è poi stato arrestato, aveva infatti messo delle pagine bruciate nella borsa di Rimsha per far credere che avesse commesso l’atto sacrilego con l’intenzione di creare odio contro i cristiani e costringerli ad abbandonare l’area. La bambina era stata arrestata un una baraccopoli lo scorso 16 agosto. 

Paul Bhatti, l’unico ministro cristiano nel governo pakistano, ha confermato la sentenza di assoluzione: «Giustizia è stata fatta e il diritto è stato applicato dal tribunale». «Questa sentenza darà un’immagine positiva del Pakistan alla comunità internazionale mostrando che c’è giustizia per tutti e che il Paese vuole tolleranza». 

Dopo il rilascio, Rimsha e la sua famiglia erano state trasferite in una località segreta per il timore di aggressioni.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Le Condizioni del Discepolato

di WILLIAM MACDONALD – Il vero cristianesimo è un impegno totale verso il Signore Gesù. Il Salvatore non cerca uomini e donne che gli vogliano dedicare le loro serate libere od i loro week-end, o ancora gli ultimi anni della loro vita, quando vanno in pensione. Egli ricerca piuttosto chi gli voglia dare il primo posto nella propria vita. Secondo le parole di Evan Hopkins Egli cerca oggi, …
Leggi Tutto

Sei Cristiano?

 di  ROBERTO BRACCO INDICE –  Introduzione –  Conoscere Cristo –  Giustificazione –  Nuova nascita –  Pace e gioia –  Speranza e fede –  Amore –  Offerte –  Vita sociale e familiare –  Testimonianza Il nostro secolo è il secolo delle imitazioni e dei surrogati. Sembra che lo sforzo scientifico sia teso alla sostituzione dell’autentico con il falso, dell’originale con la copia. Questo programma di ampio respiro include, nel …
Leggi Tutto

DOVE SONO I VERI PROFETI?

di A. W. TOZER  –  Il dono del discernimento profetico è una necessità assoluta del nostro tempo. Un profeta è una persona che conosce l’epoca in cui vive e ciò che Dio sta cercando di dire ai suoi contemporanei.  Ciò che Dio ha da dire alla sua Chiesa, in qualsiasi epoca, dipende dalla condizione morale e spirituale in cui la Chiesa versa nonché dalle necessità spirituali del momento. I …
Leggi Tutto

UNA CHIESA CONSCIA DI DIO

di Donald Gee  –   Lo stesso Dio che è stato una realtà per i cristiani del primo secolo desidera esserlo per i cristiani della presente generazione.  –   Recentemente, mentre rileggevo in Atti 15 la cronistoria del concilio di Gerusalemme, fui colpito, come mai prima, dell’enfasi posta su DIO. Questa enfasi porta sostanzialmente all’affermazione conclusiva : “E’ parso bene allo Spirito Santo ed a noi” (v. 28). Tale linguaggio …
Leggi Tutto

FUOCO SPIRITUALE

Samuel Chadwick  –  ” Il nostro Dio è un fuoco consumante”. Il simbolo scelto della Sua presenza è il fuoco acceso sulla terra, e il segno preferito della Sua approvazione è la fiamma che consuma il sacrificio. Patto e sacrificio, santuario e consacrazione, erano santificati ed approvati con la discesa del fuoco celeste. “Dio che risponde per mezzo della fiamma di fuoco; Lui è Dio!” Gesù è venuto …
Leggi Tutto

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA.  –   “La pornografia trasmette l’idea del diritto illimitato di poter soddisfare i propri desideri sessuali senza alcun rispetto per l’altro”. Stavo appunto passando dello spray nero su un grandissimo cartellone pubblicitario pornografico accanto a casa nostra, quando da lontano sentii un gruppo di uomini che mi prendevano in giro, facevano insinuazioni ed erano addirittura irritati. Ma proprio quando arrivarono alla mia altezza, l’unica donna …
Leggi Tutto

SAREMO SIMILI A LUI

di MW. B. RILEY   –  Paolo scrisse: “Ma dirà qualcuno: Come risuscitano i morti, e con quale corpo verranno? Stolto! Quello che tu semini non è vivificato, se prima non muore.  E quanto a quello che semini, tu non semini il corpo che ha da nascere, ma un granello ignudo, che può essere di frumento o di qualche altro seme. E Dio gli dà un corpo come ha …
Leggi Tutto

VIDEO BATTESIMI 14 OTTOBRE 2012

Alcuni momenti del culto del 14 OTTOBRE, durante il quale 10 giovani sono scesi nelle acque del battesimo. (Video amatoriale e audio da telecamera))   …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti