Era cristiano il giornalista giapponese ucciso dall’Isis

Kenji Goto dal 1997 apparteneva alla United Church of Christ of Japan, una chiesa evangelica della piccolissima comunità cristiana giapponese. Diceva: «Ho visto cose orribili ma Dio mi salverà»

Era cristiano Kenji Goto,  il giornalista giapponese decapitato dall’Isis. E proprio la volontà di dare voce agli ultimi era la principale motivazione del suo lavoro anche in Siria. Nel nuovo dramma della follia islamista rimbalzato attraverso immagini che paiono purtroppo attendibili c’è anche un aspetto che chiama in causa la fede religiosa oltre che la politica. Kenji Goto apparteneva alla piccolissima comunità cristiana del Giappone, meno dell’1 per cento della popolazione del Paese.

 n-goto-activities-a-201501241Quarantasette anni, originario di Sendai, Goto si era convertito al cristianesimo nel 1997, quando già da alcuni anni ormai lavorava come giornalista. Era entrato a far parte della United Church of Christ of Japan, la maggiore confessione evangelica giapponese, che conta circa 200 mila fedeli: frequentava la comunità di Den-en-chōfu, un sobborgo di Tokyo.

 Proprio la sua fede cristiana, unita a una grande sensibilità sul tema della pace – diffusissima tra i cristiani giapponesi – aveva orientato la sua attività professionale. Aveva creato una sua società di produzione indipendente che concentrava la sua attenzione in maniera particolare sui bambini vittime della guerra. Nei suoi reportage si era occupato dei bambini soldato in Sierra Leone, del conflitto in Ruanda, della condizione delle bambine in Afghanistan. Era partito per la Siria nell’ottobre scorso con l’intenzione di mediare la liberazione dell’altro ostaggio giapponese dell’Isis Haruna Yukawa, decapitato nei giorni scorsi.

«Prima di partire per la Siria – ha raccontato all’agenzia evangelica Christianity Today Atsuyoshi Fujiwara, un pastore di Tokyo – Kenji aveva lasciato un video messaggio nel quale si diceva consapevole del fatto che il suo tentativo era molto rischioso e si assumeva la piena responsabilità delle sue azioni». A unna rivista giapponese aveva dichiarato: «Ho visto cose e posti orribili e ho anche rischiato la vita, ma so che comunque in qualche modo Dio mi salverà».

La missione del giornalista in Siria ha sollevato perplessità in Giappone, al punto che già quando l’Isis mostrò le immagini di Goto e Yukawa entrambi prigionieri i genitori di entrambi si scusarono pubblicamente in tv per il disagio creato al Giappone. La reazione iniziale in Giappone – riferisce sempre Christianity Today citando altre sue fonti cristiane locali – era stata che i due si fossero cacciati nei guai andando dove non dovevano andare. «Ma una volta saputo che Goto è un cristiano e che la sua motivazione è sempre stata quella di dare voce ai bambini vittime della guerra – racconta l’agenzia – questo gli ha permesso di guadagnare almeno un po’ di favore. Hanno capito che non era un avventuriero».

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: PROSEGUIRE CON DIO
    In Devotional
    di HOMER DUNCAN  –  Cristiano è colui che possiede Cristo. Non si è tali per il fatto di essere membri di una chiesa o di qualche altra società religiosa. Il seguire Cristo e il cercare di vivere come Lui non è ciò che rende uno figlio di Dio.  Un cristiano è figlio di Dio perché è nato nella Sua famiglia; è una persona i cui peccati sono stati perdonati dall’amore di Cristo, che ha accettato Cristo. Egli è rivestito della perfetta giustizia di Dio. L’essere credente è la cosa più meravigliosa del mondo, ma non costituisce fine a se stessa. C’è invece un altro fine da raggiungere. Dopo essere stati giustificati per fede, dobbiamo [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • TORNERA’!
    di S. Carruthers  – (Leggendo le statistiche citate nell’articolo tenere presente che è stato scritto negli anni 70) Gesù, che non ha mai mentito, poiché è la verità per essenza, prima di lasciare questa terra, disse ai suoi discepoli: Ritornerò! E noi possiamo essere altrettanto sicuri della realtà del suo ritorno, come possiamo essere certi della realtà della sua prima venuta! Effettivamente, nella Sacra Scrittura ci sono assai più profezie che riguardano la seconda venuta di Cristo, di quelle che parlano della sua prima venuta. Sappiamo che è venuto la prima volta, nascendo in umiltà e povertà a Betlemme 19 secoli fa, immolandosi poi, dopo una vita perfetta, sull’altare del Calvario, per la nostra salvezza. Verrà una seconda volta a giudicare quelli che hanno rifiutato la sua grazia e […]
  • IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO
    di ROBERTO BRACCO  –  Ogni volta che il libro degli Atti si sofferma a descrivere il battesimo nello Spirito, la terminologia acquista accenti altamente vibranti. Questa celestiale esperienza cristiana viene costantemente presentata come una delle più genuine ed evidenti manifestazioni della gloria e della potenza di Dio. I credenti non vengono riscaldati da una sensazione passeggera o agitati da un’emozione  fugace,   ma   vengono   attraversati   e   riempiti   da   una   potenza soprannaturale che prende possesso della loro vita fino al punto di elevarli nelle sfere divine del soprannaturale. La gloria prorompe dalle labbra e i doni divini dello Spirito traboccano e sgorgano in maniera naturale da tutti coloro che esperimentano il compimento della promessa del Redentore. Le […]
  • UN’OPERA PER OGNI TEMPO, UN TEMPO PER OGNI OPERA!
    di ROBERTO BRACCO   –   Come trascorri il tuo tempo? Le ore passano, volano, scompaiono, ma tu stai fermo o ti muovi?  Il tempo della nostra vita è breve, spaventevolmente breve ed anche quando lo impieghiamo tutto per lavorare nel campo di Dio, possiamo compiere soltanto un piccolo lavoro. Quando poi lo lasciamo trascorrere senza utilizzarlo ci accorgiamo con rimpianto amarissimo che non abbiamo fatto «nulla» che rimanga nell’eternità. Anche tu stai per giungere alla vecchiaia, alla tomba; anche tu stai per lasciare dietro le spalle e per sempre il tempo. Quando entrerai nell’eternità ti accorgerai meglio del balenare rapido col quale il tempo ha segnato la tua vita sul viatico terrestre… Ma ora che fai? Sei anche tu fra la folla indifferente che rimane sorda allo scorrere delle […]
  • QUELL’UOMO PUOI ESSERE TU
     di ROBERTO BRACCO   –   Il mondo non ha ancora veduto quello che Dio può fare per un uomo, in un uomo, attraverso un uomo! Un uomo che sappia consacrare se stesso fino al punto di dipendere soltanto da Dio, da desiderare soltanto la gloria di Dio, da cercare esclusivamente l’approvazione di Dio può realizzare tutta la potenza necessaria per sorprendere e sconvolgere il mondo. Le testimonianze che sono state rese al mondo, attraverso i secoli che ci hanno preceduti, sono state, indubbiamente, testimonianze luminose di potenza e di santità, ma nessuna di esse ha espresso la gloria di Dio nella sua pienezza. Eppure abbiamo letto di uomini, donne, giovani che hanno affrontato il martirio con serenità, con fermezza; abbiamo letto pagine sublimi che ci hanno posto davanti alla […]
  • VENITE DIETRO A ME… (Matteo 4:19)
    di Roberto Bracco   –  Gesù Cristo è “ogni cosa” per “ogni credente”; in Lui si risolvono tutti problemi, in Lui si compiono tutti programmi e in Lui, in Lui soltanto, si raggiungono tutte le mete. “Venite a me!” “Imparate da me! ” ” Dimorate in me! “… queste e tante altre espressioni analoghe a queste ci dichiarano che Gesù Cristo è il “capo” della chiesa, la “luce” della chiesa, la “linfa” della chiesa. La chiesa ha “tutto” in Lui e senza Lui non ha nulla.  Quando siamo “travagliati” ed “aggravati” noi possiamo cercare riposo e ristoro nelle più allettanti oasi di questo mondo, ma se vogliamo trovare alleggerimento del nostro carico dobbiamo […]
  • LA FEDE
      «Or la fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di realtà che non si vedono».   di  William Macdonald  –  Non si può essere veri discepoli senza una fede nell’Iddio vivente che sia profonda e assoluta. Chi desidera compiere grandi imprese per il Signore deve prima avere implicita fiducia in Lui. «Tutti i giganti di Dio sono stati degli uomini deboli che hanno fatte grandi cose per Dio perchè contavano sul fatto che Dio era con loro». (Hudson Taylor). Ora la vera fede si basa sempre su qualche promessa di Dio, su qualche brano della Sua Parola. Questo è molto importante. Il credente dapprima legge o ascolta qualche promessa del Signore, quindi lo Spirito Santo prende quella promessa e la applica al suo cuore e alla sua coscienza in maniera personale. Il […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti