COME SPEZZARE LA NOSTRA RIBELLIONE:

La risposta di CRISTO all’autorità secolare.  –  di Don Basham –  Ogni autorità viene da Dio, e Dio ci chiede di sottometterci. L’autorità viene espressa con delle limitazioni della nostra volontà:

–          “Potrai mangiare da tutti gli alberi, fuorché da quello della conoscenza del bene e del male.”
–          E quell’albero non era relegato in un angolo, ma si trovava in mezzo al giardino dell’Eden, per ricordare di continuo quella sottomissione.

L’autorità cui Cristo ci chiede di sottometterci non è solo quella buona, che fa la Sua volontà, ma anche quella cattiva e ingiusta.
–          Infatti, è proprio in questo tipo di sottomissione che in noi viene spezzata la nostra naturale ribellione.

Disobbedienza = Ribellione

La disobbedienza alle autorità stabilite è ribellione, e

–      mette a nudo la nostra ribellione, che verrà spezzata solo con la sottomissione. Per questo:
–       la sottomissione diventa liberante: perché ci libera dall’ostacolo più grave alla resa a Dio: NOI STESSI e la natura di Adamo in noi – l’uomo vecchio e presuntuoso.
–       L’uomo trova sempre motivi “validi” per giustificare la propria disobbedienza.
–          Ma ogni giustificazione è ancora ribellione, perché l’uomo manca di riconoscere in se stesso la verità di Dio.

Qual è la verità di Dio?

L’uomo è peccatore, e in se stesso non ha speranza di salvezza.

–      La sua buona volontà e le buone intenzioni non contano nulla quando comincia a credere in Dio.
–      Dio, infatti, vuole portarlo al punto di diffidare di se stesso e di contare solo su di Lui.
–   Questa è una GRAZIA, perché ci mette nella condizione di ricevere da Dio ciò che Lui vorrebbe darci e non può a causa della nostra ribellione.

Quando la ribellione perdura

Cosa significa la manifestazione della ribellione in noi, quando abbiamo deciso di seguire il Signore?

–       La ribellione manifesta che l’uomo vecchio, il vecchio Adamo, in noi è morto solo in teoria, ma in realtà è vivo e vegeto.
–          Non è il fallimento di una promessa di Dio,
–          Ma l’esigenza dell’espressione volontaria e libera della nostra adesione al Suo messaggio.
–          E per poter aderire volontariamente devi avere l’opportunità di agire in senso contrario, e di fare una scelta: deciderò di fare

a)     LA VOLONTÀ DI DIO = sottomissione alle Sue regole; oppure
b)     LA MIA VOLONTÀ = quello che sembra giusto A ME?

RIBELLIONE = DOMINIO DELLA CARNE

Se la ribellione non viene esposta, non può essere riconosciuta.

–       E se non è riconosciuta non può essere spezzata da Dio.

La RIBELLIONE, infatti, non è uno spirito cattivo da cacciare, ma il DOMINIO della carne in noi, che va spezzato dal dominio dello Spirito.   Quest’opera non è indolore, e la Scrittura la chiama RINNEGAMENTO = MORTE A SE STESSI.

–       Il RIMEDIO a questa malattia è, in buona parte, l’AUTORITÀ, che serve ad esporla con chiarezza.
–       LA SOTTOMISSIONE non ci è richiesta perché l’autorità è giusta, ma perché Dio ci ha messo in quell’ambiente (diventa obbedienza a Dio tramite quell’autorità).
–          È questa la cura – e spezza le catene dell’uomo vecchio, dandogli la libertà dello Spirito.

Passi pratici per spezzare la ribellione

Ecco dei passi pratici per spezzare l’uomo vecchio in noi:

1.      Imparare a memoria ciò che dice la Scrittura sull’argomento (Rm 13, 1-2: l’autorità viene da Dio).
2.      Siamo chiamati a obbedire anche all’autorità ingiusta, e a soffrire.

Ma per quale motivo?

–     Perché la ribellione non è risolta nella salvezza, non nel Battesimo dello Spirito, non con un sempre maggiore ascolto della predicazione e neppure dedicandosi sempre più alla preghiera,
–     ma SOLO ASSOGGETTANDOCI AD UNA AUTORITÀ CHE NON CONDIVIDIAMO.
–          Non esiste la guarigione dalla ribellione, ma il miracolo è farla sparire;
–          Non esiste un tipo di adorazione che la spezzi.

Il problema si risolve solo attraverso la sottomissione all’autorità che non condividi.

Capire l’insegnamento della Scrittura 
È di estrema importanza capire quanto dice la Scrittura riguardo a questo argomento.

Vi sono le eccezioni, ma ora consideriamo i principi. Le eccezioni riguardano solo Dio.

–       Noi dobbiamo imparare a sottometterci ai principi.
–          Invece siamo sempre alla disperata ricerca di ECCEZIONI per noi stessi: “Sì, ma …. “
–       RIBELLIONE e SOTTOMISSIONE non sono azioni, ma ATTEGGIAMENTI – Dio in noi vuole elaborare l’atteggiamento di sottomissione spezzando la ribellione.

Sottomissione non significa obbedienza.

–          Potete riconoscere che l’autorità può dire quelle cose.
–          Ma se sono ingiuste davanti a Dio dobbiamo obbedire a Dio.
–          Possiamo disobbedire con un atteggiamento sottomesso (Bibbia: “Dobbiamo obbedire agli uomini, o a Dio?”)
–          Ma allo stesso tempo è possibile obbedire con un atteggiamento ribelle.

Quando le autorità sono ingiuste, dobbiamo sottometterci sperando che Dio le cambi.  Imparerete a confidare che Dio cambi le autorità ingiuste sopra di voi.

In Luca 7,1 il centurione romano fu lodato da Gesù per come aveva capito bene il principio dell’autorità anche solo dalla disciplina secolare dell’esercito romano.

–          Questa sua sottomissione lo ha portato alla fede in Dio perché in lui la ribellione era stata spezzata.

E pur essendo una persona in autorità, sottolineava il fatto di essere egli stesso “sotto autorità”.

 

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Una promessa per oggi: Quando lascerai questo corpo, sarai a casa nella Mia presenza.

ma siamo pieni di fiducia e preferiamo partire dal corpo e abitare con il Signore. (2 Corinzi 5:8) Sono così felice che l’apostolo Paolo abbia fatto questa dichiarazione che ci rivela una promessa molto speciale di Dio. Essere assenti dal nostro corpo significa essere presenti con il Signore! Egli promette di non lasciarci mai e non abbandonarci in questo mondo, e quando sarà il momento per noi di lasciare …
Leggi Tutto

CAMMINO' CON DIO

di DONALD GEE – La storia di Enoc, descritta per sommi capi in poche righe, ha sempre racchiuso un certo fascino; la storia dell’uomo che camminò con Dio e poi disparve, perché Dio lo prese. Una silente bellezza è contenuta in questo morso di storia, descrittaci con sorprendente brevità nelle prime pagine condensate della Genesi. Penso che l’interesse primo stia nel fatto unico che Enoc non conobbe la …
Leggi Tutto

RAVVEDETEVI

di G. Robert Ashcroft  –   Questo fu il grido dei profeti e degli apostoli, questo deve essere il grido degli odierni predicatori.  –   «Ricordati, dunque, donde sei caduto, e ravvediti, e fa’ le opere di prima; se no, verrò a te, e rimuoverò il tuo candelabro dal suo posto, se tu non ti ravvedi. (Apoc. 2:5).  Giovanni Battista venne a predicare il suo messaggio e si mantenne …
Leggi Tutto

NON SIAMO PROTESTANTI

Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma …
Leggi Tutto

S.O.S.

di Roberto Bracco  –   Nella storia del popolo d’Israele incontriamo un nome che rimane davanti agli occhi dei credenti come un tremendo monito: Roboamo.    E’ scritto di lui: « Quando il regno fu stabilito e fortificato egli, insieme con tutto Israele, lasciò la legge »  (2° Cronache 12:1). Tutto sembrava favorevole ad un avvenire di prosperità e di pace ed invece venne la rovina. Roboamo, come purtroppo hanno fatto …
Leggi Tutto

SE DIO NON OPERA CI STIAMO SFORZANDO INVANO

di  Stephen Witmer  –  Riuscire a capire la relazione tra la sovranità di Dio e la responsabilità umana è sempre stata una questione di semplice ricerca intellettuale per me – solo un sorprendente puzzle d’idee filosofiche. Ma adesso non lo è più.  Il frutto amaro della pigrizia, dell’ansia e dell’orgoglio si sono intrufolati nella mia vita ogni volta che sono caduto in questo equivoco e dall’altra parte della …
Leggi Tutto

NEL CUORE DEI GIOVANI

di BILLY GRAHAM –  Uno dei racconti più belli che ci ha dato la letteratura è quello di Isacco e di Rebecca contenuto nelle Sacre Scritture. Pochi ammettono che la Bibbia sia un libro per i giovani, ricco di episodi idilliaci! Questa storia si svolge in un antico paese, in mezzo a un popolo di costumi particolari, ma Dio, tramite, essa, ha molte cose da insegnarci oggi. Si …
Leggi Tutto

TRASFORMATI TRAMITE L’OPERA DI CRISTO

di  JESSIE PENN LEWIS  –  “Poiché l’amore di Cristo ci costringe, essendo giunti alla conclusione che, se uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti; e che egli è morto per tutti, affinché quelli che vivono, non vivano più d’ ora in avanti per sé stessi, ma per colui che è morto ed è risuscitato per loro. Perciò d’ ora in avanti noi non conosciamo nessuno secondo …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti