IRAN: SCHEDARE I MEMBRI DELLE CHIESE CRISTIANE

Il governo iraniano vuole identificare e schedare i membri delle chiese cristiane che sono nel paese. Domenica 6 maggio, la leadership della chiesa centrale di Teheran delle Assemblee di Dio, ha chiesto ai suoi membri di fornire volontariamente le informazioni richieste. Ciò evidentemente rappresenta, rispetto al passato, un rischio maggiore per i cristiani iraniani, soprattutto per i convertiti provenienti dall’islam.

Monsour Borji, un cristiano iraniano dichiara: “E’ sostanzialmente un tentativo di limitare la chiesa”. Questa iniziativa delle autorità iraniane è un ulteriore segnale della determinazione del governo di restringere ulteriormente la libertà delle chiese cristiane in Iran. Se le chiese assecondassero il governo in questa richiesta, i membri sarebbero più controllati e ci potrebbero essere pericolose conseguenze per i cristiani provenienti dall’islamismo. Inoltre queste nuove misure sarebbero un deterrente ai musulmani interessati al vangelo.

Un esperto locale, che ha chiesto l’anonimato ha detto: “La sorveglianza c’è sempre stata, ma quest’ulteriore obbligo, è un altro segno dell’intenzione del governo di limitare la partecipazione a coloro che provengono da ambienti non-cristiani, e tenere lontano i musulmani dalle chiese”.

Da oltre 20 anni le autorità hanno monitorato la chiesa centrale delle Assemblee di Dio, con tattiche sempre più aggressive e pressioni sulla leadership. Recentemente hanno “tagliato i rifornimenti” limitando la pubblicazione di Bibbie e materiale religioso.

Questa nuova richiesta ha creato un “dilemma etico” nella chiesa, in quanto i credenti si interrogano se cedere non significhi in qualche modo negare Cristo. Inoltre essi non sono sicuri sul da farsi, perchè fornire queste informazioni al governo, sa di suicidio.

La chiesa delle Assemblee di Dio è una delle poche rimaste a Theheran che la domenica celebra il culto in lingua “farsi” cioè persiana, e da quando, insieme ad altre chiesa, sono stati costretti a chiudere il culto del venerdi sera, hanno visto un notevole incremento di frequanza al servizio domenicale. Per il regime iraniano, un persiano che si converte a Cristo diventa un nemico dello stato. Borji ha spiegato: “L’idea di una chiesa che celebra il servizio in persiano è una minaccia, per un regime che richiede e detiene il monopolio religioso.”

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Abraham-Lincoln

Proclama del Presidente Abramo Lincoln per una giornata di umiliazione nazionale, digiuno e preghiera – 1863Da Sua Eccellenza, Abraham Lincoln, presidente degli Stati Uniti. Considerando che, il Senato degli Stati Uniti, devotamente riconoscendo la Suprema l’autorità e il governo dell’Iddio Onnipotente in tutti gli eventi degli uomini e delle nazioni, con una risoluzione ha chiesto al Presidente di stabilire e dedicare una giornata di preghiera e umiliazione nazionale. Considerando …
Leggi Tutto

LIBERTÀ O LASSISMO?

di AGOSTINO MASDEA  –  (Galati 5:1-5:13)  i) Non sempre è facile gestire la libertà: si può riperdere e ritornare in schiavitù. Esempio: Israele (Giudici 2:10-16) –  A. – CRISTIANESIMO O LASSISMO? a) Cos’è il lassismo? ” – “Dottrina che modifica in forme accomodanti e rilassate il rigore dei precetti cristiani.” (Zingarelli) “Indulgenza verso le norme del cristianesimo.” b) E’ la Religione del ” che male c’è? “! c) …
Leggi Tutto

Le Condizioni del Discepolato

di WILLIAM MACDONALD – Il vero cristianesimo è un impegno totale verso il Signore Gesù. Il Salvatore non cerca uomini e donne che gli vogliano dedicare le loro serate libere od i loro week-end, o ancora gli ultimi anni della loro vita, quando vanno in pensione. Egli ricerca piuttosto chi gli voglia dare il primo posto nella propria vita. Secondo le parole di Evan Hopkins Egli cerca oggi, …
Leggi Tutto

EGLI NON SAPEVA…

di E.K.Rusthoi  –  “Egli (Sansone), non sapeva che Dio s’era ritirato da lui” (Giudici 16,20).  –  “Or Mosè, quando scese dal monte Sinai – scendendo Mosè aveva in mano le due tavole della testimonianza – non sapeva che la pelle del suo viso era diventata tutta raggiante” (Esodo 34,29). Vorrei attirare la vostra attenzione su questi due versetti biblici che sembrano in aperto contrasto. Il primo è un …
Leggi Tutto

PreghieraDigiuno

« Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti. E io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro Consolatore… » (Giov. 14 :15-16). Nello studio della dottrina dello Spirito e specialmente quando vogliamo approfondire il soggetto «battesimo con lo Spirito Santo» non dobbiamo trascurare un passo scritturale come questo; le parole di Gesù chiariscono l’argomento e stabiliscono un fondamento sul quale la dottrina stessa deve saldamente …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 3 Febbraio 2013

Agostino Masdea:  LA CASA COSTRUITA DALLA GRAZIA (Ebrei 10:32-39;11:1-6) …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Il mio amore è sparso nel tuo cuore per mezzo del mio Spirito

L’amore di Dio è stato sparso nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato. Romani 5:5  –   La foto della promessa di oggi è stata scattata a Niagara Falls. Visto che ho la fortuna di vivere a 15 miglia da questa grande meraviglia della natura, è facile per me andare lì ogni volta che lo desidero. L’immensa quantità di acqua che forma sia …
Leggi Tutto

PERCHÈ LE LINGUE?

di J. ROBERT ASCHROFT   –  Molto si sa del parlare in altre lingue; molto non si sa e rimane un mistero. Eppure nelle Scritture ci sono insegnamenti sufficienti a darci una chiara rivelazione sul valore del parlare in altre lingue e sul come bisogna usare questo dono. Ecco i punti più importanti. 1.      E’ chiaramente detto che si sarebbe verificato l’avvenimento del parlare in altre lingue. « …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti