Cristo nostra Roccia

epp

di  Theodore Epp –  Leggere Numeri 20:1-13, 22-29  –   La roccia menzionata in Esodo 17 profetizza di Cristo, che molti anni dopo sarebbe andato a morire sulla croce. La roccia di Numeri 20, invece, profetizza l’ascesa di Cristo, il quale, adesso intercede per noi credenti presso il Padre.  La significante differenza tra le due rocce, quella in Esodo 17 e Numeri 20, è anche specificata da due diverse parole usate in questi due passaggi, parole fondamentali che si riferiscono a due diverse azioni da compiere nei confronti della roccia. Sebbene entrambe le rocce parlassero di Cristo, Dio stava tentando di far comprendere, al Suo popolo ed a noi oggi, due cose diverse in merito alla Persona di Cristo Gesù.

In Esodo 17 la roccia venne “percossa”, così come Cristo venne “percosso da Dio”, (Isaia 53:4) “Eppure egli portava le nostre malattie e si era caricato dei nostri dolori; noi però lo ritenevamo colpito, percosso da DIO ed umiliato” e fu “schiacciato per le nostre iniquità” (v. 5). La roccia di Numeri 20 profetizzava  Cristo in cielo, così come riferito in (Ebrei 9:24): “Cristo infatti non è entrato in un santuario fatto da mani d’uomo, figura delle cose vere, ma nel cielo stesso per comparire ora davanti alla presenza di Dio per noi”.

Nell’episodio di Numeri 20 la roccia profetizzava di un Cristo esaltato, ecco perché stavolta bisognava parlare alla roccia e non colpirla.  È molto importante questa distinzione tra il Cristo percosso ed il Cristo esaltato affinché si mantenessero ben distinte le profezie di Cristo preannunciate da queste due rocce. Dal momento in cui il Signore Gesù venne giudicato sulla croce per aver portato su di se tutti i peccati del mondo, coloro che tra di noi Lo hanno ricevuto come Salvatore adesso devono parlare a Lui per i propri bisogni.

 

“E tutti bevvero la medesima bevanda spirituale, perché bevevano dalla roccia spirituale che li seguiva; or quella roccia era Cristo” (1 Cor. 10:4).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

E’ pericoloso "beffarsi" dell’Iddio Onnipotente.

Anche nel dopoguerra continuava ad infierire la persecuzione contro i Pentecostali, perché la circolare Buffarini-Guidi continuava ad essere in vigore, e questo nonostante la Costituzione Italiana, entrata in vigore il 1° gennaio 1948 affermasse nel 19° articolo: ‘Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si …
Leggi Tutto

IL PRIMO OPUSCOLO EVANGELICO

–  by Timothy Cross  –  Il primo opuscolo evangelico.  Il dizionario definisce un opuscolo  come “un breve trattato, che tratta in particolare un argomento religioso”. Nel corso degli anni ho dato e ricevuto molti opuscoli cristiani. Lo sapevate che il primo opuscolo cristiano è stata scritto da un non cristiano? Il primo opuscolo cristiano fu scritto da Ponzio Pilato, l’infame governatore della Giudea,  nel momento della crocifissione di …
Leggi Tutto

ESSERE COME TRALCI

Ci sono due problemi che fanno particolarmente soffrire la chiesa di Gesù Cristo: l’immaturità e la solitudine in cui vivono alcuni credenti! Benché siamo abituati a guardare queste cose con meno apprensione di azioni decisamente peccaminose e malvagie, pur nondimeno costituiscono un grave ostacolo, sia per lo sviluppo della propria vita spirituale, sia per il progresso della testimonianza dell’Evangelo. Vivere nell’immaturità, significa, secondo il dettato biblico, restare eternamente …
Leggi Tutto

COME SPEZZARE LA NOSTRA RIBELLIONE:

La risposta di CRISTO all’autorità secolare.  –  di Don Basham –  Ogni autorità viene da Dio, e Dio ci chiede di sottometterci. L’autorità viene espressa con delle limitazioni della nostra volontà: –          “Potrai mangiare da tutti gli alberi, fuorché da quello della conoscenza del bene e del male.” –          E quell’albero non era relegato in un angolo, ma si trovava in mezzo al giardino dell’Eden, per ricordare di continuo quella …
Leggi Tutto

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  –  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte… per fede Noè fabbricò un’Arca per la salvezza della sua famiglia… per fede Abrahamo, essendo chiamato, ubbidì, per andarsene al luogo che egli aveva da ricevere in eredità» (Ebrei 11-4, 8). Ci è solo una via per appropriarci dei …
Leggi Tutto

SAREMO SIMILI A LUI

di MW. B. RILEY   –  Paolo scrisse: “Ma dirà qualcuno: Come risuscitano i morti, e con quale corpo verranno? Stolto! Quello che tu semini non è vivificato, se prima non muore.  E quanto a quello che semini, tu non semini il corpo che ha da nascere, ma un granello ignudo, che può essere di frumento o di qualche altro seme. E Dio gli dà un corpo come ha …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti