CHIESA ATTACCATA E SACCHEGGIATA DA UNA BANDA ARMATA IN KENYA

 Martedì 21 Agosto 2012 – Nairobi, Kenya (ANS) – Il giornalista africano Wasul Chemosi, scrivendo per International Christian Concern (www.persecution.org), riferisce che la Chiesa Evangelica “Vittoria” di Game-Loitiki, un villaggio situato a circa 7 chilometri fuori da Isiolo, in Kenya , è stata attaccata e saccheggiata il 7 luglio da una banda armata che si crede sia composta da simpatizzanti di Al-Qaeda, legata alla rete terroristica somala Al-Shabab.  Alle tre pomeridiane gli aggressori armati di fucili d’assalto hanno attaccato l’edificio e subito hanno cominciato a tirare giù le pareti

di lamiera, uno dopo l’altro e in pochi minuti le pareti non c’erano più,” Il Pastore Joseph Lokuruku, impotente ha assistito alla scena da lontano. “E ‘stato uno spettacolo terribile vedere le pareti della chiesa venire giù, ma non ho potuto gridare aiuto perché gli aggressori mi avrebbero sparato…

Subito dopo il pastore Lokuruku e il vicepastore, Boku Yayu, hanno chiesto aiuto alla polizia locale. “Alla stazione di polizia di Isiolo, non abbiamo ricevuto però l’aiuto necessario perché la polizia aveva inviato i suoi agenti fuori della stazione per altri impegni”, ha detto Lokuruku.

Un ufficiale, ha detto al pastore che non potevano dare assistenza perché non c’erano persone armate in servizio. Inoltre, “l’oscurità si stava avvicinando, e quindi l’operazione di ricerca degli attaccanti dovevano essere rimandata al giorno dopo. Il giornalista Chemosi ha aggiunto: “Scioccati e costernati, i 60 membri della chiesa che l’indomani arrivando per il culto hanno trovare la loro chiesa in rovina.”

“I membri della chiesa hanno avuto paura, ma lo Spirito Santo ci ha incoraggiato a sopportare e a riporre la nostra fiducia in Dio”, ha detto Lokuruku. Il pastore stima il costo della riparazione della chiesa danneggiata è di 80.000 scellini kenioti. (circa $ 950 USD).

I leader della Chiesa hanno detto di avevano allertato le forze dell’ordine locali perché circolavano voci di un possibile attacco nei giorni precedenti. “Il 6 luglio, abbiamo incontrato il commissario distrettuale di Isiolo esponendo i nostri timori di un possibile attacco, ma nessuna azione è stata intrapresa”, ha detto il vicepastore Yayu. “Uno dei membri della nostra chiesa aveva sentito persone che minacciavano la Chiesa, dicendo: “’non vogliamo infedeli in questo quartiere.”

“La distruzione della chiesa a Game-Loitiki è avvenuta solo dopo una settimana che i militanti di Al-Shabab avevano lanciato granate nella African Inland Church di Garissa, nel Kenya orientale, e aperto il fuoco sulla congregazione, uccidendo 17 persone, tra cui 15 fedeli. Granate sono state lanciate anche nella chiesa cattolica locale “, ha detto Chemosi.

“Questa escalation di violenza che ha preso di mira le chiese del Kenya dimostra che l’estremismo islamico è in aumento in questo paese dell’Africa orientale.”

“Pastori e cristiani hanno molta paura”, ha detto Imam Hussein, un cristiano convertito che è un rifugiato etiope e che è andato in Kenya per fuggire alla persecuzione nella sua città natale. “So di persone, soprattutto i cristiani convertiti dall’islam, che hanno dovuto lasciare le loro case e le loro famiglie a causa delle pressioni di questi terroristi. E’ molto pericoloso. Anche se questi militanti sono molto pochi in Kenya, sono però molto fanatici, sulla stregua di Al-Qaeda o dei Talebani. Anche molti musulmani si sono schierati contro di loro e stanno dalla parte delle comunità cristiane “.

Nonostante il recente assalto alla chiesa di Game-Loitiki, tuttavia, il Pastore Lokuruku non si lascia intimidire dalle minacce e continua a radunare le persone per il culto la domenica mattina.

“Non ci allontaneremo da Game-Loitiki, ma abbiamo fiducia in Dio per il Suo aiuto e la Sua protezione”, ha detto il pastore. “Stiamo lasciando tutto nelle mani di Dio”.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

LA COSTANZA NELLA FEDE

di T. A. SPARKS   –  Poi Elia disse ad Acab: «Risali, mangia e bevi, poiché già si ode un rumore di grande pioggia». Acab risalì per mangiare e bere; ma Elia salì in vetta al Carmelo; e, gettatosi a terra, si mise la faccia tra le ginocchia, e disse al suo servo: «Ora va’ su, e guarda dalla parte del mare!» Quegli andò su, guardò, e disse: …
Leggi Tutto

POTENZA NELLA VITA CRISTIANA

di ROBERTO BRACCO  –  I discepoli, riuniti e in attesa, nell’alto solaio di Gerusalemme, non sapevano, almeno così sembra, in che modo si sarebbe adempiuta la promessa di Gesù: “Voi riceverete potenza” (Atti 1:8) …, ma sapevano, però, che la loro vita sarebbe stata rivestita di una forza soprannaturale, necessaria per rendere una testimonianza fedele al loro Signore e Salvatore. Possiamo subito dire che essere testimoni voleva dire …
Leggi Tutto

Sei Cristiano?

 di  ROBERTO BRACCO INDICE –  Introduzione –  Conoscere Cristo –  Giustificazione –  Nuova nascita –  Pace e gioia –  Speranza e fede –  Amore –  Offerte –  Vita sociale e familiare –  Testimonianza Il nostro secolo è il secolo delle imitazioni e dei surrogati. Sembra che lo sforzo scientifico sia teso alla sostituzione dell’autentico con il falso, dell’originale con la copia. Questo programma di ampio respiro include, nel …
Leggi Tutto

CAMMINO' CON DIO

di DONALD GEE – La storia di Enoc, descritta per sommi capi in poche righe, ha sempre racchiuso un certo fascino; la storia dell’uomo che camminò con Dio e poi disparve, perché Dio lo prese. Una silente bellezza è contenuta in questo morso di storia, descrittaci con sorprendente brevità nelle prime pagine condensate della Genesi. Penso che l’interesse primo stia nel fatto unico che Enoc non conobbe la …
Leggi Tutto

"DAVANTI AL GOLGOTA"

di ROBERTO BRACCO  –  Torno con la mia mente al Golgota, a quell’immenso cranio di pietra grigia con le sue occhiaie austere e rivivo l’emozione profonda provata davanti a quel monte, fuori di Gerusalemme e separato da questa da una strada brulicante oggi, come forse ieri, di gente frettolosa. Mi sembra che davanti all’immagine anche fisica di quel monte fatale ho potuto rivivere più intensamente il dramma del Golgota; …
Leggi Tutto

LA VITA  DI  ADONIRAM  JUDSON

di T.W. ENGSTROM  –  In tutti gli annali delle Missioni, la storia di Adoniram e Anna Judson, missionari-pionieri dell’India, sta come mirabile testimonianza del modo in cui Dio può operare attraverso vite che si dedicano completamente al Suo servizio. La loro fortezza, la fede in Dio e lo spirito di perseveranza saranno di stimolo e di ispirazione a coloro che hanno seguito e seguiranno le loro orme, come …
Leggi Tutto

Ostacolo o benedizione?

Si racconta di un re che pose una pesante pietra in mezzo alla strada maestra e si nascose per osservare chi l’avrebbe rimossa.  Persone di varie classi sociali passarono e raggirarono l’ostacolo, continuando il loro cammino, alcuni biasimando il re per non tener sgombra la strada maestra, ma tutti schivando il lavoro di rimuovere la pietra dalla strada. Finalmente un povero contadino, incamminato verso la città con il …
Leggi Tutto

Non toccate i miei unti...

di ROBERTO BRACCO  –  Non bisogna dimenticare che un ministro, un pastore, rappresentano sempre le persone più notate, più osservate, più conosciute della comunità. Non bisogna dimenticare cioè che essi vengono seguiti da centinaia di occhi e giudicati da un numero più o meno grande di fedeli.  Non c’è un’ora della loro giornata o non c’è una circostanza della loro vita che non cadano sotto l’osservazione di tutti …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti