Labbra che lodano

di R. Bryant Mitchell   “O Signore, apri le mie labbra, e la mia bocca proclamerà la tua lode.” (Salmo 51:15).  –  La lode è una cosa perenne. Davide disse: “Io benedirò il Signore in ogni tempo: la sua lode sarà sempre nella mia bocca” (Salmo 34:1). Nessuna notte può essere troppo buia quando hai con te la luce della lode. Nessuna prova può spezzare il tuo spirito quando la lode eleva il tuo volto. Nessuna malattia può dominarti quando lo spirito di lode ti mette in contatto con Cristo, il Guaritore. Nessuna preoccupazione può affondare i suoi vili artigli nella tua mente quando le labbra sono piene di lode.

Quando le alti lodi di Dio dimorano sulle labbra, non ci sarà spazio per le conversazione di Satana. Fiumi di amore e di gioia traboccheranno dalla bocca che  loda. Molte difficoltà ci sono in coloro che dimenticano di lodare Dio. Il mormorare e lamentarsi sono gli acidi che corrodono gli spiriti umani. Molte volte Satana ottiene vantaggio su noi quando arrestiamo il flusso della lode. Miriam mormorò e divenne lebbrosa.

C’è una bella parola nel nostro dizionario che viene usata raramente. E’ la parola, “Esultare”. Significa saltare,images balzare, elevarsi nello spirito, glorificare, gioire nel trionfo. Tutta la creazione di Dio lo fa quotidianamente. Gli uccelli nei boschi, gli agnelli al pascolo, gli animali della foresta, i delfini nel mare. Tutti esultano per la gioia di vivere.

Ogni canarino canta fino a quando la sua piccola gola quasi scoppia esultando. Ogni alba che dipinge un quadro policromo di bellezza eterna è un esempio di natura esultante. Con miliardi di fiori in competizione l’un l’altro per mostrare la loro bellezza ad un Padre adorabile o ad uomini accecati, tutta la natura è raggiante con la bellezza e la vita di Dio. Sicuramente l’uomo, fatto a immagine di Dio e che cammina nella luce della Sua rivelazione, dovrebbe esultare nel Signore. Gli antichi scrittori ebrei lo esprimono in questo modo:  “I fiumi battano le mani e i monti esultino insieme di gioia davanti all’Eterno” (Salmo 98:8). “Si rallegrino i cieli e gioisca la terra; rumoreggi il mare e tutto ciò che è in esso. Esulti la campagna e tutto quello che è in essa. Allora tutti gli alberi della foresta manderanno grida di gioia davanti all’Eterno” (Salmo 96:11,12), “Tutti gli alberi della campagna batteranno le mani “(Isaia 55:12),” Lo lodino i cieli e la terra, i mari e tutto ciò che si muove in essi”(Salmo 69:34).

Una grande percentuale dei nostri servizi di culto oggi sono basati sull’intrattenimento.  L’adorazione gioiosa è un’arte sconosciuta a molti cristiani. Della nostra musica piace più la natura artistica che la natura spirituale. Il nostro senso del ritmo è più forte del nostro senso dell’adorazione. Confondiamo il piacere emotivo della musica con lo Spirito di Dio.

A dire il vero, Dio usa la musica e Dio usa le emozioni, ma queste cose non devono sostituire la lode e l’adorazione nel nostro culto. La nostra musica deve scaturire dal cuore. Coloro che guidano la lode e i musicisti hanno bisogno di pregare e di prepararsi per il servizio tanto quanto il predicatore. Ogni pezzo musicale dovrebbe predicare un sermone. Dobbiamo glorificare Dio, non il soprano o il quartetto che suona.

La lode è qualcosa che i cristiani possono fare all’unisono. Quando ci si incontra nelle case dovrebbero magnificare il Signore ed esaltare insieme il Suo nome. Molto del nostro tempo è già occupato da considerazioni materiali e da un parlare mondano, che dovremmo usare ogni occasione della nostra comunione per esultare nel Signore. Il Signore nel cielo può gioire per il “Santo, Santo, Santo” degli angeli, ma preferirebbe ascoltare le lodi dei suoi figli sulla terra, che arrivino nei luoghi celesti come bei canti nella notte.

La guarigione divina, la salute, la felicità, la prosperità, la pace della mente – tutto ciò sgorga dal un cuore che è ripieno di lode. Se i sacerdoti indù e i loro fedeli in India possono riempire la notte con le loro lodi idolatre a false divinità, gridando senza sosta: “Rama, Sita, Rama, Sita!” quanto più i figli dell’Iddio Altissimo dovrebbero riempire le loro case, le loro chiese e i loro quartieri con le lodi di Dio!

Tutto ciò che abbiamo appartiene a Dio. Possano le nostre labbra aprirsi. Possano le nostre bocche proclamare le Sue lodi continuamente.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Puoi godere piena libertà, perché Cristo ti ha reso libero.

State dunque saldi nella libertà con la quale Cristo ci ha liberati, e non siate di nuovo ridotti sotto il giogo della schiavitù. (Galati 5:1)  –  Questa promessa ci esorta a rimanere saldi nella libertà con cui Cristo ci ha liberati! Questo non è un’opzione, è un comando. Un’altra versione della Bibbia dice che a causa dell’amore della libertà che Cristo ci ha liberati. Dio ama ciò, quando …
Leggi Tutto

LA TUA VECCHIA VITA È FINITA E ORA TUTTO È NUOVO IN CRISTO.

Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, tutte le cose sono diventate nuove. (2 Corinzi 5:17)  –  Che meravigliosa promessa. La nostra vecchia vita è finita e tutte le cose sono diventate nuove. In questo brano della Bibbia, l’apostolo Paolo non sta parlando della nostra vita naturale, ma della nostra vita spirituale. Quando abbiamo ricevuto il dono di Gesù Cristo …
Leggi Tutto

Sermone di Roberto Bracco: Una Sposa Negligente

ROBERTO BRACCO: “Una Sposa Negligente” – Cantico dei cantici 5:2-6 – ”  Io dormivo, ma il mio cuore vegliava. Sento la voce del mio amico che bussa e dice: «Aprimi, sorella mia, amica mia, colomba mia, o mia perfetta! Poiché il mio capo è coperto di rugiada e le mie chiome sono piene di gocce della notte». Io mi sono tolta la gonna; come me la rimetterei ancora? Mi …
Leggi Tutto

LE COMPASSIONI DI DIO

di Agostino Masdea   –  E Gesù, sbarcato, vide una grande folla e ne ebbe compassione, perché erano come pecore senza pastore, e prese a insegnare loro molte cose. (Marco 6:34) La visione che si prospettò davanti al Signore quando discese dalla barca in questo passo dell’evangelo di Marco è simile a quella che si presenta davanti ai nostri occhi ogni giorno: folle immense di uomini che vanno e …
Leggi Tutto

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è un unico pane, noi, che siano molti, siamo un corpo unico, perché partecipiamo tutti a quell’unico pane» (1 Corinzi 10:16-17). L’Apostolo Paolo sentì la necessità di chiarire ai Corinzi il significato della Cela del Signore, che era, oltre al battesimo, l’unico …
Leggi Tutto

IL RISVEGLIO COMINCIA NELLA FAMIGLIA

di ROY HESSION  –     Il luogo più difficile, il più impegnativo, ma anche il più necessario, se si vuole un risveglio, è costituito dalla famiglia. Migliaia di anni fa, nel più meraviglioso giardino che il mondo abbia mai avuto, vivevano un uomo e una donna. Creati a somiglianza del loro Creatore, essi vivevano per manifestare la bellezza della creazione e per glorificare Dio in ogni momento della giornata …
Leggi Tutto

L'UNZIONE dello SPIRITO SANTO

….come Dio abbia unto di Spirito Santo e di potenza Ges? di Nazaret, il quale and? attorno facendo del bene e sanando tutti coloro che erano oppressi dal diavolo, perch? Dio era con lui. (Atti 10:38) ?-?La parola “unto” ? riferita nella Bibbia ad un uomo o a qualcosa messo a parte per un divino servizio. ??L’olio dell’unzione era un atto simbolico di consacrazione per quel determinato servizio …
Leggi Tutto

ESSERE COME TRALCI

Ci sono due problemi che fanno particolarmente soffrire la chiesa di Gesù Cristo: l’immaturità e la solitudine in cui vivono alcuni credenti! Benché siamo abituati a guardare queste cose con meno apprensione di azioni decisamente peccaminose e malvagie, pur nondimeno costituiscono un grave ostacolo, sia per lo sviluppo della propria vita spirituale, sia per il progresso della testimonianza dell’Evangelo. Vivere nell’immaturità, significa, secondo il dettato biblico, restare eternamente …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti