Messico: Cristiani Pentecostali attaccati da cattolici tradizionalisti

mexico christianBy  Morningstar News   – Tradizionalisti cattolici sequestrano,  imprigionano e picchiano un gruppo di cristiani evangelici con bastoni e pietre a Oaxaca, in Messico, su mandato del sindaco di un comune, come riferito da funzionari dei diritti umani.   Una folla mandata dal  presidente  Pedro Cruz Gonzalez , il 4 novembre ha attaccato questi cristiani per essersi rifiutati di partecipare e contribuire economicamente ad una festa cattolico-tradizionalista.  La folla ha anche attaccato la struttura ancora in costruzione della loro chiesa con mazze e picconi, e quattro dei cristiani sono stati incarcerati da Martedì a Venerdì (5 – 8  Novembre),  come riferisce la Commissione Nazionale per i Diritti Umani (NCHR).

 Il 4 novembre, il sindaco della città ha ordinato la demolizione del loro tempio, il linciaggio, la detenzione e la tortura dei seguaci della congregazione religiosa”, dichiara il NCHR in un comunicato di Venerdì.

 L’Agenzia News JM riferisce che Alfredo Alonso, insieme ai suoi fratelli Raymundo Alonso e Aquiles Alonso, sono riusciti a sfuggire dalla folla inviata per uccidere i cristiani. Afredo Alonso ha detto che Cruz Gonzalez ha portato i suoi concittadini ad odiare coloro che non sono cattolici tradizionalisti, (che praticano una miscela di riti misti di cattolicesimo e paganesimo, che gli evangelici dicono coinvolge ubriachezza, sfrenatezza e idolatria.)

 I familiari  di Alonso sono stati tra quelli presi di mira dal boss della cittadina, fin dall’Aprile del 2011 con lo scopo di  fermare la costruzione dell’edificio della  chiesa pentecostale indipendente, che era iniziata nel 2010; Cruz Gonzales ha minacciato di espellerli insieme ad altri cristiani, proibendo  loro di accedere a programmi di aiuto alimentare del governo e bloccando il loro accesso al mercato pubblico per acquistare  oggetti di prima necessità, riporta l’Agenzia JM.

“E’ per l’intervento di Dio che siamo ancora vivi, perché ci hanno picchiato con tutto il loro furore, anche con spranghe di ferro e con pietre, e hanno minacciato di bruciarci vivi  solo perché abbiamo cercato di aiutare i nostri familiari,  che sono vittime dell’ abuso di autorità dell’ intollerante presidente municipale “, ha detto Alfredo Alonso all’Agenzia JM.

 Il figlio di Alonso, Leopoldo,  pastore  della chiesa attaccata, è stato imprigionato e picchiato insieme a Manuel Martínez Silva, Miguel Reyes Silva y Placido Aragona prima che i funzionari dello Stato  arrivassero a liberarli. Il sottosegretario dello Sviluppo Politico del Segretario Generale degli Interni, José Silva, ha detto che i cristiani sono stati liberati solo dopo che i funzionari statali hanno avvertito Cruz Gonzales di possibili accuse penali contro di lui.

 L’ufficio del procuratore generale dello stato ha esaminato i quattro cristiani dopo il loro rilascio e ha confermato che erano stati picchiati in carcere.

I tradizionalisti cattolici nelle zone remote del Messico hanno sempre rivendicato il “Diritto Usi e Costumi” – ideato  per proteggere i diritti delle comunità locali a praticare riti indigeni – per imporre le loro pratiche alle minoranze religiose. I cristiani che hanno rifiutato di  partecipare alle feste cattolico tradizionaliste sono stati minacciati, aggrediti ed danneggiati economicamente ​​negli stati di Oaxaca, Chiapas, Guerrero, Hidalgo e Puebla.

 Il conflitto tra  la legge “diritto usi e costumi” e la libertà di religione sancita dalla Costituzione messicana, secondo Christian Solidarity Worldwide (CSW), “ha consentito alle autorità locali di violare i diritti dei membri delle comunità locali avvalendosi dell’impunità. Inoltre, la riluttanza del governo messicano a lasciarsi coinvolgere in questioni religiose ha permesso che tali situazioni degenerassero.”

 Nel Maggio scorso i membri della chiesa avevano chiesto l’intervento dello Stato dopo che Cruz Gonzalez aveva minacciato di bruciarli  e gettare i loro corpi in un canyon se non rinunciassero alla loro fede, secondo CSW. 

  Dopo l’attacco della scorsa settimana a San Juan Ozolotepec, in Miahuatlan District, le autorità finalmente sono intervenute.  Una folla ha cercato con un posto di blocco di impedire ai  funzionari statali e di polizia l’accesso alla città dando solo ai  residenti nell’area il permesso di passare, come riferito dall’ Agenzia JM.

 I parenti dei cristiani aggrediti hanno promesso di presentare una denuncia penale contro il presidente per privazione di libertà, sequestro di persona e omicidio premeditato,  e per le ferite riportate dai familiari di Leopoldo Alonso, e per averli cacciati dalla loro casa ed espulsi dalla loro terra.

 La congregazione di San Juan Ozolotepec è una missione della chiesa pentecostale indipendente il cui  pastore è Sergio Aquino Domínguez, che si è attivato verso lo stato perché siano adottate misure di protezione per la famiglia di Leopoldo Alonso.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Promessa per oggi: Io sarò la tua sicurezza e un luogo di rifugio per i tuoi figli. 

Nel timore dell’Eterno c’è una grande sicurezza, e i suoi figli avranno un luogo di rifugio. (Proverbi 14:26)   –   La persona che adora il Signore ha la fiducia che Dio sarà un luogo sicuro per lui e un luogo di rifugio per i suoi figli. Dio è la nostra fortezza sicura. Le Sue mura sono impenetrabili.  Siamo sicuri e protetti nel centro del Suo cuore. Questa è una buona notizia per noi, …
Leggi Tutto

Un Salvatore vivente!

Atti 2:22-36   –   La madre di un bambino di nove anni, di nome Marco, nel bel mezzo del pomeriggio ricevette una telefonata. Era l’insegnante di suo figlio che chiamava dalla scuola.  ” Mrs. Smith, qualcosa di strano è successo oggi in classe (terza elementare) di suo figlio. Suo figlio mi ha sorpresa così tanto con qualcosa che penso lei debba sapere subito.” La mamma cominciò a preoccuparsi.  L’insegnante …
Leggi Tutto

QUANDO C'E' PASSIONE PER LE ANIME

Testimonianza di George Verwer  –  George Verwer  frequentava ancora il college, quando fondò il ministero che diventerà poi Operazione Mobilitazione. George Verwer si convertì mentre era ancora studente. Vicino al liceo che  egli frequentava, nel New Jersey, abitava una donna di preghiera. Questa donna pregava continuamente per gli studenti di questa scuola, chiedendo a Dio di salvarli e fare di loro dei missionari. Pregò perché anche George fosse …
Leggi Tutto

FRUTTI DI PENITENZA

GIUSEPPE MANAFO’ –  Matteo 3: 7-8  – Ma vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere, chi vi ha insegnato a sfuggire l’ira futura? 8 Fate dunque dei frutti degni del ravvedimento. Giovanni Battista, anche se visse una vita solitaria nel deserto, era divenuto popolare. Egli appari come un lampo con lo spirito del profeta Elia ed il deserto stesso non era più un posto …
Leggi Tutto

NON UNIRTI AGLI INFEDELI

di John R. Rice  –  Secondo me non c’è nulla di più importante al mondo per un Cristiano del matrimonio con una persona della medesima fede. Il matrimonio è stato creato da Dio. Esso è un’istituzione santa, stabilita da Dio per il nostro beneficio. L’unione tra uomo e donna è tanto intima o preziosa nella sua continuità che in ammonio tra una persona credente e non credente non …
Leggi Tutto

SERVIZIO RAI TG1 SULLA NOSTRA CHIESA

Servizio del TG1 trasmesso Sabato 1 Novembre nella rubrica TG1 DIALOGO  dopo il  TG delle 8.   …
Leggi Tutto

AL CENTRO DELLA VOLONTA' DI DIO.

Estratto da un predica di TOMMASO GRAZIOSO.  –   Avevo ricevuto una chiamata per andare a predicare a New York per la mia prima volta da predicatore Non stavo nei miei panni per la tanta gioia e per l’emozione. La mattina presto presi la macchina e mi avviai per andare a predicare. Stavo in macchina e ripetevo i passi biblici con entusiasmo quando, improvvisamente spuntò un uomo quasi …
Leggi Tutto

Una Testimonianza

di ROBERTO BRACCO – Lettura biblica: 1 Timoteo 1:12-20 – La storia di Saulo da Tarso, persecutore della Chiesa cristiana, fariseo zelante, difensore della fede giudaica, è troppo nota per aver bisogno di essere ricordata, ma la testimonianza che egli rende, attraverso questa pagina della sua lettera a Timoteo, esprime un messaggio così vivo, così attuale, da non poter essere ignorato. In poche parole, l’apostolo mette a fuoco …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti