Messico: Cristiani Pentecostali attaccati da cattolici tradizionalisti

mexico christianBy  Morningstar News   – Tradizionalisti cattolici sequestrano,  imprigionano e picchiano un gruppo di cristiani evangelici con bastoni e pietre a Oaxaca, in Messico, su mandato del sindaco di un comune, come riferito da funzionari dei diritti umani.   Una folla mandata dal  presidente  Pedro Cruz Gonzalez , il 4 novembre ha attaccato questi cristiani per essersi rifiutati di partecipare e contribuire economicamente ad una festa cattolico-tradizionalista.  La folla ha anche attaccato la struttura ancora in costruzione della loro chiesa con mazze e picconi, e quattro dei cristiani sono stati incarcerati da Martedì a Venerdì (5 – 8  Novembre),  come riferisce la Commissione Nazionale per i Diritti Umani (NCHR).

 Il 4 novembre, il sindaco della città ha ordinato la demolizione del loro tempio, il linciaggio, la detenzione e la tortura dei seguaci della congregazione religiosa”, dichiara il NCHR in un comunicato di Venerdì.

 L’Agenzia News JM riferisce che Alfredo Alonso, insieme ai suoi fratelli Raymundo Alonso e Aquiles Alonso, sono riusciti a sfuggire dalla folla inviata per uccidere i cristiani. Afredo Alonso ha detto che Cruz Gonzalez ha portato i suoi concittadini ad odiare coloro che non sono cattolici tradizionalisti, (che praticano una miscela di riti misti di cattolicesimo e paganesimo, che gli evangelici dicono coinvolge ubriachezza, sfrenatezza e idolatria.)

 I familiari  di Alonso sono stati tra quelli presi di mira dal boss della cittadina, fin dall’Aprile del 2011 con lo scopo di  fermare la costruzione dell’edificio della  chiesa pentecostale indipendente, che era iniziata nel 2010; Cruz Gonzales ha minacciato di espellerli insieme ad altri cristiani, proibendo  loro di accedere a programmi di aiuto alimentare del governo e bloccando il loro accesso al mercato pubblico per acquistare  oggetti di prima necessità, riporta l’Agenzia JM.

“E’ per l’intervento di Dio che siamo ancora vivi, perché ci hanno picchiato con tutto il loro furore, anche con spranghe di ferro e con pietre, e hanno minacciato di bruciarci vivi  solo perché abbiamo cercato di aiutare i nostri familiari,  che sono vittime dell’ abuso di autorità dell’ intollerante presidente municipale “, ha detto Alfredo Alonso all’Agenzia JM.

 Il figlio di Alonso, Leopoldo,  pastore  della chiesa attaccata, è stato imprigionato e picchiato insieme a Manuel Martínez Silva, Miguel Reyes Silva y Placido Aragona prima che i funzionari dello Stato  arrivassero a liberarli. Il sottosegretario dello Sviluppo Politico del Segretario Generale degli Interni, José Silva, ha detto che i cristiani sono stati liberati solo dopo che i funzionari statali hanno avvertito Cruz Gonzales di possibili accuse penali contro di lui.

 L’ufficio del procuratore generale dello stato ha esaminato i quattro cristiani dopo il loro rilascio e ha confermato che erano stati picchiati in carcere.

I tradizionalisti cattolici nelle zone remote del Messico hanno sempre rivendicato il “Diritto Usi e Costumi” – ideato  per proteggere i diritti delle comunità locali a praticare riti indigeni – per imporre le loro pratiche alle minoranze religiose. I cristiani che hanno rifiutato di  partecipare alle feste cattolico tradizionaliste sono stati minacciati, aggrediti ed danneggiati economicamente ​​negli stati di Oaxaca, Chiapas, Guerrero, Hidalgo e Puebla.

 Il conflitto tra  la legge “diritto usi e costumi” e la libertà di religione sancita dalla Costituzione messicana, secondo Christian Solidarity Worldwide (CSW), “ha consentito alle autorità locali di violare i diritti dei membri delle comunità locali avvalendosi dell’impunità. Inoltre, la riluttanza del governo messicano a lasciarsi coinvolgere in questioni religiose ha permesso che tali situazioni degenerassero.”

 Nel Maggio scorso i membri della chiesa avevano chiesto l’intervento dello Stato dopo che Cruz Gonzalez aveva minacciato di bruciarli  e gettare i loro corpi in un canyon se non rinunciassero alla loro fede, secondo CSW. 

  Dopo l’attacco della scorsa settimana a San Juan Ozolotepec, in Miahuatlan District, le autorità finalmente sono intervenute.  Una folla ha cercato con un posto di blocco di impedire ai  funzionari statali e di polizia l’accesso alla città dando solo ai  residenti nell’area il permesso di passare, come riferito dall’ Agenzia JM.

 I parenti dei cristiani aggrediti hanno promesso di presentare una denuncia penale contro il presidente per privazione di libertà, sequestro di persona e omicidio premeditato,  e per le ferite riportate dai familiari di Leopoldo Alonso, e per averli cacciati dalla loro casa ed espulsi dalla loro terra.

 La congregazione di San Juan Ozolotepec è una missione della chiesa pentecostale indipendente il cui  pastore è Sergio Aquino Domínguez, che si è attivato verso lo stato perché siano adottate misure di protezione per la famiglia di Leopoldo Alonso.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

AL CENTRO DELLA VOLONTA' DI DIO.

Estratto da un predica di TOMMASO GRAZIOSO.  –   Avevo ricevuto una chiamata per andare a predicare a New York per la mia prima volta da predicatore Non stavo nei miei panni per la tanta gioia e per l’emozione. La mattina presto presi la macchina e mi avviai per andare a predicare. Stavo in macchina e ripetevo i passi biblici con entusiasmo quando, improvvisamente spuntò un uomo quasi …
Leggi Tutto

CHI, E COSA E' DIO

di BILLY GRAHAM  –  Nella Bibbia Dio si rivela in mille maniere e se noi la leggiamo con eguale attenzione e regolarità del nostro giornale quotidiano, saremo informati di Dio  come  del  nostro giocatore di calcio favorito! Come un diamante ha molteplici facce, così gli aspetti della rivelazione di Dio circa Se stesso, sono innumerevoli e riempirebbero degli interi volumi. Ne illustrerò quattro che sembrano i più significativi …
Leggi Tutto

Non toccate i miei unti...

di ROBERTO BRACCO  –  Non bisogna dimenticare che un ministro, un pastore, rappresentano sempre le persone più notate, più osservate, più conosciute della comunità. Non bisogna dimenticare cioè che essi vengono seguiti da centinaia di occhi e giudicati da un numero più o meno grande di fedeli.  Non c’è un’ora della loro giornata o non c’è una circostanza della loro vita che non cadano sotto l’osservazione di tutti …
Leggi Tutto

Il vaglio di satana

Sermone predicato nella Chiesa Evangelica di Via Anacapri, 26  – Roma –  Trascritto in forma integrale. “…Il Signore disse ancora: Simone, Simone, ecco satana ha chiesto di vagliarvi come si vaglia il grano. Ma io ho pregato per te, acciocché la tua fede non venga meno. E tu, quando un giorno sarai convertito, conferma i tuoi fratelli”. Ma egli disse: “Signore, io sono presto ad andare teco in …
Leggi Tutto

CULTI FREQUENTI E VIVI

–   di Roberto Bracco.   –    È triste la vita di quei fedeli i quali, a causa di circostanze particolari, sono costretti a vivere soli, lontani da altri fedeli, privi del conforto che si riceve nella comunione fraterna e nella celebrazione dei culti. Molto più triste, però, è la vita di quei fedeli che pure non essendo soli, vivono come se lo fossero. Mi riferisco qui a coloro che trascurano …
Leggi Tutto

BEATI I MORTI...

di Roberto Bracco   –   E udii una voce dal cielo che diceva: «Scrivi: beati i morti che da ora innanzi muoiono nel Signore. Sì, dice lo Spirito, essi si riposano dalle loro fatiche perché le loro opere li seguono».  (Apocalisse 14: 13) Questa parola ci vieta di “essere contristati” come coloro che vivono senza una speranza nel cuore. La tradizione umana e la liturgia ecclesiastica hanno dedicato il mese di novembre …
Leggi Tutto

STORIA DI UN INNO: ABIDE WITH ME

Henry F. Lyte  ABIDE WITH ME (JESSY DIXON) Henry Francis Lyte  (1793-1847) nacque a Ednam, in Scozia e studiò alla Royal School di Enniskillen e al Trinity College, Dublino, dove conseguì la laurea in teologia.  Nel 1818 accadde qualcosa che nella sua vita ebbe un grande impatto spirituale, e che determinò un radicale cambiamento:  la malattia e la morte di un suo grande amico e fratello, un caro …
Leggi Tutto

COSA SIGNIFICA VERAMENTE SEGUIRE GESÙ CRISTO?

di William MacDonald  –  L’essenza del cristianesimo è l’abbandono totale alla signoria di Cristo. Il Signore non cerca uomini e donne che dedichino a Lui le loro serate libere, oppure qualche fine settimana o che aspettino di andare in pensione per mettersi al suo servizio. Egli cerca invece quelli che sono pronti ad offrirgli il primo posto, il posto migliore nella loro vita. La nostra risposta al suo sacrificio …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti