VIVERE NEL RISVEGLIO

di Ron Marr –  Jonathan Goforth (1859-1936), un missionario presbiteriano canadese, ha visto il risveglio in tutto le zone del Nord della Cina dove ha predicato. Insieme al responsabile del consiglio per le missioni, aveva visitato la Corea e aveva visto il grande risveglio che stava avvenendo in quella terra. Lesse poi successivamente i discorsi di Charles G. Finney sul risveglio, e fu colpito dalla dichiarazione di Finney che il risveglio non è qualcosa di inaspettato e improvviso, ma è prevedibile come il raccolto segue il tempo della semina.

“Se il mio popolo, sul quale è invocato il mio nome, si umilia, prega, cerca la mia faccia e si converte dalle sue vie malvagie, io lo esaudirò dal cielo, è perdonerò i suoi peccati, e guarirò il suo paese” (2è Cronache 7:14).

Goforth prese Dio in parola, seminò il seme divino e mieté un raccolto divino. Uomini e donne, la cui cultura diceva loro che, soprattutto, non dovevano mai “perdere la faccia”, si umiliarono a centinaia, confessando pubblicamente peccati di avidità, immoralità, furto, rabbia, avarizia, picchiare la moglie, e anche di omicidio. Come diretta conseguenza, migliaia di credenti ricevettero Gesù Cristo come Salvatore e Signore.

Alcuni stanno proclamando il risveglio oggi. Un risveglio senza pentimento, senza confessione del peccato, senza riparazione di relazioni interrotte e restituzione di beni rubati, è un falso risveglio. Si tratta di un risveglio che non porta né la salvezza dei perduti, né la trasformazione della vita dei cristiani, né il frutto dello Spirito – amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza e temperanza…

IL COSTO DEL RISVEGLIO –  Coloro che cercano di ottenere un guadagno materiale dal Vangelo eterno non conosceranno mai un risveglio. Invece, la maledizione dell’Iddio Onnipotente rimane su di loro: “Perché molti camminano da nemici della croce di Cristo la fine dei quali è la perdizione; il loro dio è il ventre e la loro gloria è in ciò che torna a loro vergogna; gente che ha l’animo alle cose della terra. Quanto a noi, la nostra cittadinanza è nei cieli. (Filippesi 3:18-20).

Il risveglio consiste nel mantenere la nostra mente lontano dalle cose terrene e la nostra mente e lo spirito concentrato sulle cose celesti, e il nostro vanto nella croce di Cristo, “per la quale il mondo, per me, è stato crocifisso e io sono stato crocifisso per il mondo.” (Galati 6:14).

Il vero risveglio è un risveglio di obbedienza a Dio. Ma oggi la Chiesa comprende poco la natura dell’obbedienza. L’obbedienza è conformità a Dio, nei suoi piani e nei suoi propositi per noi.

La vera obbedienza è obbedienza illimitata, non mera obbedienza ai Dieci Comandamenti o alla Parola scritta, ma ascoltare attentamente ogni parola di Dio per la mia coscienza e il mio spirito. La vera obbedienza ha a che fare non solo con l’azione, ma con l’atteggiamento, con la motivazione; non solo con ciò che faccio, ma perché lo faccio.

LA MOTIVAZIONE DEL RISVEGLIO –  L’unica accettabile motivazione per ascoltare la voce di Dio e fare la sua volontà è quella di amarlo. Il vero risveglio deve essere necessariamente anche un rinnovamento dell’amore per Dio.

L’ amore del risveglio è un amore che consuma le scorie. È un amore che nutre e mantiene un vivo rapporto tra Dio e gli strumenti o gli agenti del risveglio stresso. È un amore che infiamma e avvolge i beneficiari del risveglio è i cristiani prima, e poi i non credenti.

Si è detto spesso che il risveglio arriva solo dopo la preghiera prevalente. Ma qual è la natura di tale preghiera? E’ elemosinare e implorare un indisponibile Dio a diventare disponibile a mandare il risveglio? No! Si tratta piuttosto di un semplice: “Voi mi cercherete e mi troverete, quando voi mi cercherete con tutto il vostro cuore” (Geremia 29:13).

È vero che i beneficiari del risveglio possono sperimentarlo non a causa di una loro lunga ricerca di Dio, ma perché? altri hanno cercato anche per loro. Anche i rappresentanti pubblici o gli strumenti del risveglio potrebbero non avere a lungo ricercato Dio. Ma siate sicuri di questo, qualcuno lo ha fatto!

Questi “qualcuno” non solo raccoglieranno ricompense eterne, ma potranno godere della preziosa presenza di Dio nella loro vita, nella misura in cui continuano incessantemente e amorevolmente a ricercarlo.

Non ci sono segreti nel risveglio, nessuna magia spirituale. Il risveglio è il miracolo dell’amore e della risposta di Dio a coloro che lo cercano incessantemente nell’amore e con fede. Riposando nell’amore dell’Onnipotente Dio, essi vedono il frutto del loro amore nelle vite trasformate di altri che sono incoraggiati a cercare anche loro Dio nell’amore.

“Quindi, fratelli e sorelle, state davanti a Dio! Spendete tanto tempo quanto si deve “Seminate secondo giustizia e farete una raccolta di misericordia; dissodatevi un campo nuovo, poiché è tempo di cercare il SIGNORE, finché egli non venga, e non spanda su di voi la pioggia della giustizia. (Osea 10:12)?

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

FUOCO CONSUMANTE

di – Jim Cymbala    –  Gesù non ha mai battezzato nessuno con acqua. Perché? Perché il battesimo che Lui avrebbe ministrato sarebbe stato il battesimo dello Spirito Santo e col fuoco (leggere Luca 3:16). Non confondete queste parole come a voler indicare due battesimi, uno con lo Spirito e uno col fuoco.  Al contrario, Luca stava usando l’immagine del fuoco come simbolo che rappresenta lo Spirito, per …
Leggi Tutto

Meditazione del giorno: Tradizioni religiose

di ROBERTO BRACCO  –  In occasione delle festività  torna nelle conversazioni cristiane l’argomento delle tradizioni religiose e molti si chiedono in che modo o fino a quale limite i credenti devono o possono partecipare alle consuetudini che impegnano la cristianità nel senso generico di quest’ultimo termine. Si parla di “cenoni”, di “pranzi”, di” strenne”, di “presepi”, di “alberi di Natale”, di “auguri”, e poi… di “Babbo Natale”, della “Befana”, …
Leggi Tutto

IL VERO AMORE ASPETTA

True love waits         7 BUGIE SULL’AMORE   –    Prendiamo in esame sette bugie sull’amore e scopriremo la verità sul vero amore.   BUGIA N. 1: Il sesso crea fiducia! Una ragazza ci ha scritto la lettera seguente: «Sono alla continua ricerca d’amore. Ma l’unica forma di amore che conosco è quella fisica, il sesso. Nella mia vita sono già andata a letto con   …
Leggi Tutto

LE VIE DI DIO SONO MIGLIORI

di  G.Campbell Morgan  –  Noi scegliamo per primi; Dio sceglie per secondo. La storia dimostra, e il futuro lo verificherà, che le vie di Dio sono migliori delle nostre. Il primo Adamo fallì, il secondo Adamo ebbe successo. Il primo figlio di Adamo (Caino) fu un assassino, il secondo (Abele) fu un martire. Il primo figlio di Abramo (Ismaele) era nato dalla carne, il secondo (Isacco) fu scelto …
Leggi Tutto

Non siamo protestanti.

di ROBERTO BRACCO   –    –  Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma.     Il 19 aprile 1529 i Principi che avevano apertamente aderito al …
Leggi Tutto

Sermone  predicato Domenica 31 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea La religiosità ha a che fare con le cose visibili, esteriori. La spiritualità è soprattutto qualcosa che riguarda il cuore.Uno dei più grandi pericoli che deve affrontare il cristiano nel suo cammino di fede verso la ricerca di una vita santa è diventare troppo religioso e poco spirituale. La religiosità può essere spesso scambiata per spiritualità… come distinguere l’una …
Leggi Tutto

COMPRA IL CAMPO

di Mike Brown  –   Questo messaggio dovrebbe edifi­carvi e fortificarvi nella fede. Fino a quando saremo in questo mondo avremo sempre combattimenti di fede, e fino a quando saremo in questo corpo dovremo scegliere di camminare per fede e non per visione. Sono un uomo abbastanza ottimista, ma negli ultimi cinque anni ho affrontato dure prove e grandi pressioni che andavano al di là delle mie forze, e proprio …
Leggi Tutto

IMPARATE

di FILIPPO WILES – Il Cristiano è nato perché impari, è salvato ed arruolato per imparare, quindi non è motivo di meraviglia se al cenno dell’invito di Gesù, troviamo questa parola: imparate. Chi fallisce in questo ha perso lo scopo e il significato della sua chiamata in Cristo. Imparare significa apprendere con lo studio o con la pratica, mandare a memoria. Sembra naturale, è vero, che come cristiani …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti