Lennox: «Il Dio tappabuchi non è il Dio della Bibbia»

11 marzo 2014   WIEDENEST (Germania) –  “La scienza ha seppellito Dio?” È questo il tema che il matematico inglese John Lennox – docente di Matematica presso l’Università di Oxford, (sito web JohnLennox.org) – ha presentato nella conferenza che ha pronunciato in Germania, presso il Forum Wiedenest (Bergneustadt, nella provincia dell’Oberberg), del quale è stato ospite fino al 23 febbraio nell’ambito del congresso organizzato dal Comune di Wiedenest sul tema “Dio nel reticolo di collimazione – il nuovo ateismo visto come un’opportunità di vivere la fede in modo evidente”.Di fronte a poco meno di 400 persone, lo scienziato, cristiano evangelico, ha spiegato che cristiani e atei definiscono il concetto di “Dio” in modo molto diverso.

Atei come l’inglese Stephen Hawking sono convinti che i cristiani creino un “Dio tappabuchi”.  Secondo Hawking, l’uomo avanza l’ipotesi di Dio ogni volta che non riesce a spiegare un fenomeno in modo scientifico.

Per Lennox, questo approccio è errato: «Se si vuole definire Dio un tappabuchi, allora bisogna scegliere tra Dio e scienza, avendo definito Dio in questo modo. Ma questa definizione non ha nulla a che vedere con il Dio della Bibbia».

Per Lennox, il Dio della Bibbia non solo spiega tutto ciò che l’uomo non comprende, ma è il creatore di tutto – di tutto ciò che l’uomo riesce a comprendere e anche di ciò che non riesce a comprendere. «Non c’è bisogno di scegliere tra un Dio creatore e conservatore dell’universo e un Dio della scienza. Le due cose non sono contrapposte tra di loro».

Per spiegarlo, il matematico ha utilizzato l’esempio di un’automobile: più si comprende il funzionamento di un motore, più – e non meno – si ammirano gli ingegneri che lo hanno inventato: «Sarebbe una follia non farlo!»
Lo stesso principio, secondo Lennox, si può applicare a Dio e alla scienza: più si capisce la creazione divina, più si capisce il Creatore.

Lennox conferma di non vergognarsi di essere allo stesso tempo scienziato e cristiano. Sicuramente, afferma, la Bibbia non è un libro scientifico, ma determinate affermazioni sul mondo sono studiate anche dagli scienziati.

Il matematico ha quindi invitato quanti lo ascoltavano ad essere più critici riguardo alle affermazioni degli scienziati; il fatto che siano famosi in tutto il mondo non significa automaticamente che abbiano ragione.

All’affermazione di Hawking per cui «la religione è una favola per quanti hanno paura dell’oscurità», Lennox risponde infine dichiarando che «l’ateismo è una favola per quanti hanno paura della luce».

 

da: Aleteia.org/it
Fonte: http://www.evangelici.net/

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Ehi Dio! Ci sei?

di Frank Foglio  –  Bellissima testimonianza di una famiglia italiana emigrata in America   –  Era 1925 la mia famiglia; la famiglia Foglio, italiani emigrati in America del nord in Pennsylvania, ci trasferimmo dalla nostra abitazione in una grande fattoria, con novantacinque acri con una grande casa colonica. Un giorno, papà fece una proposta a un uomo di colore, un certo Slim Hopper. Che se avrebbe arato la nostra terra …
Leggi Tutto

Promessa del giorno: La mia armatura vi aiuterà a stare ritti e saldi contro le insidie del nemico.   

Rivestitevi dell’intera armatura di Dio per poter rimanere ritti e saldi contro le insidie del diavolo. Efesi 6:11  –   In Efesi 6, l’apostolo Paolo esorta la chiesa di Efeso ad indossare la completa armatura di Dio, per essere in grado di resistere contro gli attacchi del nemico. È interessante notare che l’armatura non è nostra, ma appartiene a Dio. È la sua armatura. Egli ci ha dato l’elmo della salvezza …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Potete riposare sulla Mia promessa di vita eterna.

“…nella speranza della vita eterna, promessa prima di tutte le età da Dio, che non può mentire.” Tito 1:2  –  Paolo scrisse questo messaggio a Tito duemila anni fa e dopo duemila anni è ancora rilevante quanto lo era quando fu scritto … Possiamo sperare nella promessa della vita eterna che Dio ci ha assicurato prima che il mondo avesse inizio, perché Dio non può mentire. Questa verità …
Leggi Tutto

SAREMO SIMILI A LUI

di MW. B. RILEY   –  Paolo scrisse: “Ma dirà qualcuno: Come risuscitano i morti, e con quale corpo verranno? Stolto! Quello che tu semini non è vivificato, se prima non muore.  E quanto a quello che semini, tu non semini il corpo che ha da nascere, ma un granello ignudo, che può essere di frumento o di qualche altro seme. E Dio gli dà un corpo come ha …
Leggi Tutto

IL RISVEGLIO COMINCIA NELLA FAMIGLIA

di ROY HESSION  –     Il luogo più difficile, il più impegnativo, ma anche il più necessario, se si vuole un risveglio, è costituito dalla famiglia. Migliaia di anni fa, nel più meraviglioso giardino che il mondo abbia mai avuto, vivevano un uomo e una donna. Creati a somiglianza del loro Creatore, essi vivevano per manifestare la bellezza della creazione e per glorificare Dio in ogni momento della giornata …
Leggi Tutto

BEATI I MORTI...

di Roberto Bracco   –   E udii una voce dal cielo che diceva: «Scrivi: beati i morti che da ora innanzi muoiono nel Signore. Sì, dice lo Spirito, essi si riposano dalle loro fatiche perché le loro opere li seguono».  (Apocalisse 14: 13) Questa parola ci vieta di “essere contristati” come coloro che vivono senza una speranza nel cuore. La tradizione umana e la liturgia ecclesiastica hanno dedicato il mese di novembre …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io ho allontanato il tuo peccato da te, quanto il levante è lontano dal ponente.

Quanto è lontano il levante dal ponente, tanto ha egli allontanato da noi i nostri peccati.  (Salmo 103.12)  –  Quanto è distante l’est dall’ovest? Visto che questi due punti di riferimento puntano in direzioni opposte dall’eternità, direi che non c’è modo più grande per esprimere una distanza immensa. Mi piace come Dio usa questa analogia per illustrare la promessa di ciò che ha fatto con il nostro peccato. Egli ha allontanato …
Leggi Tutto

Come incontrare Gesù

              Sermone di Roberto Bracco – Marco 2:1-12 “Come incontrare Gesù”.  1 Alcuni giorni dopo, egli entrò di nuovo in Capernaum e si venne a sapere che egli si trovava in casa; 2 e subito si radunò tanta gente da non trovare più posto neppure davanti alla porta; ed egli annunziava loro la parola. 3 Allora vennero da lui alcuni a presentargli un paralitico, portato da …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti