Grandi inni: “What a Friend we have in Jesus”

QUALE AMICO IN CRISTO ABBIAMO –  di  Joseph Scriven (10 September 1819 – 10 August 1886) –  Joseph Scriven nacque nel 1819 a Dublino, Irlanda,  da genitori benestanti. Si laureò al Trinity College di Dublino.  Da giovane voleva seguire le orme del padre nella Royal Marine, ma la sua salute cagionevole non gli e lo permise.  All’età di venticinque anni, decise di lasciare il suo paese natale ed emigrare in Canada.  I  motivi di questa decisione sembra furono da una parte l’influenza religiosa dei Fratelli di Plymouth, che lo portarono ad allontanarsi dalla sua famiglia, e dall’altra la morte accidentale della sua fidanzata che annegò la sera prima del loro matrimonio.

“Quale amico in Cristo abbiamo” non era destinato ad essere pubblicato.  Dopo aver appreso che sua madre si era ammalata  gravemente e non potendo tornare nella lontana Dublino per  farle visita, le scrisse una lettera di conforto e abbinò alla lettera le parole di questo inno. In seguito una rivista religiosa pubblicò questa poesia e qualche tempo dopo Scriven morì.

Ma la sua poesia continuò a  vivere in un modo che egli mai avrebbe potuto immaginare. Ira Sankey, un musicista che lavorava con Dwight L. Moody, lo pubblicò in un libro di inni, e venne cantato nelle campagne evangelistiche  di Moody.  Presto “What a Friend we have in Jesus” divenne uno degli inni più famosi in America. I missionari lo esportarono in molte altre nazioni la gente lo ha cantato in molte lingue.

Questo inno ha mantenuto la sua popolarità per un secolo e mezzo, perché un uomo che ha conosciuto molta sofferenza, aveva anche tanta fede per confidare nel Signore.  Questo inno ci aiuta a vedere come la fede può trionfare sul dolore.


OAK RIDGE BOYS: “What a Friend we Have in Jesus”

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

RIVOLUZIONE D’EQUILIBRIO

di GEORGE VERWER – L’equilibrio spirituale è qualcosa che deve essere reale per ognuno di noi. Se uno ne comprende solo superficialmente i principi, allora egli ben presto troverà che essi non saranno in grado di sostenere il confronto col mondo secolare. È una mia profonda convinzione che il discepolato non è solo per operai a tempo pieno. Il discepolato è per ogni credente. Il discepolato non è …
Leggi Tutto

State andando troppo veloci

di WILLIAM BOOTH (Fondatore Esercito della Salvezza) (1829 – 1912) – Dicono che andiamo troppo veloce! Questa accusa ci viene mossa da tutte le direzioni. Ai nostri nemici non piace la nostra velocità e i nostri amici hanno paura di essa. Cosa intendono dire? Se si lamentassero del fatto che non siamo andati abbastanza veloci , li avrei potuto capire. Se i nostri nemici potessero sostenere che dopo …
Leggi Tutto

COMUNIONE CON DIO

di George Muller  –  Il Signore mi ha insegnato la verità, che per parecchi anni mi è stata utilissima per la mia vita cristiana. Ad un certo momento della mia vita m’accorsi che era di capitale importanza che io mi mantenessi in continua comunione col Signore, per nutrire il mio spirito. Infatti — pensai — io potrei proporre la verità ai non cristiani, potrei aiutare spiritualmente i credenti, …
Leggi Tutto

IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

di ROBERTO BRACCO  –  Ogni volta che il libro degli Atti si sofferma a descrivere il battesimo nello Spirito, la terminologia acquista accenti altamente vibranti. Questa celestiale esperienza cristiana viene costantemente presentata come una delle più genuine ed evidenti manifestazioni della gloria e della potenza di Dio. I credenti non vengono riscaldati da una sensazione passeggera o agitati da un’emozione  fugace,   ma   vengono   attraversati   e   riempiti   da   una   potenza …
Leggi Tutto

Comunione o Comunella?

di Felice Leveque  |  Comunella significa associazione, accordo, specialmente per scopi equivoci. Alcuni suoi sinonimi sono combriccola, combutta, cricca. Anche se nel significato ha alcune accezioni positive, di solito il vocabolo è usato in senso negativo. Fanno comunella quei gruppi di persone che tramano alle spalle di qualcuno o di altri …
Leggi Tutto

"CARISMATICI"

di Roberto Bracco  –  «Fiumi di acqua viva sgorgheranno dal suo seno… » (Giovanni 7:38) Con questa potente espressione Gesù ha definito l’esperienza dei credenti ripieni di Spirito Santo; la frase chiarisce in maniera precisa e dettagliata il miracolo annunciato dal Signore ed offre quindi dei riferimenti dottrinali che non possono essere ignorati dalla teologia cristiana. Il « credente» che « riceve » (v. 39) lo Spirito non …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti