Grandi inni: “What a Friend we have in Jesus”

QUALE AMICO IN CRISTO ABBIAMO –  di  Joseph Scriven (10 September 1819 – 10 August 1886) –  Joseph Scriven nacque nel 1819 a Dublino, Irlanda,  da genitori benestanti. Si laureò al Trinity College di Dublino.  Da giovane voleva seguire le orme del padre nella Royal Marine, ma la sua salute cagionevole non gli e lo permise.  All’età di venticinque anni, decise di lasciare il suo paese natale ed emigrare in Canada.  I  motivi di questa decisione sembra furono da una parte l’influenza religiosa dei Fratelli di Plymouth, che lo portarono ad allontanarsi dalla sua famiglia, e dall’altra la morte accidentale della sua fidanzata che annegò la sera prima del loro matrimonio.

“Quale amico in Cristo abbiamo” non era destinato ad essere pubblicato.  Dopo aver appreso che sua madre si era ammalata  gravemente e non potendo tornare nella lontana Dublino per  farle visita, le scrisse una lettera di conforto e abbinò alla lettera le parole di questo inno. In seguito una rivista religiosa pubblicò questa poesia e qualche tempo dopo Scriven morì.

Ma la sua poesia continuò a  vivere in un modo che egli mai avrebbe potuto immaginare. Ira Sankey, un musicista che lavorava con Dwight L. Moody, lo pubblicò in un libro di inni, e venne cantato nelle campagne evangelistiche  di Moody.  Presto “What a Friend we have in Jesus” divenne uno degli inni più famosi in America. I missionari lo esportarono in molte altre nazioni la gente lo ha cantato in molte lingue.

Questo inno ha mantenuto la sua popolarità per un secolo e mezzo, perché un uomo che ha conosciuto molta sofferenza, aveva anche tanta fede per confidare nel Signore.  Questo inno ci aiuta a vedere come la fede può trionfare sul dolore.


OAK RIDGE BOYS: “What a Friend we Have in Jesus”

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

E’ pericoloso "beffarsi" dell’Iddio Onnipotente.

Anche nel dopoguerra continuava ad infierire la persecuzione contro i Pentecostali, perché la circolare Buffarini-Guidi continuava ad essere in vigore, e questo nonostante la Costituzione Italiana, entrata in vigore il 1° gennaio 1948 affermasse nel 19° articolo: ‘Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io sono un padre per gli orfani e difendo la causa delle vedove.

Dio è padre degli orfani e difensore delle vedove nella sua santa dimora; (Salmo 68:5) È confortante sapere che Dio promette di essere un padre per l’orfano. In questa generazione di orfani nella quale viviamo, c’è un grande bisogno come non mai dell’amore di un padre. Con quasi il 50% delle famiglie, nei paesi occidentali, finite in divorzio, c’è un grido che oggi ripete quello dei discepoli di Gesù …
Leggi Tutto

E' peccato l'omicidio? RISPOSTE AGLI ARGOMENTI RELATIVI ALL’ABORTO

 di Norman L. Geisler –  La Bibbia condanna chiaramente chi uccide intenzionalmente un essere umano innocente. Tuttavia, non tutte le uccisioni sono omicidi. Non tutte le uccisioni sono intenzionali. Ci sono delle occasioni in cui vi sono delle giustificazioni relative all’uccidere un altro essere umano. A questo proposito, la Bibbia permette la protezione della propria vita, anche se ciò significa privare della vita qualcun’altro che la sta minacciando. In …
Leggi Tutto

PAROLE E FATTI

Ogni cristiano deve desiderare ardentemente l’approvazione di Dio e per conseguirla deve essere risolutamente disposto a rinunciare alla purtroppo ambita approvazione umana. Se questo sano desiderio non giganteggia nel cuore, la vita del fedele sarà sempre un susseguirsi di mezze misure o di compromessi che ostacoleranno ogni progresso spirituale e ogni conquista cristiana …
Leggi Tutto

NON ERANO CHE DEI RAGAZZI

Uno studente dell’Università Yale (Usa), un giorno, intraprese una strenua difesa a favore dell’opera delle missioni al punto che fu espulso dalla sua scuola. Questo giovane si chiamava David Brainerd, grande missionario  e  pioniere  tra  i  Pellirossa.  Il suo diario, pubblicato dopo la sua morte, andò nelle mani di un calzolaio inglese: William Carey, che divenne una “colonna di fuoco”. Dio si usò di lui in India dove …
Leggi Tutto

10 Errori che le persone fanno con Israele.

di Mike Campagna 1. Cadere nella bugia che l’Olocausto non è mai avvenuto. 2. Pensare che Dio ha finito con Israele / lo ha abbandonato. (Romani 11:1-5) 3. Pensare che il suo popolo sarà salvato senza la fede in Gesù Cristo. (Efesini 2:8-9) 4. Non capire che Israele è l’orologio che segna la fine del mondo. (Matteo 24:32-33) 5. Ignorare che uno (l’Anticristo) …
Leggi Tutto

Giornata di preghiera PER LA NAZIONE

DOMENICA 14 APRILE 2013  –  PAUL SCHAFER: PREGHIERA PER LA NAZIONE …
Leggi Tutto

COS'E' UN VERO RISVEGLIO?

di Reuben A. Torrey (1855 – 1928) noto evangelista, insegnante e scrittore.  –   Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti