IL NATALE!

 

di Roberto Bracco  –  “Non vi era posto per loro”. (Luca 2:7)  –  L’evangelista spinge la sua precisione descrittiva fino allo scrupolo e ci fa sapere che nell’albergo non c’era posto per Maria, per Giuseppe e neanche per il loro primogenito. I coniugi, evidentemente, trovarono asilo nella grande rimessa di una pubblica locanda ed il fanciullino trovò il suo primo letto in una mangiatoia, forse colma di fieno.

Se la descrizione di Luca avesse preceduta la nascita del bambino avremmo potuto concludere che soltanto i coniugi di Nazareth non avevano potuto godere del beneficio di un albergo ma poiché invece il testo sacro è meticolosamente esatto nel dirci che “per loro” non c’era posto, includendo in quel plurale anche il piccolo Gesù, possiamo comprendere che soprattutto per quest’ultimo si deve notare il grande contrasto che appare tra la Sua eterna regalità e il Suo doloroso ingresso nel mondo. Possiamo anzi notare che non c’era nulla di eccezionale nel fatto che i due coniugi di condizioni economiche modestissime  giunti nei sobborghi di Gerusalemme in periodo di super affollamento, fossero stati respinti ai margini della competizione per gli alloggi.

Tutto al più sarebbe stato possibile scorgere in quell’episodio un quadro della dura battaglia sociale che divide le popolazioni di tutto il mondo in poveri e ricchi, gaudenti e sofferenti. Non c’è nulla di eccezionale, ripetiamo, nel caso di una povera famiglia operaia che non riesce ad ottenere una camera d’albergo ma ben c’era qualche cosa di eccezionale nel fatto che il “Re” non trovasse accoglienza o albergo nella sua terra.

Non un re, ma il Re che era venuto al Suo popolo, ai Suoi sudditi ed essi gli avevano negato un posto; non soltanto gli avevano negato un trono, ma anche un posto, sia pure il più umile nell’ultimo fra gli alberghi di Gerusalemme.

“Non vi era posto”. Il Natale non poteva essere accolto fra le moltitudini; non poteva essere posto all’ombra di un asilo accogliente o di un palazzo sontuoso, doveva rimanere nelle stalle, nella mangiatoia…

Il piccolo fanciullo, passerà ancora per le vie del mondo picchiando alla porta di ogni albergo ma non troverà neanche un nido, neanche una tana. I Suoi non vorranno riceverlo, ed Egli avrà delle mense che non saranno sue, si rivolgerà in case che non gli apparterranno, cavalcherà sopra un puledro preso umilmente in prestito, morirà sopra un letto che sarà soltanto un patibolo e scenderà in una tomba che non gli appartiene… Egli continuerà che ad essere Colui per il quale non vi “era posto nell’albergo”.

Natale! Celebrazione dell’umiliazione; tripudio dell’annichilimento. Voi non troverete mai il Natale nei luoghi ove gli uomini hanno cercato di portarlo: fra le feste, in mezzo alle candeline colorate o sotto gli alberi carichi di doni. Voi non lo troverete sulle mense riccamente imbandite o nelle straduzze dei presepi artificiali; non lo troverete neanche intorno alle stufe che accolgono fra le braccia del loro calore, le famiglie spensierate ed un po’ inebriate dalle feste di dicembre. Non lo troverete neppure dentro le cattedrali rifulgenti nei loro ornamenti d’oro o nei drappeggi dei loro apparati…

No, non troverete il Natale in nessuno di questi luoghi come non lo avreste potuto trovare in nessuna camera degli alberghi di Gerusalemme o di Betlemme perché “non vi era posto per Lui”.

Noi possiamo trovare, e rivivere il Natale soltanto li, ove Esso nacque: vicino alla mangiatoia!

Lontani da ogni grandezza umana, da ogni pensiero mondano. Divisi dal clamore disordinato di un popolo in confusione noi potremo, nella stalla senza luce e senza gloria, contemplare in adorazione il “Fanciullo che ci è nato”.

Senza bisogno di fare applicazioni mistiche o senza dare interpretazioni figurative, noi possiamo vedere nel nostro testo una richiamo all’umiltà più profonda, alla sobrietà più sana, al rinunciamento più completo; lì c’è il Natale, lì c’è il glorioso Re.

In questi giorni, purtroppo, quasi tutti hanno smarrito il senso, il significato del Natale e per tutto questo doloroso motivo vediamo sostituito lo spettacolo del Figlio di Dio che nasce in una stalla e viene adagiato in una mangiatoia, con quello più coreografico e più vivace, ma meno reale e niente affatto sublime, di una solennità religiosa carica di fili d’argento e di fiocchi di bambagia.

No, non c’è posto per Lui; ed anche oggi tutto si accoglie e tutto si riceve, ma il Re del cielo continua a rimanere fuori… forse Egli deve rimanere lì perché una torma di umili pastori possa essere guidata fino al Suo letto dalle schiere celesti che salmeggiano intorno al Suo capo.

Vogliamo unirci ai guardiani veglianti del gregge? Vogliamo anche noi distogliere lo sguardo dallo spettacolo multicolore di questo mondo per volgerlo verso il povero ricetto di Betlemme?

Prostriamoci nell’umiliazione ed adoriamo il Re che non ha avuto, che non ha e che non può avere un luogo nell’albergo di questo mondo!

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

A PROPOSITO DI TATUAGGI

di Alejandro Seibel  –   “Non vi farete incisioni nella carne… né vi farete tatuaggi addosso. Io sono il SIGNORE”  (Lev. 19, 28)  –    La Diodati riporta : “Non vi fate alcuna tagliatura nelle carni … e non vi fate bollatura alcuna addosso. Io sono il Signore”. Tatuaggi, incisioni, “piercing” (dal verbo inglese “to pierce”, lett. Traforare, pratica indicante la perforazione della pelle allo scopo di inserirvi oggetti …
Leggi Tutto

LE COMPASSIONI DI DIO

di Agostino Masdea   –  E Gesù, sbarcato, vide una grande folla e ne ebbe compassione, perché erano come pecore senza pastore, e prese a insegnare loro molte cose. (Marco 6:34) La visione che si prospettò davanti al Signore quando discese dalla barca in questo passo dell’evangelo di Marco è simile a quella che si presenta davanti ai nostri occhi ogni giorno: folle immense di uomini che vanno e …
Leggi Tutto

Grandi inni: Just as I am - (Così qual sono).

Questo famoso inno è stato composto da Charlotte Elliott.  Fin dalla sua giovane età Charlotte era consapevole della sua natura peccaminosa e della sua incapacità a resistere alle lusinghe del peccato. Crescendo, Charlotte si sentiva sempre più indegna della grazia di Dio e insufficiente  di fronte a un Dio perfetto e giusto. Chiese aiuto a molti pastori, i quali la consigliavano di pregare di più, di studiare la …
Leggi Tutto

Priorità del risveglio.

di R. J. WELLS  –  Senza dubbio il bisogno più grande ed urgente della nostra nazione e della chiesa, oggi, è quello di avere un possente risveglio spirituale. Malgrado tutti gli sforzi titanici che la Chiesa sta compiendo nel tentativo di risolvere i molti problemi che l’assillano, i suoi progressi sono alquanto limitati. Infatti, quando noi analizziamo la situazione generale, siamo portati a concludere che i migliori sforzi …
Leggi Tutto

SODOMA NON AVEVA LA BIBBIA

9 Dicembre 2012  –  di Leonard Ravenhill   –   Ho spesso pensato ultimamente ad una frase pronunciata dal noto predicatore Jonathan Edwards, che tanto influsso ha avuto sul risveglio spirituale. Per descrivere la giustizia divina, che è puntata verso il nostro cuore come una freccia aguzza, egli dice: “Tutto ciò che ci meritiamo è un Dio adirato che ci guarda da lontano senza rivelarci nulla e senza aiutarci” …
Leggi Tutto

LE DUE CASE

di AGOSTINO MASDEA   –  Perciò, chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, io lo paragono ad un uomo avveduto, che ha edificato la sua casa sopra la roccia.  Cadde la pioggia, vennero le inondazioni, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa; essa però non crollò, perché era fondata sopra la roccia.  Chiunque invece ode queste parole e non le mette in pratica, sarà paragonato ad …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti