Evangelici in lutto per Domenico Maselli

LUCCA – L’ambiente evangelico italiano piange Domenico Maselli, scomparso venerdì 4 marzo all’età di 82 anni. Nato ad Alessandria nel 1933, dopo aver mosso i primi passi nella fede presso le Chiese evangeliche dei Fratelli ha aderito alla Chiesa valdese; fino all’emeritazione del 2014 ha portato avanti il suo impegno spirituale sia come guida della comunità valdese di Lucca, che lo ha visto attivo dal 1980, sia in ambito nazionale, ricoprendo tra l’altro dal 2006 al 2009 la carica di presidente della Federazione delle Chiese evangeliche italiane (FCEI).

Allievo di Giorgio Spini, dopo la laurea in Storia ha dapprima insegnato nei licei di Napoli e Firenze, per poi intraprendere nel 1959 la carriera universitaria che lo avrebbe portato a ricoprire dal 1967 al 2006 il ruolo di professore di Storia del cristianesimo presso l’Università di Firenze, svolgendo un’ampia attività di ricerca e affermandosi come autore di studi e saggi dedicati in particolare alla storia del movimento evangelico.

All’impegno spirituale e accademico si è aggiunto negli anni Novanta l’impegno politico, coronato dall’elezione alla Camera dei Deputati per due legislature, dal 1994 al 2001.

Negli ultimi anni si era distinto per il suo impegno a favore del dialogo e della pace, e nel contempo aveva ribadito il suo distinguo in merito alle decisioni assunte dal Sinodo valdese nel 2010 («sono pronto a difendere i diritti civili di tutti in base alla separazione tra Stato e Chiesa ed alla laicità dello Stato, ma non ho benedetto coppie gay, né intendo farlo», ha scritto in una lettera del 2011 al quotidiano Il Tirreno, precisando la sua linea di pensiero sul tema).

Competente ma informale, impegnato ma disponibile, appassionato difensore delle proprie idee ma rispettoso delle posizioni altrui, «attento e partecipe» (dalle parole espresse da Rosa Russo Jervolino nel 2007, in occasione del congedo di Maselli dall’attività accademica): dalle testimonianze dei suoi interlocutori emerge il profilo di un uomo colto, preparato ma anche modesto, capace di riscuotere stima e affetto in tutti i settori in cui aveva modo di operare. Una figura in grado di distinguere il dialogo dal compromesso, concentrandosi su quanto di meglio le relazioni e il confronto possono offrire.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • LA FORNACE DELL’AFFLIZIONE
    In Devotional
      di DAVID WILKERSON  –  “Se pure soffriamo con lui per essere anche con lui glorificati. Io ritengo infatti che le sofferenze del tempo presente non sono affatto da eguagliarsi alla gloria che sarà manifestata in noi” (Romani 8:17-18). L’apostolo Paolo sta dicendo che alla luce della gloria che l’attendeva, cos’erano le sue prove a confronto? Allo stesso modo, egli vuole che distogliamo lo sguardo dalle nostre sofferenze presenti e ci concentriamo su ciò che sta per arrivare, che cambierà ogni cosa. Un minuto nella nostra nuova casa nell’eternità, dice Paolo, e noi non ricorderemo cosa ci sia stato prima. Ciò che voleva dire è [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • E’ peccato l’omicidio? RISPOSTE AGLI ARGOMENTI RELATIVI ALL’ABORTO
     di Norman L. Geisler –  La Bibbia condanna chiaramente chi uccide intenzionalmente un essere umano innocente. Tuttavia, non tutte le uccisioni sono omicidi. Non tutte le uccisioni sono intenzionali. Ci sono delle occasioni in cui vi sono delle giustificazioni relative all’uccidere un altro essere umano. A questo proposito, la Bibbia permette la protezione della propria vita, anche se ciò significa privare della vita qualcun’altro che la sta minacciando. In Esodo 22:2, è scritto: “Se il ladro colto nell’atto di fare uno scasso, è percosso e muore, non vi è delitto di omicidio”. L’uccisione accidentale non è un crimine capitale. Mosè scrisse: […]
  • …MA DAVIDE SI FORTIFICO’ NELL’ETERNO.
    1 Samuele 30: 6  –  È una cosa che si comprende all’istante, fortificarsi o farsi coraggio, è un’arte delle più importanti e maggiormente utili. Ma, perché?Perché un uomo scoraggiato è un essere indebolito e vinto. Egli è anche, ed è bene dirlo, un uomo pressocché inutile. Quanta gente è fallita nella vita, non per­ché mancava di capacità, ma perché non ha avuto coraggio sufficiente. Questa, per esempio, è la ragione per cui fallì l’uomo della parabola dei talenti, il quale non aveva che un solo talento miserabile. Egli non ebbe coraggio, si lasciò prendere dalla paura. Si è lasciato fermare troppo presto dalla difficoltà lasciandosi invadere dallo scoraggiamento. Lo scoraggiamento è un arma efficace del Diavolo.Amico, se vuoi vincere una battaglia spirituale, se vuoi vivere […]
  • LA FEDELTÀ
    di Parker Baker   –   “Egli era un uomo fedele e timorato di Dio più di tanti altri”.  Nehemia 7:2   –   Nehemia aveva costruito il muro e voleva che un altro prendesse il comando delle faccende civili. Egli nominò un uomo per quel compito e il motivo per cui venne scelto Anania fu: “Era un uomo fedele e timorato di Dio più di tanti altri”. Molte persone non sono in grado di costruire un muro, ma sono in grado di prendere il comando del muro dopo che esso è costruito. Tutto questo illustra l’economia meravigliosa di Dio. Egli ci affida i compiti per i quali ci rende idonei. Perché lamentarsi, dunque, se ci troviamo alle fonda menta o nel centro o in cima all’edificio? Forse ci piacerebbe essere posti in cima, ma il grande Architetto e Costruttore ci ha posto altrove. […]
  • Essere ripieni di Spirito Santo
    di  Zac Poonen  –   Ho visto un cartone animato, una volta che mostrava i discepoli nell’alto solaio che aspettavano di essere pieni di Spirito Santo (Atti 1:12-14). (Oggi sappiamo che hanno aspettato dieci giorni, ma in quel momento, nessuno di loro sapeva per quanto tempo avrebbero dovuto attendere.) Al nono giorno, uno di loro uscì e se ne andò a casa dicendo che era stanco di aspettare.   Egli disse agli altri che se volevano potevano attendere, ma lui andava via. Immaginate la sua delusione, quando il giorno dopo ha saputo che tutti gli altri  in quella stanza sono stati battezzati con lo Spirito Santo e col  fuoco e rivestiti della potenza dall’alto.  Come era stato vicino alla risposta. Se solo avesse aspettato un giorno in più ….. […]
  • Promessa per oggi: IO NON TI ABBANDONERO’ PERCHE’ SONO FELICE CHE TU MI APPARTIENGA
    Poiché l’Eterno non abbandonerà il suo popolo, per amore del suo grande nome, perché è piaciuto all’Eterno di farvi il suo popolo. (1 Samuele 12:22) Molte persone vivono nella continua paura che possano essere abbandonati in qualsiasi momento. Alcuni si sentono in questo modo perché sono stati delusi in passato, mentre altri semplicemente non vivono con un profondo senso di appartenenza a qualcosa o a qualcuno. Amo questa promessa perché il Signore risolve la questione una volta per tutte, dichiarando che ha stabilito in cuor suo di non abbandonarci per amore del Suo grande nome. Non è una buona notizia sapere che non dipende da voi e dalle vostre opere buone… ma da lui? Questo versetto della Bibbia dice che Dio è in realtà felice di farti far parte della sua famiglia e […]
  • Perseverare nella Parola di Dio
    di Roberto Bracco  –  “Se perseverate nella mia Parola…” (Giovanni 8:31)  –  Questo passo dell’Evangelo di Giovanni ci fa comprendere tre cose di grande importanza : – Per essere veramente discepoli di Gesù bisogna perseverare nella sua parola. – Mediante la perseveranza nella sua parola si giunge alla conoscenza della verità. – La conoscenza della verità produce la conquista della libertà. La prima cosa ci dice chiaramente che fra coloro che seguono Gesù ci sono veri discepoli e discepoli falsi. La seconda cosa ci ricorda che […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti