GRANDI INNI: HOW GREAT THOU ART – (Grande sei Tu)

In origine questo famoso inno era una poesia. Composta da un predicatore svedese di nome  Carl Boberg, aveva per titolo  “O Store Gud  (O grande Dio)” e fu  pubblicata nel 1886.  Quando  Carl Boberg scrisse questa poesia mai avrebbe pensato che sarebbe diventato un inno.  Alcuni anni dopo, Boberg partecipando  a una riunione rimase sorpreso nel  sentire la sua poesia cantata sulle note di una vecchia melodia svedese. La melodia originale era diversa   dalla melodia attuale.

 

K. Stuart Hine

Intorno al 1920, due missionari inglesi, K. Stuart Hine e sua moglie, ministravano  in Polonia. E’  lì impararono la  versione russa della poesia  di Boberg, “O Store Gud”,  sulla melodia originale svedese. Più tardi, Stuart K. Hine scrisse la versione inglese, HOW GREAT THOU ART,  arrangiano la melodia della versione svedese, e quest’inno divenne  subito molto popolare.

George Beverly Shea

Il Dott.  J. Edwin Orr organizzò una settimana di  conferenze in California, il cui tema era: “Non pensate quali grandi cose potete  fare per Dio, ma pensare prima di tutto quali cose potete fare per un Dio così grande.”   E “How Great Thou Art” fu cantato ogni giorno. La prima importante incisione di questo inno fu di Bill Carle, seguita da The Spencer Famiy, e poi da George Beverly Shea, solista nelle crociate dell’evangelista Billy Graham.

How Great Thou Art è diventato, secondo vari sondaggi  in Gran Bretagna e in America, l’inno numero uno insieme ad  “Amazing Grace.  E’ considerato il brano evangelico più registrato da artisti cristiani, e anche da molti artisti secolari. Ha ricevuto due Grammy Awards.

Ci sono stati più di 1.700 registrazioni documentate di  How Great Thou Art . E ‘stato utilizzato nei programmi televisivi più importanti, in film importanti, ed è stata la canzone gospel preferita da almeno tre Presidenti degli Stati Uniti.

Billy Graham ha detto di questo inno: : “La ragione per cui mi piace How Great Thou Art è perché glorifica Dio. Questo canto rivolge lo sguardo dei cristiani verso Dio, piuttosto che su se stessi.  Io lo uso il più spesso possibile perché è un canto che onora Dio. “

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Non toccate i miei unti...

di ROBERTO BRACCO  –  Non bisogna dimenticare che un ministro, un pastore, rappresentano sempre le persone più notate, più osservate, più conosciute della comunità. Non bisogna dimenticare cioè che essi vengono seguiti da centinaia di occhi e giudicati da un numero più o meno grande di fedeli.  Non c’è un’ora della loro giornata o non c’è una circostanza della loro vita che non cadano sotto l’osservazione di tutti …
Leggi Tutto

coro

Istruzioni su come cantare  in chiesa – dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ed efficace per te stesso e per gli altri, fai attenzione ad osservare le seguenti indicazioni: 1. CANTA INSIEME A TUTTI Unisciti alla congregazione più spesso che puoi. Non permettere che una leggera difficoltà o un po’ di stanchezza …
Leggi Tutto

LA TEOLOGIA DELLA GRAZIA

Un sermone di Roberto Bracco che evidenzia la semplicità dell’Evangelo e l’universalità della salvezza. Ottimo messaggio di evangelizzazione …
Leggi Tutto

FATE VOSTRA LA VITTORIA DI CRISTO

di  F. J. Huegel  –  Partecipiamo alla Sua vittoria riconoscendo interamente, e facendo nostra, la Sua opera completa del Calvario.  Il cristiano vittorioso deve essere fermo e irremovibile come il Salvatore quando disse:  ”Viene il principe di questo mondo e non ha nulla in me” (Giov. 14:30). Quali sforzi fece il nemico perché Gesù gli desse qualche appiglio sul quale egli potesse lavorare contro di Lui! Dietro gli scherni, …
Leggi Tutto

IL BUON PASTORE

di GEORGE WHITEFIELD  –  Sermone d’addio (L’ultimo sermone predicato a Londra, mercoledì 30 agosto 1769 prima della sua ultima partenza per l’America) “Le mie pecore ascoltano la mia voce, io le conosco ed esse mi seguono; e io do loro la vita eterna e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:27-28).   – È un detto comune e, io credo, giusto, quello che …
Leggi Tutto

Dio vuole salvare il peccatore

di JACK HAYFORD  –  L’onestà verso Dio è una premessa indispen­sabile per una preghiera efficace. Se non ri­spettiamo questa premessa corriamo il rischio di finire nella trappola che Satana, il nostro nemico mortale, è sempre pronto a tenderci. Finiremo quindi per cadere in un circolo vi­zioso che renderà la nostra vita spirituale as­solutamente inefficiente. Se ci troviamo in questa situazione, ci chiederemo inevitabil­mente: »Come posso permettermi di pregare, …
Leggi Tutto

IL SANGUE DI GESÙ CRISTO: COSA DICE LA SCRITTURA

di M.R.De Haan  –  E’ molto importante e anche interessante osservare ciò che dicono le Sacre Scritture riguardo al sangue di Gesù: È un sangue innocente. Perfino Giuda Iscariota lo riconobbe dopo aver tradito Cristo (Matteo 27,4). Viene descritto come “sangue prezioso” (1 Pietro 1,19) a causa dell’enorme prezzo che Gesù dovette pagare per la nostra redenzione. Il sangue di Cristo è stato il prezzo pagato per la …
Leggi Tutto

ADAMO DOVE SEI? (Genesi 3:10)

Ma l’uomo era nascosto!     Nel luogo degli incontri abituali non si udiva la voce dei coniugi amici di Dio e forse il silenzio era reso ancora più cupo dal peccato consumato, ormai entrato come un’ombra triste nella natura. E’ il dramma! …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti