FINO A QUANDO?

 di George O. Wood  – (Sovraintendente Generale delle Asseblees of God – USA)   –  SALM0 13  –  Una giovane credente si trovò ad attraversare un periodo di dure prove tale da far vacillare la sua fede. Una sorella matura la consolò dicendole: “Dio è fedele e non permetterà che siate tentati al di là delle vostre forze” (1 Cor. 10:13). “Vedi”, le disse questa sorella cercando di incoraggiarla, “il Signore conosce i nostri limiti. Le difficoltà che stai attraversando Dio non le avrebbe permesse se pensava che non potevi superarle. Ciò dimostra quanta fiducia Dio abbia in te”. Nella sua frustrazione, nella sua fede con l’aggiunta di un pizzico di humour la giovane credente rispose: “Beh, desidererei tanto che Dio non avesse una così alta opinione di me!”.

Il Salmo 13 esprime chiaramente i sentimenti del cuore di Davide mentre si trovava ad affrontare situazioni che non sapeva controllare. In tali circostanze Davide si chiedeva: “Perché? (Salmo 10:1). In questo salmo egli chiede: “Fino a quando?” (Salmo 13:1).

  1. Fino a quando mi dimenticherai? (v.1)George O Wood2

Non potrei mai dimenticare le persone più vicine e più care e mi farebbe proprio male venire a sapere che mi hanno dimenticato! Proviamo a volte questo tipo di dolore quando le circostanze ci inducono a pensare che Dio ci abbia dimenticati, perché, pensiamo, se proprio Gli fossimo cari Egli sarebbe già intervenuto in nostro aiuto. I nostri pensieri, i nostri sentimenti non sempre ci suggeriscono la verità riguardo a Dio. Gesù ci ricorda che il nostro Padre celeste non dimentica neppure un passero, e noi siamo più di molti passeri (Luca 12:6,7).

  1. Fino a quando nasconderai il tuo volto? (v.1)

Davide ha perduto il senso di appartenenza al Signore. Si sente separato e distaccato da Lui. Mentre la dimenticanza può essere attribuita alla negligenza, nascondere la faccia, invece, appare un atto deliberato. Senti che Dio stesso non vuole avere niente a che fare con te? Quando i tuoi sentimenti ti fanno sentire che Dio ti ha abbandonato, la tua fede deve saper trovare la risposta: “Chi ci separerà dall’amore di Cristo?” (Romani 8:35-39).

  1. Fino a quando sarò ansioso? (v. 2)

Davide lotta contro i suoi pensieri (v. 2). Proprio come noi si dibatte fra: “Se soltanto avessi…” o “Che sarebbe accaduto se soltanto…-. L’angoscia opprime il suo cuore. Il dolore sopravviene quando avvertiamo la perdita di qualcuno o di qualcosa che ci è prezioso. La perdita può essere sia di una persona, che di una cosa o di una speranza. Maggior valore attribuiamo alla perdita, più grande è la nostra depressione. Come Marta abbiamo bisogno di credere che Gesù è “la resurrezione e la vita” (Giov. 11:25).

4. Fino a quando i problemi avranno la prevalenza? (v. 2)

I nemici di Davide trionfano su di lui. I problemi spesso sembrano più forti della nostra abilità nel risolverli. Debolezza e perdita di controllo insieme producono apprensione e paura. È facile dimenticare che “…in tutte queste cose, noi siamo più che vincitori, in virtù di colui che ci ha amati” (Rom. 8:37).

LE RISPOSTE  –   Nel Salmo 13 Dio non risponde mai direttamente agli interrogativi di Davide. La risposta alla nostra disperazione spesso si manifesta quando, come Davide, acquietiamo i nostri cuori davanti a Dio in preghiera. A volte dobbiamo semplicemente lasciare la questione nelle mani di Dio. Davide esprime ciò che vuole dal Signore: risposta, illuminazione, protezione (vv. 3, 4). Nel momento, però, in cui lascia a Dio il risultato può dire: ” Quanto a me, io confido nella tua bontà; il mio cuore gioirà per la tua salvezza;” (v. 5). Che contrasto con le parole di apertura di questo breve salmo!

Mentre preghi lo Spirito Santo ti aiuta a sperimentare un altro aspetto del tuo combattimento. Non è soltanto dolore, affanno, pianto. Dopo alcuni momenti sulle ginocchia la prospettiva comincia a cambiare. Dopotutto, l’amore di Dio non viene mai meno. Nei momenti di angoscia continua ad avere fiducia; potrai così trovare la ragione per cantare, per essere allegro, perché conosci il Signore molto più di quanto lo conoscesse Davide.

Scoprirai che Dio non ti ha abbandonato, né che i tuoi affanni prenderanno il sopravvento su te. Permetti ad ogni tuo “Fino a quando” di trasformarsi in un gioioso “Alleluia”.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Io opero con giustizia e difendo chi è oppresso

L’Eterno opera con giustizia e difende la causa degli oppressi. (Salmo 103:6) Non è bello sapere che Dio opera con giustizia per difendere coloro che sono oppressi? Sono stupito dal numero di passi biblici che parlano del cuore di Dio per i deboli di questo mondo, poveri, maltrattati, bambini, vedove, orfani, ecc. Egli è sempre stato il protettore di coloro che hanno difficoltà proteggere sé stessi. Egli è un …
Leggi Tutto

IMPARATE

di FILIPPO WILES – Il Cristiano è nato perché impari, è salvato ed arruolato per imparare, quindi non è motivo di meraviglia se al cenno dell’invito di Gesù, troviamo questa parola: imparate. Chi fallisce in questo ha perso lo scopo e il significato della sua chiamata in Cristo. Imparare significa apprendere con lo studio o con la pratica, mandare a memoria. Sembra naturale, è vero, che come cristiani …
Leggi Tutto

 Una promessa per oggi: “Io so tutto della tua vita e conosco tutte le tue vie”.

Salmo 139: 1-3  Tu mi hai investigato, o Eterno, e mi conosci.  Tu sai quando mi siedo e quando mi alzo, tu intendi il mio pensiero da lontano.  Tu esamini accuratamente il mio cammino e il mio riposo e conosci a fondo tutte le mie vie.   –    Ti sei mai trovato in una stanza piena di persone e sentirti completamente solo? A volte possiamo essere circondati da tante persone nella nostra vita quotidiana, …
Leggi Tutto

Che devo fare?

di Roberto Bracco  –  La tua chiesa langue a causa dell’indifferenza spirituale e della mondanità? La vanità, la carne e il peccato hanno preso il posto della consacrazione, dello spirito e della santità? La potenza celeste non si muove e non opera come operava anni addietro, gli ammalati non vengono più guariti e i tormentati liberati? Insomma ti accorgi che la tua chiesa si trova sulla strada dello …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: La mia Parola non tornerà a me a vuoto.

Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, in modo da dare il seme al seminatore e pane da mangiare, 11 così sarà la mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non ritornerà a me a vuoto, senza avere compiuto ciò che desidero e realizzato pienamente ciò per cui l’ho mandata. (Isaia 55:10-11) …
Leggi Tutto

QUESTIONE DI SOVRANITA'

di  A. W. TOZER  –  Se Dio governa il Suo universo secondo le Sue leggi sovrane, come può l’uomo avere il libero arbitrio? E se non può esercitare il libero arbitrio, come può essere considerato responsabile per la sua condotta? Non è forse un semplice burattino, le cui azioni sono stabilite da un Dio “dietro le scene” che muove i fili come Gli piace? Il tentativo di rispondere …
Leggi Tutto

II battesimo nello Spirito Santo.

di DAVID PETTS     –    Il battesimo nello Spirito Santo è l’adempimento di una promessa fatta dal Signore Gesù ai discepoli, affinché essi ricevessero potenza per essere Suoi testimoni (Atti 1:4-8). La promessa fu adempiuta la prima volta il giorno della Pentecoste (Atti 2), successivamente in varie altre occasioni (Atti 8, 10, 19) in cui leggiamo che lo Spirito Santo scese sopra i seguaci di Gesù …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti