CHIESE ATTACCATE DA VANDALI IN SRI LANKA

Sri Lanka church attackHikkaduwa, SRI LANKA (ANS) – Violente proteste hanno interrotto il servizio della domenica mattina del 12 gennaio, in due chiese a Hikkaduwa, una piccola città costiera nel sud dello Sri Lanka. Testimoni oculari riferiscono che una folla guidata da monaci buddisti hanno assediato una chiesa delle Assemblee di Dio e la Chiesa “Calvary Free Church”, minacciando i fedeli e compiendo atti vandalici nelle due chiese. Secondo Kristel Ortiz, che scrive per il sito delle “Assemblies of God World Missions”  (http://worldmissions.ag.org ), i monaci sostenevano che le chiese erano centri di preghiera illegali e ne hanno chiesto la chiusura. Tuttavia, i fedeli sostengono che usano quei locali fin dal 1997.

Entrambe le chiese sono state gravemente danneggiate, e le apparecchiature audio, gli strumenti musicali, i mobili, la letteratura e le Bibbie sono state distrutte.

Un responsabile delle Assemblee di Dio ha dichiarato: “La polizia ha fatto sgomberare i credenti dal retro dell’edificio e li ha fatti rifugiare nelle case vicine, e siamo grati a Dio che nessuno di loro ha subito danni.”

Ortiz ha anche detto che sebbene la polizia aveva promesso protezione alle chiese e le aveva consigliate di continuare con i loro servizi, al momento dell’attacco la presenza della polizia era insufficiente per trattenere quella

“Chiediamo il vostro sostegno con la preghiera perché la giustizia, la pace e il buon senso possano prevalere e per la protezione di questi pastori, dei credenti e delle loro famiglie. Per favore pregate per la leadership delle Assemblee di Dio nell’incontro che avremo per discutere sul da farsi in questa incerta e sleale situazione “, dice il pastore della chiesa delle Assemblee di Dio.

Il Dr. George Wood, sovrintendente generale delle Assemblee di Dio e presidente della “World Assemblies of God Fellowship” (AGWM) esorta i credenti a sostenere i fratelli dello Sri Lanka che sono perseguitati per la loro fede e per i locali di culto, anche perché  la costituzione dello Sri Lanka dà chiaramente loro ragione. Egli aggiunge:  “Preghiamo che nei giorni a venire siano trattati con giustizia.”

Secondo un portavoce della polizia, 24 persone della folla assalitrice, tra cui otto monaci, sono stati identificati, e i loro nomi trasmessi al giudice. Inoltre, una completa relazione dell’attacco è stata redatta, e consegnata al ministero degli affari religiosi.

“Pregate che Dio dia forza e saggezza ai nostri fratelli in Sri Lanka che soffrono per la loro fede”, dice Greg Mundis, direttore esecutivo delle AGWM. “Hanno bisogno di un’abbondante misura della grazia e della potenza di Dio, mentre cercano di mostrare la compassione di Cristo e di dimostrare il suo amore a coloro che si oppongono al messaggio del Vangelo.”

 

Fonte: http://www.assistnews.net/index.asp

I commenti sono chiusi.