Anno nuovo o vita nuova?

braccorobdi Roberto Bracco  –  Una consuetudine che trae origine forse dall’invenzione del calendario e quindi dalla divisione del tempo in epoche determinate, impone che con l’inizio del nuovo anno si facciano propositi e promesse. Sembra quasi che l’uomo chieda aiuto ad un avvenire che gli sta davanti per dimenticare e superare un passato che giace ormai alle sue spalle.

L’esperienza però ha ampiamente dimostrato a tutti: individui, popoli, nazioni, che l’aiuto richiesto viene sistematicamente ed inesorabilmente negato e quindi propositi, promesse e speranze sono destinati a scendere nella fossa comune della delusione e della sconfitta.

          L’avvenire diviene ben presto passato, ed il passato prossimo somiglia perfettamente al passato remoto. Le sconfitte degli anni lontani sono identiche alle sconfitte dell’anno che sta spirando sotto i nostri occhi e saranno identiche a quelle dell’anno che deve ancora nascere.

Perché gli uomini sono condannati a nutrirsi del fosco delle illusioni? Non un giorno, che ormai è diventato un simbolo, può mutare la natura umana o può modificare il corso funesto dei sentimenti! Non un avvenire che si offre come un’opportunità di azione può porgere l’aiuto necessario a superare il passato! L’uomo deve continuare a sorbire la coppa amara delle proprie sconfitte perché vuole sollevarsi con le forze fallaci delle circostanze, del tempo e dei sentimenti!

Un anno è davanti a noi, ma esso non ci può aiutare. Una serie di propositi tumultuano nel nostro cuore; prendono forma, diventano promesse, programmi…ma essi non ci possono sollevare

Soltanto Dio che non è Dio del passato e dell’avvenire, perché è Dio dell’eternità che conosce soltanto un infinito presente, può “oggi” aiutarci a superare, non il passato, ma noi stessi: i nostri sentimenti insani, le nostre debolezze, le nostre inclinazioni peccaminose.

Si, Egli può aiutarci, non a formulare nuovi propositi o a pronunciare nuove promesse, ma a compiere nuove azioni, a raggiungere nuove mete.

Abbiamo bisogno non di un anno nuovo, ma di un cuore nuovo, non di un avvenire tanto allettante quanto impotente, ma di una mano poderosa e misericordiosa che ci sollevi in alto.

Non importa quale data segna il nostro calendario: prostriamoci davanti all’Eterno, affinché Egli ci raggiunga con la Sua potenza e ci dia una vita nuova, luminosa, traboccante del Suo amore!

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Giornata di preghiera PER LA NAZIONE

DOMENICA 14 APRILE 2013  –  PAUL SCHAFER: PREGHIERA PER LA NAZIONE …
Leggi Tutto

CRESCERE NELLA GRAZIA

 di AGOSTINO MASDEA – L’ultima delle esortazioni che l’apostolo Pietro indirizza ai credenti è anche l’ultimo verso del capitolo tre della sua seconda epistola. Questo capitolo è dedicato agli avvenimenti degli ultimi tempi e al ritorno del Signore. Nell’attesa del suo ritorno, Pietro esorta a stare fermi nella fede e ad  aspettare queste cose facendo in modo da “essere trovati da lui immacolati e irreprensibili, in pace”. Esortando alla …
Leggi Tutto

Dio Opera Attraverso Le Chiese.

 di  VANCE HAVNER Gesù Cristo affidò a comunità locali il compito li continuare la Sua opera. Nell’ultimo capitolo delle età della Chiesa, Egli sta ancora parlando a definite comunità in vari luoghi. Sarebbe un grande giorno per le nostre chiese se esse fossero persuase ad interrompere ciò che stanno facendo per ascoltare l’ultimo messaggio del Signore per esse. Ripetutamente Egli fece questa esortazione: “Chi ha orecchio ascolti ciò che …
Leggi Tutto

DITECI DELLE COSE PIACEVOLI (Isaia 30: 10)

di ROBERTO BRACCO   –   Il compito del servitore di Dio è stato sempre quello di predicare cose spiacevoli alla natura umana. Egli, attraverso tutte le età, è stato sospinto a colpire duramente e con parole di fuoco tutti i vizi, le passioni, le turpitudini degli uomini. Per questo unico motivo il ministero dei santi ha provocato sempre le più violente reazioni e le parole da essi pronunciate sono …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESÙ OVUNQUE

Francis W. Dixon  –   «Or avvenne che mentre camminavano per la via, qualcuno gli disse: Io ti seguiterò dovunque tu andrai. E Gesù gli rispose: Le volpi hanno delle tane e gli uccelli del cielo dei nidi, ma il Figliuol dell’uomo non ha dove posare il capo» (Luca 9:57-58).  Le parole sulle quali desidero richiamare la tua particolare attenzione sono queste: «Signore, io ti seguirò dovunque tu andrai» …
Leggi Tutto

Non dare spazio al lamento e all'insoddisfazione

di  BOB GASS –  “Sono dei mormoratori, degli scontenti”.  –   Jon Gordon scrive: “Un’amica di mia moglie, Rachel, si lamentava di continuo del suo lavoro… l’azienda, l’economia, il calo delle vendite… Ad un certo punto sono intervenuto nella conversazione: “In fondo è semplice, ho detto, devi fare una scelta. Puoi decidere di accettare le nuove politiche aziendali, andare al lavoro con un’attitudine costruttiva e dare il meglio, oppure puoi …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: C'è una corona che aspetta coloro che amano Mio Figlio.

Per il resto, mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno, e non solo a me, ma anche a tutti quelli che hanno amato la sua apparizione. (2 Timoteo 4:8) Quando l’apostolo Paolo scrive questa lettera a Timoteo, che era spiritualmente suo figlio, è ormai prossimo alla fine della sua vita. Egli proclama con forza che c’è una …
Leggi Tutto

COS'E' UN VERO RISVEGLIO?

di Reuben A. Torrey (1855 – 1928) noto evangelista, insegnante e scrittore.  –   Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti