Anno nuovo o vita nuova?

braccorobdi Roberto Bracco  –  Una consuetudine che trae origine forse dall’invenzione del calendario e quindi dalla divisione del tempo in epoche determinate, impone che con l’inizio del nuovo anno si facciano propositi e promesse. Sembra quasi che l’uomo chieda aiuto ad un avvenire che gli sta davanti per dimenticare e superare un passato che giace ormai alle sue spalle.

L’esperienza però ha ampiamente dimostrato a tutti: individui, popoli, nazioni, che l’aiuto richiesto viene sistematicamente ed inesorabilmente negato e quindi propositi, promesse e speranze sono destinati a scendere nella fossa comune della delusione e della sconfitta.

          L’avvenire diviene ben presto passato, ed il passato prossimo somiglia perfettamente al passato remoto. Le sconfitte degli anni lontani sono identiche alle sconfitte dell’anno che sta spirando sotto i nostri occhi e saranno identiche a quelle dell’anno che deve ancora nascere.

Perché gli uomini sono condannati a nutrirsi del fosco delle illusioni? Non un giorno, che ormai è diventato un simbolo, può mutare la natura umana o può modificare il corso funesto dei sentimenti! Non un avvenire che si offre come un’opportunità di azione può porgere l’aiuto necessario a superare il passato! L’uomo deve continuare a sorbire la coppa amara delle proprie sconfitte perché vuole sollevarsi con le forze fallaci delle circostanze, del tempo e dei sentimenti!

Un anno è davanti a noi, ma esso non ci può aiutare. Una serie di propositi tumultuano nel nostro cuore; prendono forma, diventano promesse, programmi…ma essi non ci possono sollevare

Soltanto Dio che non è Dio del passato e dell’avvenire, perché è Dio dell’eternità che conosce soltanto un infinito presente, può “oggi” aiutarci a superare, non il passato, ma noi stessi: i nostri sentimenti insani, le nostre debolezze, le nostre inclinazioni peccaminose.

Si, Egli può aiutarci, non a formulare nuovi propositi o a pronunciare nuove promesse, ma a compiere nuove azioni, a raggiungere nuove mete.

Abbiamo bisogno non di un anno nuovo, ma di un cuore nuovo, non di un avvenire tanto allettante quanto impotente, ma di una mano poderosa e misericordiosa che ci sollevi in alto.

Non importa quale data segna il nostro calendario: prostriamoci davanti all’Eterno, affinché Egli ci raggiunga con la Sua potenza e ci dia una vita nuova, luminosa, traboccante del Suo amore!

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Sermone di Roberto Bracco: Una Sposa Negligente

ROBERTO BRACCO: “Una Sposa Negligente” – Cantico dei cantici 5:2-6 – ”  Io dormivo, ma il mio cuore vegliava. Sento la voce del mio amico che bussa e dice: «Aprimi, sorella mia, amica mia, colomba mia, o mia perfetta! Poiché il mio capo è coperto di rugiada e le mie chiome sono piene di gocce della notte». Io mi sono tolta la gonna; come me la rimetterei ancora? Mi …
Leggi Tutto

SAPER VIVERE, SAPER MORIRE

di ROBERTO BRACCO  –  Filippesi 1: 18-23  –  Qualcuno ha detto che non è difficile morire, ma è difficile vivere; molti altri invece hanno affermato che è facile vivere, ma non è facile saper morire coraggiosamente… crediamo che tutti abbiano torto, perché in realtà è difficile saper vivere e non meno difficile saper morire. Tutti vivono e tutti muoiono, ma questo non vuol dire che sappiano vivere e …
Leggi Tutto

GIOIA TRASCENDENTALE

di Jim Cymbala  –  La felicità ha i suoi alti e bassi in base alle nostre mutevoli circostanze. Nasce un bimbo o un nipote, e siamo tutti contenti. Vinciamo una vacanza gratis e siamo in estasi! Il capo ci dà un bell’aumento proprio quando ne avevamo bisogno e siamo entusiasti. Ma l’euforia è solo temporanea. Inevitabilmente, qualcosa cambia e si porta via la nostra felicità. Il bambino si …
Leggi Tutto

IL GRANELLO DI FRUMENTO

Se il granel di frumento caduto in terra non muore, rimane solo; ma se muore, produce molto frutto.  (Giovanni 12: 24) Gesù stesso era quel «granello di frumento». Egli è caduto nel terreno; è morto; come risultato della Sua morte sacrificale sul Calvario, il Suo seppellimento nella tomba, la Sua resurrezione la mattina di Pasqua; è stata compiuta la promessa della redenzione del mondo e questo era il …
Leggi Tutto

Abraham-Lincoln

Proclama del Presidente Abramo Lincoln per una giornata di umiliazione nazionale, digiuno e preghiera – 1863Da Sua Eccellenza, Abraham Lincoln, presidente degli Stati Uniti. Considerando che, il Senato degli Stati Uniti, devotamente riconoscendo la Suprema l’autorità e il governo dell’Iddio Onnipotente in tutti gli eventi degli uomini e delle nazioni, con una risoluzione ha chiesto al Presidente di stabilire e dedicare una giornata di preghiera e umiliazione nazionale. Considerando …
Leggi Tutto

LA TEOLOGIA DELLA GRAZIA

Un sermone di Roberto Bracco che evidenzia la semplicità dell’Evangelo e l’universalità della salvezza. Ottimo messaggio di evangelizzazione …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti