Youcef Nadarkhani: storia di un pastore in Iran.

Youcef  ha 35 anni ed è originario di Rasht, una città in provincia di Gilan, Iran. Negli ultimi dieci anni è stato pastore di una rete di chiese nelle case. In passato era stato imprigionato nel dicembre del 2006, con l’accusa di apostasia (cioè di aver lasciato l’Islam per il cristianesimo) e di evangelizzazione (diffondere il messaggio del Vangelo di Gesù Cristo), ma è stato rilasciato due settimane dopo.
E’ sposato e ha due figli, Daniel 10 anni e Yoel 7. Frequentavano la scuola locale, quando il governo iraniano decise che a tutti i bambini doveva essere insegnato l’Islam, anche a quelli provenienti da famiglie cristiane. Youcef è andato a scuola e ha protestato contro questo, basandosi sulla costituzione iraniana, che permette la libertà di praticare la religione. Come risultato, la polizia segreta lo ha chiamato davanti al tribunale politico in Rasht, in Iran il 12 ottobre 2009. Fu arrestato, accusato di protesta, e da allora è rimasto in carcere in Lakan (sette miglia a sud di Rasht). In seguito l’ accusa fu cambiata in apostasia ed evangelizzazione dei musulmani.
Nel corso di questo tempo di prigionia, ha potuto avere visite da un avvocato, e dalla moglie, figli ed amici. Tuttavia, per il primo mese in carcere e per diversi mesi in prossimità del suo processo è stato tenuto in isolamento. Hanno tentato diversi metodi per cercare di convertirlo a ritornare all’Islam, anche somminastrandogli delle pasticche, apparentemente nel tentativo di affermare che era pazzo.
Visto che la fede di Youcef non è venuta meno, hanno deciso di arrestare sua moglie per aumentare la pressione su di lui. Il 18 giugno 2010 Fatemah Pasindedih è stata arrestata, accusata di apostasia e imprigionata a Lakan. Durante questo periodo i figli andarono a vivere con un parente. Sia Youcef che sua moglie sono stati minacciati dalle autorità che gli avrebbero tolto i figli e sarebbero affidati a una famiglia musulmana. Visto il fallimento di questi tentativi, la moglie è stata processata senza un avvocato, e condannata al carcere a vita.
Un avvocato fu successivamente assunto per il processo di appello. La sentenza è stata rovesciata e Fatemah  liberata.
Il 21 e il 22 settembre 2010, Youcef è stato messo sotto processo, e verbalmente condannato a morte. Il verdetto scritto arrivò più tardi e fu notificato il 13 novembre 2010, da parte della 1° Corte del Tribunale della Rivoluzione. L’esecuzione doveva essere eseguita per impiccagione per il reato di apostasia. In Iran ci sono solo 20 giorni per poeter impugnare la sentenza con la Corte Suprema.
Il 5 dicembre 2010 è stato presentato alla Corte Suprema ricorso contro il verdetto, ma solo il 28 giugno 2011 la Corte Suprema ha preso una decisione. La Terza Sezione della Corte Suprema di Qom ha confermato l’accusa di apostasia e la condanna a morte. Hanno ordinato al tribunale locale di riesaminare e accertare se Youcef fosse un musulmano praticante dai 15 ai 19 anni. Se si fosse accertato che era un musulmano praticante gli sarebbe stata data un’altra possibilità di ritrattare prima dell’esecuzione.
Il riesame di questo caso si è svolto dal 25 al 28 settembre. Fin dall’inizio gli è stato chiesto di ritrattare. Ancora prima che il caso fosse ascoltato o la prova dimostrata. Durante un’udienza, quando gli è stato chiesto di ritrattare egli ha risposto: “Voi mi chiedeva di ritrattare. Abiurare e fare un passo indietro. Per ritornare dove? Alla bestemmia che io ero prima di Cristo?”
I giudici hanno risposto: “Alla religione dei tuoi antenati, l’Islam!” Youcef rispose: “Non posso farlo!” L’avvocato musulmano che sta lavorando per aiutarlo ha detto del suo cliente: “Fisicamente sembra debole ma emotivamente la sua fede in Cristo mantiene il suo spirito elevato.”
Basandosi sulla legge islamica della Sharia, ad un apostata devono essere dati tre giorni di tempo per ritrattare. Esiste la reale preoccupazione che l’esecuzione potrebbe essere eseguita in qualsiasi momento. Gli avvocati suggeriscono che prima il verdetto scritto sia consegnato, per legge entro una settimana, e poi ci sarà la possibilità di ulteriore appello contro il verdetto.
Tuttavia, non ci sono garanzie che non ci sarà l’esecuzione. Potrebbe accadere in qualsiasi momento. Questo è il modo in cui il governo iraniano agisce con esecuzioni. Non c’è mai un preavviso ed è eseguita in segreto. E’ circolata la notizia che l’esecuzione è già stata eseguita, ma pare sia una notizia falsa. Youcef è ancora vivo.
Non possiamo aspettare un altro momento, dobbiamo contattare i media internazionali, le organizzazioni dei diritti umani e del governo. Dobbiamo digiunare e pregare per la sua liberazione. Vai a http://presenttruthmn.com/persecuted-christians/ per avere maggiori dettagli su come contattare qualcuno.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Giornata di preghiera PER LA NAZIONE

DOMENICA 14 APRILE 2013  –  PAUL SCHAFER: PREGHIERA PER LA NAZIONE …
Leggi Tutto

SOPPORTATEVI

di  ROBERTO BRACCO   –   Sopportatevi gli uni gli altri e perdonatevi a vicenda, se uno ha di che dolersi di un altro. Come il Signore vi ha perdonati, così fate anche voi.   (Colossesi 3:13)    –      La legge dell’amore c’insegna a sopportarci vicendevolmente. Quest’insegnamento rappresenta anche una rivelazione della personalità umana: della nostra personalità e della personalità degli altri.   Dobbiamo sopportarci, quindi abbiamo …
Leggi Tutto

Ancora non hanno il fuoco.

di VANCE HAVNER   –   È vero che la Pentecoste, storicamente, ha avuto luogo una volta per tutte. Così è stato per  il Calvario. Ma ogni individuo deve personalmente appropriarsi del sangue per mezzo della fede e così ogni credente deve riceve per fede lo Spirito per avere potenza.  …
Leggi Tutto

LA STRADA DELLA MATURITÀ

di J. Oswald Sanders  –   Alcuni pensano che lo scopo della chiesa e del nostro impegno di credenti sia l’evangelizzazione, ma io non vedo questo nella Scrittura. Io credo che lo scopo del nostro ministero sia di portare le persone alla maturità in Cristo. Consideriamo Colossesi 1:28, dove Paolo dice: “Noi proclamiamo questo mistero…” in vista di che cosa? “…affinché presentiamo ogni uomo perfetto in Cristo”. “Perfetto” qui …
Leggi Tutto

IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

di ROBERTO BRACCO  –  Ogni volta che il libro degli Atti si sofferma a descrivere il battesimo nello Spirito, la terminologia acquista accenti altamente vibranti. Questa celestiale esperienza cristiana viene costantemente presentata come una delle più genuine ed evidenti manifestazioni della gloria e della potenza di Dio. I credenti non vengono riscaldati da una sensazione passeggera o agitati da un’emozione  fugace,   ma   vengono   attraversati   e   riempiti   da   una   potenza …
Leggi Tutto

S.O.S.

di Roberto Bracco  –   Nella storia del popolo d’Israele incontriamo un nome che rimane davanti agli occhi dei credenti come un tremendo monito: Roboamo.    E’ scritto di lui: « Quando il regno fu stabilito e fortificato egli, insieme con tutto Israele, lasciò la legge »  (2° Cronache 12:1). Tutto sembrava favorevole ad un avvenire di prosperità e di pace ed invece venne la rovina. Roboamo, come purtroppo hanno fatto …
Leggi Tutto

LE COMPASSIONI DI DIO

di Agostino Masdea   –  E Gesù, sbarcato, vide una grande folla e ne ebbe compassione, perché erano come pecore senza pastore, e prese a insegnare loro molte cose. (Marco 6:34) La visione che si prospettò davanti al Signore quando discese dalla barca in questo passo dell’evangelo di Marco è simile a quella che si presenta davanti ai nostri occhi ogni giorno: folle immense di uomini che vanno e …
Leggi Tutto

folla

di J. FLOYD WILLIAMS   –  I primi cristiani che fidavano interamente nella potenza dello Spirito Santo videro risultati meravigliosi e furono invincibili. L’idolatria fu frantumata; i templi pagani si svuotarono; moltiplicate centinaia e migliaia di persone si convertirono a Cristo. Nel breve lasso di pochi mesi l’onda della vittoria raggiunse Roma, tanto che finalmente nelle corti imperiali di Cesare vi erano di quelli che erano fedeli al …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti