Violenze sui cristiani: è la Nigeria il paese più duro

orissa_violenza8Lo afferma il rapporto di Open Doors, che prende in esame uccisioni, maltrattamenti, stupri e matrimoni forzati tra novembre 2012 e marzo 2014. Seguono Siria e Egitto, ma ci sono paesi come la Corea del Nord in cui “è impossibile ricavare dati”

 È la Nigeria il paese più violento nei confronti dei cristiani. È quanto emerge dai ricercatori della World Watch List di Open Doors, che hanno compilato l’elenco dei 10 paesi in cui si sono consumati il maggior numero di episodi di violenza contro i cristiani tra il 1° novembre 2012 e il 31 marzo 2014. Gli studiosi hanno preso in esame uccisioni, maltrattamenti, stupri e matrimoni forzati. A completare la top ten (https://www.opendoorsusa.org/press/2014/june/nigeria-tops-christian-persecution-violence-list) ci sono Siria, Egitto, Repubblica del Centrafrica, Messico, Pakistan, Colombia, India, Kenya e Iraq.

Secondo i dati raccolti da Porte Aperte Usa, nel periodo considerato sono stati registrati 3641 episodi di distruzione di chiese e proprietà ad esse riconducibili e 13120 altre forme di violenza diretta nei confronti dei cristiani. È stata inoltre redatta un’altra classifica relativa alle uccisioni per la fede. La Nigeria detiene il primato anche in questa seconda lista con 2073 cristiani uccisi; seguono Siria (1479), Repubblica Centraficana (1115), Pakistan (228), Egitto (147), Kenya (85), Iraq (84), Myanmar e Sudan (33), Venezuela (26).

Le morti riportate in totale sono 5479, 322 ogni mese. Nigeria, Siria e Repubblica Centraficana contano da sole l’85% dei cristiani uccisi per la loro fede. Sebbene si parli di numeri importanti, i ricercatori hanno spiegato che si tratta di stime effettuate ampiamente al ribasso, che prendono in considerazione solo episodi documentati.

“È impossibile ottenere un numero certo dei cristiani uccisi e torturati in Corea del Nord, soprattutto nelle carceri – spiega Jan Vermeer, responsabile di Porte Aperte sul posto, a proposito dell’assenza del paese dalla top ten – Non vuol dire che non si verifichino episodi di grave violenza. Semplicemente non ci è concesso di raccogliere dati certi”.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

UNA PROMESSA PER OGGI: "HO PREPARATO COSE STUPENDE PER COLORO CHE MI AMANO"

1 Corinzi 2: 9 – Ma come sta scritto: “Le cose che occhio non ha visto e che orecchio non ha udito e che non sono salite in cuor d’ uomo, sono quelle che Dio ha preparato per quelli che lo amano”. Quando mia moglie ed io ospitiamo una festa di compleanno o un evento speciale per i nostri cari, un prepariamo e pianifichiamo prima un sacco di …
Leggi Tutto

Quando i padri volgono i loro cuori verso i loro figli

  By Mark Ellis  –   Sembra sia stato solo ieri che stavo insegnando ai nostri figli ad andare in bici, giocare a calcio, fare delle escursioni con le guide indiane o boy scouts, e condividere felici momenti familiari con il nostro carrello-tenda da campeggio nei viaggi durante l’estate. Ora da quando i nostro ragazzi non vivono più con noi la casa è molto calma. Padri, voi solo avete …
Leggi Tutto

"CERCANO IL LORO PROPRIO" (Filippesi 2:2)

di Roberto Bracco  –  Le parole dell’Apostolo Paolo esprimono una situazione che non è esagerato definire drammatica: «tutti» cercano il loro proprio, non ciò che è di Cristo Gesù. In quel «tutti» l’apostolo non include soltanto i credenti, ma anche, ed anzi con carattere di priorità, i ministri cioè gli operai cristiani. Egli traccia un doloroso parallelo, per dar risalto alla fedeltà di uno o, di pochi, in …
Leggi Tutto

IMPARATE

di FILIPPO WILES – Il Cristiano è nato perché impari, è salvato ed arruolato per imparare, quindi non è motivo di meraviglia se al cenno dell’invito di Gesù, troviamo questa parola: imparate. Chi fallisce in questo ha perso lo scopo e il significato della sua chiamata in Cristo. Imparare significa apprendere con lo studio o con la pratica, mandare a memoria. Sembra naturale, è vero, che come cristiani …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: QUANDO SORGE UN PROBLEMA, INVOCAMI E IO TI RISPONDERÒ.

Io t’invoco nel giorno della mia avversità, perché tu mi risponderai. (Salmo 86:7) Gesù ci ha detto che nel mondo avremo problemi. Ha continuato incoraggiandoci a rimanere contenti perché Egli ha vinto il mondo. In questo Salmo, David sta invocando il Signore perché ha bisogno di aiuto. David era consapevole delle tante promesse che Dio aveva fatto ad Israele, ed era perciò sicuro che nel momento della difficoltà …
Leggi Tutto

10 Errori che le persone fanno con Israele.

di Mike Campagna 1. Cadere nella bugia che l’Olocausto non è mai avvenuto. 2. Pensare che Dio ha finito con Israele / lo ha abbandonato. (Romani 11:1-5) 3. Pensare che il suo popolo sarà salvato senza la fede in Gesù Cristo. (Efesini 2:8-9) 4. Non capire che Israele è l’orologio che segna la fine del mondo. (Matteo 24:32-33) 5. Ignorare che uno (l’Anticristo) …
Leggi Tutto

IO SO CHE IL MIO REDENTORE VIVE

di Agostino Masdea   –   Ma io so che il mio Redentore, vive e che alla fine si leverà sulla terra. Dopo che questa mia pelle sarà distrutta, nella mia carne vedrò Dio. Lo vedrò io stesso; i miei occhi lo contempleranno, e non un altro. Il mio cuore si strugge dentro di me. (Giobbe 19:25-27) – Giobbe, un uomo provato, in estrema difficoltà, prigioniero della sofferenza. a. – Il libro di Giobbe …
Leggi Tutto

IL RUOLO DELLA BIBBIA NELLA CHIESA (e nella vita del credente)

La Bibbia non è una collezione di scritti umani, o solo un capolavoro letterario. Non possiamo accogliere nemmeno la teoria che la Bibbia “contiene” la Parola di Dio, ma affermiamo e crediamo che la Bibbia è l’infallibile, ispirata ed efficace Parola di Dio. Abraham Lincoln un giorno disse: “io credo che la Bibbia sia il miglior dono che Dio abbia fatto agli uomini. LA PAROLA NEL MINISTERIO DI CRISTO …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti