GRANDI INNI: ROCK OF AGES (ROCCA ETERNA)

Questo famoso inno è stato composto da Augustus Montague Toplady (1740 – 1778). Fin da ragazzo l’autore dimostrò delle qualità straordinarie. Suo padre morì quando egli era ancora bambino e fu allevato da sua madre che lo adorava e lo viziava. Egli non piaceva ai suoi compagni e nemmeno ai suoi parenti, in parte per la sua straordinaria intelligenza, e in parte perché era malaticcio e nevrotico. Fu oggetto di molte controversie nei suoi brevi 38 anni di vita, ma egli non permise che queste lo limitassero. Fin da giovanissimo mostrò un profondo interesse nell’approfondire un rapporto personale con Dio. A 12 anni già predicava e a 14 cominciò a scrivere inni. Fu ordinato come sacerdote nella chiesa anglicana all’età di 22 anni. Sebbene considerato da alcuni arrogante e ostinato, stralci ed estratti dei suoi scritti provano che egli era un umile e devote seguace di Cristo.

AugustusMToplady

Un estratto dal suo diario personale che Toplady che scrisse a 27 anni:

O mio Signore, non lasciare che il mio ministerio sia solo approvato, e che porti la stima e l’affetto della mia gente su questo tuo indegno messaggero; ma compi l’opera della tua grazia nei loro cuori; chiama i tuoi eletti; sigilla e edifica coloro che hai rigenerato; e ordina la tua eterna benedizione sulle loro anime! Fa che non dipendano dall’uomo, ma che riguardino solo verso di te.

Toplady era un fervente Calvinista, ed un avversario molto schietto della teologia Arminiana di John Wesley. Nel 1776, due anni prima della sua morte, scrisse un articolo sul perdono di Dio. Lo scopo di questa pubblicazione era di confutare le affermazioni di Wesley. Todlady concludeva quell’articolo con una poesia: Rock of Ages, che molti anni più tardi troverà il suo posto tra quegli stessi inni di ispirazione arminiana.

Testo originale di Rock of Ages

Rock of ages, cleft for me

let me hide myself in thee;

let the water and the blood,

from thy wounded side which flowed,

be of sin the double cure;

save from wrath and make me pure.

Not the labors of my hands

can fulfill thy law’s commands;

could my zeal no respite know,

could my tears forever flow,

all for sin could not atone;

thou must save, and thou alone.

Nothing in my hand I bring,

simply to the cross I cling;

naked, come to thee for dress;

helpless, look to thee for grace;

foul, I to the fountain fly;

wash me, Savior, or I die.

While I draw this fleeting breath,

when mine eyes shall close in death,

when I soar to worlds unknown,

see thee on thy judgment throne,

Rock of Ages, cleft for me,

let me hide myself in thee.

TRADUZIONE LETTERALE:

Rocca eterna, fesa (incavata) per me,
fa’ che io mi nasconda in Te.
Che l’acqua ed il sangue
dal tuo fianco ferito sgorghino
e siino la doppia cura del peccato.
Salvami dall’ira e rendimi puro.

Non l’opera delle mie mani
può adempiere ciò che la Tua legge esige.
Anche se il mio zelo non conoscesse respiro
Anche se le mie lacrime sgorgassero per sempre,
tutto questo non potrebbe espiare il peccato,
Sei Tu che devi salvare, Tu solo!

Non porto nulla nelle mie mani,
Semplicemente mi aggrappo alla tua croce,
Nudo vengo a te per essere rivestito;
Impotente guardo a Te per ricevere grazia,
Sporco, io corro alla Tua fontana.
Lavami o Salvatore, o io muoio.?

Quando io darò l’ultimo respiro,
Quando i miei occhi si chiuderanno nella morte,
Quando mi librerò verso mondi sconosciuti.
Ti vedrò sul trono del Tuo giudizio.
Rocca eterna, fesa (incavata) per me,
fa’ che io mi nasconda in Te.

_________________________________________________________________

VERSIONE ITALIANA:

1. Rocca Eterna, vengo a Te

Un rifugio sei per me;

L’acqua e il sangue, buon Ges?,

Dalla croce desti Tu:

Salva il misero mio cuor

Dal peccato e dall’error.

2. Nessun opra di mia man,

Zelo, pregi: tutto ? van.

N? rinunce, o mio Signor

Nulla pu? placare il cuor;

N? il peccato cancellar.

Solo Tu mi puoi salvar.

3. Quando, vittorioso alfin

Terminar potr? il cammin,

Quando l’ali scioglier?,

Verso il cielo, ancor dir?:

“Rocca Eterna, vengo a Te

Un rifugio sei per me”!

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

PREDICAZIONE DEL PASTORE AGOSTINO MASDEA nella Chiesa Bethel di Milano …
Leggi Tutto

DOMANDE PER GLI AMICI CATTOLICI, RIGUARDO GESÙ E IL PERDONO.

di Matt Slick  –   I cattolici hanno il confessionale, i sacerdoti, la penitenza, i sacramenti, i santi e Maria, e tutti in un modo o in un altro incidono sul  perdono dei peccati. In confessionale, il Cattolico confessa i suoi peccati a un sacerdote che gli da l’assoluzione e gli  prescrive la penitenza – un mezzo necessario per il perdono (CCC 980) “con la quale i peccati commessi …
Leggi Tutto

IL BUON PASTORE

di GEORGE WHITEFIELD  –  Sermone d’addio (L’ultimo sermone predicato a Londra, mercoledì 30 agosto 1769 prima della sua ultima partenza per l’America) “Le mie pecore ascoltano la mia voce, io le conosco ed esse mi seguono; e io do loro la vita eterna e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:27-28).   – È un detto comune e, io credo, giusto, quello che …
Leggi Tutto

NON ERANO CHE DEI RAGAZZI

Uno studente dell’Università Yale (Usa), un giorno, intraprese una strenua difesa a favore dell’opera delle missioni al punto che fu espulso dalla sua scuola. Questo giovane si chiamava David Brainerd, grande missionario  e  pioniere  tra  i  Pellirossa.  Il suo diario, pubblicato dopo la sua morte, andò nelle mani di un calzolaio inglese: William Carey, che divenne una “colonna di fuoco”. Dio si usò di lui in India dove …
Leggi Tutto

S.O.S.

di Roberto Bracco  –   Nella storia del popolo d’Israele incontriamo un nome che rimane davanti agli occhi dei credenti come un tremendo monito: Roboamo.    E’ scritto di lui: « Quando il regno fu stabilito e fortificato egli, insieme con tutto Israele, lasciò la legge »  (2° Cronache 12:1). Tutto sembrava favorevole ad un avvenire di prosperità e di pace ed invece venne la rovina. Roboamo, come purtroppo hanno fatto …
Leggi Tutto

NON SIATE SCHIAVI DELLE ABITUDINI

di OSWALD CHAMBERS  –  «Perché se queste cose si trovano e abbondano in voi, non vi renderanno né oziosi né sterili». 2 Pietro 1:8   –   Quando noi ci accorgiamo di aver preso delle buone abitudini e ci rendiamo conto di diventare migliori, dobbiamo pensare che si tratta solo di una tappa, che, se noi ci fermiamo a questo punto, acquistiamo una mentalità farisaica. Le virtù vanno praticate e …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: I miei occhi scorrono per tutta la terra per dare forza a coloro che mi appartengono.

L’Eterno infatti con i suoi occhi scorre avanti e indietro per tutta la terra per mostrare la sua forza verso quelli che hanno il cuore integro verso di lui. (2 Cronache 16:9)   –   Dio ci guarda sempre. I suoi occhi scorrono avanti e indietro in tutto il mondo per dare forza a coloro che gli appartengono. Egli non ci lascia e mai ci abbandona a noi stessi …
Leggi Tutto

EVITARE I PARAGONI

Poiché noi non abbiamo il coraggio di classificarci o confrontarci con certuni che si raccomandano da sé; i quali però, misurandosi secondo la loro propria misura e paragonandosi tra di loro stessi, mancano d’intelligenza. 2 Corinti 10:12 La pubblicità è spesso orientata a far si che le persone si sforzino di guardare il meglio, essere i migliori, i migliori in assoluto. Se indossi “questa” particolare marca di vestito, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti