ATTENZIONE PERICOLO! HALLOWEEN.

Oggi, nel mondo intero, Halloween è la festa più importante dell’anno per i satanismi. Anzi, il 31 ottobre è anche il nuovo anno per il calendario degli stregoni. La World Book Enciclopedia afferma che questa data segna l’inizio di tutto ciò che è “freddo, nero e morte”.
Un pò di storia:   300 anni prima di Cristo, una società segreta di sacerdoti pagani controllava l’intero mondo celtico. Ogni anno, il 31 ottobre, giorno di Halloween, costoro celebravano la festa in  onore  del loro dio pagano signore della morte. Questi sacerdoti passavano da una  porta all’altra, chiedendo delle offerte per il loro dio ed esigevano anche dei sacrifici umani! Per chi apriva l’ingresso di casa, era appunto il momento della  scelta la cui eco è rimasta nell’impressione inglese “trick ortreat”, cioè “malasorte o regalo”. In caso di rifiuto, infatti, pronunciavano delle maledizioni di morte su quella famiglia.  Per  illuminare il loro cammino,  questi sacerdoti  portavano  delle  rape  svuotate e ritagliate sulla forma del viso, nelle quali ardevano delle candele ottenute con l’adipe umano dei sacrifici precedentemente offerti. Le zucche rappresentavano lo spirito che avrebbe  reso efficace le loro maledizioni.

La festa fissata per  l’ultimo giorno del mese di ottobre,  che si sta  diffondendo anche nel nostro  paese,  rappresenta quindi il ricordo dei vecchi riti celtici che celebravano  l’incontro  tra il mondo  terreno e  quello delle tenebre e durante i quali venivano anche realizzati degli incantesimi volti a proteggere i beni terreni contro la potenza dei demoni. La ricorrenza commemorava l’entrata nella fase più triste dell’anno, quella dell’inverno.

Si credeva infatti che in quella sera le anime dei trapassati venissero a visitare i viventi. Per questo era l’occasione propizia per ogni sorta di pratiche occulte: invocazione degli spiriti, dei demoni, della notte e della morte appunto.

Nel XVIII e XIX secolo, quando questo costume giunse negli Stati Uniti d’America con gli emigranti irlandesi, le rape sono state sostituite con le zucche. Il nome attribuito allo spirito che si trovava all’interno della zucca era Jock, che è diventato in inglese Jack che abita dentro la zucca trasformata in lampada, da cui “Jack della lanterna”.

Il pericolo

Il nome  Halloween deriva dall’espressione  “All Hallow’s Eve”  che tradotto vuol dire “Vigilia d’Ognissanti”. In realtà, come abbiamo visto, le origini di Halloween sono  completamente pagane  e  non hanno alcuna relazione con questa festa religiosa.  Ai nostri giorni,  sappiamo  per  certo  che  in alcune parti del mondo, per esempio in Australia,  Stati Uniti e Francia,  i satanismi offrono dei sacrifici umani proprio quella notte. Quindi,  quando  vediamo i nostri figli chiedere caramelle o doni di casa in casa,  la  cosa  potrà sembrare inoffensiva e divertente, ma non li stiamo forse associando, senza esserne pienamente consapevoli, ad un rituale alquanto oscuro? Quale impressione resterà nel loro subconscio di tutto questo? Nel terzo millennio non abbiamo altro da offrire ai nostri figli che l’immagine di ciò che è triste, oscuro e demoniaco? Per soddisfare la motivazione ed il desiderio di quanti  si propongono  fini  esclusivamente commerciali e lucrativi, siamo noi disposti a segnare la loro psiche ed a turbare la loro coscienza con un rituale che riecheggia pratiche collegate con il mondo delle tenebre e dei demoni?

Fonte: Cristiani oggi. 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IL RISVEGLIO NASCE NELLA NOSTRA CASA

Quando una chiesa entra in crisi, generalmente si attribuisce la colpa a questo o a quella persona ( quasi mai a noi stessi…) ed in percentuale logicamente maggiore al Pastore ed ai suoi più stretti collaboratori ; vale a dire a quelli che hanno delle responsabilità e fanno qualcosa per sostenere e portare a- vanti l’Opera del Signore. Chi non fa nulla non sbaglia mail Oppure si cercano …
Leggi Tutto

Testimonianze da Azusa Street 

di A. W. Orwig  –   A.W Orwig, ex ministro metodista, battezzato nello Spirito Santo nella missione di Azusa Street, nel seguente racconto condivide le esperienze fatte al n° 312 di Azusa Street. L’articolo è tratto dalla prima storia del movimento pentecostale pubblicata, di Bennett F. Lawrence, The Apostolic Faith Restored (St. Louis, MO: Gospel Publishing House, 1916), pp 77-89. Era il settembre del 1906. Mi era giunta all’orecchio …
Leggi Tutto

RISVEGLIATI ….

da un sermone predicato dal past. Agostino Masdea  nella chiesa di via Anacapri nel 1998. i) E’ un appello che lo Spirito rivolge oggi alla Chiesa. E’ un appello per questo tempo indirizzato a ogni singolo credente. E’ una necessità impellente per il popolo di Dio, ed è una esigenza improrogabile per la vita della chiesa. E la parola dell’Eterno fu rivolta a Giona, figlio di Amittai, dicendo: “Lèvati …
Leggi Tutto

LA DISCIPLINA NELLA CHIESA. (Ebrei 12:1-14)

di Agostino Masdea   –  Leggi più severe sono invocate da tutti nella società di oggi.  Le regole sono necessarie in una nazione, in una comunità, in un qualsiasi circolo di persone. Dove mancano le leggi e le regole regna il caos e l’anarchia. Il problema è che ogni categoria invoca “severità” per tutte le altre categorie meno che per se stessa. Morale della favola: ognuno tira l’acqua al suo mulino …
Leggi Tutto

LO SCOPO DEL VANGELO

 di  Watchman Nee  –  Trovandosi Egli a Betania in casa di Simone il lebbroso, mentre era seduto a tavola, entrò una donna con un vaso di alabastro di un unguento profumato di autentico nardo, di grande valore; or ella, rotto il vaso, lo versò sul Suo capo …. Gesù disse: .. ” In verità vi dico, che in tutto il mondo, ovunque sarà predicato questo vangelo, si racconterà …
Leggi Tutto

PERDERE, PER GUADAGNARE

Dr. M.R. de Haan  –  Chi avrà perduto la sua vita per amor mio, la troverà»  Mat. 16:25 .  –  Quale debba essere la meta d’un atleta professionista ce lo dice Vince Lombardi: «Vincere non significa essere il primo in tutte le gare — ciò che conta è la vittoria finale!» Una squadra può aver vinto la maggior parte delle partite di qualificazione, ma se perde la partita finale, …
Leggi Tutto

Modestia, che la nostra luce risplenda!

di Kim Cash Tate  –  Una domenica sera,  Ayesha Curry, moglie di Stephen Curry, campione di Basket NBA, stava sfogliando la rivista Style Weekly e poi mise un post su Tweeter che diceva: “Tutti indossano vestiti che mostrano quasi tutto il loro corpo scoperto. Non è il mio stile. A me piace tenere le parti belle del mio corpo coperte per colui che ha importanza per me”. Quelle parole provocarono …
Leggi Tutto

Dio Opera Attraverso Le Chiese.

 di  VANCE HAVNER Gesù Cristo affidò a comunità locali il compito li continuare la Sua opera. Nell’ultimo capitolo delle età della Chiesa, Egli sta ancora parlando a definite comunità in vari luoghi. Sarebbe un grande giorno per le nostre chiese se esse fossero persuase ad interrompere ciò che stanno facendo per ascoltare l’ultimo messaggio del Signore per esse. Ripetutamente Egli fece questa esortazione: “Chi ha orecchio ascolti ciò che …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti