Messico: Cristiani Pentecostali attaccati da cattolici tradizionalisti

mexico christianBy  Morningstar News   – Tradizionalisti cattolici sequestrano,  imprigionano e picchiano un gruppo di cristiani evangelici con bastoni e pietre a Oaxaca, in Messico, su mandato del sindaco di un comune, come riferito da funzionari dei diritti umani.   Una folla mandata dal  presidente  Pedro Cruz Gonzalez , il 4 novembre ha attaccato questi cristiani per essersi rifiutati di partecipare e contribuire economicamente ad una festa cattolico-tradizionalista.  La folla ha anche attaccato la struttura ancora in costruzione della loro chiesa con mazze e picconi, e quattro dei cristiani sono stati incarcerati da Martedì a Venerdì (5 – 8  Novembre),  come riferisce la Commissione Nazionale per i Diritti Umani (NCHR).

 Il 4 novembre, il sindaco della città ha ordinato la demolizione del loro tempio, il linciaggio, la detenzione e la tortura dei seguaci della congregazione religiosa”, dichiara il NCHR in un comunicato di Venerdì.

 L’Agenzia News JM riferisce che Alfredo Alonso, insieme ai suoi fratelli Raymundo Alonso e Aquiles Alonso, sono riusciti a sfuggire dalla folla inviata per uccidere i cristiani. Afredo Alonso ha detto che Cruz Gonzalez ha portato i suoi concittadini ad odiare coloro che non sono cattolici tradizionalisti, (che praticano una miscela di riti misti di cattolicesimo e paganesimo, che gli evangelici dicono coinvolge ubriachezza, sfrenatezza e idolatria.)

 I familiari  di Alonso sono stati tra quelli presi di mira dal boss della cittadina, fin dall’Aprile del 2011 con lo scopo di  fermare la costruzione dell’edificio della  chiesa pentecostale indipendente, che era iniziata nel 2010; Cruz Gonzales ha minacciato di espellerli insieme ad altri cristiani, proibendo  loro di accedere a programmi di aiuto alimentare del governo e bloccando il loro accesso al mercato pubblico per acquistare  oggetti di prima necessità, riporta l’Agenzia JM.

“E’ per l’intervento di Dio che siamo ancora vivi, perché ci hanno picchiato con tutto il loro furore, anche con spranghe di ferro e con pietre, e hanno minacciato di bruciarci vivi  solo perché abbiamo cercato di aiutare i nostri familiari,  che sono vittime dell’ abuso di autorità dell’ intollerante presidente municipale “, ha detto Alfredo Alonso all’Agenzia JM.

 Il figlio di Alonso, Leopoldo,  pastore  della chiesa attaccata, è stato imprigionato e picchiato insieme a Manuel Martínez Silva, Miguel Reyes Silva y Placido Aragona prima che i funzionari dello Stato  arrivassero a liberarli. Il sottosegretario dello Sviluppo Politico del Segretario Generale degli Interni, José Silva, ha detto che i cristiani sono stati liberati solo dopo che i funzionari statali hanno avvertito Cruz Gonzales di possibili accuse penali contro di lui.

 L’ufficio del procuratore generale dello stato ha esaminato i quattro cristiani dopo il loro rilascio e ha confermato che erano stati picchiati in carcere.

I tradizionalisti cattolici nelle zone remote del Messico hanno sempre rivendicato il “Diritto Usi e Costumi” – ideato  per proteggere i diritti delle comunità locali a praticare riti indigeni – per imporre le loro pratiche alle minoranze religiose. I cristiani che hanno rifiutato di  partecipare alle feste cattolico tradizionaliste sono stati minacciati, aggrediti ed danneggiati economicamente ​​negli stati di Oaxaca, Chiapas, Guerrero, Hidalgo e Puebla.

 Il conflitto tra  la legge “diritto usi e costumi” e la libertà di religione sancita dalla Costituzione messicana, secondo Christian Solidarity Worldwide (CSW), “ha consentito alle autorità locali di violare i diritti dei membri delle comunità locali avvalendosi dell’impunità. Inoltre, la riluttanza del governo messicano a lasciarsi coinvolgere in questioni religiose ha permesso che tali situazioni degenerassero.”

 Nel Maggio scorso i membri della chiesa avevano chiesto l’intervento dello Stato dopo che Cruz Gonzalez aveva minacciato di bruciarli  e gettare i loro corpi in un canyon se non rinunciassero alla loro fede, secondo CSW. 

  Dopo l’attacco della scorsa settimana a San Juan Ozolotepec, in Miahuatlan District, le autorità finalmente sono intervenute.  Una folla ha cercato con un posto di blocco di impedire ai  funzionari statali e di polizia l’accesso alla città dando solo ai  residenti nell’area il permesso di passare, come riferito dall’ Agenzia JM.

 I parenti dei cristiani aggrediti hanno promesso di presentare una denuncia penale contro il presidente per privazione di libertà, sequestro di persona e omicidio premeditato,  e per le ferite riportate dai familiari di Leopoldo Alonso, e per averli cacciati dalla loro casa ed espulsi dalla loro terra.

 La congregazione di San Juan Ozolotepec è una missione della chiesa pentecostale indipendente il cui  pastore è Sergio Aquino Domínguez, che si è attivato verso lo stato perché siano adottate misure di protezione per la famiglia di Leopoldo Alonso.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IL CULTO

di Roberto Bracco –  “Onore reso a Dio”. Per il cristiano è anche mezzo per realizzare comunione con Dio; quindi possibilità di offrire a Dio, ricevere da Dio. Comunemente con questo nome si definiscono le riunioni che uniscono i fedeli per la celebrazione liturgica: preghiera, canto, predicazione… In queste riunioni i fedeli vogliono offrire lode a Dio, esprimere amore, gratitudine e aspettano le benedizioni della presenza di Dio …
Leggi Tutto

folla

di J. FLOYD WILLIAMS   –  I primi cristiani che fidavano interamente nella potenza dello Spirito Santo videro risultati meravigliosi e furono invincibili. L’idolatria fu frantumata; i templi pagani si svuotarono; moltiplicate centinaia e migliaia di persone si convertirono a Cristo. Nel breve lasso di pochi mesi l’onda della vittoria raggiunse Roma, tanto che finalmente nelle corti imperiali di Cesare vi erano di quelli che erano fedeli al …
Leggi Tutto

Puoi godere piena libertà, perché Cristo ti ha reso libero.

State dunque saldi nella libertà con la quale Cristo ci ha liberati, e non siate di nuovo ridotti sotto il giogo della schiavitù. (Galati 5:1)  –  Questa promessa ci esorta a rimanere saldi nella libertà con cui Cristo ci ha liberati! Questo non è un’opzione, è un comando. Un’altra versione della Bibbia dice che a causa dell’amore della libertà che Cristo ci ha liberati. Dio ama ciò, quando …
Leggi Tutto

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA.  –   “La pornografia trasmette l’idea del diritto illimitato di poter soddisfare i propri desideri sessuali senza alcun rispetto per l’altro”. Stavo appunto passando dello spray nero su un grandissimo cartellone pubblicitario pornografico accanto a casa nostra, quando da lontano sentii un gruppo di uomini che mi prendevano in giro, facevano insinuazioni ed erano addirittura irritati. Ma proprio quando arrivarono alla mia altezza, l’unica donna …
Leggi Tutto

CONVERSIONE E CORAGGIO DEL VECCHIO  ZI PEPPE

Uno spaccato di testimonianza del clima religioso nell’immediato dopoguerra. La semplicità di un anziano credente vs. la prosopopea e la teologia di un vescovo cattolico.    (Da una lettera di un pastore battista, di Schiavi d’Abruzzo, a Stefano Testa, un ministro di Los Angeles, California.) Caro fratello Testa, il miglior lavoro in Italia viene fatto dai fratelli pentecostali. Essi prendono di mira una persona e non la lasciano …
Leggi Tutto

coro

Istruzioni su come cantare  in chiesa – dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ed efficace per te stesso e per gli altri, fai attenzione ad osservare le seguenti indicazioni: 1. CANTA INSIEME A TUTTI Unisciti alla congregazione più spesso che puoi. Non permettere che una leggera difficoltà o un po’ di stanchezza …
Leggi Tutto

Salmo 91

di D. L. MOODY  –   Questo salmo potrebbe esser stato scritto da Mosè in seguito a qualche spaventosa sciagura abbattutasi sul popolo d’Israele. Forse fu scritto in Egitto, dopo quella terribile notte di morte in cui i primogeniti egiziani, …
Leggi Tutto

ADAMO DOVE SEI? (Genesi 3:10)

Ma l’uomo era nascosto!     Nel luogo degli incontri abituali non si udiva la voce dei coniugi amici di Dio e forse il silenzio era reso ancora più cupo dal peccato consumato, ormai entrato come un’ombra triste nella natura. E’ il dramma! …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti