Era cristiano il giornalista giapponese ucciso dall’Isis

Kenji Goto dal 1997 apparteneva alla United Church of Christ of Japan, una chiesa evangelica della piccolissima comunità cristiana giapponese. Diceva: «Ho visto cose orribili ma Dio mi salverà»

Era cristiano Kenji Goto,  il giornalista giapponese decapitato dall’Isis. E proprio la volontà di dare voce agli ultimi era la principale motivazione del suo lavoro anche in Siria. Nel nuovo dramma della follia islamista rimbalzato attraverso immagini che paiono purtroppo attendibili c’è anche un aspetto che chiama in causa la fede religiosa oltre che la politica. Kenji Goto apparteneva alla piccolissima comunità cristiana del Giappone, meno dell’1 per cento della popolazione del Paese.

 n-goto-activities-a-201501241Quarantasette anni, originario di Sendai, Goto si era convertito al cristianesimo nel 1997, quando già da alcuni anni ormai lavorava come giornalista. Era entrato a far parte della United Church of Christ of Japan, la maggiore confessione evangelica giapponese, che conta circa 200 mila fedeli: frequentava la comunità di Den-en-chōfu, un sobborgo di Tokyo.

 Proprio la sua fede cristiana, unita a una grande sensibilità sul tema della pace – diffusissima tra i cristiani giapponesi – aveva orientato la sua attività professionale. Aveva creato una sua società di produzione indipendente che concentrava la sua attenzione in maniera particolare sui bambini vittime della guerra. Nei suoi reportage si era occupato dei bambini soldato in Sierra Leone, del conflitto in Ruanda, della condizione delle bambine in Afghanistan. Era partito per la Siria nell’ottobre scorso con l’intenzione di mediare la liberazione dell’altro ostaggio giapponese dell’Isis Haruna Yukawa, decapitato nei giorni scorsi.

«Prima di partire per la Siria – ha raccontato all’agenzia evangelica Christianity Today Atsuyoshi Fujiwara, un pastore di Tokyo – Kenji aveva lasciato un video messaggio nel quale si diceva consapevole del fatto che il suo tentativo era molto rischioso e si assumeva la piena responsabilità delle sue azioni». A unna rivista giapponese aveva dichiarato: «Ho visto cose e posti orribili e ho anche rischiato la vita, ma so che comunque in qualche modo Dio mi salverà».

La missione del giornalista in Siria ha sollevato perplessità in Giappone, al punto che già quando l’Isis mostrò le immagini di Goto e Yukawa entrambi prigionieri i genitori di entrambi si scusarono pubblicamente in tv per il disagio creato al Giappone. La reazione iniziale in Giappone – riferisce sempre Christianity Today citando altre sue fonti cristiane locali – era stata che i due si fossero cacciati nei guai andando dove non dovevano andare. «Ma una volta saputo che Goto è un cristiano e che la sua motivazione è sempre stata quella di dare voce ai bambini vittime della guerra – racconta l’agenzia – questo gli ha permesso di guadagnare almeno un po’ di favore. Hanno capito che non era un avventuriero».

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Promessa per oggi: Puoi fidarti della mia fedeltà perché la Mia parola è vera.

Perché la parola dell’Eterno è retta, e tutte le sue opere sono fatte con fedeltà. (Salmo 33:4)   –   Se facessi una promessa ai miei figli ed essi mettessero in discussione la veridicità della mia promessa, mi darebbe parecchio fastidio. Come padre, spero che i miei figli abbiano fiducia nel mio carattere e nella mia parola. Se essi dubitano di ciò che dico, mettono in discussione l’intera mia persona. Credo che alla base …
Leggi Tutto

ULTIMO VIDEO DAL CENTRO BENIAMINO - ANGOLA

Il lavoro missionario nel centro Beniamino AMEN, a Funda, in Angola va avanti. Questo è l’ultimo video che la sorella Lidia, direttrice del centro, ha postato su Facebook …
Leggi Tutto

GRANDI INNI: "BLESSED ASSURANCE" (GARANZIA BENEDETTA )

Fanny Crosby, compositrice di inni, era rimasta cieca quando aveva sei settimane di vita, per delle cure mediche sbagliate. Fanny Crosby nel corso della sua lunga vita (morì all’età di 95 anni) scrisse più di ottomila testi di canzoni gospel. Spesso i temi per i testi venivano suggeriti a Fanny Crosby da ministri che la andavano a trovare e che desideravano avere una nuova canzone su un soggetto …
Leggi Tutto

TUTTI PARLAVANO IN EBRAICO.

  di Stanley H. Frodsham  –   Sono nato in Austria da genitori giudei e conosco l’ebraico fin dalla mia infanzia. Mi trovo in America da sei anni un mio ricco zio che abita a Seattle Washington, mi scrisse di andare a lavorare nella sua azienda e io andai.  Un piovoso martedì dell’inverno scorso mi trovai a passare davanti all’edificio di una missione alla settima strada di quella città …
Leggi Tutto

PENTECOSTALI: SIAMO UN MOVIMENTO, NON UNA DENOMINAZIONE RELIGIOSA

di J.M. MacKnight  –  La Pentecoste era la seconda festa importante dell’anno ebraico, quando si presentavano a Dio le primizie della raccolta del grano (Levitico 23:13). Analogamente, la Pentecoste simbolizza per la Chiesa l’inizio della raccolta di anime nel mondo da parte di Dio. INIZIO DI UN MOVIMENTO Il termine «movimento» significa semplicemente «muovere» o «essere mossi». Rappresenta un insieme di persone con un obiettivo comune; il loro fine …
Leggi Tutto

Grandi inni: "What a Friend we have in Jesus"

QUALE AMICO IN CRISTO ABBIAMO –  di  Joseph Scriven (10 September 1819 – 10 August 1886) –  Joseph Scriven nacque nel 1819 a Dublino, Irlanda,  da genitori benestanti. Si laureò al Trinity College di Dublino.  Da giovane voleva seguire le orme del padre nella Royal Marine, ma la sua salute cagionevole non gli e lo permise.  All’età di venticinque anni, decise di lasciare il suo paese natale ed …
Leggi Tutto

COME UN BRUTALE KILLER  DI NOME “SCISSORS” DA LA SUA VITA A CRISTO

di Mark Ellis  –  Campo di rieducazione del Vietnam. Ha trascorso più di 10 anni nelle prigioni comuniste in Vietnam a causa della sua fede cristiana perché  il governo ha provato a  “rieducarlo”. Ma attraverso la sua coraggiosa testimonianza in quel carcere, molti, tra cui anche degli assassini, hanno dato la loro vita a Cristo e hanno visto le loro vite trasformate. “Il comunismo è una religione”, dice …
Leggi Tutto

Meditazione del giorno: LA GRANDEZZA DEL VANGELO

di CORRIE TEN BOOM   –  Molto spesso, l’infelicità nella vita cristiana è causata dalla mancanza di comprensione della grandezza del Vangelo.   Il Vangelo non è un qualcosa di circoscritto, ma comprende la vita intera, la storia intera e tutto il mondo. Parte a raccontare dalla creazione per arrivare al giudizio finale e comprende tutto ciò che vi è in questo intermezzo. È una visione completa della …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti