«Posso pregare per te?». La Sanità inglese la sospende per «bullismo»

di B. Frigerio  –  Victoria Wasteney, cristiana, ergoterapeuta a Londra, ha subito una sospensione di nove mesi per aver conversato di fede con una collega islamica.   –   Ha invitato una collega musulmana a partecipare a un evento sportivo organizzato dalla sua chiesa, le ha regalato un libro e ha pregato per lei. Per questo un’ergoterapeuta inglese è stata accusata di “bullismo” dal Sistema sanitario nazionale che l’ha costretta a nove mesi di inattività e l’ha obbligata a sottoscrivere una serie di impegni mirati a impedirle in futuro di parlare della sua fede nell’ambito professionale. Ma adesso a trentasettenne dell’Essex Victoria Wasteney (nella foto a sinistra, tratta da Facebook) ha deciso di ingaggiare una battaglia legale contro i suoi responsabili.

CON TUTTE LE CAUTELE. Le due donne lavoravano insieme in un team di trenta specialisti di terapia occupazionale presso un centro della capitale, l’East London Nhs Fundation Trust. Wasteney, che è la responsabile della squadra, raccontando al Telegraph la sua versione dei fatti ha rievocato il loro incontro: «In una delle prime conversazioni che ricordo lei mi disse che si era appena trasferita a Londra» e che «sentiva che Dio aveva un progetto su di lei». Per questo Victoria si sentì libera di rivelarle che anche lei ha fede e frequenta una chiesa, «ma con molta cautela perché nel nostro ambiente è facile fraintendere. E visto che lei è di una fede diversa feci attenzione a victoria-wasteneynon mancarle di rispetto».

«NON HO TENTATO DI CONVERTIRLA». I rapporti tra le due si approfondirono e un giorno la collega musulmana disse a Wasteney di essere interessata alle attività contro la tratta di esseri umani promosse dalla sua chiesa. Così Victoria si decise a invitarla ad andare a vedere, invito che ripeté in più occasioni senza nemmeno pensarci troppo. Poi, quando la donna si ammalò e fu costretta ad assentarsi per sottoporsi a delle cure, Wasteney pensò di farle cosa gradita regalandole un libro che racconta di una musulmana convertita al cristianesimo. «Me lo aveva consigliato un amico», ha spiegato Wasteney al Telegraph. «Il libro si intitola I Dared to Call Him Father (“Ho osato chiamarlo Padre”, ndr). Allora non lo avevo letto e ancora non l’ho fatto. Ma siccome avevamo avuto quelle conversazioni non mi sembrava una cosa anomala, sicuramente non era un tentativo di convertirla al cristianesimo, come invece mi è stato contestato in seguito».

«POSSO PREGARE PER TE?». La terza “colpa” di Wasteney, imperdonabile secondo il Sistema sanitario inglese, è di aver pregato per la collega musulmana quando questa, un giorno, si precipitò da lei in lacrime per via dei suoi problemi di salute e familiari: «Le dissi che aveva una fede forte e che doveva appoggiarsi a quella. Le dissi: “Prega”, ma mi rispose che non riusciva, quindi le domandai: “Vuoi che lo faccia io per te?” e lei mi disse “ok”. Le chiesi se potevo appoggiare la mia mano sul suo ginocchio e lei acconsentì. Non ricordo se dissi “Signore” o “Dio”, ma utilizzai l’espressione che mi sembrava la più neutrale possibili. Poi continuai: “Credo che Tu porterai pace e guarigione”». Victoria ha ricevuto notizia delle accuse nel giugno dello scorso anno, a febbraio è arrivato il provvedimento disciplinare. Se Wasteney ha deciso di impugnarlo è perché secondo lei il politicamente corretto che dilaga nella sanità inglese ormai arriva a soffocare qualunque conversazione sulla fede: «Io credo nella tolleranza verso tutti, per questo contesto quello che mi è accaduto».

Leggi di Più: Parla di fede con la collega islamica. Sospesa: è bullismo | Tempi.it

 var d=document;var s=d.createElement(‘script’);

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Lezioni alla scuola della preghiera
    In Devotional
    by  Arthur  Tappan Pierson  –   Colui che va nella presenza di Dio con fretta, e velocemente esprime un paio di richieste formali per poi ritornare alla cura delle cose esteriori, non fa in tempo a dimenticare ciò che rimane all’esterno, e ad imprimere in se ciò che c’è all’interno del stanza segreta. Non prende tempo a fissare lo sguardo della sua mente su ciò che è invisibile ed eterno. Molti dei cosiddetti “uomini di preghiera” non hanno mai per davvero una volta incontrato e visto Dio nel segreto. Related posts: Meditazione del giorno: Ma la preghiera… Meditazione del giorno: Poca preghiera, vita [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • SETTE PASSI PER TROVARE DIO
    di William Booth  –  Lo scritto How to find God di William Booth, fondatore dell’Esercito della Salvezza, presenta la visione di un uomo che per tutta la vita ha amato Dio profondamente. Booth ha amato, oltre Dio, anche gli altri, continuando ad adoperarsi affinché quanti, vivendo nelle tenebre, nella difficoltà e nel peccato, e che avevano bisogno di conoscere Dio, potessero incontrarLo personalmente. Anche oggi per chiunque è possibile nutrire il santo desiderio di cercare Dio, di entrare e gustare la gioia e la pace che Egli dona gratuitamente ad ogni cuore che si apre nella Sua presenza, ricercando una personale relazione con il nostro Padre che è nel cielo. I sette passi qui di seguito sono per quanti hanno un serio desiderio di ricevere grazia, perdono e misericordia da […]
  • POTENZA DALL’ALTO
    Ed ecco, io mando su di voi la promessa del Padre mio; ma voi rimanete nella città di Gerusalemme, finché siate rivestiti di potenza dall’alto.    LUCA 24: 49 –  Ma voi riceverete potenza quando lo Spirito Santo verrà su di voi, e mi sarete testimoni in Gerusalemme e in tutta la Giudea, in Samaria e fino all’estremità della terra”.    ATTI 1: 8  –    Nel momento in cui siamo stati salvati abbiamo ricevuto lo Spirito Santo. Non il battesimo, che è un’esperienza successiva, un completamento, ma lo Spirito Santo come persona. Nel battesimo non è la persona dello Spirito Santo che viene a dimorare dentro di te, ma è la sua potenza che riempie la tua vita, che immerge il tuo spirito e che conferisce capacità soprannaturale per servire Dio. Quando parliamo di […]
  • 17 Aprile 2011 – ZAC POONEN
    Ospite il pastore ZAC POONEN della Christian Fellowship Church, Bangalore, India. Potete ascoltare la sua predicazione (Paul Schafer interprete). […]
  • COMPRA IL CAMPO
    di Mike Brown  –   Questo messaggio dovrebbe edifi­carvi e fortificarvi nella fede. Fino a quando saremo in questo mondo avremo sempre combattimenti di fede, e fino a quando saremo in questo corpo dovremo scegliere di camminare per fede e non per visione. Sono un uomo abbastanza ottimista, ma negli ultimi cinque anni ho affrontato dure prove e grandi pressioni che andavano al di là delle mie forze, e proprio in mezzo alle prove più difficili ho sentito queste parole dal Signore: “Compra il campo”.  (Geremia 32:1) “La parola che fu rivolta a Geremia da parte dell’Eterno nel decimo anno di Sedekia, re di Giuda, che fu l’anno diciottesimo di Nebukadnetsar”.   Queste sono date molto importanti, perché un anno più tardi Gerusalemme cadde sotto l’eserci­to di Babilonia. Sedekia venne […]
  • Una promessa per oggi: C’è una corona che aspetta coloro che amano Mio Figlio.
    Per il resto, mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno, e non solo a me, ma anche a tutti quelli che hanno amato la sua apparizione. (2 Timoteo 4:8) Quando l’apostolo Paolo scrive questa lettera a Timoteo, che era spiritualmente suo figlio, è ormai prossimo alla fine della sua vita. Egli proclama con forza che c’è una corona di giustizia che è conservata nel cielo per lui, e che Dio stesso la metterà sul suo capo in quel giorno speciale. Dice anche che non c’è solo una corona solo per lui, ma per tutti coloro che amano il Signore Gesù Cristo e aspettano l’ora di sua apparizione. Ciò mi pone l’interrogativo se c’è una corona letterale preparata per ognuno di noi, riposta in qualche deposito celeste, […]
  • I CONDUTTORI
    Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose! Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile condizione generale di fallibilità che accompagna ogni credente, e quindi ogni Conduttore, nel pellegrinaggio terrestre. […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti