Era cristiano il giornalista giapponese ucciso dall’Isis

Kenji Goto dal 1997 apparteneva alla United Church of Christ of Japan, una chiesa evangelica della piccolissima comunità cristiana giapponese. Diceva: «Ho visto cose orribili ma Dio mi salverà»

Era cristiano Kenji Goto,  il giornalista giapponese decapitato dall’Isis. E proprio la volontà di dare voce agli ultimi era la principale motivazione del suo lavoro anche in Siria. Nel nuovo dramma della follia islamista rimbalzato attraverso immagini che paiono purtroppo attendibili c’è anche un aspetto che chiama in causa la fede religiosa oltre che la politica. Kenji Goto apparteneva alla piccolissima comunità cristiana del Giappone, meno dell’1 per cento della popolazione del Paese.

 n-goto-activities-a-201501241Quarantasette anni, originario di Sendai, Goto si era convertito al cristianesimo nel 1997, quando già da alcuni anni ormai lavorava come giornalista. Era entrato a far parte della United Church of Christ of Japan, la maggiore confessione evangelica giapponese, che conta circa 200 mila fedeli: frequentava la comunità di Den-en-chōfu, un sobborgo di Tokyo.

 Proprio la sua fede cristiana, unita a una grande sensibilità sul tema della pace – diffusissima tra i cristiani giapponesi – aveva orientato la sua attività professionale. Aveva creato una sua società di produzione indipendente che concentrava la sua attenzione in maniera particolare sui bambini vittime della guerra. Nei suoi reportage si era occupato dei bambini soldato in Sierra Leone, del conflitto in Ruanda, della condizione delle bambine in Afghanistan. Era partito per la Siria nell’ottobre scorso con l’intenzione di mediare la liberazione dell’altro ostaggio giapponese dell’Isis Haruna Yukawa, decapitato nei giorni scorsi.

«Prima di partire per la Siria – ha raccontato all’agenzia evangelica Christianity Today Atsuyoshi Fujiwara, un pastore di Tokyo – Kenji aveva lasciato un video messaggio nel quale si diceva consapevole del fatto che il suo tentativo era molto rischioso e si assumeva la piena responsabilità delle sue azioni». A unna rivista giapponese aveva dichiarato: «Ho visto cose e posti orribili e ho anche rischiato la vita, ma so che comunque in qualche modo Dio mi salverà».

La missione del giornalista in Siria ha sollevato perplessità in Giappone, al punto che già quando l’Isis mostrò le immagini di Goto e Yukawa entrambi prigionieri i genitori di entrambi si scusarono pubblicamente in tv per il disagio creato al Giappone. La reazione iniziale in Giappone – riferisce sempre Christianity Today citando altre sue fonti cristiane locali – era stata che i due si fossero cacciati nei guai andando dove non dovevano andare. «Ma una volta saputo che Goto è un cristiano e che la sua motivazione è sempre stata quella di dare voce ai bambini vittime della guerra – racconta l’agenzia – questo gli ha permesso di guadagnare almeno un po’ di favore. Hanno capito che non era un avventuriero».

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

GUARDATE DI NON TURBARVI

di W.C MOORE   –   Mentre era ancora sulla terra, Gesù pregò il Suo e nostro Padre : « Io non Ti prego che Tu li tolga dal mondo, ma che Tu li preservi dal male » (Giovanni 20:17 – Giovanni 17:15).  Gesù quale Figlio di Dio, conosceva, e preannuncio, i tempi pericolosi, in cui noi viviamo. «Voi udrete parlare di guerre e di rumori di guerre; guardate …
Leggi Tutto

PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

“Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione. La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi …
Leggi Tutto

Le Condizioni del Discepolato

di WILLIAM MACDONALD – Il vero cristianesimo è un impegno totale verso il Signore Gesù. Il Salvatore non cerca uomini e donne che gli vogliano dedicare le loro serate libere od i loro week-end, o ancora gli ultimi anni della loro vita, quando vanno in pensione. Egli ricerca piuttosto chi gli voglia dare il primo posto nella propria vita. Secondo le parole di Evan Hopkins Egli cerca oggi, …
Leggi Tutto

IL CRISTIANESIMO È ESPERIENZA

di Roberto Bracco   –   I demolitori più tenaci del cristianesimo sono coloro che lo accettano senza penetrarlo. Quando il cristianesimo è vissuto superficialmente non è vissuto affatto ed anzi è oltraggiato e rovinato.  Il cristianesimo non si può rovinare e demolire in senso assoluto, ma si può offendere attraverso una testimonianza insincera e perciò coloro che si dichiarano cristiani, ma vivono soltanto alla superficie del cristianesimo possono essere definiti, …
Leggi Tutto

IL VERO AMORE ASPETTA

True love waits         7 BUGIE SULL’AMORE   –    Prendiamo in esame sette bugie sull’amore e scopriremo la verità sul vero amore.   BUGIA N. 1: Il sesso crea fiducia! Una ragazza ci ha scritto la lettera seguente: «Sono alla continua ricerca d’amore. Ma l’unica forma di amore che conosco è quella fisica, il sesso. Nella mia vita sono già andata a letto con   …
Leggi Tutto

 IO SUPPLIRÒ QUALSIASI TUO BISOGNO, TRAMITE  LE MIE ETERNE RICCHEZZE IN GESÙ CRISTO.

Ora il mio Dio supplirà ad ogni vostro bisogno secondo le sue ricchezze in gloria, in Cristo Gesù. (Filippesi 4:19) Il nostro Dio e Padre ha promesso di soddisfare ogni nostro bisogno in base alle immense ricchezze del deposito glorioso celeste che è in Gesù Cristo.  Il nostro Dio sa di che cosa abbiamo bisogno prima ancora che abbiamo quel bisogno e si diletta a provvederci ciò che ci …
Leggi Tutto

I CONDUTTORI

di Roberto Bracco   –   Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose! Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile …
Leggi Tutto

This is my King!

Sebbene in rete ci sono infinite versioni di questo video, ci sentiamo di riproporlo perché è un messaggio straordinario che ogni volta che lo si ascolta suscita emozioni meravigliose e si rimane toccati dalla grandezza del nostro Re! “This is my King”… Questo è il mio Re. IL pastore nero S.M. Lockridge parla per sei minuti, in questo famoso sermone, di ciò che Gesù, il nostro Re è …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti